Vasto, “Sărbătoarea Mărțișorului” la Festa del Marzolino


Vasto-martisor

La comunità rumena di Vasto organizza per domenica 28 febbraio prossimo, in piazza L. V. Pudente, dalle h. 16,00 in poi la “Sarbatoarea Martisorului” la Festa del Marzolino. Mărțișor è una tradizionale festa che celebra l’inizio della primavera.

Il nome deriva dal diminutivo di “Marzo” (in rumeno Martie) ed ha il significato di “piccolo” o “caro Marzo”. Nel corso della festa si regalano piccoli amuleti (marzolini) alle donne. Tali amuleti vengono avvolti in un nastro rosso e bianco. Considerato un portafortuna è un simbolo d’amore e di buonaugurio. Per l’occasione si potranno ammirare tipici costumi nazionali, assaggiare prodotti della tradizione culinaria rumena e partecipare alla lotteria che offrirà numerosi premi.

Fonte: http://www.vastonotizie.it/

Romania-Santa Sede: Accordo tra il Ministero della Cultura e il Pontificio Consiglio della Cultura


ROMA. Mercoledì, 24 febbraio, il Ministro della Cultura Vlad Alexandrescu, e il Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura,  S.Em.Rev.ma il Signor Cardinale Gianfranco Ravasi, hanno firmato un Memorandum d’Intesa tra il Ministero della Cultura e il Pontificio Consiglio della Cultura.

Questo primo documento interministeriale concluso dopo il ripristino dei rapporti diplomatici con la Santa Sede riconosce la collaborazione privilegiata nel campo della cultura tra la Romania e la Santa Sede e presenta le principali direzioni di sviluppo della cooperazione tra le due istituzioni: promozione dell’arte, tutela e promozione del patrimonio culturale, dialogo tra cultura contemporanea e religione. Il documento fa riferimento anche al programma “Cortile dei Gentili” – dialogo tra quelli che credono e quelli che non condividono una fede religiosa, lanciato anche a Bucarest, nell’ottobre 2011, in occasione della visita ufficiale del Cardinale Gianfranco Ravasi.

Ai colloqui hanno partecipato, da parte romena, l’ambasciatore di Romania presso la Santa Sede Bogdan Tătaru-Cazaban, sig. Mihail-Constantin Banciu, ministro plenipotenziario, sig. Rareş Zaharia consigliere del Ministro della Cultura, sig. Anghel Damian consigliere del Ministro della Cultura, mentre da parte del Pontificio Consiglio della Cultura, S.E. Mons. Paul Tighe segretario aggiunto, Mons. Gergely Kovacs capo ufficio, Mons. Pasquale Iacobone, P. Laurent Mazas.

Fonte: http://vatican.mae.ro/

Ravasi_Romania

ROMA. Miercuri, 24 februarie, ministrul Culturii, Vlad Alexandrescu, şi preşedintele Consiliului pontifical al Culturii, Em.S. Cardinalul Gianfranco Ravasi, au semnat un Memorandum de înţelegere între Ministerul Culturii şi Consiliul pontifical al Culturii.

Acest prim document interministerial de după reluarea relaţiilor diplomatice cu Sfântul Scaun recunoaşte colaborarea privilegiată în domeniul culturii dintre România şi Sfântul Scaun şi prezintă principalele direcţii de dezvoltare a cooperării între cele două instituţii: promovarea artei, protecţia şi promovarea patrimoniului cultural, dialogul dintre cultura contemporană şi religie. Documentul face referire şi la programul “Curtea Neamurilor” – dialogul dintre cei care cred şi cei care nu împărtăşesc o credinţă religioasă, lansat şi la Bucureşti, în octombrie 2011, cu prilejul vizitei oficiale a Cardinalului Gianfranco Ravasi.

La convorbiri au participat, din partea română, ambasadorul României la Sfântul Scaun, Bogdan Tătaru-Cazaban, dl Mihail Banciu, ministru plenipotenţiar, dl Rareş Zaharia, consilier al ministrului Culturii, dl Anghel Damian, consilier al ministrului Culturii, iar din partea Consiliului pontifical E.S. Mons. Paul Tighe, secretar adjunct, Mons. Gergely Kovacs, Mons. Pasquale Iacobone, P. Laurent Mazas.

Sursa: http://vatican.mae.ro/

Bacău: Elevii Școlii ”George Bacovia” activi în Campania “Dăruiește o carte pentru copiii români din Italia”


Sute de cărţi în limba română din Bacău vor ajunge la copiii români din Roma şi Centrul Italiei.

            Piatra de încercare a omeniei e fapta bună, căci omenia nu se manifestă în vorbe ci în fapte.  Asociația “Împreună Construim Viitorul” din Bacău,  în colaborare  cu  elevii  şi cadrele didactice ale Școlii Gimnaziale “George Bacovia” – Bacău, dir. Prof. Florescu Clement, au desfășurat  proiectul internațional de voluntariat  ”Dăruiește o carte pentru copiii români din Italia”, coordonat de prof. Dana Elena Sturzu și prof. înv. primar Roxana Elena Drăghin.

 Proiectul a pus  în  valoare cartea  românească,  care se ştie, este  hrană pentru suflet. Prin  activităţile desfășurate, voluntarii (elevii clasei a VIII-a B), au înţeles că “valorea unui om rezidă în ceea ce este capabil să dea şi nu în ceea ce este el capabil sa primească”.

Elevi voluntari ai Școlii Gimnaziale ”George Bacovia ” din Bacău.

Elevi voluntari ai Școlii Gimnaziale ”George Bacovia ” din Bacău.

Aici îşi găsesc locul doar cei ce simt, doresc şi vor cu adevarat să ajute, sa aducă o rază de lumină în suflete.

“Este minunat să fii mereu prezent printre oameni, cu inima şi sufletul, să-i ajuţi necondiţionat acolo unde este nevoie.     Este o onoare să fii voluntar în comunitatea unde trăieşti, să-ţi pese de cei din jur”, spun voluntarii, elevi ai Școlii Gimnaziale ”George Bacovia” – Bacău.

“Asociaţia noastră a încercat astfel să sincronizeze Campania de voluntariat cu proiectul inițiat de Asociaţia IRFI Onlus, “Italia-Romania: Futuro Insieme (Viitorul Impreuna)” din Roma, oferind posibilitatea copiilor, elevilor români şi tuturor doritorilor de lectură de a explora bogăţia şi farmecul limbii române, la Roma dar şi în alte zone din centrul Italiei.

 prof. Dana Elena Sturzu

prof. Dana Elena Sturzu

Atunci când dăruieşti iubire, primeşti iubire, când respecţi, eşti respectat. Toate aceste valori pot fi cultivate în conştiinţa copiilor / tinerilor prin participarea directă la acțiuni de voluntariat. A trezi şi a dezvolta spiritul voluntariatului la copii / tineri, a cultiva valorile lui, ar putea fi una din sarcinile de seama ale educatorilor, un spirit care transformă valorile sociale în principii de conduită personală.

