C’è o non c’è un pauroso deficit di democrazia in Italia?


dirittiumani1
Se la “Open Society Institute di George Soros è sempre più preoccupata per la situazione dei diritti umani in Italia”, come leggiamo in un comunicato, figurarsi noi di futuro insieme, che, accanto a giornalisti romeni, da qualche tempo, incessantemente, stiamo tirando segnali d’allarme in ogni direzione! Magari questa volta qualcuno ci ascolterà…

Sono stata invitata ad esprimere il mio punto di vista durante un incontro organizzato a Roma con una delegazione della Fondazione Soros su atteggiamenti del governo italiano che possono definirsi razzisti e xenofobi nei confronti di cittadini romeni, su atteggiamenti del governo che possono definirsi razzisti e xenofobi nei confronti delle minoranze (compresi i Rom e altri), su criminalizzazione delle violazioni di legge in materia di immigrazione e, in generale, il ricorso alla penalizzazione di violazioni amministrative per i romeni.
L’aumento della percentuale di popolazione carceraria romena in attesa di processo, e la lunghezza dei procedimenti in materia penale e civile e dei suoi effetti sul diritto ad un processo equo, sono temi che verranno trattati da un avvocato romeno.
Tutto questo in un contesto in cui l’opinione pubblica in modo efficace è formata attraverso la televisione, che è o di Stato o sotto il controllo della società di proprietà dal primo ministro in qualità di privato.
Il problema della sistematica non applicazione da parte dell’Italia delle sentenze della corte europea dei diritti dellì’uomo (e in parte anche della Corte di Giustizia europea), le cui centinaia di sentenze contro l’Italia rimangono completamente disattese.

L’Open Society, in consultazione con i propri contatti in Europa e di Washington, hanno individuato il prossimo vertice del G8 come un importante momento di visibilità per questi potenziali problemi, e hanno organizzato una missione in Italia, per incontrare gli esperti ed alcuni altri, tra cui rappresentanti di associazioni dei romeni in Italia, che possono fornire informazioni ed idee su questi temi, e di aiutare le imbarcazioni di una strategia per portare questi problemi in primo piano l’attenzione del pubblico internazionale.

Tra i romeni in Italia, mi sento in dovere di ricordare qui il grosso contributo di Andi Radiu , giornalista di Gazeta Romaneasca e corrispondente di Evenimentul Zilei, che sul suo blog e su Realitatea din Italia sta pubblicando dati importanti e utili per questo prezioso incontro.

Se siete a conoscenza di cittadini europei che hanno subìto ingiustizie di ogni genere in Italia o avete qualcosa da dire a proposito dei temi sopra elencati, siete pregati di scrivere a simona.farcas@ymail.com

Grazie.

Annunci

2 commenti su “C’è o non c’è un pauroso deficit di democrazia in Italia?

  1. Ciao!
    complimenti per l’attività. Vi segnalo questo articolo di Barbara Sidotti:

    “Intolleranza o Razzismo?”
    http://www.centogiovani.it/laboratorio/index.php?option=com_content&view=article&id=264:intolleranza-o-razzismo&catid=55:numero-62&Itemid=45

    L’Italia è un paese razzista? A parte qualche svastica disegnata sui muri della città, molti respingono questa etichetta nascondendosi dietro il caos dei partiti politici ed il deficit democratico che rende il paese inerte al progresso. Spesso si ritiene che il problema nasca dal fatto che l’Italia non offre possibilità di lavoro e di mobilità economica agli italiani, e che di conseguenza non può promettere niente agli stranieri. Una recente statistica colloca l’Italia come uno dei paesi con gli stipendi più bassi tra i 30 paesi rappresentati nell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE).

    L’Italia è sotto il mirino della Commissione Europea dalle ultime elezioni, in cui la questione immigrazione è stata un punto vincente per Berlusconi ed il Popolo della Libertà. Da allora, l’Italia viene criticata pesantemente riguardo il suo trattamento degli immigrati, specialmente dopo l’inizio della distruzione dei campi nomadi e l’identificazione di tutti i rom. …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...