BUCURESTI/Fecioara Maria in cultura Rasaritului si a Apusului


Fecioara Maria in cultura Rasaritului si a Apusului

Fecioara Maria in cultura Rasaritului si a Apusului

Descarca invitatia si programul colocviului Fecioara Maria in cultura Rasaritului si a Apusului: 4_invitatie MADONA cu pruncul_FINAL

“Leadership. Leaders and new trends in political communication.” Interviu cu expertul in comunicare politică, prof. Antonio Momoc


Antonio Momoc (http://www.antoniomomoc.ro)

€UROITALIA – Bucureşti, 26 mai 2011 – Simona C. Farcaş.

Internet şi Democraţie. Internetul în comunicarea politică. Influenţa libertăţii online asupra politicii offline… “Digitalizarea înseamnă neapărat şi democratizare? Câtă libertate câştigăm şi câtă educaţie pierdem prin intermediul internetului?”  se/ne întreabă prof. Antonio Momoc, specialist în comunicare şi în ştiinţe politice, lector universitar doctor la Facultatea de Jurnalism şi Ştiinţele Comunicării, Universitatea Bucureşti. Contactat de Agenţia de presă EUROITALIA din Roma, prof. Antonio Momoc a acordat Simonei C. Farcaş un interviu despre comunicarea sa ştiinţifică “The rising of Romanian President Traian Băsescu and the role of digital guerilla.”, susţinută pe 20 mai 2011, la LUISS “Guido Carli”, cea mai prestigioasă Universitate privată din Roma, cu sediul în Viale Romania.

Prof.  Antonio Momoc din Bucureşti a conferenţiat la Roma alături de personalităţi cu renume mondial ale lumii comunicării politice, în cadrul simpozionului internaţional “Leadership. Leaders and new trends in political communication”, organizat de către CMCS – Centre for Media and Communication Studies “Massimo Baldini” şi LUISS Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli, care s-a desfăşurat între 20-21 mai 2011.

Antonio Momoc, LUISS Università di Roma, 20 mai 2011

Simona C. Farcaş: Care a fost subiectul înâlnirii la conferinţa “Leadership. Leaders and new trends in political communication”?

Antonio Momoc: “Tema principală a dezbaterilor a fost influenţa noilor tehnologii de comunicare asupra regimurilor politice şi asupra stilului comunicării politice. În ce fel influenţează social-media/ new-media democraţiile occidentale şi în ce fel influenţează aceste tehnologii regimurile nedemocratice. Digitalizarea înseamnă neapărat şi democratizare? Câtă libertate câştigăm şi câtă educaţie pierdem prin intermediul internetului?”

Simona C. Farcaş: Antonio, citim pe site-ul  www.antoniomomoc.ro, că sunteţi licenţiat în jurnalism şi în ştiinţe politice; doctor în sociologie, scriitor, cercetător în istoria socială a sociologiei, lector doctor la Facultatea de Jurnalism şi Ştiinţele Comunicării la Universitatea din Bucureşti, titular al cursurilor de Marketing politic şi Publicitate electorală la Catedra de Antropologie Culturală şi Comunicare. Va preocupaţi în special de comunicare politică. Nu este prima dată când sunteţi invitat să luaţi cuvântul la o conferinţă internaţională.

Antonio Momoc: “Este adevărat că în România, în Europa, în ţări ca Suedia, Ungaria, Polonia, Italia, Olanda am conferenţiat sau am paticipat la conferinţe pe tema relaţiei dintre Internet şi Democraţie. Întotdeauna a fost vorba şi despre Comunicare politică. Speranţa sau iluzia pe care o aduce internetul este aceea că societatea se poate democratiza prin accesul tot mai larg şi mai liber al cetăţenilor la comunicarea online. Aceasta poate fi o formă a democraţiei, însă una mai degrabă formală. E adevărat că tot mai mulţi oameni se pot exprima liber online. Dar câtă influenţă are această libertate online asupra politicii offline? Câtă putere politică au la propriu cei care se exprimă pe internet? Şi dacă vorbim despre democraţie calitativă, întrebarea este: suntem mai liberi offline, sunt respecate drepturile cetăţenilor mai mult acum, sunt cetăţenii mai educaţi în sensul participării şi al toleranţei odată cu dezvoltarea mediului online şi a noilor tehnologii de comunicare? Sunt întrebări la care viitorul va oferi răspuns.”

Simona C. Farcaş: Care au fost impresiile, cum v-aţi simţit, ce a insemnat pentru dumneavoastră să conferenţiaţi la Roma, alături de personalităţi ale lumii comunicării politice cum sunt Brian McNair (Queensland University of Technology), Sara Bentivegna (Sapienza, Università di Roma), Nico Carpentier (University of Loughborough), Fausto Colombo (Università Cattolica di Milano), Raffaele De Mucci (LUISS “Guido Carli”), Sergio Fabbrini (LUISS “Guido Carli”), Ivor Gaber (City University London), Matthew Hibberd (University of Stirling), Michael Higgins (University of Strathclyde), Leonardo Morlino (LUISS “Guido Carli”), Edoardo Novelli (Università degli Studi Roma Tre), Jo Silvestre (City University London), Mick Temple (Staffordshire University), Katrin Voltmer (University of Leeds) etc.?

Antonio Momoc: “Aceste personalităţi ale lumii ştiinţifice sunt nişte oameni extraordinari. Am avut privilegiul de a sta de vorbă cu ei, informal, în pauzele de cafea sau la prânz ori la cină. Katrin Voltmer (University of Leeds) a fost extraordinar de activă pe durata conferinţei, a avut intervenţii excelente, comentarii şi observaţii utile. Este din Germania, din Berlinul de Vest. Am petrecut o seară întreagă împreună vorbind despre asemănările dintre Germania de Est şi ţările din Estul Europei, inclusiv România. Este un profesor extraordinar şi o cercetătoare de valoare.

Mick Temple (Staffordshire University) a avut o comunicare despre alegerile din MB în care a făcut câteva remarci şi la campania lui Obama despre care a împărtăşit credinţa că nu a fost atât o campanie care să implice dezbatere şi dialog, cât a fost o campanie de moblizare şi de fund-raising. Am petrecut prima seară a conferinţei la aceeaşi masă vorbind despre criza economică mondială. Am fost surprins să aflu că Mick Temple a fost în adolescenţă cântăreţ într-o trupă new wave punk.

Edoardo Novelli (Università degli Studi Roma Tre) a avut o comunicare consistentă despre istoria publicităţii electorale italiene şi despre cazul Silvio Berlusconi. Am vorbit cu el după conferinţa sa despre asemănările şi diferenţele dintre liderii populişti Berlusconi şi Traian Băsescu. Michael Higgins (University of Strathclyde) este un analist excelent, profesorul Morlino a fost şi la Bucureşti unde a primit titulul de Doctor Honoris Causa.

Fausto Colombo (Università Cattolica di Milano) are un farmec aparte al interpretărilor, este un moderator subtil şi redă analize complicate cu umor şi detaşare. Suntem deja prieteni pe FaceBook.

Am avut ocazia să vorbesc în prima zi cu Brian McNair (Queensland University of Technology) despre lucrările sale şi să îi mărturisesc că parte din seminariile şi cursurile mele de Publicitate electorală pornesc de la opera sa ştiinţifică. Cu profesorul Sergio Fabbrini (LUISS “Guido Carli” University) am fost onorat să stau mai mult de vorbă: comunicarea sa despre cum înlocuiesc noile tehnologii partidele politice, despre populism vs liberalism şi despre personalizarea vieţii politice vs instituţionalizare este extrem de utilă înţelegerii transformărilor actuale. Am făcut o sinteză a acestor comunicări şi pe blogul meu.”