 Acesta a fost doar un prim pas în colaborarea noastră. Pe viitor, dorim să continuăm acest minunat proiect și cu alte școli sau instituții interesate din Bacău, dar și realizarea de alte proiecte, care să stabilească o punte de legatură solidă între românii din diaspora şi cei de ACASĂ”, spune doamna prof. Dana Elena Sturzu, coordonatoarea Campaniei de voluntariat “Dăruiește o carte pentru copiii români din Italia”  şi preşedinta Asociaţiei  “Împreună Construim Viitorul” din Bacău.

Voluntariatul apropie oamenii și rupe frontierele. De asemenea ne face să redescoperim latura umană din interiorul fiecăruia dintre noi.

Asociaţia „Împreună Construim Viitorul” din Bacău, desfăşoară numeroase proiecte interculturale, printre care, „Roma-România: două popoare, o cultură”, realizat în colaborare cu Asociaţia culturală „GRUPPO STORICO ROMANO” din Roma (Italia).

Elevi voluntari ai Școlii Gimnaziale ”George Bacovia ” din Bacău.

Elevi voluntari ai Școlii Gimnaziale ”George Bacovia ” din Bacău.

“Dăruieşte o carte pentru copiii din Italia!”

Campanie de colectare a cărţilor în limba română.

Vă invităm să ne susţineţi, în continuare, în Campania de colectare a cărţilor în limba română pentru copiii din Italia! Citeşte mai multe aici: http://wp.me/pphml-1×9

Cu o carte, putem contribui împreună la păstrarea identităţii culturale a tinerilor români din Italia şi de pretutindeni.

Donaţiile de carte în limba română pentru copiii din Italia pot fi trimise prin curier sau prin intermediul firmelor de transport (Autostrada A1, ieşirea Orte), la BIBLIOTECA PENTRU COPII,
adresa: Asociaţia IRFI Onlus, Voc. San Lorenzo nr. 6, 01028 ORTE (VT) – Italia .
Pentru informaţii suplimentare, scrieţi un e-mail la: irfi.formazione@gmail.com

Vă mulţumim !

 

Afiş / invitaţie

MIGRANTES-clandestino verso il sogno americano


Venerdì 26 febbraio ore 19.00 –  Spazio AltraMente | Via F. Laparelli 60 Roma
> ingresso gratuito
> aperitivo 5 €

KarawanFest e AltraMente scuola per tutti presentano MIGRANTES-Clandestino verso il sogno americano: proiezione del cortometraggio The Mexican Dream di Gustavo Hernandez Perez; Luca Rosini intervista Flaviano Bianchini, a seguire_aperitivo&musica con Cranchi Acustico Schermata 2016-02-18 alle 10.28.50

Migrantes. Clandestino verso il sogno americano – patrocinato da Amnesty Italia – racconta l’incredibile storia dell’ambientalista e attivista per i diritti umani Flaviano Bianchini nei panni di un migrante clandestino in viaggio attraverso il Messico per raggiungere gli Stati Uniti d’America. Grazie alla sua lunga esperienza in America Latina, Flaviano Bianchini – privatosi del suo passaporto italiano – si è trasformato in Aymar Blanco, peruviano nullatenente con un sogno, lo stesso di milioni di sudamericani che ogni giorni si mettono in viaggio: il sogno americano.
Due giorni di galera in un luogo sconosciuto, un numero indefinito di assalti da parte di bande criminali e “legali”. E poi la fame, il freddo, il caldo, la sete e un muro da superare. Ma anche la solidarietà e l’amicizia di un popolo straordinario.
Tutto questo è “Migrantes”, un reportage straordinario raccontato in prima persona, senza filtri e senza reti di salvataggio da chi ha provato sulla propria pelle tutti i rischi di un viaggio ai limiti della sopravvivenza.
19.00The Mexican Dream di Gustavo Hernandez Perez
19.30_Luca Rosini intervista Flaviano Bianchini
a seguire_aperitivo&musica con Cranchi Acustico.
——————————————————————————–
Luca Rosini – giornalista e regista bolognese classe 1977. Noto per aver realizzato documentari e reportage in Italia, Europa Orientale, Palestina e Brasile, è stato inviato per “Annozero” di Michele Santoro, “Piazza Pulita” di Corrado Formigli e “Virus” di Nicola Porro. ha vinto numerosi premi, tra questi il Premio Accardi per il giornalismo 2005, ed il premio Ilaria Alpi per ben due volte (nel 2006 e nel 2011).
Flaviano Bianchini – ambientalista e attivista per i diritti umani, redattore di peacelink.it, è il fondatore e direttore di Source International, un’organizzazione internazionale che difende le comunità locali dagli abusi delle grandi imprese astrattive, vincitrice del Tech Award 2014.
The Mexican Dream – pluripremiato cortometraggio scritto e diretto da Gustavo Hernandez Perez, ispirato a fatti realmente accaduti, racconta la storia tragicomica di uno dei tanti messicani che attraversano illegalmente il confine con gli Stati Uniti rincorrendo il mito del ‘sogno americano’. Ajileo Barajas sogna di diventare una star di Hollywood e poter così migliorare le condizioni di vita della sua famiglia. Senza perdere delicatezza e levità di tono, il film esplora i sogni e le delusioni, la disperazione e la speranza di questo Don Chisciotte contemporaneo che con grande coraggio non smette di lottare per realizzare i propri sogni.
—————————————————————————-
venerdì 26 febbraio ore 19.00
Spazio AltraMente | Via F. Laparelli 60 Roma
 
> ingresso gratuito
> aperitivo 5 €
KARAWAN FEST 

APEL CĂTRE AUTORITĂŢI: Susţineţi Centrul Cultural Italo-Român din Milano !


Biblioteca Centrului Cultural Italo-Român din Milano s-a închis în 2014, fără posibilitate de a mai continua acest proiect.

Violeta Popescu

Violeta Popescu

Mai multe organizații și asociații ale românilor din Italia au făcut apel către autoritățile române pentru susținerea Centrului:  “Este incredibilă şi inacceptabilă situaţia în care se află  Centrul Cultural Italo-Român din Milano condus de doamna prof. Violeta Popescu, cea care promovează încă din 2008 cultura românească din Italia, prin proiecte de o calitate impecabilă, cum ar fi:

– Biblioteca românească din Milano, înfiinţată în 2009, cu un fond de carte de cuprinde peste 4.000 volume. Momentan cărţile au fost depozitate în diferite locuri, unul dintre acestea fiind chiar holul Consulatului General al României din Milano.
 
– Rediviva Edizioni, singura editură românească din Italia, înfiinţată în 2012 şi condusă de scriitoarea Ingrid Beatrice Coman, a publicat până acum circa 30 volume, organizând numeroase prezentări de carte, mostre şi alte evenimente culturale.
 
– Portalul bilingv http://culturaromena.it/ , este o sursă inepuizabilă de informaţii pe teme culturale, primind în ultimii 7 ani vizita a peste 7,5 milioane de persoane dornice să obţină astfel de informaţii.
 
