Update. Roma, Teatro di Vigna Murata: Italia-Romania, Corul bărbătesc din Finteuşu Mare in concerto


Concerto per i 150 anni dell’Unità italiana, commemorando l’Unità romena del 1° dicembre 1918
(EUROITALIA, ROMA 4 DICEMBRE 2011) – Lunedì, 5 dicembre alle ore 20:45 al Teatro di Vigna Murata (Via Roberto Ferruzzi, 110 – EUR) direttamente dalla Romania, avrà luogo il concerto dello storico „Corul bărbătesc din Finteuşu Mare”, la cui origine risale alla Grande Unione della Romania, il 1° dicembre 1918 – Festa Nazionale, organizzato a Roma dall’Associazione „Italia-Romania Futuro Insieme”, in occasione della tournée per i 150 anni dell’Unità italiana e per celebrare altresì la Festa Nazionale dell’Unità ed Indipendenza romena. Con il Patrocinio di Roma Capitale – Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico e il Patrocinio dell’Ambasciata di Romania in Italia, la quale, dell’associazione promotrice, ”apprezza l’importanza dei progetti centrati sulla collaborazione interculturale, l’interesse pubblico del momento artistico e in particolare il fine della manifestazione, di promuovere la conoscenza reciproca tra i cittadini dell’UE”, come dichiarato da Sua Eccellenza l’Ambasciatore Razvan Rusu. Invitati Autorità civili e religiose e rappresentanti del Corpo Diplomatico accreditato a Roma e presso la Santa Sede.
 L’ASSOCIAZIONE ITALIA – ROMANIA ”FUTURO  INSIEME” nel quinto anniversario della sua istituzione invita romani e romeni, e non solo, al concerto dello storico coro romeno Corul bărbătesc din Finteuşu Mareche si terrà in Roma a Teatro di Vigna Murata (Via R. Ferruzzi, 110),  lunedì 5 dicembre,  ore 20:45.
Corul bărbătesc din Finteuşu Mare la Teatrul Vigna Murata, Roma-EUR, Via Roberto Ferruzzi, 110

Corul bărbătesc din Finteuşu Mare la Teatrul Vigna Murata, Roma-EUR, Via Roberto Ferruzzi, 110

Corul bărbătesc din Finteuşu Mare diretto dal maestro prof. Andrei Dragoş è giunto in Italia da Maramureş; formato da 35 voci maschili è conosciuto in Romania e nel mondo come uno dei cori romeni di più antica tradizione del folklore e del repertorio di musica sacra, popolare, patriottica. Nei costumi tradizionali, i cantori esaltano le virtù, le opere, la forza del tramandare l’essenza della quotidianità popolare, delle radici e del retaggio. 

Nel segno del patriottismo e delle identità, celebrando le ricorrenze delle rispettive unificazioni nazionali, della solidarietà europea e latina, nonché di una forte spiritualità ecumenica,  gli onori di casa a Roma al coro romeno ospite sono resi dalla  Presidente dell’Associazione „Italia-Romania Futuro Insieme” Dott.ssa Simona Cecilia Farcas, dall’Associazione Internazionale per il Canto Gregoriano „Una Voce” col suo Presidente romano Dott. Carlo Marconi, dal Presidente dell’Istituto di Studi Storici Beato Pio IX Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni, e da numerosi esponenti e docenti del mondo accademico e delle Università Pontificie con la Prof.ssa Cristina Mandosi, dal Corpo Diplomatico accreditato in Italia e presso la Santa Sede,  dalle Autorità civili,  dal mondo del Volontariato sociale, umanitario, della solidarietà, della cultura e dell’arte, dal Rev. Don Isidor Iacovici Responsabile Missione con Cura d’Anime Romena di Rito Latino in Roma, dal Rev. Don Massimiliano Nazio parroco romano-cattolico di Santa Giovanna Antida, e dal Rev. Padre Bogdan Petre per la Diocesi Romeno Ortodossa d’Italia in rappresentanza del Vescovo S.E. Mons. Siluan.