Simona C. Farcaş: Câteva impresii personale despre Roma. Universitatea LUISS…. aspiraţii eventuale proiecte viitoare?

Antonio Momoc: “Roma este un oraş capitală europeană şi capitală mondială. Este un punct de intersecţie al marilor civilizaţii.  Istorie, artă, cultură, ştiinţă, modă, muzică, totul la superlativ. Am mai vizitat Roma turistică acum câţiva ani. De această dată am cutreierat Roma neturistică, de exemplu cartierul San Lorenzo unde studenţii italieni beau o bere în weekend.

Universitatea LUISS este locul unde orice cercetător şi-ar dori să lucreze. Dotarea tehnică sălilor, a laboratoarelor, a bibliotecii, facilităţile pentru studenţi, cele de lectură dar şi cele de recreere şi sport sunt extraordinare. Este o şcoală modernă şi serioasă. Întrucât am câştigat anul trecut o bursă europeană din Fondul Social European în cadrul căreia cercetez relaţia dintre new-media şi populişti, voi aplica pentru continuarea cercetării mele asupra populismului european la Universitatea LUISS. De fapt încerc un studiu comparativ Est-Vest, iar în Italia regăsim exemple interesante în relaţia dintre politicieni-jurnalişti-populism-democraţie.”

Simona C. Farcaş: De ce subiectul „Ascensiunea lui Traian Băsescu şi rolul gherilei digitale”?

Antonio Momoc:  “Pentru că Traian Băsescu este primul politician român care a derulat o campanie electorală online în România. Este primul care intuieşte avantajele internetului în comunicarea politică. Şi, deşi nu a avut niciodată un blog, reuşeşte printr-un site user generated content să moblizeze tinerii la vot. A făcut-o şi în 2004 şi în 2009. Băsescu a mizat pe nemulţumirile tinerilor, pe revolta lor antisistem, pe frustrările lor cauzate de politicienii vechiului regim, pe prezenţa tinerilor în număr mare în online. Gherila digitală este un mod de acţiune online care mobilizează tinerii în lupta de ridiculizare a politicienilor. Gherila online nu implică dezbatere, nu îndeamnă la dialog raţional sau la discutarea progamelor economice sau politice. Gherila digitală înseamnă caricatură, umor, ironie, defulare, luarea în râs a contracandidaţilor.”

Simona C. Farcaş: Care a fost impactul modelulului de acţiune inventat şi impus în 2004 de gherila digitală?

Antonio Momoc: “Gherila digitală a reprezentat în 2004 începutul erei web 2.0 în comunicarea politică din România şi prima campanie online negativă de succes. De fapt, iniţial a fost doar o secţiune a site-ului de campanie prezidenţială unde alegătorii upload-au materiale via email. A devenit un mod de acţiune în momentul în care materialele electorale au fost răspândite online prin email, mass-messeges, forumuri. După apariţia Youtube în 2005 şi a altor site-uri de video-sharing, după dezvoltarea blogurilor şi a blogosferei româneşti, acţiunea de gherilă digitală a devenit mai penetrantă, fiind dublată de marketingul viral.”

Simona C. Farcaş: Acest model a fost preluat în campaniile din 2007, 2008 şi 2009 de către Opoziţia lui Traian Băsescu. A avut succes?

Antonio Momoc: “E adevărat că Opoziţia a încercat să preia acest model de comunicare şi de acţiune online. Uneori cu succes, alteori cu mai puţin succes. În 2007, PD a reuşit să ducă aproape de perfecţiune gherila digitală la Referendumul suspendării preşedintelui. Să nu uităm însă că în 2008 PSD a obţinut mai multe voturi decât PDL, dar sistemul electoral a permis ca PDL sa aiba 1-2 mandate mai mult în Parlament. În 2009 Mircea Geoană în seara votului din turul II a crezut că a câştigat alegerile şi aliaţii săi din PNL au deschis şampania. Putem spune că gherila online a PSD şi PNL a câştigat, dar Geoană a pierdut.”

Simona C. Farcaş: A câştigat Traian Băsescu al doilea mandat datorită voturilor din diasporă?

Antonio Momoc: “E greu de spus. Şi în ţară voturile între primii doi clasaţi au fost împărţite pe din două. Desigur, au contat voturile cetăţenilor români din Republica Moldova, dar şi ale românilor care trăiesc în Occident. Probabil că Băsescu a acordat mai multă atenţie campaniei electorale în dispora decât au făcut-o ceilalţi candidaţi. Băsescu a avut mesaj ţintit pe românii din diaspora, ceilalţi mai puţin. Acesta este un merit al comunicării electorale şi al echipei sale de campanie.”

Simona C. Farcaş: Este Traian Băsescu un şef de stat european?

Antonio Momoc: “Sau este Traian Băsescu un lider european? România, prin poziţia geografică, prin aderarea la UE şi prin valorile pe care le împărtăşesc cetăţenii săi este un stat european. Probabil că din punctul de vedere al infrastructurii şi al economiei nu suntem la nivel european, dar din punctul de vedere al aspiraţiilor ne dorim să fim acolo unde este Europa dezvoltată. Ne ţin pe loc cultura şi obiceiurile din comunism şi din perioada fanariotă. Din punct de vedere mental suntem încă sub influenţa Orientului medieval. Şpaga, corupţia, dedublarea, lipsa de încredere în ceilalţi au rădăcini culturale adânci. Ele au fost dublate după 1989 de un indiviualism exacerbat, de un neoliberalism îmbrăţişat prea uşor de mulţi români, de un dezinteres radical pentru spaţiul public şi de o solidaritate şubrezită de mesaje politice antagonice. Nu credem în instituţii, rezolvăm probleme publice prin relaţii personale.Toate acestea sunt obstacole şi blocaje în mentalitatea şi în comportamentul românilor.

Traian Băsescu prin mesajele sale politice a contribuit la adâncirea clivajelor şi a rupturii sociale. Prin identificarea aşa-zişilor „vinovaţi”, ba a bugetarilor, ba a sindicatelor, ba a mogulilor, ba a pensionarilor, Preşedintele a acutizat neînţelegerile sociale şi a divizat mai mult societatea românească decât să construiască. Românii au nevoie mai mult ca oricând de mesaje de unitate şi de solidaritate şi de un preşedinte mediator şi împăciuitor între diverse categorii social-economice. Preşedintele ar trebui să permită mai mult instituţiilor să funcţioneze libere, independente una de alta, nu să personalizeze atât de mult viaţa publică, nu să intervină atât de brutal de personal în relaţiile dintre instituţiile statului.”

Simona C. Farcaş: Emil Constantinescu, fostul preşedinte al României, intr-o Scrisoare deschisă către societatea civilă, scrie: “Indiferent de simpatiile politice sau personale nu putem evita o întrebare:  cum a fost posibilă ascensiunea la cea mai înaltă funcţie în stat a unei persoane cu un trecut cunoscut ca fiind marcat de fapte ilegale şi imorale şi cum a putut fi el apoi sprijinit în acţiunile sale deşi acestea lezau grav autoritatea instituţiilor statului şi prestigiul internaţional al României?”. Cum comentaţi această întrebare?

Antonio Momoc: “Cred că orice cetăţean are dreptul de a alege şi a fi ales indiferent că în cheamă Băsescu sau Constantinescu. Dacă românii l-au ales pe Traian Băsescu nu are sens să judecăm post-factum de ce nu ales altfel şi ce ar fi fost dacă.. .  În 2009 puţini erau cei care credeau că Traian Băsescu este un om cu un trecut discutabil, cu atât mai mult în 2004 sau în 2007. Orice dovadă a ilegalităţilor din trecutul său ar fi fost citită, interpretată ca o încercare a Opoziţiei de a-l denigra pe Preşedinte. Şi astăzi simpatizanţii Preşedintelui cred sincer că Traian Băsescu este un reformator al statului şi un luptător anticorupţie.”