– Cursurile de limba română, ţinute de prof. Valentina Negriţescu de la Universitatea de Studii din Milano, în cadrul bibliotecii centrului cultural, au fost suspendate tot din lipsa unui spaţiu.
Detalii despre proiectele Centrului Cultural Italo-Român din Milano:
 
 
Mulţumim tuturor semnatarilor și susținătorilor acestui apel.”

 

Biblioteca Centrului Cultural Italo-Român din Milano este un proiect de voluntariat al CCIR, inițiat fără niciun sprijin instituțional, fiind singura realitate culturală de acest fel în Milano și împrejurimi și a constituit un important punct de informare, pentru toți cei interesați de contactul cu România și cultura romană până la data închiderii, în anul 2014.

Deschisă in anul 2009, in Via San Vincenzo, apoi in Via Trebbia din Milano, nu s-a reusit gasirea unui spatiu adecvat de conservare a cartilor, umezeala care a pus in pericol volumele si lipsa unei sustineri financiare pentru plata chiriei unui spatiu functional.

De asemenea, nici cursul de limba romana organizat de doamna prof. Valentina Negritescu a fost sistat, acesta functionand in spatiul Bibliotecii.

Anuntam de asmenea pe toti cei interesati in a dona carti (foarte multe initiative venind din partea unor familii de romani si italieni) ca Centrul nu are spatiu adecvat pentru a depozita aceste carti.

In cadrul bibliotecii un rol important l-a avut crearea unei rețele de comunicare și parteneriat cultural cu asociațiile românești  dar și mediul cultural italian, interesat sa intre in contact cu o realitate culturala romaneasca.

În mod specific s-a dat atenție furnizării de materiale didactice pentru italienii care vor să învețe limba română și să cunoască cultură românească, sprijinirea studenților români de la universitățile italiene cu materiale informative necesare întocmirii lucrărilor de licență sau master.

Biblioteca s-a transformat în timp într-un centru de informare comunitară şi intercultuurală prin formarea unui spațiu cultural menit să favorizeze schimburile interculturale româno-italiene.

Multumim tuturor celor care mentin inca contactul cu Centrul Cultural Italo Roman: studenti, elevi, profesori, publicul larg care ne-a fost aproape in anii de activitate ai acestui proiect. 

Toate celelate proiecte ale Centrului Cultural: editura Rediviva, evenimentele editoriale, activitatile culturale vor fi anuntate in cadrul portalului CulturaRomena.it

CCIR, noiembrie 2015
Galerie foto activitati CCIR:

 https://plus.google.com/photos/113295415111355762440/albums/6063431263095986465

Video: https://www.youtube.com/watch?v=vk-LgI9hLJ4

Români din Italia. Alegeri parlamentare 2016: Votul prin corespondență


Înregistrarea cetățenilor români cu drept de vot care doresc să voteze prin corespondenţă la alegerile pentru Parlamentul României din anul 2016, se desfășoară în conformitate cu prevederile Legii nr. 288/2015 privind votul prin corespondență (art. 4 și următoarele).

Cetățeanul român cu drept de vot cu domiciliul sau reşedinţa în regiunile ABRUZZO, CAMPANIA, LAZIO, MOLISE, SARDEGNA, UMBRIA, care doreşte să îşi exercite dreptul de vot prin corespondenţă la alegerile generale pentru Senat şi Camera Deputaţilor, trebuie să se înscrie în Registrul electoral cu opţiunea pentru votul prin corespondenţă. Pentru aceasta este necesar fie să depună personal, fie să transmită prin poștă la Ambasada României în Italia următoarele:

-cerere scrisă, datată şi semnată;

-copia paşaportului cu menţionarea statului de domiciliu, în cazul cetăţenilor români cu domiciliul în străinătate, respectiv o copie a actului de identitate şi o copie a documentului care dovedeşte dreptul de şedere, eliberat de autorităţile italiene – exemple: cartea de identitate italiană care menționează rezidența actuală reală, certificatul de rezidență emis cu dată recentă de serviciul demografic al primăriei localității de rezidență în Italia, în cazul cetăţenilor români cu reşedinţa în Italia.

Modelul cererii este stabilit prin hotărâre a Autorităţii Electorale Permanente și conţine următoarele elemente obligatorii:

a) numele şi prenumele, precum şi numele anterior căsătoriei;

b) codul numeric personal;

c) toate elementele de identificare a adresei de domiciliu sau reşedinţă, după caz;

d) codul poştal al adresei de domiciliu sau reşedinţă, după caz;

e) adresa de e-mail;

f) data;

g) semnătura olografă a solicitantului.

Perioada de înscriere în Registrul electoral al alegătorului cu opţiunea pentru votul prin corespondenţă la alegerile generale pentru Senat şi Camera Deputaţilor începe cu data de 1 aprilie 2016 şi până la data expirării a 48 de ore de la data începerii perioadei electorale. Înscrierea în Registrul electoral cu opţiunea pentru votul prin corespondenţă nu este condiţionată de înscrierea anterioară în Registrul electoral, prevăzută la art. 42 alin. (2) din Legea nr. 208/2015. După expirarea termenului prevăzut pentru verificări, alegătorul are dreptul să verifice on-line înscrierea sa în Registrul electoral cu opţiunea pentru votul prin corespondenţă. Prevederile privind Registrul electoral din Legea nr. 208/2015 se aplică în mod corespunzător. Înscrierea în Registrul electoral cu opţiunea pentru votul prin corespondenţă pentru alegerea Parlamentului României în 2016 este valabilă numai pentru acest scrutin pentru care se solicită înscrierea. În cazul în care datele menționate mai sus furnizate de alegător în cerere sau în documentația anexată acesteia sunt eronate sau incomplete, alegătorul nu este înscris în Registrul electoral cu opţiunea pentru votul prin corespondenţă.

Sursa: roma.mae.ro

Cattolici e ortodossi insieme verso l’unità. Costruire una spiritualità del dialogo.


Dr. Dimitrios Keramidas (Pontificia Università di San Tommaso d’Aquino)

Istituto Francescano di Spiritualità, Pontificia Università Antonianum

PaoloVI_Atenagora

Paolo VI e Atenagora

Venerdì, 22 gennaio 2016

Com’è noto, la Chiesa Cattolica e quella Ortodossa si sono nuovamente scoperte come chiese sorelle, dopo diversi secoli in cui sui loro rapporti dominava la diffidenza e il sospetto, allorché il papa Paolo VI e il patriarca ecumenico Atenagora – due grandi precursori del risveglio ecumenico delle loro Chiese – si sono fraternamente abbracciati in Terra Santa il 6 gennaio 1964. Qualche mese più tardi, il 7 dicembre 1965, venivano abrogati gli anatemi del 1054 tra Roma e Costantinopoli e si apriva concretamente la prospettiva della riconciliazione tra queste due grandi sedi ecclesiastiche dell’Occidente e dell’Oriente cristiano, che in tal modo dichiaravano la loro determinazione di “deplorare e di cancellare dalla memoria e dal seno della Chiesa le sentenze di scomuniche che vi hanno fatto seguito, ed il cui ricordo è stato fino ai nostri giorni come un ostacolo al riavvicinamento nella carità, e di condannarle all’oblio” (Dichiarazione Comune 1965). Era un periodo in cui da entrambe le parti fiorivano sentimenti di autentica amicizia evangelica e profondo desiderio di unità.