Con il patrocinio di Roma Capitale Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico:

Patrocinio Roma Capitale

Patrocinio Roma Capitale

…e con il Patrocinio dell’Ambasciata di Romania in Italia: 

Tournée di concerti: Corul bărbătesc din Finteuşu Mare

§  Domenica, 4 Dicembre 2011, ore 10:30 – Fonte Nuova (RM), Via Primo Maggio, 43.
Il coro parteciperà con canti liturgici alla S. Messa celebrata per la comunità romena ortodossa di Fonte Nuova dal Rev. Padre Bogdan Petre presso l’Istituto di Gesù Redentore, con successivo concerto di canti natalizi romeni e ágape fraterna. 

§  Domenica, 4 Dicembre 2011, ore 16:00 – Mentana (RM), Via Reatina, 1.
Concerto nella Chiesa parrocchiale di San Nicola di Bari. Presenti le Autorità ecclesiastiche romano-cattoliche, le Autorità Diplomatiche e civili.

§  Lunedì, 5 dicembre 2011, ore 20:45, Teatro di Vigna Murata, Roma-EUR, Via Roberto Ferruzzi, 110 (Metro B – Laurentina + bus 765)
Concerto per i 150 anni dell’Unità italiana, commemorando l’Unità romena del 1° dicembre 1918.

Teatro di Vigna MurataVia Roberto Ferruzzi, 11000143 Roma-EUR R.S.V.P.Carlo Figliacconi cell. 3346384048E-mail: irfionlus@yahoo.it

About these ads

8 commenti su “Update. Roma, Teatro di Vigna Murata: Italia-Romania, Corul bărbătesc din Finteuşu Mare in concerto

  1. Stefano il Grande di Moldavia, l’”atleta di Cristo”
    Il prezioso Registro 578, conservato nell’Archivio Segreto Vaticano, contiene la corrispondenza intercorsa fra Papa Sisto IV (1471-1484) e il Principe o Voivoda di Moldavia Stefano il Grande (1433/’35-1504). Si tratta di un documento di grande interesse storico in quanto attesta le ottime relazioni tra la Santa Sede ed il Principato di Moldavia alla fine del Quattrocento, quando alle frontiere dell’Europa cristiana premevano gli Ottomani.

    di Radu Stolniceau
    “Defensor Christianitatis”

    Stefano il Grande, in romeno Stefan cel Mare, è santo per la Chiesa ortodossa (lo si ricorda il 2 luglio), ma anche nella memoria storica dei cattolici dovrebbe occupare un ruolo significativo. Egli infatti per lo straordinario coraggio meritò da Papa Sisto IV gli appellativi di “Atleta di Cristo” e “difensore della Cristianità”. Definizioni quanto mai doverose, come vedremo.
    Stefano il Grande, figlio del Principe Bogdan Muşat di Moldavia, regione orientale dell’odierna Romania, condivisa con la confinante Repubblica Moldova, e di Maria-Malina Oltea, non fu solo un coraggioso soldato ma uno dei più grandi uomini politici della storia romena, strenuo difensore della fede cristiana.

    Nato a Borzesti intorno al 1433-1435, con l’aiuto del Principe di Valacchia Vlad III Tepes detto l’Impalatore, si assicurò il Trono moldavo nel 1457, quattro anni dopo la caduta di Costantinopoli in mano turca.
    La Moldavia era diventata un principato indipendente nel 1359 con il voivoda Bogdan I, originario della Transilvania, il quale dichiarò l’indipendenza dagli Angioini, Re di Ungheria, diventando il primo reggente della Moldavia (1359-1365).
    Anche Stefano il Grande fu un fiero sostenitore dell’indipendenza moldava, e, minacciato dai potenti Paesi vicini, respinse gli invasori ungheresi nel 1467 ed invase la Valacchia nel 1471, per liberarla dal vassallaggio ottomano.
    Il 25 gennaio 1475 egli si rivolse ai sovrani cristiani d’Europa, ribadendo quanto il suo Paese stesse facendo nella difesa dell’intero continente: «Il nostro Paese è la porta della Cristianità, finora difesa con l’aiuto del Signore, ma se questa porta sarà persa, che Dio ci guardi, tutta la Cristianità sarà in grande pericolo».

