Preti greco-cattolici martiri del regime comunista romeno: l’unità della chiesa


La storia di mio bisnonno Vasile Nemeş, prete greco-cattolico, perseguitato.

Di Flavia Paula Olah, IV-a classe del Liceo Greco-cattolico “Timotei Cipariu” – Bucarest.

La Chiesa cattolica (katholikos – aggettivo che significa universale) dichiara d’essere la Chiesa di Cristo, che esiste nella sua forma attuale retta dal vescovo di Roma, il papa e da tutti i vescovi. Essa però, in gradi differenti, sussiste anche in altre chiese non in comunione con il vescovo di Roma.

All’interno della chiesa cattolica esistono due grandi identità: quella occidentale e quella orientale. Il gruppo di chiese cattoliche orientali comprende quelle di tradizione alessandrina o copta, antiochena o siro-occidentale, armena, caldea o siro-orientale e costantinopolitana o bizantina. Queste chiese hanno un rito proprio, sono di diritto proprio, con a capo un arcivescovo o patriarca. Si sa che, fino al 1054, la Chiesa era una sola e lo scisma tra le due chiese, Chiesa d’Oriente e quella d’Occidente, è stato il risultato di un lungo periodo di allontanamento fra le due chiese. Si ebbero più tardi due tentativi di riunione con il Concilio di Lione (1274) e con quello di Ferrara-Firenze (1439), ma anche altre ulteriori tentativi che sono fallite.

Il ritorno di una parte dei cristiani orientali nel seno della chiesa cattolica è avvenuto con gli ucraini negli anni 1595-96, evento noto nella storia con l’unione di Brest-Litovsk e seguito poco dopo dall’unione di una parte dei romeni della Transilvania degli anni 1697-1701. Il centro della diocesi Romena Unita è stata la città di Blaj, che si trova nel cuore della Transilvania, che anche ai nostri giorni costituisce l’arcivescovado del territorio.

Dopo l’Unione molti giovani romeni della Transilvania si diressero verso gli studi superiori, presso le scuole di Roma e Vienna. Questo orientamento della Chiesa Romena unita con Roma (Greco-cattolica) fu soppresso dal regime comunista dopo la Seconda Guerra Mondiale, più precisamente nel 1948. Dal 1948 fino al 1989, la chiesa greco-cattolica visse in segreto. Alcuni vescovi, sacerdoti e anche fedeli furono imprigionati ed uccisi, i loro luoghi di culto e le proprietà delle chiese confiscate.

Romanian_Greek-Catholic_Bishops_in_Gulag_1Dei 12 vescovi, nemmeno uno ha tradito la fede; hanno sofferto per lunghi anni la detenzione, 7 vescovi dei 12 sono morti nel carcere; circa 350 sacerdoti e non pochi laici sono morti nelle stesse condizioni e tutt’oggi non si sa dove sono le loro tombe.

In Romania, dopo la caduta del comunismo, è stata riconquistata la libertà di confessare la propria fede. Accanto agli ortodossi, che rappresentano 85%, i cattolici sono circa 12%, in cui rientrano i cattolici latini di lingua romena, ungherese, tedesca, polacca, slovacca, un piccolo gruppo di armeni cattolici, e i greco-cattolici di lingua romena, ungherese e ucraina. Ci sono pure alcuni protestanti di vecchia data: luterani, calvinisti, unitariani, neoprotestanti, gli avventisti ed i pentecostali. C’è anche una presenza interreligiosa: ebrei e una piccola minoranza mussulmana.

Attualmente in Romania i greco-cattolici sono più o meno 800 mila, con circa 900 sacerdoti e 200 seminaristi. La vita monastica si è ripresa anch’essa anche se molti dei monasteri sono stati confiscati dallo Stato. Molti giovani sorreggono la chiesa e vivono i valori trasmessi dai loro genitori, e noi qui presenti ne siamo un esempio.

Molti ci chiedono chi siamo, cosa vuol dire chiesa greco-cattolica. E’ difficile capire la nostra identità. Per un greco-cattolico vuol dire portare avanti la fede dei nostri martiri, un martirio per il nostro Signore Gesù.