Francesco_Kirill

Francesco e Kirill (Cuba, 12 febbraio 2016)

Eppure, fino alla fine degli anni ’50 l’ecumenismo cattolico-ortodosso veniva praticato in maniera piuttosto riservata, esaltandone il carattere personale. Per quanto riguarda la Chiesa Cattolica, i rapporti con le chiese ortodosse competevano alla Congregazione delle Chiese Orientali (prima dell’istituzione del Segretariato per l’unità dei cristiani), mentre dall’altra parte gli ortodossi si mostravano alquanto prudenti di fronte alla prospettiva di avviare un dialogo frontale con Roma. Fu, piuttosto, la visione di una nuova generazione di teologi di intuizione ecumenica (quali il tedesco A. Bea, l’olandese J. Willebrands e l’intelligentsia ortodossa russa della diaspora – G. Florovsky, N. Afanassieff, J. Meyendorff) ed ampie vedute intellettuali (come J. Daniélou, Y. Congar e J.-M. Tillard, teologo greco N. Nissiotis e il Metropolita Meliton del Patriarcato Ecumenico ed al.) che rammentarono l’importanza di un rinnovamento della teologia nelle risorse della tradizione veteroecclesiale, e cioè all’esegesi biblica, all’ecclesiologia eucaristica e alla teologia patristica – ovvero a quel modo di definire e fare propria la fede cristiana non per mezzo di assiomi speculativi, ma secondo i dettami del vivere ecclesiale, in altre parole, secondo un modo di teologare attento alle esigenze spirituali dell’uomo e al disegno salvifico universale di Dio e non più destinato a servire una mentalità caratterizzata dall’antagonismo confessionale. Altrettanto importante fu il mandato diplomatico di Angelo Roncalli in Bulgaria e a Costantinopoli, grazie al quale il futuro papa Giovanni XXIII ebbe modo di conoscere e apprezzare la spiritualità e il carisma particolare dell’Oriente cristiano, nonché l’esperienza pastorale di Atenagora negli Stati Uniti che fece di lui un ecclesiastico orientale nella provenienza, ma universale nel respiro ecclesiastico.

Facendo eco a questi movimenti, il CVII ha incluso tra i suoi propositi il tema dell’unità cristiana ed ha proposto dei principi-guida che hanno cambiato  sostanzialmente l’ottica dei rapporti intercristiani, specie quelli concernenti la Chiesa Ortodossa. Infatti, il Concilio, in un’ottica dialogante ed inclusiva, riconosceva numerosi “elementi di santificazione e di verità” che esistono al di fuori del corpo visibile della Chiesa Cattolica (LG§8). I Padri sinodali hanno, inoltre, parlato della congiunzione della Chiesa Cattolica con i cristiani che “sono segnati dal battesimo, col quale vengono congiunti con Cristo. Molti fra loro hanno anche l’episcopato, celebrano la sacra eucaristia e coltivano la devozione alla vergine Madre di Dio”. Con loro esiste “una certa vera unione nello Spirito Santo, poiché anche in loro Egli opera con la sua virtù santificante” (LG§15). La comunione tra la Chiesa Cattolica con i non cattolici era accennata anche in UR che integrava la dottrina ecclesiologica conciliare e soprattutto quella sul popolo di Dio: “Coloro infatti che credono in Cristo ed hanno ricevuto validamente il battesimo, sono costituiti in una certa comunione, sebbene imperfetta, con la Chiesa cattolica” (UR§3). Il documento proponeva il concetto di elementa ecclesiae, già contenuto in LG. Ebbene, anche la Dichiarazione parlava degli elementi spirituali che “possono trovarsi fuori dei confini visibili della Chiesa cattolica: la parola di Dio scritta, la vita della grazia, la fede, la speranza e la carità, e altri doni interiori dello Spirito Santo ed elementi visibili”, che appartengono all’unica Chiesa di Cristo (UR§3). Il Concilio ha, altresì, ricordato i tesori delle Chiese d’Oriente, ovvero i “molti elementi nel campo della liturgia, della tradizione spirituale e dell’ordine giuridico” e il fatto che “i dogmi fondamentali della fede cristiana sulla Trinità e sul Verbo di Dio incarnato da Maria vergine, sono stati definiti in Concili ecumenici celebrati in Oriente” (UR§14). Le Chiese d’Oriente, si aggiungeva, “hanno veri sacramenti”, in virtù “della successione apostolica, il sacerdozio e l’eucaristia” (UR§15). Infine, si ricordava che “per ciò che riguarda le tradizioni teologiche autentiche degli orientali, bisogna riconoscere che esse sono eccellentemente radicate nella sacra Scrittura, sono coltivate ed espresse dalla vita liturgica, sono nutrite dalla viva tradizione apostolica, dagli scritti dei Padri e dagli scrittori ascetici orientali, e tendono a una retta impostazione della vita, anzi alla piena contemplazione della verità cristiana” (UR§16).

Nello stesso periodo il mondo ortodosso incominciava ad affrontare sinodalmente la questione dei rapporti con Roma. Nelle Conferenze Panortodosse degli anni ’60, sebbene non si fosse raggiunti ad un accordo unanime circa l’invio o meno di osservatori ortodossi al CVII (anche se ciascuna chiesa locale era libera di inviare a nome proprio degli osservatori al Concilio), era stato deciso l’avvio del dialogo della Chiesa Ortodossa nel suo insieme con la Chiesa Cattolica nel segno dell’uguaglianza, ovvero “da pari a pari”, mentre il tema del dialogo con gli “eterodossi” fu iscritto nell’ordine del giorno del Sinodo Panortodosso. Ad ogni modo, e nonostante una qualche esitazione e sospetto da parte di alcuni nei confronti di Roma e del movimento ecumenico in generale, l’Ortodossia degli anni ’60 riconosceva l’esistenza di altre realtà ecclesiali e si dichiarava propensa all’idea della collaborazione intercristiana sul piano etico-sociale, pastorale e accademico (il cosiddetto “ecumenismo pratico”), sì da cercare punti di contatto con gli altri cristiani e coltivare l’amicizia e un éthos che promuovesse l’unità della famiglia cristiana.

Ora, il termine “dialogo da pari a pari”, in riferimento al Cattolicesimo, non intendeva essere un eufemismo, bensì riconosceva l’ecclesialità della Chiesa Cattolica (e quindi si poteva parlare del dialogo tra Chiese e non tra una Chiesa ed alcuni cristiani intesi individualmente, il che riporterebbe all’idea del “ritorno”), ricordava che l’ecumenismo è un dovere di tutta l’Ortodossia, sottolineava che i Paesi di tradizione ortodossa non devono essere considerati territori soggetti ad attività proselitistiche e che, in questo dialogo, nessuna Chiesa può rivendicare per sé una posizione “di superiorità” o “esclusività ecclesiologica”, esigendo il “ritorno” degli altri ad essa. Infatti, la Terza Conferenza Panortodossa (1964) ricordava che “la propaganda, il proselitismo, l’assorbimento e l’invito da una Chiesa ad un’altra al «ritorno» sono metodi remoti, inaccettabili e condannati nella coscienza cristiana”.

