Fermatevi, ma che vita è la vostra?


Emozionanti le parole di don Luigi Ciotti, fondatore e presidente di Libera, alla XIV Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie

“A che serve essere vivi se non si ha il coraggio di lottare?… La lotta alla mafia comincia dal lavoro…. Non dobbiamo girarci dall’altra parte… Abbiamo bisogno di verità!
A chi vive nella violenza, nel crimine, vorrei da questa piazza insieme a tutti voi gridare: Fermatevi, Fermatevi! Ma che vita è la vostra; ma ne vale la pena? Perché avete carcere che vi aspetta, clandestinità, troppe morti. Se avete dei beni, prima o poi noi ve li confischiamo tutti, ve li portiamo via tutti, fermatevi! Vi prego, fermatevi! Alla fine che cosa vi resta? Fermatevi a riflettere dentro! Come giustificate il male che fate agli altri, ma che fate a voi stessi! La vostra, è una condanna alla vita.“

Estate 2009: facciamo volontariato nei campi di lavoro sui terreni confiscati alla mafie!

Per maggiori informazioni contattare l’indirizzo email estateliberi@libera.it o chiamare 06/69770321 .