Un po’ di storia

Dicevo che la chiesa Greco-cattolica romena si era separata dalla chiesa ortodossa nel 1700 mantenendo però l’originale liturgia bizantina e i canoni orientali, ma riconoscendo che dove è Pietro, là è la chiesa. Ebbe, per due secoli, un ruolo importante nello sviluppo dell’identità romena. Da Blaj, nota come “la piccola Roma” si diffusero le prime scuole in cui si insegnò a leggere e a scrivere in romeno con l’alfabeto latino, mentre la riscoperta delle radici latine della nazione era sostenuta da scrittori e teologi Greco-cattolici che formarono la cosi-detta “Scuola Transilvana”. La chiesa Greco-cattolica ebbe un ruolo importante nell’affermazione politica, civile e culturale dei romeni di questa provincia sotto l’occupazione dell’Asburgo. Finita la prima Guerra mondiale, nel 1918, questa regione transilvana, dove i romeni erano maggioritari, divenne parte dello stato romeno. (nel 1859, i due principati romeni, Moldavia e e Muntenia si erano uniti).

Il vescovo Greco-cattolico di Cluj di allora Iuliu Hossu, ed il vescovo ortodosso Cristea, lessero insieme la Dichiarazione d’unione, sancendo la prassi ecumenica tra le due chiese che non è mai stata messa in forse prima del sopravvento del regime comunista. Si sa che la distruzione della Chiesa Greco-cattolica romena venne decisa da Stalin, a Mosca, il quale aveva pensato ad annullare anche la Chiesa Greco-cattolica ucraina. Come in Romania anche in Ucraina sia il clero sia i fedeli sarebbero dovuti passare all’ortodossia. In questo senso l’incontro tra il patriarca russo Aleksej ed il patriarca romeno Iustinian Marina aveva evidenziato la loro collaborazione con il regime. A partire dal 1948 si produssero i primi arresti, i primi interrogatori ed il 1 dicembre 1948 la Chiesa Greco-cattolica fu messa ufficialmente al bando con l’Atto di abrogazione. La reazione dei vescovi fu molto decisa ed eloquente. Il vescovo Hossu dichiarò che per nessun motivo ”sarebbero diventati traditori” o “avrebbero abbandonato la fede della loro madre Roma”.

Tra il 27-28 ottobre del 1948 i vescovi Greco-cattolici Ioan Suciu, Vasile Aftemie, Ioan Bălan, Iuliu Hossu, Valeriu Frentie furono arrestati e messi in prigione e chiesto loro di passare all’ortodossia.

Nel volume Martiri e Testimoni della Chiesa Romena (1945-1989), con una pefazione di una nota dissidente romena Doina Cornea, pubblicato dalla Casa editrice “Viaţa Creştină”, vengono evocate le figure dei vescovi ormai note per il loro sacrificio e per la loro fede.

Iuliu Hossu, cardinale di Santa Romana Chiesa

Iuliu Hossu, cardinale di Santa Romana Chiesa

Il monsignor Iuliu Hossu, nato in un villaggio dell’alta Transilvania nel 1885, sacerdote nel 1910, dottore in teologia a Roma, presso il Collegio “De propaganda Fide”, fu un punto di riferimento spirituale per i romeni di Transilvania quando la regione, negli anni 1940-44, venne occupata dall’esercito del maresciallo Horthy, ligio al regime filo-nazista ungherese, fu sempre lui ad opporsi al passaggio all’ortodossia, dopo l’occupazione sovietica, affermando che “la nostra fede è la nostra vita”. É passato per le carceri del regime comunista romeno, e quando l’inviato papale lo informò che il governo romeno era disposto ad accettare la sua nomina a cardinale, a patto ch’egli lasciasse per sempre la Romania, monsignor Iuliu Hossu rifiutò di abbandonare i suoi fedeli per condividere il destino del suo popolo.

La storia del mio bisnonno, Vasile Nemeş

Di questa incredibile pleiade di preti greco-cattolici perseguitati dal regime comunista romeno fa parte anche il mio bisnonno, il prete Vasile Nemeş. È nato nel 1916 a Călineşti (Maramureş), nella parte nord-occidentale della Romania. Si è formato come prete seguendo i corsi dell’Accademia di Teologia di Cluj. Compiuti gli studi, fu nominato parroco a Soconzel, vicino a Satu-Mare.

Il mio bisnonno è sempre stato vicino ai suoi fedeli e nel 1944, quando, in Transilvania, i comunisti spingevano i contadini a spogliare gli ungheresi delle loro terre, li aveva consigliati di non toccarle, informandoli su quello che era avvenuto in Russia, dove la proprietà privata era stata abolita, ed i contadini avevano perso le loro terre a favore dei grandi kolkoz. Per questo suo intervento, ritenuto di propaganda anti-comunista, fu arrestato. Poi fu trasferito in un’altra parrocchia, quella di Sârbi, in Maramureş.