Un ulteriore interrogativo riguardava la possibilità di procedere ad un dialogo teologico oppure di limitarsi nell’ecumenismo. L’idea di far precedere il dialogo della carità al dialogo teologico era una scelta che aspirava al superamento della mentalità apologetica del secondo millennio. In altre parole, si dovevano creare prima le dovute condizioni oggettive e psicologiche, sia nell’una che nell’altra parte, per giungere alla “purificazione della memoria collettiva” (Dichiarazione comune di Giovanni Paolo II e Dimitrios, 1979) ed aderire poi al vero e proprio dialogo teologico. Purtroppo non si può ignorare che alcune ferite del passato, nonostante i gesti di perdono e riconciliazione, esercitano tuttora un’incisione negativa sull’animo di alcuni gruppi ortodossi, soprattutto in quelli appartenenti alle correnti più conservatrici dell’Ortodossia.

Tutto questo ci permette di fare una considerazione più generale. Il dialogo teologico coesiste con il dialogo della carità, perché l’assenza del primo significherebbe la perdita dello sfondo spirituale dell’approccio intercristiano, il che trasformerebbe l’ecumenismo in una specie di “buonismo ecclesiastico”, privandolo dalla dimensione carismatica che deriva dalla parentela spirituale che esiste tra coloro che credono in Cristo. Da parte sua, il dialogo della carità rinnova costantemente l’animo e lo spirito dei pastori e dei fedeli, rende effettivi i risultati del dialogo della verità ed ispira le Chiese a continuare le opere in favore dell’unità 1 .

Il dialogo della carità fu portato avanti negli anni ’60 e ’70 con gesti umili ma significativi e di carattere più o meno permanente al fine di saldare la riconciliazione ecclesiastica e fu promosso in diversi modi: restituzione di reliquie alle Chiese d’Oriente, incontri di preghiera, scambio di doni, lettere formali e invio di delegazioni ufficiali in occasione delle feste patronali di Roma e Costantinopoli, iniziative di carattere accademico (simposi, borse di studio) ecc. Commentava l’allora Metropolita di Filadelfia e attuale patriarca ecumenico Bartolomeo: “Se il dialogo fosse iniziato a partire dalle grandi divergenze che esistono tra le chiese, il suo progresso sarebbe stato problematico, in quanto ci saremmo trovati fin dall’inizio di fronte a difficoltà che, dal punto di vista psicologico, sarebbe stato difficile risolvere”.

Il dialogo della verità, annunciato solennemente dal papa Giovanni Paolo II e il Patriarca ecumenico Dimitrios a Fanar nel 1979, non aveva certamente l’intento di decretare trattati di unità, ma di tracciare un percorso comune verso. Infatti, i documenti del dialogo teologico non costituiscono delle “confessioni di fede”, né hanno un valore magistrale o normativo. Essi sono semplicemente dei documenti di lavoro, che rispecchiano dei punti di convergenza, che possono essere valutati e commentati dalle due Chiese in modo da aiutare i vertici e la base ecclesiale a comprendere meglio l’identità ecclesiastica dell’altro.

Il dialogo teologico ha come ultimo scopo il ristabilimento della piena comunione tra la Chiesa Cattolica e quella Ortodossa nella fede e nella comune celebrazione dell’eucaristia “secondo l’esperienza comune e la tradizione della Chiesa primitiva”. Ne consegue che il dialogo teologico esprime l’impegno ufficiale delle due Chiese a ripristinare la piena unità, così com’essa era vissuta nel contesto della cristianità indivisa. In altre parole, la comunione sacramentale presuppone una precisa esperienza d’unità, o meglio, un modo di vivere l’unità secondo dei criteri tangibili: la fede apostolica, la tradizione patristica, i concili ecclesiastici. Il dialogo deve, quindi:

1. Discernere ciò che unisce le Chiese, avvenire in uno spirito positivo e in una modalità nuova, al di là dell’esempio della teologia apologetica (l’esempio dei vecchi “contra errores graecorum” latini e quello delle “Confessioni di Fede” ortodosse).

2. Non ignorare i problemi esistenti, ma valutare le diverse formulazioni teologiche alla luce delle elaborazioni ecclesiologiche sviluppate dopo lo scisma, distinguendo quelle pratiche o dottrine che sono compatibili alla comunione eucaristica dai problemi che rendono impossibile la condivisione dello stesso calice.

Ora, ci si chiede con quali presupposti teologici gli ortodossi sono entrati al dialogo teologico con il Cattolicesimo e come hanno risposto alla domanda su che cosa c’è al di fuori degli orizzonti canonici dell’Ortodossia. La terza Conferenza Panortodossa Presinodale (1986) ha ribadito la convinzione ortodossa di essere l’“Una, Santa, Cattolica e Apostolica Chiesa”, riconoscendo, al tempo stesso, l’esistenza “reale” delle altre chiese e confessioni cristiane. Inoltre, la Conferenza dichiarava che il movimento ecumenico non è estraneo alla natura e la missione dell’Ortodossia, nella misura in cui si cerca di risolvere questioni ecclesiologiche (grazia, sacerdozio, sacramenti, successione apostolica). Pertanto, la Chiesa Ortodossa non dev’essere considerata “parte” dell’unica Chiesa (per cui non può accettare nessun compromesso o “parità” dottrinale), ma partecipe a pieno titolo a “tutta la verità” sulla Trinità, così com’essa è vissuta nella tradizione apostolicopatristica-conciliare. L’ecumenismo, così, inserisce la fede apostolica in nuovi contesti storici e risponde a nuovi interrogativi esistenziali. In tal senso l’Ortodossia testimonia la fede diacronica della Chiesa apostolica, essendo un fattore vivo della Chiesa di Cristo.

Questi principi teorici hanno reso possibile un cambio di prospettiva nei confronti di Roma: dall’epoca in cui teologi e ecclesiastici si esprimevano in toni di esclusività confessionale, esaltando la propria purezza dogmatica, si è passati ad un’era in cui si voleva scoprire – senza condannare – le realtà ecclesiali extra muros. La CMI fece propri questi interrogativi e si è interessata, fin dall’inizio, allo studio di questioni ecclesiologiche per evidenziare ciò che fondamentalmente è la Chiesa, cioè sacramento di unità, comunione e santità. In questo spirito, la prima fase del dialogo cattolico-ortodosso si è concentrata su: “Il mistero della Chiesa e dell’Eucaristia alla luce del Mistero della SS. Trinità” (Monaco 1982); “Fede, sacramenti e unità della Chiesa” (Bari 1987) e “Il sacramento dell’ordine nella struttura sacramentale della Chiesa, in particolare l’importanza della successione apostolica per la santificazione e l’unità del popolo di Dio” (Valamo 1988).

