Criticare senza agire, è come voler guidare senza permesso: VIETATO!


(€UROITALIA – Castelnuovo di Garfagnana-LUCCA, 07.01.2011) . In questi ultimi dieci anni, in cui sono stato lontano dalla terra su cui ho fatto i miei primi passi, dove ho dato i miei primi baci, dove ho cominciato a sognare, a lottare, a cercare un posto in questa immensa corsa chiamata vita, una sola cosa mi ha infastidito: la capacità di noi romeni di avercela sempre con l’altro. Di non prendere mai in considerazione altri punti di visti, di guardare una scena solo da quella visuale dateci dalla nascita. Incapaci di criticare senza pregiudizi. Incapaci di vedere più verità in una solo affermazione. Incapaci di prendere in mano la situazione. In poche parole, la nostra innata “limitazione”.

E la storia sembra darmi ragione. Non è grazie a Dio che la situazione che si è creata in quella terra di vampiri sia alquanto priva di vie d’uscita. O almeno agli occhi di uno che vive tutto attraverso la lente “della lontananza”; non vedo come , un popolo tanto ingegnoso, sia schiavo di alcuni sciacalli se non per la propria mancanza di “reazione”. E ancora di più, ciò che mi fa rabbia, è tutto quel mondo, che a detta di alcuni, è la spuma del nostro Paese, l’intellettualità per intenderci. Fiumi di parole che non fanno altro che parlare a chi in quelle parole riesce a trovare un significato. Una sorta di “linguaggio” fatto per pochi. Ho letto articoli, ho letto critiche e quant’altro, ma non ho mai letto una vera e propria presa di posizione, verso un paese che va a passi di giganti verso il baratro. Non ho mai letto un progetto, una costituzione di menti di un certo valore, per sollevare la mediocrità.

Uno dei miei scrittori preferiti, Coelho, è conosciuto per la banalità dei suoi scritti, per il voler parlare al “Popolo”, per dirla un po’ come il “distinto Compagno” che molti ora sembrano invocare – corta è la memoria dell’uomo – e non attraverso una complicata ricerca del significato nascosto tra le righe, del simbolo che riecheggi idee, valori incomprensibili attraverso una lettura superficiale. Insomma, è conosciuto per la sua “superficialità” o banalità. Cosa su cui avrei molto da ridire ( potrei partire dal cosa è poi superficiale, banale, e siamo davvero convinti che ormai ciò che è scontato è tanto visibile? E’ davvero cosi? Siete sicuri? Vi ricordate l’ultima volta in cui vi siete seduti e avete guardato il cielo, avete sorriso ad un passante, avete ascoltato il rumore del mondo? Sapreste dire quando mai avete sentito un “ti voglio bene” sincero, senza doppi fini, dal cuore? O quando l’avete detto voi stessi? Potreste veramente dirmi quando vi siete goduti la vita senza farvi prendere dalla frenesia che ormai ci caratterizza? ), ma, ciò che intendo è il disprezzo di chi, ha una certa cultura, verso quei poveri umani, per cui la vita ha avuto in serbo un destino diverso. Quei “poveri” sono la stragrande maggioranza. Ecco, io a nome di tutti quei disgraziati che la mattina accendono “şi să moară duşmanii mei” (e che tutti i miei nemici possano perire ), o che spendono ore sull’odiata DDTV, OTV e compagnia bella, verso quelli che i grandi saggi li definivano la massa, ecco nel loro nome io chiedo: ma per costoro cosa avete in serbo?

Un popolo cresce non quando in pochi sanno tutto, ma quando riesce ad aumentare il livello medio di cultura, quando riesce a coinvolgere il maggior numero di persone nella vita di un paese … Questa  è la mia critica verso le Grande Teste Pensanti … Il perché creda sia un vostro dovere? Perché con la conoscenza viene la responsabilità, e attraverso d’essa, la risalita. E facile criticare, se poi non vi è una seconda opzione che vada a confrontarsi con esso, e facile parlare senza mai prendere in mano l’azione. E poi, la rivoluzione, l’hanno fatta il sangue di quei ignoranti, figli del popolo. E non di certo di qualche illustre topo di Biblioteca.