    Quando il Sultano ottomano Maometto II attaccò la Moldavia, Stefano affrontò e sconfisse gli ottomani nei pressi di Vaslui nel 1475 ed a Valea Alba l’anno successivo. La Battaglia di Vaslui (nota anche come la Battaglia di Podul Înalt o la Battaglia di Racova), si combatté nel mese di gennaio 1475 vicino la città moldava di Vaslui, e oppose tra i 60 e i 120.000 ottomani a 40.000 moldavi, oltre a piccoli gruppi di mercenari presenti in entrambi gli schieramenti.
    La sua impresa fu ancor più straordinaria, in quanto Stefano invano aveva chiesto l’aiuto dalle potenze europee contro l’Impero Ottomano, e la sua determinazione nel “tagliare il braccio destro ai pagani” lo avrebbe reso assai celebre anche in Occidente.

    Difensore dell’indipendenza moldava

    Dopo il 1484 Stefano dovette contrastare non solo la minaccia ottomana, ma anche i progetti polacchi ed ungheresi di spartizione della Moldavia. Negli ultimi decenni del suo regno i turchi incrementarono la pressione sulla Moldavia. Gli ottomani avevano conquistato nel 1484 i porti strategici sul Mar Nero e nel 1485 misero a fuoco la capitale moldava Suceava.

    Stefano ottenne una vittoria a Scheia nel 1486, ma in seguito concentrò i suoi sforzi per assicurare l’indipendenza della Moldavia sul piano diplomatico. La situazione militare e politica venutasi a creare lo obbligò a concludere nel 1503 un accordo di pace con il sultano Beyazid II. Il sultano garantì l’indipendenza della Moldavia in cambio di un tributo annuale. Ricordiamo che i Principati di Valacchia e Moldavia, pur essendo sottoposti alla Sublime Porta, non fecero mai parte, come la restante Balcania, della “Casa dell’Islam”, ma continuarono a configurarsi come principati cristiani, retti con legge cristiana da signori cristiani cui la Porta si rivolgeva utilizzando le medesime formule protocollari previste per i sovrani della Cristianità occidentale.

    Difensore della cultura

    Il lungo regno di Stefano il Grande fu anche caratterizzato da un fiorente sviluppo artistico e culturale. Almeno 44 chiese e monasteri vennero eretti per volontà del grande Principe in ricordo di ciascuna battaglia vinta ed alcuni di essi sono patrimonio dell’UNESCO.

    Ricordiamo su tutti il celebre Monastero di Voronet, nei pressi di Suceava. Nel 1488 Stefano ne ordinò la costruzione per ricordare la vittoria sui turchi del 1475. I lavori iniziarono il 26 maggio e si conclusero in meno di quattro mesi, il 14 settembre. Nel 1547 furono aggiunti numerosi affreschi esterni per ordine del metropolita Gregorio Rosca, realizzati secondo la tradizione dallo ieromonaco Gaurila. Essi, anche per la presenza del grande Giudizio Universale, sono noti come la Cappella Sistina d’Oriente. Il colore azzurro dei dipinti affascina da secoli i visitatori e si racconta che alla fine del XVI secolo l’Imperatore Rodolfo II d’Asburgo invano inviò due alchimisti per studiare e carpire il segreto del colore azzurro del monastero.
    Stefano il Grande ebbe rapporti con l’Italia, in particolare con i dogi della Repubblica Veneta e alla sua corte fu medico curante Matteo da Murano. Inoltre l’azione predicatrice dei missionari francescani in Valacchia e Moldavia concorse alla conoscenza dei costumi romeni presso gli ambienti ecclesiastici. I missionari constatarono che nelle terre romene «si parlava quasi tutti in italiano». Tutto ciò favorì gli scambi culturali e nel Cinquecento molti giovani nobili romeni vennero educati in Italia.