La CMI ha esaminato il sacramento dell’eucaristia e il mistero della Chiesa non in sé, bensì nella prospettiva dell’unità ecclesiastica. I documenti di questa prima fase del dialogo teologico volevano evidenziare che la Chiesa “esiste nella storia in quanto Chiesa locale” (1982) e rivela se stessa ogniqualvolta è in assemblea. È l’eucaristia che apre l’orizzonte escatologico e la dimensione comunionale dell’evento ecclesiale. Sicché il vescovo esercita la propria funzione in seno all’eucaristia e in comunione con i vescovi delle altre chiese locali.

Se, pertanto, la successione apostolica è di ordine sacramentale, essa è espressa visibilmente nello spazio (la comunione tra chiese locali) e nel tempo (la continuazione della fede apostolica). Le chiese cattolica e ortodossa riconoscono, quindi, l’autorevolezza della fede apostolica fondata sulle Scritture, sulla vita ecclesiale e sui decreti dei concili ecumenici che hanno pronunciato infallibilmente la vera fede. È evidente che con questi riferimenti si desiderava sottolineare un’ecclesiologia fondata sull’eucaristia e sulla natura sacramentale della Chiesa. In tal modo persino i vecchi punti di divergenza potevano ora essere reinterpretati alla luce della loro sintonia (o no) con la fede degli Apostoli e con l’attinenza alla vita eucaristica. In fondo, dal momento in cui si intendeva l’unità come un obiettivo di ordine sacramentale (dettato dall’“ecclesiologia della comunione”) e non amministrativo-gerarchico, i problemi sviluppati dopo lo scisma si inseriscono in “spiritualità dell’unità”.

La seconda fase del dialogo cattolico-ortodosso si è interessata del tema spinoso delle Chiese greco-cattoliche (o uniate) ed ha dimostrato quanto possa danneggiare la spiritualità del dialogo la persistenza di antichi impulsi polemici politico-religiosi. Nelle sessioni di Freising (1990) e Balamand (1993) è stato respinto il proselitismo, l’ecclesiologia della conversione e “del ritorno” quali modelli di unità. Tuttavia, l’insistenza di alcuni ortodossi affinché il tema dell’Uniatismo fosse discusso urgentemente e con la massima priorità, l’atteggiamento ambiguo da parte della Chiesa Cattolica e la mancanza di un trattamento complessivo della questione, ha lasciato allo spirito conflittuale locale il compito della riconciliazione fra greco-cattolici ed ortodossi, trascinando così il dialogo bilaterale ad un’impasse che ha arrestato lo spirito positivo degli anni ’80.

Nella terza fase del dialogo (2005-oggi) si è tornati ad occuparsi dello studio delle conseguenze canoniche ed ecclesiologiche della natura sacramentale della Chiesa, nella cornice delle discussioni sull’eucaristia. Il documento di Ravenna (2007) ha suggerito che primato e sinodalità, in quanto forme di governo della Chiesa, coesistono e interagiscono a vicenda, ai tre livelli della vita ecclesiale: locale, regionale e universale. Così, la sinodalità è percepita alla luce del primato, mentre il primato è organicamente e funzionalmente inserito nella sinodalità 2 .

Attualmente, il dialogo ufficiale si focalizza sull’esercizio del primato del vescovo di Roma nell’ambito della Chiesa universale del primo millennio e si è in attesa di accertare se esistano margini di accordo tra ortodossi e cattolici su questo punto critico. Nel frattempo, risultano essere degni di nota le recenti affermazioni di papa Francesco di inquadrare l’esercizio del primato in una linea più sinodale3 . Contemporaneamente l’Ortodossia si sta preparando per il Sinodo Panortodosso che, salvo imprevisti, si terrà nel 2016. Si auspica che il Sinodo possa offrire una rinnovata testimonianza di unità e di dialogo con i fratelli delle altre Chiese e Confessioni cristiane 4 .

Alla luce di quanto detto possiamo ora concludere con una breve valutazione sulla base dei punti evidenziati.

Un primo aspetto positivo del dialogo è il fatto stesso che le due Chiese abbiano accolto formalmente – e, si spera, irreversibilmente – l’impegno di costruire insieme un percorso che le riconduca alla desiderata unità. Grazie a questo itinerario si è potuto verificare che non sono pochi i luoghi teologici su cui sono possibili accordi: eucaristia, battesimo, sacerdozio, successione apostolica, sintonia con la fede apostolica, valore normativo dei concili ecumenici, condanna dell’ecclesiologia della conversione e del ritorno ecc. Poiché poi il dialogo cerca di approfondire i punti di convergenza e mettere luce su quelli di divergenza, i documenti ufficiali sono, in qualche modo, legati l’uno all’altro e non devono essere esaminati isolatamente dal clima ecumenico più generale, in quanto devono favorire la recezione del dialogo sistematico nella vita ecclesiale, in modo da in-formare trasversalmente il pleroma ecclesiale. Purtroppo spesso la dinamica del dialogo rimane pressoché staccata dalla vita ecclesiale, malgrado il notevole e faticoso impegno di ecclesiastici, teologi e attivisti dell’ecumenismo di eliminare vecchi pregiudizi, evitare nuove fratture e costruire un nuovo modo di pensare, agire e vivere cristiano che riavvicini la cristianità occidentale e quella orientale nella comune fede apostolica. In tal senso, anche interventi unilaterali, dell’una e dell’altra parte, che respingono la necessità del dialogo non aiutano, a nostro avviso, la logica dell’unità.

Una spiritualità dell’unità significa che:

1. Al dialogo si entra non per accentuare trionfalmente la superiorità della propria fede a quella altrui, ma per assistere umilmente all’opera d’unità condotta dallo Spirito Santo.

Per poterlo fare bisogna:

1.1.Cercare la via del perdono, della costruzione di spazi di accoglienza (il termine greco per la penitenza è: συν-χώρεσις), che rilevino lo spirito relazionale dell’evento ecclesiale (l’ipostasi trinitaria di Dio indica la priorità della dimensione comunionale della Chiesa rispetto a quella istituzionale). Come commenta Mons. Y. Spiteris: “L’ideologia non può essere teologia e molto meno annunzio di salvezza”!

1.2. È opportuno trovare elementi capaci a consolidare l’unità cristiana fondati sull’ecclesiologia e non su fattori extra-ecclesiastici. L’originalità del Cristianesimo deriva dalla Pentecoste, che diffonde a tutti gli effetti del Regno di Dio, e non dall’identificazione con l’uno o l’altro potere temporale.

2. In fondo, l’ecumenismo nasce da un impulso missionario: la chiesa “esce” nel (e non dal) mondo per annunziare la verità del Vangelo e la speranza della riconciliazione che essa già vive al suo interno. La missione ha, quindi, l’obiettivo di portare a compimento il “non ancora” (appunto, lo scandalo delle divisioni) con il “già” della partecipazione (eucaristica) di tutti alla vita trinitaria, che raduna il genere umano intorno alla visione della luce del Regno.