(Simona C. Farcaş)

“Iunie – vis de copil”: Concurs pentru copiii români din Italia


Cu prilejul Zilei Internaţionale a Copilului Ambasada României în Italia propune copiilor din comunitatea românească un concurs de creaţie, dedicat Zilei Internaţionale a Copilului, care se va derula sub egida “Clubul Copiilor”.

Concursul va fi intitulat „Iunie – vis de copil” şi va consta în scrierea sau desenarea unei poveşti pe această temă. Creaţiile vor fi scrise în limba română şi vor avea maxim 2 pagini tip A4, iar compoziţiile plastice vor fi realizate în tehnică de lucru la alegere (desen, pictură, colaj) pe o coală de hârtie, nu mai mare de A4. Materialele folosite pot fi: creioane colorate, carioci, acuarele, textile, aţă, plastilină, orice se poate modela, transforma sau utiliza de către un copil.

Lucrările copiilor vor fi trimise până la data de 2 iunie 2011, pe adresa Ambasadei României în Italia, via Nicolo Tartaglia nr. 36, 00197 Roma, cu menţiunea – Pentru competiţia “Iunie – vis de copil”. Rugăm să fie precizate pe o pagină separată numele, instituţia de învăţământ unde copiii urmează cursuri, localitatea unde locuiesc şi datele de contact (numărul de telefon şi/sau adresa de e-mail ale părinţilor).

Cele mai frumoase creaţii vor fi premiate în cadrul unei ceremonii care va avea loc pe data de 4 iunie 2011, începând cu orele 11.00, locaţia urmând a fi comunicată ulterior. Vor fi acordate, pentru primele trei locuri, premii şi diplome. Copiii sunt invitaţi să participe la eveniment, alături de părinţii şi prietenii lor.

Lucrările câştigătoare vor putea fi vizionate on-line, pe site-ul Ambasadei României în Italia, în cadrul unei ferestre web special dedicate acestui eveniment.

Vă mulţumim pentru interes şi pentru participare!

Reamintim că proiectul “Clubul Copiilor” se adresează tuturor copiilor din comunitatea românească din Italia, în vârstă de până la 14 ani.

ROMA/”La diversità culturale come priorità europea – il caso Budapest. Presentazione del libro “Europe in Budapest. A Guide to its many cultures”


Europa-regionalizacja

Image via Wikipedia

€UROITALIA – ROMA, 17 maggio 2011

Nell’ambito delle attività dedicate alla presidenza ungherese del Consiglio dell’UE nello Spazio Europa, l’Ufficio d’Informazione in Italia del Parlamento europeo, la Rappresentanza in Italia della Commissione europea e l’Ambasciata di Ungheria in Italia, sono lieti di invitarLa all’evento

“La diversità culturale come priorità europea – il caso Budapest. Presentazione del libro “Europe in Budapest. A Guide to its many cultures”

19 maggio 2011, 16.45 – 18.00, Sala Natali, via IV Novembre 149, Roma

Il libro, pubblicato in occasione della Presidenza Ungherese dell’UE, si propone come guida alternativa alla città di Budapest, presentandola attraverso le testimonianze tangibili che le culture delle varie nazioni europee vi hanno lasciato nel corso dei secoli.

La capitale ungherese, infatti, è stata plasmata, tra le altre, dalla presenza straniera: tedesca e austriaca, ma anche turca e russa, o ancora quella delle nazioni confinanti come slovacchi, serbi, romeni, croati, e delle minoranze autoctone, come i rom, e naturalmente dalla più grande comunità ebraica dell’Europa Centrale. Hanno lasciato traccia anche i popoli dell’Europa Occidentale e del Mediterraneo.

Non mancano i legami storici con l’Italia, come è testimoniato dalle statue che raffigurano Italiani che hanno avuto un ruolo importante nella vita dell’Ungheria: da San Giovanni da Capestrano a Marco d’Aviano, Giuseppe Garibaldi o Giorgio Perlasca.

Intervengono:

Clara Albani, Direttrice, Ufficio d’Informazione in Italia del Parlamento europeo

Gergely Pröhle, Sottosegretario, Ministero degli Affari Esteri Ungherese, responsabile per i rapporti bilaterali con i Paesi dell’Europa e per la promozione culturale

ROMA/”Tradizioni e testimonianze athonite tra la fine del XVIII e l’inizio del XX Secolo”


COMUNICATO STAMPA — INVITO

SABATO 28 MAGGIO, ACCADEMIA DI ROMANIA IN ROMA,

PIAZZA JOSÉ DE SAN MARTIN 1, ORE 9:00,

L’ASSOCIAZIONE “INSIEME PER L’ATHOS – ONLUS”

PROMUOVE IL SUO DECIMO CONVEGNO INTERNAZIONALE SULLA SANTA MONTAGNA

L’Associazione Culturale “Insieme per l’Athos – Onlus” annuncia il suo decimo Convegno Internazionale di studi sulla cultura e spiritualità della Sacra Montagna. L’iniziativa, intitolata “ Tradizioni e testimonianze athonite tra la fine del XVIII e l’inizio del XX Secolo” , si terrà sabato 28 maggio alle ore 9.00 presso l’ Accademia di Romania in Roma, Piazza José de San Martin 1 (zona Valle Giulia) . L’evento, patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Fondazione Europea Dragan, dall’Accademia di Romania in Roma, dall’AISB (Associazione Italiana Studi Bizantini), dall’AISSCA (Associazione Italiana Studi Santità Culti Agiografia), dalla Regione Lazio, della Provincia di Roma, dal Comune di Roma e dalle Ambasciate di Cipro, Bulgaria, Albania, Georgia (S. Sede), Grecia, Romania, Russia (S. Sede), Serbia, Ucraina e Moldavia, è curato dall’Associazione “Insieme per l’Athos – Onlus”, costituitasi con il preciso scopo di riscoprire e divulgare l’immenso patrimonio spirituale ed artistico della cultura athonita attraverso iniziative di natura molteplice come viaggi, mostre, convegni, pubblicazioni, etc. L’avvenimento si svolgerà con la Benedizione della Sacra Epistasia del Monte Athos, organo politico ed esecutivo della penisola monastica, e di S. E. Rev.ma Metropolita Gennadios, Arcivescovo ortodosso d’Italia e di Malta (Patriarcato Ecumenico). L’appuntamento di sabato 28 maggio intende soffermarsi sulla storia e sulla spiritualità athonita nel periodo che va dalla pubblicazione della Filocalia (1781) al primo trentennio del XX secolo. I percorsi di studio, guidati da insigni studiosi, coinvolgeranno molteplici discipline, nel tentativo di offrire un panorama il più completo possibile degli elementi fondanti la cultura dell’Athos nel detto arco temporale, in specie dal punto di vista storico. Durante la giornata di studi interverranno (oltre ad un rappresentante della Santa Montagna): il Prof. Enrico Montanari (“L’ermeneutica creatrice di Sophronios Sakharov, dall’Athos all’Essex”); lo Archimandrita Theofilaktos Vitsos (“Il ‘Manuale dei Consigli’ di San Nicodemo Aghiorita”); S. E. Bogdan Tataru-Cazaban (“Paisij Velickovskij e la cultura filocalica”); il Dott. Dimitrios Keramidas (“La riscoperta della vita cenobitica all’Athos nella prima metà del XX sec.”); il Prof. Ion Ionaşcu (“Daniil Sandu Tudor – l’Athos: simbolismo iconico, innico ed esistenziale”); il Prof. Renato D’Antiga (“Rapporti editoriali tra l’Athos e Venezia”); il Prof. Mikhail Talalay (“Onomolatria: la disputa sui nomi sacri”); il Dott. Kirill Vakh (“Testimonianze letterarie russe sull’Athos”);il Padre Alessio Ieromonaco (“La Sacra Montagna e il Pellegrino Russo”). Modererà il Prof. Angelo Larotonda.