    Stefano il Grande morì il 2 luglio 1504 e fu sepolto nel Monastero di Putna, da lui fondato nel 1469 in Bucovina, regione settentrionale della Romania ai confini con l’Ucraina. Gli successe sul trono il figlio Petru Rares. Durante il suo lungo regno la Moldavia era arrivata a costituire un vasto dominio che comprendeva il territorio tra i Carpazi a ovest, fiume Nistro a est, il Mar Nero a sud, e la Bucovina a nord.
    Papa Giovanni Paolo II, durante il viaggio apostolico in Romania, nel maggio 1999, affermò appena sceso dall’aereo che lo aveva condotto a Bucarest: «Il seme del Vangelo, caduto in suolo fertile, ha prodotto nell’arco di questi due millenni numerosi frutti di santità e di martirio. Penso (…) al santo re Stefano, “un vero atleta della fede cristiana”, come lo definì il Papa Sisto IV».

    (RC n. 27 – Ago/Set 2007)

  2. Sono una signora con un grande amore per la Romania, che lo ha scoperto grazie ad una vostra connazionale, la quale è riuscita a trasmettermi il vero significato dell’essere e sentire “romeno” e che io ringrazio pubblicamente per avermi trasmesso e aiutata a comprendere meglio lo spirito di un popolo, nostro fratello, il quale ama, forse più di noi italiani, la propria Patria. Ora, dato che mi interesso di più ai miei romeni che vivono in Italia, premetto che apprezzo la loro voglia di emergere anche come associazioni, sto notando, con stupore, che l’associazione Italia Romania Futuro Insieme, la cui presidente io stimo molto per lo spirito di solidarietà e profonda capacità di comprensione umana, non è tra quelle promotrici di questo vostro importante evento né tra i collaboratori e mi chiedo: perché?! Italia Romania Futuro Insieme per un “Natale Insieme”… non poteva mancare. Quale migliore occasione per voi di coinvolgere più associazioni e insieme dare un segnale più forte di unità e di fratellanza, oltre che di solidarietà per coloro che si trovano nel bisogno?! Lo spero per il futuro. Lo spero soprattutto per voi. Vi abbraccio con viva cordialità e vi auguro buone feste e un Anno 2012 pieno di buoni frutti.
    Carla

  3. 2011/12/05 – Italia e Romania: concerto di solidarietà

    ITALIA E ROMANIA: CONCERTO DI SOLIDARIETA’. Si svolgerà questa sera a Roma, presso il Teatro di Vigna Murata, un prestigioso concerto per simboleggiare la fratellanza dei due paesi latini, Italia e Romania. Il concerto, giunto al quinto anniversario in Italia, sarà eseguito dal Coro romeno ‘Corul Barbatesc Din Finteusu Mare’ e la cui origine risale alla Grande Unione della Romania avvenuta il 1° dicembre del 1918 – Festa Nazionale. Il Coro, diretto dal Maestro Prof. Andrei Dragos e giunto in Italia da Maramures, è formato da 35 voci maschili ed è conosciuto in tutto il mondo come uno dei cori di più antica tradizione del folklore e del repertorio di musica sacra, popolare e patriottica. In occasione dei festeggiamenti dei 150 anni dell’Unità d’Italia, numerose saranno anche le personalità italiane che parteciparanno all’evento e all’importante scambio interculturale che ciò può rappresentare.
    http://www.lesartistes.it/site/index.php/news/405-20111205-italia-e-romania-concerto-di-solidarieta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...