In quest’ottica è motivo di speranza che il papa Francesco e il patriarca ecumenico Bartolomeo, nella Dichiarazione comune da loro firmata a Gerusalemme nel 2014, abbiano indicato la spiritualità della professione dell’unica fede, della preghiera, del rinnovamento della vita interiore, del dialogo fraterno che deve ispirare i rapporti delle due Chiese per discernere insieme le tracce del Vangelo di Cristo, la via della penitenza e la pericoresi agapica delle rispettive esperienze spirituali.

  1. In questo spirito la Dichiarazione comune di Paolo VI e Atenagora (Roma 1967) ribadiva che il dialogo della carità era alla base di tutte le relazioni tra le due Chiese, in quanto si fondava sulla completa fedeltà al Signore Gesù Cristo e sul rispetto reciproco delle tradizioni ecclesiali: “Il Papa e il Patriarca danno la loro benedizione e sostegno pastorale a tutti gli sforzi a favore della collaborazione tra studiosi cattolici e ortodossi sul campo degli studi storici, dello studio nelle tradizioni delle Chiese, la patristica, la liturgia e l’annuncio del Vangelo che corrisponda contemporaneamente al messaggio autentico del Signore e i bisogni e le speranze del mondo di oggi”.
  2. Secondo il documento la comunione ecclesiale a livello locale si effettua “laddove vi è una comunità radunata dall’Eucaristia, presieduta, direttamente o attraverso i suoi presbiteri, da un vescovo legittimamente ordinato nella successione apostolica, il quale insegna la fede ricevuta dagli Apostoli, in comunione con gli altri vescovi e con le loro Chiese” (§18). A livello regionale e “poiché la Chiesa rivela la sua cattolicità nella synaxis della Chiesa locale”, “tale cattolicità deve effettivamente manifestarsi in comunione con le altre Chiese che professano la stessa fede apostolica e condividono la stessa struttura ecclesiale fondamentale” (§22) nel riconoscimento del primo tra i vescovi locali. Infine, a livello universale esiste un pròtos che presiede del concilio ecumenico di cui “una Chiesa locale non può modificare il Credo” sebbene si debba sempre “dare risposte adeguate a nuovi problemi, risposte basate sulle Scritture, in accordo e continuità essenziale con le precedenti espressioni dei dogmi” (§33), poiché “le decisioni dei Concili ecumenici restano normative” e “vincolanti per tutte le Chiese e per tutti i fedeli, per tutti i tempi e tutti i luoghi” (§35).
  3. Cf. Evangelii Gaudium: “Nel dialogo con i fratelli ortodossi, noi cattolici abbiamo la possibilità di imparare qualcosa di più sul significato della collegialità episcopale e sulla loro esperienza della sinodalità” [§246]; “Non è opportuno che il Papa sostituisca gli Episcopati locali nel discernimento di tutte le problematiche che si prospettano nei loro territori. In questo senso, avverto la necessità di procedere in una salutare “decentralizzazione” [§16]; “Il Concilio Vaticano II ha affermato che, in modo analogo alle antiche Chiese patriarcali, le Conferenze episcopali possono «portare un molteplice e fecondo contributo, acciocché il senso di collegialità si realizzi concretamente»” [§32]
  4. Cf. il documento della quinta Conferenza Panortodossa Presinodale su: “I rapporti dell’Ortodossia con il resto del mondo cristiano” che sarà sottoposto, ad referendum, al Sinodo.

 

 

 

loc

Fonte: https://www.academia.edu/20581059/Cattolici_e_ortodossi_insieme_verso_l_unit%C3%A0._Costruire_una_spiritualit%C3%A0_del_dialogo

http://www.ortodossia.it/

IMMIGRAZIONE, “PONTI NON MURI”, IL PROGETTO DEL CIR IN 5 PROPOSTE


09/02/2016  Viene presentato oggi, 9 febbraio, a Roma: «È arrivato il momento di dire basta ai soldi ai trafficanti, basta morti in mare e viaggi pericolosi», dice . Ci sono alternative concrete, già sperimentate, per consentire a chi ne ha diritto di arrivare in modo protetto e legale in Europa», dice Christopher Hein, fondatore del Cir e consultore del Pontificio Consiglio per la Pastorale dei Migranti ed Itineranti.

L’anno scorso sono affogati 3.770 uomini, donne e bambini nel Mar Mediterraneo; nel solo gennaio 2016, in un mese in cui tradizionalmente gli sbarchi si fermano per il mare mosso, i morti sono già stati 244. Pericolosa è anche la rotta balcanica: a luglio, quando arrivarono in Grecia 50 mila profughi (perlopiù siriani), si parlò di “flusso straordinario”; a gennaio, nel pieno del freddo che negli passati bloccava i viaggi, gli arrivi sono stati 55 mila.

Quasi tutti hanno diritto alla protezione umanitaria per le leggi europee e internazionali. Del resto, si stima che il 95% di tutti i richiedenti asilo nell’UE sia entrato in maniera irregolare.

La prima famiglia siriana giunta legalmente in Italia, accolta dalla Comunità di Sant'Egidio.

La prima famiglia siriana giunta legalmente in Italia, accolta dalla Comunità di Sant’Egidio.

«È arrivato il momento di dire basta ai soldi ai trafficanti, basta morti in mare e viaggi pericolosi. Ci sono alternative concrete, già sperimentate, per consentire a chi ne ha diritto di arrivare in modo protetto e legale in Europa». A dirlo è il Consiglio italiano per i rifugiati (Cir), che il 9 febbraio a Roma (Sioi, ore 15.30) presenta “Ponti non muri. Garantire l’accesso alla protezione in Europa”, una pubblicazione finanziata dal Gruppo Unipol.

Cinque le proposte: le sponsorizzazioni umanitarie, i programmi di reinsediamento e quelli  di ammissione umanitaria, i visti umanitari e la possibilità di presentare domanda d’asilo presso le autorità consolari europee nei Paesi di origine e di transito. Ne parliamo con il curatore del testo Christopher Hein, fondatore del Cir e consultore del Pontificio Consiglio per la Pastorale dei Migranti ed Itineranti.

 – Il 4 febbraio è arrivata in Italia la prima famiglia siriana in modo legale. È un primo modello?

«Sì, è un’ottima iniziativa promossa dalla Comunità di Sant’Egidio, la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e la Tavola Valdese, insieme ai Ministeri degli Esteri e dell’Interno. Riguarderà 1.000 persone, quindi un numero ancora piccolo, ma è un passo nella giusta direzione. Rientra nelle cinque possibilità che indichiamo nella guida: si tratta della sponsorizzazione da parte di privati, siano associazioni come Sant’Egidio o familiari residenti nel Paese di arrivo, che si impegnano a coprire le spese del viaggio e, per un determinato periodo (in Canada è un anno), del mantenimento del profugo invitato, dell’insegnamento della lingua e del suo inserimento sociale. Grazie a questa misura, in Germania 20 mila siriani si sono ricongiunti con i loro familiari e amici. In Canada, invece, ci sono associazioni, sindacati, parrocchie, circoli culturali, o addirittura condomini, che si uniscono e sponsorizzano una o più famiglie, seguendone poi il percorso di accoglienza. Questa è una delle alternative ai barconi; a nostro avviso l’Europa e l’Italia dovrebbero prevedere tutte e cinque le opzioni».