Per informazioni telefonare al numero 3388728763 oppure inviare una e-mail agli indirizzi insiemeperathos@yahoo.itjakobos@otenet.gr ,   giuseppe.balsama@tiscali.it , o consultare i siti http: //onlus.insiemeperathos.org   http://www.insiemeperathos.org
Ufficio stampa Agostina Altieri: agostina.altieri@libero.it cell 3385999657

Roma, 16 maggio 2011

Il Presidente Giuseppe Sergio Balsamà

L’Associazione Insieme per Athos Onlus ha il piacere d’invitarvi all’evento programmato per:

Sabato 28 maggio, ore 9:00,

X Convegno Internazionale   dal titolo:
“Tradizioni e testimonianze athonite tra la fine del XVIII e l’inizio del XX Secolo ”

presso l’Accademia di Romania in Roma,
Piazza José de San Martin 1(zona Valle Giulia).

Con la Benedizione della Iera Epistasia del Monte Athos e di S.E. Rev.ma il Metropolita Gennadios Arcivescovo Ortodosso d’Italia e di Malta del Patriarcato Ecumenico

Con il Patrocinio di:

Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Accademia di Romania in Roma
Regione Lazio
Provincia Roma
Comune Roma
Fondazione europea Dragan
Associazione Italiana di Studi Bizantini (AISB)
Associazione Italiana per lo Studio della Santità, dei Culti e
dell’Agiografia (AISSCA)
Associazione Culturale Bisanzio (ACB)
Rivista Online (Porphyra)

Le Ambasciate di:
Albania
Bulgaria
Cipro
Georgia (e S. Sede)
Grecia
Moldavia
Romania
Russia (e S.Sede)
Serbia
Ucraina

In allegato troverete le locandine dell’evento che potrete utilizzare per l’inoltro telematico a tutti coloro che desiderate invitare.

Per motivi organizzativi si prega confermare la vostra partecipazione al Convegno inviando un’email all’indirizzo insiemeperathos@yahoo.it o telefonando al 338-8728763.

ROMA/Marzia Spinelli: “Fare e disfare” alla Biblioteca Rispoli


Incontri con la poesia coordinati da Roberto Piperno

            presentazione del libro di

Marzia Spinelli

Fare e disfare

editrice LietoColle

               ne parlerà con l’autrice Plinio Perilli 

voce recitante Nina Maroccolo

       martedì 17 maggio ore 19.00

Biblioteca Rispoli – Piazza Grazioli n.4

si conclude con il prossimo appuntamento la prima parte della rassegna Bibliopoesie, un ciclo di incontri dedicati ai poeti contemporanei e agli amanti della poesia.

Martedì 17 maggio alle ore 19.00, presso la Biblioteca Rispoli – Piazza Grazioli n.4 – (sala mediateca), la presentazione del libro di Marzia Spinelli “Fare e disfare”, editrice Lieto Colle. Ne parlerà con l’autrice Plinio Perilli, voce recitante Nina Maroccolo. Coordina Roberto Piperno .

Locandina: spinelli loc

ROMA/Gli Ordini Cavallereschi Romeni nella storia, oggi alle 17:45 all’Accademia di Romania


Alexandru Ioan Cuza - foto01

Alexandru Ioan Cuza (Image via Wikipedia)

Stella di Romania, collezione privata (Foto: Simona C. Farcas)

Stella di Romania, collezione privata (Foto: Simona C. Farcas)

(€UROITALIA – ROMA, 7 maggio 2011 – Simona C. Farcas). Gli appassionati di storia, che oggi pomeriggio parteciperanno all’evento  “La vera storia del Principe Vlad Ţepeş Dracul” (Dracula) previsto per le ore 17:45 presso l’Accademia di Romania in Roma, potranno approfondire le proprie conoscenze in materia di Ordini Cavallereschi Romeni, così parallela alla storia nazionale unitaria, grazie al contributo del Prof. Dr. Fernando Crociani Baglioni noto saggista e istoriografo, che nel campo delle scienze ausiliarie della storia a livello nazionale ed europeo rappresenta un autorevole nome. Il Prof. Dr. Fernando Crociani Baglioni è romano, e appartiene a famiglia di antiche tradizioni militari, civili, religiose e patriottiche. Dedito agli studi storici, giuridici, politici e sociali, giornalista, si occupa di attività internazionali con la Commissione Europea e il Parlamento Europeo per una confederazione economica. Ha conseguito otto master in diritto internazionale, diritto comunitario, diritto costituzionale europeo, geopolitica dell’energia, intelligence e servizi segreti etc. Insignito di numerose Lauree Honoris Causa in Scienze Politiche Sociali e Storiche, il Prof. Crociani Baglioni è redattore (es. “Rivista Araldica“, da un trentennio) e collaboratore di testate politiche e storiche, innumerevoli saggi, monografie, ricerche ed atti di convegni storici e di scienze ausialiarie della storia. Autore di varie opere a soggetto storico, tra cui LABARO E MEDAGLIERE (Ed. Laurum, Pitigliano GR, 2008),  uno spaccato di storia sociale tra il Risorgimento in Umbria e Roma Capitale; TURRIZIANI ALIAS COLONNA. I ceti storici tra XVI e XX secolo (Ed. Zauli, Roma, 2005);  SMO COSTANTINIANO DI SAN GIORGIO (Ed. Zauli, Roma, 1995); LE ISTITUZIONI COMUNITARIE EUROPEE (Roma, 2010) etc.. E’ impegnato nel mondo del volontariato sociale ed umanitario per l’assistenza ai poveri, emarginati ed infermi. E’ Grand’Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, Cavaliere di Grazia e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta ed insignito di massime onorificenze pontificie, nazionali ed estere. E’ membro di prestigiose istituzioni scientifiche ed accademiche nazionali ed estere. E’ Presidente dell’Istituto di Studi Storici Beato Pio IX. Membro effettivo del Collegio Araldico e dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, interverrà durante il Convegno “La vera storia del Principe Vlad Ţepeş Dracul” sul tema “Gli Ordini Cavallereschi Romeni nella storia“.  
In una nota su Facebook del 28 aprile scorso, il Prof. Crociani Baglioni ha anticipato il tema di oggi, all’Accademia di Romania in Roma. “La presenza di un Ordine del Drago nel bacino danubiano fin dal  XIV-XV secolo, testimonia una tradizione militare-cavalleresca cristiana in quell’area dell’Europa Orientale, l’ex colonia romana Dacia, facente parte dell’Impero Romano d’Oriente (Bizantino), con caratteristiche  religioso-militari proprie degli ordini di cavalleria bizantini, imperiali, principeschi e patriarcali.

Ma è soltanto nel 1863, svincolatasi  a metà XIX secolo, come gran parte della Penisola Balcanica e l’area carpatico-danubiana,  la nazione romena dalla  semisovranità ottomana, con la costituzione dei Principati Danubiani di Valacchia e Moldavia  Uniti  (poi Regno) di Romania nel 1859, che si fonda  col Principe Alexandru Ioan Cuza per la Nazione rumena unificata,   un  Ordine della Stella di Romania.

Seguono con la nuova Monarchia costituzionale degli Hoenzollern Sigmaringen  (la Casa prussiana cadetta della Germania meridionale, di confessione cattolica, passata a regnare in Romania incorporandosi all’Ortodossia ),  con  Carol I, Ferdinand I e  di suo figlio Carol II,   l’Ordine di Carol,  l’Ordine della Corona di Romania e  l’ “Ordinul Benemerenti al Casei Domnitoare” (Ordine al Merito della Casa Regnante) .