Durante le elezioni del 1946, fu membro della commissione elettorale e si rese conto della frode commessa dai comunisti, opponendosi al traffico dei voti. In quell’occasione affermò: “ finché sarò vivo, nessuno potrà fare degli imbrogli alle mie spalle”. Il presidente della commissione volle intimidirlo, minacciandolo con gli arresti. Ma il mio bisnonno non si arrese e nel periodo successivo dimostrò apertamente la sua opposizione al primo governo comunista di Petru Groza. Perciò il commissario di polizia, Ion Sofineţ, un suo ex-compagno di scuola, accompagnato dal capo della polizia locale, volle arrestarlo. Ma il parroco Nemeş, pur inseguito, riesce a scappare anche se la polizia gli spara addosso. La moglie, Ileana Nemeş, corse a chiedere aiuto ai fedeli, ma dopo due ore decise di prendere i suoi figli e di rifugiarsi nella casa dei suoi genitori, dove venne a sapere che suo marito, il parroco, aveva trovato riparo nella casa di sua sorella, Maria Dumitru Frunzilă di Călineşti, dove rimase nascosto per due settimane. I servizi della Securitate avevano emesso un mandato di cattura per la mia bisnonna. Di conseguenza i miei bisnonni decisero di lasciare i propri figli presso i loro genitori e di andar via. Si recarono dall’insegnante Andreica di Călineşti, cambiando i loro vestiti, prendendo un po’ di merenda ed una borsa. Andarono verso la località di Sârbi, ma in periferia si sentivano spari, fischi, cani che abbaiavano. Girando, sono arrivati nei pressi di una foresta, vi si inoltrarono e vi passarono tutta la notte. Pensavano di andare a Baia-Mare e di parlare con il vescovo. Invece sono dovuti tornare a Călineşti dove rimasero nascosti per un altro po’. Come stava per venire l’inverno i miei bisnonni presero la decisione di arrendersi. Si presentarono di persona alle carceri di Sighetu-Marmaţiei. Il mio bisnonno venne subito arrestato e portato in un carcere militare di Cluj. La mia bisnonna però fu rilasciata poiché incinta. Il 25 di novembre del 1947 venne rilasciato anche il mio bisnonno. Riprese la sua vita nella sua parocchia di Văleni. Ma non visse tranquillo. Le autorità gli chiedevano di passare all’ortodossia e lui si rifiutò di farlo. Di conseguenza le autorità romene gli vietarono di entrare in chiesa e celebrare la Santa Messa. L’ultima volta che disse la Messa fu nella cappella costruita insieme ai suoi fedeli. Venne nuovamente arrestato. La sua vita e quella dei suoi cari era diventata un inferno. Per cinque anni visse nelle più temibili carceri di Gherla e di Aiud. Sopravvissuto, fu rilasciato, ma non potè più fare il prete. Dovette fare umili lavori, da scaricatore nella stazione di Sighet, lavorare in una fabbrica di spazzole. Ma non riusciva a far vivere civilmente nè lui nè i suoi. Perciò prese sua moglie ed i suoi sei figli e si recarono in Valea Jiului dove fece il minatore, passando da una miniera di carbone all’altra. Fu per breve tempo contabile in un’officina dove si lavorava il legno. Essendo inseguito dalla Securitate, si spostava da un posto di lavoro all’altro. Mentre lavorava in una miniera di uranio, aveva perso la figlia, Tatiana, avvelenata con una caramella. Cosi morì anche suo figlio Ion Tarciziu, che si fece frate, ma prima aveva osato parlare pubblicamente, a Cluj, di una grande personalità romena, Avram Iancu, e per ciò fu anche selvaggiamente torturato.

Mio bisnonno, nel frattempo, era tornato a Călineşti, dove trovò lavoro in una cooperativa agricola. Vi rimase per degli anni. Si dedicava ai lavori dei campi, puliva le stalle, faceva il mungitore. Ma qui colse l’occasione di fare il prete per i contadini, spostandosi continuamente da un villaggio all’altro per confessarli. Gli anni volarono, ed il 19 marzo del 1989 si recò a Baia-Mare, ai funerali di un monaco. Dopo la cerimonia, si trattenne nel cimitero insieme ad altri fedeli per pregare il Rosario. Ad un certo momento si senti molto male. Gli si avvicinò una persona, sembrava un frate, il quale gli diede una pastiglia. 24 ore più tardi morì.

Il funerale di Vasile Nemeş, mio bisnonno, celebrato il 24 marzo 1989, si era trasformato in una vera manifestazione di fede greco-cattolica. Vi parteciparono più di 2000 fedeli e molti preti greco-cattolici.

Flavia Paula Olah IV-a classe del Liceo Greco-cattolico “Timotei Cipariu” – Bucarest

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...