Eppure, di persone intelligenti la Romania è piena … o forse, l’apparenza alla fine inganna per davvero.  (Autore: Liviu Rarunchi)

Chi è Radu Rarunchi?

” Uno straniero fra stranieri, uno sconosciuto fra i propri cari, uno sradicato in balìa alla melanconia ed in una continua ricerca di quel posto che puoi chiamare casa

Figlio di emigrati, figlio di una cultura stravolta, figlio di un Melting Pot che avvolte ti fa venire in mente un labirinto senza uscita.

Nato nella città dei sette colli, gemella dicevano di colei che per millenni è stata la culla della civiltà, l’epicentro della rinascita, il sogno di ogni amante della libertà d’espressione, della libertà di mostrare al mondo il lato buono di quella innata capacità di dare forma alle parole, ai sentimenti più profondi, alle paure più nascoste, dare voce al nostro inconscio.

Mi definiscono, a parer di altri, un tipo estroverso, amante della bellezza, che poi essa si trovi in un libro, in un quadro, in una partita di pallone, in un abbraccio, o soltanto in un parola, non è importante.

Ereditario di quello che molti definiscono la caratteristica principale del romeno, la capacità di ambientarsi e mimetizzarsi nel ambiente che lo circonda, e di improvvisare nella maniera più assurda nei momenti clou della sua vita.

Ma la cosa che più mi caratterizza è la non appartenenza ad un mondo bigotto, incapace di rinnovarsi, ad una visione della vita totalmente intrinseca basata su il possesso di beni materiali, in cui la moralità, le qualità che una volta definivano l’esempio da seguire da quello da evitare, si sono invertite.

Dare voce ai giovani vuol dire saper dialogare, ascoltare, e capire… Un giovane nei giorni d’oggi debba seguire maestri che di buono hanno ben poco da insegnare. Cosa mai un grande “business man” può lasciare ai posteriori se non una spietata capacità di calpestare vite umane, di distruggere speranze, sogni solo per lo scopo del guadagno?

Siamo forse orientati verso una civiltà in cui di civile c’è ben poco…

O dovrei dire, siamo ritornando “in the jungle”, e che il più forte viva… perché il più debole, anche se il suo cuore batte, diventerà uno zombie moderno. La science fiction che prende vita. ”

Biografia

Nato il 8.10.1984 a Iasi (Romania). Dopo aver frequentato le scuole medie a Iasi, il trasferimento in Italia per motivi famigliari (ricongiungimento ).

Mi sono diplomato, come Perito Tecnico Commerciale, nel 2006, preso l’Istituto Tecnico Commerciale “L. Campedelli” di Castelnuovo di Garfagnana – Lucca – con la votazione 98/100.

L’anno seguente al diploma mi sono iscritto alla facoltà di Lingue e Letterature straniere, dove grazie alla borsa di studio della Regione Toscana ho avuto la possibilità di migliorare le mie capacità relazionali, di venire a contatto con una “realtà” totalmente diversa da quella che già conoscevo. Il mondo studentesco è forse fra i più liberi, dove la parità, la condivisione, il confronto non sono ideali da inseguire, ma vere e proprie caratteristiche. Se una cosa si può apprendere dagli studenti è la capacità di capire l’altro, di lottare per un unico scopo.

Per vari motivi, sono arrivato in questo momento di fronte all’ultimo ostacolo ( l’esame che alcuni definiscono l’ultimo muro da scalare ), e con un po’ di impegno, spero di finire ormai e proseguire nella mia ricerca professionale.

Liviu

Un commento su “Criticare senza agire, è come voler guidare senza permesso: VIETATO!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...