Con  gli  esiti  drammatici  della seconda guerra mondiale, l’invasione sovietica, le logiche di Yalta,  e  l’avvento del comunismo nel 1947, la Monarchia rumena viene rovesciata e  il Re Mihai I con la Real Casa costretti all’esilio.  Segue la guerra fredda, e col regime comunista di Ceausescu per 42 anni, una serie di decorazioni al merito del regìme: (Ordini al merito:  sociale, statale, del 23 agosto,  di servizio della patria socialista, della patria, militare, del lavoro, scientifico, agricolo, sanitario, culturale , etc.).

 Con la rivoluzione rumena del 1989 e il ripristino di libertà e democrazia,   la Repubblica di Romania ripristina ed  assume nel 1992 l’Ordine della Stella di Romania. Ed istituisce l’ambitissima “Decorazione di Eroe e Martire della Rivoluzione Rumena, dicembre 1989“, quale ricompensa per i combattenti e i perseguitati, feriti, incarcerati e torturati, e alla memoria dei caduti per la libertà.  L’Ordine della Stella di Romania, nei consueti sei gradi tipici degli ordini di merito  (cavaliere, ufficiale, commendatore, grand’ufficiale, gran croce,  collare)  è attualmente conferito da S.E. il Presidente della Repubblica di Romania. Numerosi sovrani e capi di stato nell’ultimo ventennio furono insigniti del collare, e numerosi primi ministri ed ambasciatori della gran croce. L’Ordine viene conferito ai nazionali  con parsimonia, per alti meriti militari e civili. […]”.
Simona C. Farcas
Roma, 07 maggio 2011

ROMA/”Dracula, Principe Vlad Ţepeş, governante severo ma giusto.” Intervista a Iulia Boroianu, OVIDIO onlus


Portrait of Vlad Ţepeş (ruled 1455-1462, 1483-...

Image via Wikipedia

“Il Principe Vlad è un personaggio importante per la storia europea, la cui vera epopea risulta estremamente affascinante, ma poco conosciuto, persino dimenticato dagli stessi europei.  Molto amato dal popolo romeno, che vede in lui l’esempio di un governante severo, ma giusto.”

(€UROITALIA – ROMA, 5 maggio 2011 – Simona C. Farcas). Sabato 7 maggio 2011 alle ore 17:45 presso la prestigiosa sede dell’Accademia di Romania in Roma a Valle Giulia (Piazza Jose’ de San Martin no. 1), verrà presentato un originale progetto di spettacolo musical per far conoscere la vera storia del Principe Vlad III Ţepeş, meglio conosciuto come “Dracula“, il personaggio storico della Transilvania del 1400, il cui ruolo nella storia europea è generalmente poco noto. L’evento dal titolo “La vera storia del Principe Vlad Ţepeş Dracul” è ad ingresso libero ed è organizzato dall’Associazione socio-culturale italo-rumena “Ovidio” di Chieri e da “Meccaniche Artistiche“, un’associazione culturale torinese che riunisce artisti emergenti di varie discipline, con il sostegno della FARI – “Federazione delle Associazioni dei Romeni in Italia” e di IRFI onlus – “Italia Romania Futuro Insieme“, patrocinato da Regione Piemonte,  Comune di Chieri, Ambasciata di Romania in Italia, Consolato Generale di Romania a Torino e Accademica di Romania in Roma, che ospita la presentazione del progetto culturale, con l’intento di sganciare il Principe Vlad III Ţepeş dalla figura del “vampiro” più famoso al mondo, com’è maggiormente conosciuto, immagine rafforzata soprattutto grazie al famoso romanzo di Bram Stoker.

Attraverso il progetto “VLAD”, gli organizzatori desiderano restituire al pubblico la vera storia del Principe e Impalatore Vlad Ţepeş, e intendono farlo con un grande spettacolo in forma di musical il cui debutto è previsto a Constanta in Romania per l’autunno prossimo.

In una intervista esclusiva pubblicata dall’Agenzia giornalistica EUROITALIA, la Presidente dell’Associazione “Ovidio” di Chieri (TO), Iulia Boroianu racconta del progetto sulla storia del principe Vlad come frutto della collaborazione tra Italia e Romania:

Simona C. Farcas: “VLAD” è il progetto spettacolo musical sulla vera storia del principe Vlad frutto della collaborazione tra Italia e Romania: di cosa si tratta?

 Iulia Boroianu: “Il progetto di spettacolo in forma di musical ha lo scopo di far meglio conoscere un personaggio molto importante per la storia europea, ma per lo più sconosciuto, se non per quanto riguarda le avventure del famoso vampiro di Bram Stoker.”

Simona C. Farcas: Quando è nata l’idea del progetto e chi sono gli organizzatori?

Iulia Boroianu: “Il progetto è nato nel 2008 dalla collaborazione tra Meccaniche Artistiche, un’associazione culturale torinese che riunisce artisti emergenti di varie discipline e OVIDIO, associazione socio-culturale italo-rumena di Chieri. Col tempo si sono uniti al progetto L’Università di Constanta, Facoltà di Arte e il teatro dell’Opera di Constanta (Romania).”

Simona C. Farcas: Che cosa vi ha spinto a mettere in scena un musical così ambizioso?

Iulia Boroianu: “Il Principe Vlad è un personaggio storico importante per la storia europea ma dimenticato dalla stessa, a causa di una serie di eventi che racconteremo nel nostro lavoro. E’ un personaggio molto amato dal popolo romeno che vede in lui l’esempio di un governante severo, ma giusto. E’ importante per la storia Europea per il baluardo posto a difesa degli estremi confini orientali contro l’avanzata ottomana. E’ un personaggio la cui vera storia risulta estremamente affascinante, forse più delle vicende del vampiro immaginato da Bram Stoker, e che perciò vale la pena far conoscere ad un vasto pubblico, soprattutto perchè l’argomento non è ancora stato trattato in questa forma da nessuno.”

Simona C. Farcas: L’Associazione OVIDIO è molto attiva nel Piemonte, di cosa si occupa?

Iulia Boroianu: “L’Associazione Culturale e Sociale italo-romena “Ovidio” – Onlus svolge ed organizza attività finalizzate all’integrazione ed all’inserimento nel tessuto sociale piemontese degli immigrati, rivolgendosi in particolar modo alla comunità Romena.Tali finalità vengono perseguite con la realizzazione di incontri, convegni con le Istituzioni Locali e con i rappresentanti della Questura, delle organizzazioni sindacali ed i rappresentanti del governo romeno.Inoltre sono attive collaborazioni con enti del territorio come la protezione civile o le agenzie per il lavoro finalizzate all’inserimento degli immigrati nel mondo produttivo e lavorativo.A queste attività si affianca l’organizzazione di eventi culturali finalizzati a mantenere viva la cultura e l’arte romena in tutte le loro manifestazioni. Particolare attenzione vengono date alla lingua, alle manifestazioni teatrali e culturali legate alla danze popolari ed al teatro con collaborazioni anche in ambito scolastico, al fine di creare momenti di incontro della comunità romena e tra la comunità romena e quella italiana, per favorire scambi culturali e integrazione.L’ambito territoriale interessato da tali attività è costituito dal comune di Chieri, dove vive una folta comunità romena stimata in oltre 1500 persone, senza dimenticare i territori limitrofi e la città di Torino, alla quale l’Associazione rimane legata per motivi storici (costituzione) ed operativi (ad esempio collaborazioni con il Centro Interculturale e con l’Associazione Terra del Fuoco).L’attività dell’Associazione Ovidio, ha portato sul territorio chierese e piemontese nel corso degli ultimi quattro anni, gruppi di assoluta eccellenza nel panorama artistico romeno. Tra questi ricordiamo: il gruppo folcloristico „Datina” di Cluj (luglio 2005) la corale „Collegium Cantorum Nicolae Oancea” di Bucarest (novembre 2005), la partecipazione al „Festival internazionale del teatro di Strada” di Chieri con “Brezaia” dell’Università di Arte di Iasi “Gorge Enescu” (giugno 2006), il coro „Psalmodya Transilvanica” di Cluj (novembre 2006), il coro maschile „Corul Barbatesc” di Finteusu mare (novembre 2007) ed il coro di bambini „Allegretto” di Bucarest. Senza dimenticare lo spettacolo tatrale “O seara la Tanase” che ha portato al Teatro Nuovo di Torino oltre mille spettatori per applaudire stelle del calibro di Stela Popescu ed Alexandru Arsinel, e la manifestazione “Floarea Tineretii” (giugno 2009) che ha permesso l’esibizione a Chieri ed a torino in piazza Castello di due gruppi folcloristici di ragazzi provenienti dalla Romania. Sono stati approvati e finanziati progetti dal MAE e si è avuto accesso ai Fondi Regionali Europei con i quali sono stato organizzati corsi di informatica di base, project management e leggi in materia di immigrazione. Da quattro anni a questa parte l’Associazione sta lavorando in collaborazione con l’Associazione “Meccaniche Artistiche” al progetto multidisciplinare “Vlad” finalizzato alla realizzazione di una coproduzione italo-romena, un “musical” incentrato sulla vera storia del principe Vlad III Tepes. Nell’ambito di questo progetto è stato firmato un accordo di partenariato con l’Università Ovidius e con il Teatro di Opera e Balletto di Constanta. Accordo che ha portato nel mese di aprile a Torino 12 ragazzi iscritti all’ultimo anno della Facoltà di Teatro, ragazzi che hanno messo in scena due spettacoli (uno in italiano ed uno in romeno) finalizzati a raccogliere fondi e giocattoli da destinare ai bambini disabili ospiti dell’Ospedale e dell’orfanotrofio di Constanta. Il frutto di questa raccolta sono quasi 800 euro e 35 chilogrammi di giocattoli che verranno consegnati in occasione della Pasqua il 24 aprile.
Altra iniziativa è il “Gran Tour della Romania”, un viaggio che porterà circa 30 italiani in Romania dall’1 all’11 luglio a scoprire le meraviglie di questa terra, per promuovere la vera immagine della Romania (le iscrizioni sono aperte fino al 10 maggio).”

Simona C. Farcas: Secondo lei, Italia e Romania sono due popoli fratelli uniti da cosa…?

Iulia Boroianu:  “La lingua, il poeta Ovidio, le comuni radici latine…”

Simona C. Farcas: Attraverso questo tipo di iniziative pensate di avvicinare le due nazioni sorelle?

Iulia Boroianu: “E’ importante conoscere la cultura dei paesi che formano l’unione europea, se vogliamo costruire una vera europa unita. Conoscere significa trovare cose in comune, conoscere significa prendere consapevolezza delle differenze e considerarle un’arricchimento e una scoperta, significa infine cancellare la paura del “diverso” perchè si ha paura solo di ciò che non si conosce.”

Simona C. Farcas: La cultura, la musica può contribuire a costruire una Patria europea, nostra Casa comune?

Iulia Boroianu: “Indubbiamente sì, ed è per questo che abbiamo pensato a questo progetto.”

Simona C. Farcas: Cosa dovrebbe fare l’Europa? Quale futuro e quali speranze?

Iulia Boroianu: “L’Unione Europea dovrebbe essere più incisiva nel risolvere le problematiche in materia economica nel difficile tentativo di creare le premesse per una crescita delle condizioni di vita e dei salari dei paesi “in ritardo” rispetto alla media europea. Ma questo non si può fare senza una maturazione della classe politica e dirigente dei paesi di appartenenza.”

Simona C. Farcas: Presentare un personaggio storico attraverso il musical: può essere una nuova forma di fare educazione…di riavvicinare i giovani a conoscere la storia?

Iulia Boroianu: “Sicuramente sì… meglio potrebbe fare il cinema… ma ci stiamo pensando.”

Simona C. Farcas Quanto è difficile organizzare eventi culturali oggi? Per organizzare un evento del genere, di quali risorse vi avvalete?
Iulia Boroianu: “E’ molto difficile! Se si pensa che sono anni che stiamo lavorando a questo progetto che vedrà la luce solo alla fine del 2011 e in Romania! Fino ad ora è stato tutto lavoro prestato volontariamente dai soci delle associazioni. Cerchiamo degli sponsor.”

Simona C. Farcas: I romeni in Italia sostengono le iniziative culturali organizzate dalle Associazioni?

Iulia Boroianu: “Sì, ma non come fanno altre comunità. Infatti la maggior parte dei romeni non ha ancora preso coscienza del fatto che forma una comunità. I romeni, pur essendo legati alle loro origini, devono ancora maturare appieno il significato di cosa vuol dire essere comunità, di cosa vuol dire fare volontariato, cosa significa e quale è il ruolo di un’Associazione no profit senza scopo di lucro.”

Simona C. Farcas: Quali obiettivi per il futuro?

Iulia Boroianu: “Ovviamente il debutto del VLAD, poi si spera di poterlo portare in tour in tutta l’Europa e naturalmente innanzi tutto in Italia.. Inoltre, creare sezioni in lingua straniera nelle biblioteche piemontesi.”

——-
Intervista a cura di Simona C. Farcas alla Presidente dell’Associazione culturale italo-romena OVIDIO per l’Agenzia giornalistica EUROITALIA, 5 maggio 2011. 

Scarica il programma:VLAD

Performing History e Romanian Cultural Resolution – documentary


The Coat of arms of Romania

Image via Wikipedia

Domenica 8 maggio dalle ore 17.30, nell’ambito della fiera d’arte “Roma. The road to contemporary art”, l’Accademia di Romania in Roma e l’Istituto di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia presentano un’anteprima dei due progetti nazionali per la Biennale d’arte di Venezia 2011:

Performing History”

Padiglione della Romania ai Giardini di Castello

Artisti: Ion Grigorescu, Anetta Mona Chisa & Lucia Tkacova

Curatori: Maria Rus Bojan e Ami Barak, con la collaborazione dello scrittore Bogdan Ghiu

e

“Romanian Cultural Resolution – documentary”

Nuova Galleria dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia

A cura di: Adrian Bojenoiu e Alexandru Niculescu

Illustrano il progetto Performing History Maria Rus Bojan, curatrice e coordinatrice del progetto e Bogdan Ghiu, scrittore e filosofo, autore del catalogo della mostra (numero speciale della rivista “Idea, Art+society”). Romanian Cultural Resolution – documentary” sarà presentato dai curatori Adrian Bojenoiu e Alexandru Niculescu.

“Performing History” stabilisce un dialogo transgenerazionale sull’idea d’arte quale alternativo, illimitato e ostinato divenire della storia. Questo approccio desidera enfatizzare il potenziale espressivo dell’Europa Orientale drammatizzando la transizione dall’arte ‘underground’ dell’epoca comunista alle attuali neo-avanguardie.

“Romanian Cultural Resolution – documentary” si propone d’investigare il contesto artistico della Romania contemporanea. Iniziato da Adrian Bojenoiu e Alexandru Nicolescu al Centro per la cultura contemporanea “Club Electro Putere” di Craiova, “RCR – documentary” rappresenta una ricerca su un impressionante numero d’artisti e curatori romeni, tale da renderlo il più ampio progetto d’arte contemporanea romena prodotto negli ultimi anni.

Quando:            Domenica 8 maggio alle ore 17.30

Dove:                 Conversation corner / Padiglione della Pelanda

                            MACRO Testaccio / Piazza Orazio Giustiniani, 4 Roma

ROMA MULTIETNICA: Eventi interculturali


Festa multietnica a Trescore
/Iran. Sguardi Sotterranei – II edizione
Mercoledì 4 maggio dalle 17 alle 21.30 presso la Biblioteca Guglielmo Marconi, via Gerolamo Cardano 135, ritornaIran Sguardi Sotterranei-II edizione, un evento multimediale concepito con le Biblioteche di Roma e Roma Multietnica per offrire uno spazio alle opere di giovani artisti iraniani residenti in Italia e in Iran. Proiezioni, video, pittura, scultura, articoli e interviste  accompagnano l’evento, coinvolgendo personaggi noti e artisti con le loro testimonianze e aprendo nuovi varchi di conoscenza.
Intervengono: Antonello Sacchetti (autore del libro I ragazzi di Teheran),  Ahmad Rafat(giornalista di Voice of America), Ehsan Mehrbakhsh (illustratore/video artista) e Valerio del Vasto (critico musicale).segue…

/Vite senza corpi
Mercoledì 4 maggio alle ore 17 presso Palazzo Valentini in via IV novembre 119/A Sala del Di Liegro si terrà la presentazione del volume Vite senza corpi. Memoria, Verità e Giustizia per i desaparecidos italiani all’Esma a cura di Jorge Ithurburu e Cristiano Colombi (Edizioni Gorée).segue…

/Voci di anime
Giovedì 5 maggio alle ore 18 presso il Caffè Letterario, via Ostiense 95 l’Associazione Culturale Arabismo, in collaborazione con le Biblioteche di Roma ed il BiblioCaffè Letterario, nell’ambito della consueta rassegna letteraria Arabismo al Caffè, invita alla presentazione del libro dell’italo-siriano Shady HamadiVoci di anime. Intervengono: l’autore del libro e Costanza Ferrini, esperta di letteratura contemporanea del Mediterraneo.Presenta Alessandra Fabbretti dell’Associazione Culturale Arabismo.Nel corso della serata, brani tratti dal libro verranno letti ed interpretati da Donatella Vincenti.segue…

Ucraina e Moldavia. Immigrazione e dimensione familiare
Radio Vaticana, Caritas diocesana, Camera di Commercio e Provincia di Roma invitano giovedì 5 maggio dalle ore 17 alle 19 in piazza Pia, 3 (Via della Conciliazione) all’interno del ciclo di approfondimenti sulle collettività immigrate al quarto incontro Ucraina e Moldavia. Immigrazione e dimensione familiare.segue…

Quando la Patria non è la terra dei padri
Giovedì, 5 maggio dalle ore 16 a Palazzo Montecitorio- Sala della Lupa Save the Children Italia invita al Convegno promosso dal Presidente della Camera dei Deputati, On. Gianfranco Fini, in occasione della pubblicazione del 2° Rapporto annuale di Save the Children su I minori stranieri in Italia.
Per partecipare è necessario registrarsi inviando una mail a: cerimoniale.adesioni@camera.itindicando data e ora dell’evento. L’accesso alla Sala sarà consentito fino alle ore 15.40.
Ingresso Principale: Palazzo Montecitorio.segue…

/L’Italia e la protezione internazionale: i richiedenti asilo e i rifugiati nel mediterraneo
Giovedì 5 maggio alle ore 17.30 nella Sala Starlin Arush, Via Aniene 26/a, Link 2007-Cooperazione in rete presenta il convegnoL’Italia e la protezione internazionale: i richiedenti asilo e i rifugiati nel Mediterraneo. Ne discuteranno: Laurens Jolles, Delegato dell’Alto Commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) per il sud Europa e Laura Boldrini, rappresentante per l’Italia del’Acnur-Unhcr. Modererà il dibattito Nino Sergi, Link 2007.segue…

/La cultura cinese
Venerdì 6 maggio alle ore 19 presso la libreria Orientalia – Kissaten, Via Giovanni Giolitti 321, verrà presentato il libro La cultura cinese (Hoepli). Saranno presenti l’autriceMiriam Castorina eAlessandra Brezzi, docente dell’Università degli Studi di Pesaro e Urbino. A seguire aperitivo orientale. Il libro presenta in forma agile e semplificata alcuni dei tratti distintivi della cultura millenaria del “Regno di Mezzo”, al fine di costituire un primo e facile approccio alla studio e alla conoscenza della Cina e della sua straordinaria cultura.segue…

/Concerto Afro Jazz con Madya Diabate, Angelo Olivieri e Ady Thioune
Venerdì 6 maggio alle ore 21 presso il C.S.O.A. Spartaco in via Selinunte, 57 (Metro Numidio Quadrato) si terrà ilconcerto Afro Jazz del trioMadya Diabate (Kora),Angelo Olivieri (Tromba) eAdy Thioune (Djembe).
A seguire Afro-Dancehall e Afro Baiana con selezioni musicali diSekou Diabate e Lino Ponticelli.
segue…
/Workshop di acting con l’attore tunisino Ahmed Hafiene
Tutti i week-end di maggio, a partire da sabato 7 maggio, (il sabato dalle 17 alle 20 e la domenica dalle 10 alle 13) presso Associazione culturale L’Asino che vola in via Cimarra 34, si terrà il Workshop di acting con l’attore tunisino Ahmed Hafiene.
Alla fine del workshop verrà messa in scena una performance conclusiva del lavoro sul palcoscenico dell’Asino che vola. Il workshop Scoprire e migliorare la tecnica dell’attore mira a fornire ai partecipanti gli strumenti necessari per valutare le proprie attitudini e per valorizzare le proprie capacità per interpretare un ruolo su un palcoscenico, ma soprattutto per imparare a conoscere meglio il proprio corpo e in che maniera portarlo in scena. Molta attenzione sarà data anche all’uso della maschera neutra attraverso le improvvisazioni e all’uso di testi scritti.segue…

/Cena solidale per il Convegno Detenzione e Tortura a carico di minori
Sabato 7 maggio dalle 20 alle 23 presso il centro culturaleArarat, in Largo Dino Frisullo, si terrà una cena di finanziamento per ilconvegno Detenzione e Tortura a carico di minori: il caso dei minori palestinesi e kurdi nelle carceri israeliane e turche, organizzato per sabato 28 maggio dalle 9 alle 18 presso Palazzo Valentini,in via IV Novembre 119/a (Sala di Liegro) dalla Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese (Un Ponte per, Assopace, ISM, Per non dimenticare Gaza, Sguardo sul Medio Oriente), Uiki Onlus, Europa Levante e Medici contro la tortura.
La cena sarà accompagnata da musiche della tradizione kurda e palestinese.segue…

/Tzigari, una storia rom. I diritti degli zingari in Italia
Lunedì 9 maggio alle ore 18 laLibreria Bibli, in via dei Fienaroli 28, ospiterà una tavola rotonda sul temaTzigari, una storia rom. I diritti degli zingari in Italia, a cui prenderanno parte i rappresentanti di Amnesty International, della Comunità di S.Egidio e dell’associazione Popica, e che sarà accompagnato dalla proiezione del film Tzigari, una storia rom, alla presenza del regista Paolo Santoni.segue…

/Patagonia: Le Chiese e l’acqua – diritti umani e privatizzazione dei beni comuni
Lunedì 9 maggio alle ore 17 nell’aula magna della Facoltà Valdese, in via Pietro Cossa 40, si terrà un incontro sul tema Le Chiese e l’acqua – diritti umani e privatizzazione dei beni comuni, che vedrà la presenza del vescovo cileno mons. Luis Infanti Della Mora, impegnato nel sostegno delle comunità indigene contro la privatizzazione dell’acqua e la costruzione delle dighe nelle terre dei Mapuche in Patagonia.segue…

/La escritura de la ciudad en la obra de Eliseo Diego e Italo Calvino e l’America Latina
Nell’ambito dell’accordo di scambio culturale con la Facultad de Artes y Letras dell’Università dell’Avana la prof.ssa
Mayerìn Bello Valdés terrà i seguenti seminari: La escritura de la ciudad en la obra de Eliseo Diego
martedì 3 maggio, ore 12-14, aula II del Dipartimento di Studi Europei, Americani e Interculturali, III piano della Facoltà-Università La Sapienza di Roma e Italo Calvino e l’America Latina mercoledì 4 maggio, ore 10-12, aula Levi della Vida, Vetrerie Sciarra.segue…

L’Italia in Nigeria: tra petrolio e violazioni dei diritti umani
Il Servizio Civile Internazionale, Amnesty International. la Campagna per la Riforma della Banca Mondiale e la Fondazione Culturale Responsabilità Etica invitano a L’Italia in Nigeria: tra petrolio e violazioni dei diritti umanimercoledì 4 maggio dalle ore 19.30 a La Città dell’Utopia, in via Valeriano 3F.segue…

/Mexico rebelde. Immagini e racconti di un paese militarizzato
Giovedì 5 maggio alle ore 19 il Servizio Civile Internazionale eLa Città dell’Utopia, Via Valeriano 3/F, in  presentanoMexico rebelde. Immagini e racconti di un paese militarizzato. Ci sarà una cena messicana, una mostra fotografica, video contributi di Difensori dei Diritti Umani (Frayba, Comitè Cerezo) e alle 21.30 i Racconti dal Messico con l’attivista messicano Alejandro Gonzales. A seguire: proiezione del film Corazon del tiempo (Messico 2010). Introduce Ya Basta. Ingresso libero.segue…

/Presentazione-aperitivo Ocra rossa
Giovedì 5 maggio alle ore 19 presso il Ducati Caffè, via delle Botteghe Oscure 35. Qulture Edizioni, la più giovane casa editrice romana, vuole festeggiare l’uscita del suo primo romanzo: Ocra rossa, della scrittrice yemenita Hind Haitham. La casa editrice presenterà se stessa e il suo romanzo ai lettori nel modo che più le è congeniale: mischiando linguaggi e sensazioni nell’atmosfera informale di un happy hour. Ocra rossa prenderà forma attraverso la voce di Erminio Trucellito, attore di “Vallanzasca” e “Il grande sogno”, che leggerà brani del testo, accompagnato dalle note di jazz arabo suonate da Mona Hallab e Nicola Guida.segue…

/AvviCina: Azioni positive per l’inclusione sociale delle donne cinesi all’Esquilino
Venerdì 6 maggio alle ore 10 presso la Casa Internazionale delle donne, in via della Lungara 19, si terrà l’incontro conclusivo del progettoAvviCina: Azioni positive per l’inclusione sociale delle donne cinesi all’Esquilino, durante il quale verranno diffusi i risultati delle attività di progetto, e in particolare dell’indagine su inclusione e discriminazione condotta fra le donne cinesi e i residenti dell’Esquilino. L’incontro vuole anche essere occasione per un confronto su temi attuali quali l’immigrazione, l’integrazione e la convivenza multietnica nella nostra città.segue…

/Festa dell’Arcobaleno – Io non ho paura dei colori
Sabato 7 maggio a partire dalle ore 15 al Parco della Madonnetta, in via Bruno Molajoli (Acilia), si svolgerà laFesta dell’Arcobaleno – Io non ho paura dei colori, legata quest’anno al 150° dell’unità nazionale. In programma sport e animazione per ragazzi, incontri tra le associazioni e gli enti promotori  e le istituzioni, aperitivo interetnico offerto dalle comunità migranti e concerto world-music con i gruppi Termini Underground, Migg Band e Afghan Tolana.segue…

/Dedicato alle utopie
Sabato 7 maggio alle ore 21.30 presso lo Spazio Oxygene, in Via S.Tommaso d’Aquino 11/a, l’Associazione Italia-Nicaragua – circolo di Roma presenta lo spettacolo teatraleDedicato alle utopie di Silvia Nati (regia Esther Ruggiero e immagini sceniche di Vincenzo Caruso), liberamente tratto dal romanzo Il paese sotto la pelle della scrittrice nicaraguense Gioconda Belli: racconto della maturazione umana, intellettuale e politica di una ragazza nata sotto la dittatura somozista in Nicaragua.segue…

/Lettere dal Sahara
Domenica 8 maggio alle 18.30 presso l’Associazione Grecam, in via Conte Verde 15, nell’ambito del terzo appuntamento della rassegna Filmincontro 2011, verrà proiettato il film-documentarioLettere dal Sahara di Vittorio De Seta, che narra l’approdo di un ragazzo senegalese sulle coste italiane, il suo viaggio dal Sud al Nord dell’Italia e il suo ritorno in Senegal.
La proiezione verrà accompagnata dalla lettura di alcune poesie sul tema  dell’emigrazione.segue…

Fora a chi tocca

Domenica 8 maggio in via Giuseppe Libetta 14 l’Associazione Asinitas onlus è lieta di invitare allo spettacolo Fora a chi tocca, liberamente tratto da “Mistero Buffo” di Vladimir Majakovskij.
Nel corso di un laboratorio teatrale 40 ragazzi italiani e stranieri si sono incontrati, scoperti e conosciuti.
Ispirandosi, lavorando, e reinterpretando liberamente l’opera di Majakovskij, hanno costruito insieme lo spettacolo, attraverso le lingue madri: dialetto romanesco, arabo, pasthu, francese, wolof, djioulà, amarico, italiano, curdo, inglese, farsi, singalese.
In scena gli allievi della scuola di italiano Asinitas, rifugiati, richiedenti asilo e migranti, assieme agli studenti del Liceo Classico Socrate e dell’Istituto Professionale Cinematografico Rossellini.

segue…

/In festa con l’Africa
Domenica 8 maggio a Villa Pamphili le associazioni e i gruppi impegnati nella solidarietà con il continente africano invitano tutti i cittadini a una giornata di festa, condivisione di iniziative e convivenza. Dalle 9 del mattino fino alle 19 lo spazio adiacente l’Arco dei Quattro Venti (entrata in Via S. Pancrazio 10) sarà il teatro che ospiterà spettacoli e iniziative. La giornata, organizzata dalle associazioni e dai gruppi che aderiscono a Roma XVI con l’Africa, inizierà con la “maratonina”, iscrizioni a partire dalle ore 8,30. Sarà poi presentata la mostra: Dal ghetto all’interculturalitàRoma Sumu Senegal.  Per tutta la mattina il gruppo Working for utopia, del Liceo Morgagni, si occuperà dei giochi e dell’animazione per bambini. Il pomeriggio sarà scandito da tanti gruppi musicali che si esibiranno in un concerto di ritmi, percussioni e danze africane.segue…

/Formazione aziendale per lo sviluppo delle competenze professionali degli immigrati
Sono aperte le iscrizioni alCorso per Segretaria d’azienda. Il corso, completamente gratuito, (cofinanziato dalla CCIAA di Roma) si  rivolge a donne straniere che hanno una buona conoscenza del computer e della lingua italiana ed intende affrontare in maniera diretta e pratica le principali attività tipiche che si incontrano nella quotidiana realtà di un’azienda, dando tutte quelle informazioni necessarie ad una corretta ed efficace gestione. Le iscrizioni termineranno il giorno 16 maggio alle ore 18.segue…