Yasmine e Falak, madre e figlia della famiglia siriana giunta in Italia il 4 febbraio.

Yasmine e Falak, madre e figlia della famiglia siriana giunta in Italia il 4 febbraio.

 – Qual è la seconda misura che proponete?

«Il reinsediamento, in collaborazione con l’Unhcr delle Nazioni Unite. Consiste nel trasferimento (in modo regolare) dei profughi dal Paese di transito a un altro Stato che ha acconsentito ad accoglierli e offrire loro protezione.Concretamente vuol dire trasferire i siriani, a cui viene riconosciuto lo status di rifugiati,dal Libano, Giordania, Turchia, Egitto, Iraq (sono i Paesi dove si trova il 95% dei profughi), o gli eritrei dalle megatendopoli del Kenya e dell’Etiopia. Il reinsediamento è già stato praticato, seppur in numero esiguo: nel 2014 solo 7.268 rifugiati sono stati reinsediati nel Vecchio continente, mentre gli Stati Uniti hanno fatto lo stesso per 73.011 persone, l’Australia per 11.570 e il Canada per 12.277. I Paesi europei che vi hanno aderito sono stati solo dieci, ricevendo un contributo tra i 6 e i 10 mila euro per ogni rifugiato; l’Italia ha partecipato con 450 siriani e 50 eritrei».

 – La terza modalità sono i Programmi di Ammissione Umanitaria.

«Sì, è l’opzione proposta dalla Germania per i siriani quest’estate. La modalità è analoga al reinsediamento, ma con una differenza sostanziale: non viene concesso l’asilo politico, ma una protezione temporanea sulla base di motivazioni umanitarie; vengono privilegiate persone vulnerabili, a cui viene garantito un permesso di soggiorno di breve durata, il cui rinnovo è subordinato al perpetuarsi delle necessità di protezione. Oltre ai 20 mila giunti con le sponsorizzazioni private, con questo programma il Governo tedesco ha fatto arrivare ulteriori 20 mila siriani nel 2013-14. Anche qui il problema sono i numeri: con tutti i 28 Stati dell’UE più la Norvegia e la Svizzera, si arriva a 30 mila, compresi i 20 mila in Germana, 500 in Gran Bretagna, 1.500 in Austria. Riguarda solo siriani e in alcuni casi eritrei, ma ad esempio non somali o afghani, nazionalità molto presenti tra i profughi».

 – La quarta e quinta opzione hanno una differenza importante rispetto alle prime…

«Sì, per rientrare nei primi tre programmi si deve essere selezionati, mentre queste due sono alternative senza quote fisse. La prima è la possibilità di chiedere un visto umanitario presso le autorità consolari europee nei Paesi di origine e di transito. Teoricamente questa possibilità è già prevista, ma nella pratica non esiste, o comunque viene applicata nella totale discrezionalità del singolo consolato o Stato. Prendiamo il caso di una donna eritrea perseguitata dalla dittatura di Afewerki: con questa modalità, anziché dover prendere il barcone tramite i trafficanti e fare domanda di asilo una volta giunta in Europa, potrebbe chiedere un visto in un consolato ad Asmara, oppure in Kenya, in Etiopia, o al Cairo. Qualora abbia risposta positiva, potrebbe poi arrivare legalmente in Europa e completare i documenti.La quinta opzione sono le Procedure di Ingresso Protetto (Pep): la modalità è la stessa della precedente, ma, anziché il visto umanitario, si chiede l’asilo politico. In questo modo il richiedente giunge in Europa solamente se ha ottenuto la protezione internazionale. In passato, vari Stati (Svizzera, Spagna) prevedevano questa opportunità, ma poi l’hanno ritirata perché erano gli unici a offrirla e questo accentrava tutte le richieste su di loro. Recentemente la Svizzera ha detto di essere disposta a riaprire tale possibilità, qualora sia condivisa con altri consolati europei. Infine, si noti che modalità come queste garantiscono maggior sicurezza e un controllo reale su chi entra in Europa».

 – Come si pone l’Agenda Europea sull’immigrazione rispetto a queste cinque modalità?

«Prevedeva, per la fine 2015, un programma sperimentale di reinsediamento in Niger, che ad oggi non è stato realizzato. Invece, il reinsediamento deciso a ottobre attraverso gli hotspot riguarda solo i profughi già sbarcati in Grecia e in Italia, non incidendo quindi sulle morti nel Mediterraneo e sugli affari dei trafficanti. Tuttavia è un miglioramento della situazione, pur avendodue grossi limiti: non tiene conto dei legami con parenti o conoscenti per decidere in quale Paese reinsediare il profugo e considera solamente eritrei, siriani, iracheni e centrafricani. A parte i primi, non sono le nazionalità principali di chi arriva in Italia. In ogni caso, anche questo programma fatica a essere messo in pratica: riguarda 160 mila profughi in due anni, ma oggi sono stati reinsediate solo 350 persone tra Grecia e Italia».

Fonte: http://www.famigliacristiana.it/ di Stefano Pasta

MAE, Concurs de admitere în Corpul diplomatic şi consular al României în anul 2016


Ministerul Afacerilor Externe organizează, la sediul din Aleea Alexandru nr. 31, un concurs pentru ocuparea a 40 de posturi diplomatice, în conformitate cu Legea nr. 269/2003 privind Statutul Corpului diplomatic și consular al României, cu modificările și completările ulterioare, precum și cu Hotărârea Guvernului nr. 8/2003 privind organizarea și funcționarea Ministerului Afacerilor Externe, cu modificările și completările ulterioare.mae

La concurs poate participa orice persoană care îndeplineşte cumulativ următoarele condiţii: are dreptul să ocupe o funcţie publică, conform prevederilor Constituţiei şi legilor în vigoare; se bucură de toate drepturile politice şi civile prevăzute în Constituţie şi în legile în vigoare; nu face parte din partide politice; a urmat studii superioare de lungă durată la o instituţie de învăţământ superior din ţară sau din străinătate, absolvite cu diplomă de licenţă sau echivalentă, recunoscută de Ministerul Educaţiei Naţionale și Cercetării Științifice; cunoaşte două sau mai multe limbi străine, dintre care una trebuie să fie limba engleză sau limba franceză; are o stare de sănătate corespunzătoare, atestată pe bază de act medical de specialitate; nu a fost condamnată pentru săvârşirea unei infracţiuni; nu este incompatibilă cu dobândirea calității de membru al Corpului diplomatic și consular al României.

Regulamentul de concurs și formularele de înscriere, precum şi toate informațiile referitoare la desfășurarea concursului se publică pe pagina de internet a Ministerului Afacerilor Externe, www.mae.ro, la secțiunea Cariere – „Oportunităţi de angajare”. Informații suplimentare pot fi solicitate la Departamentul Resurse Umane, telefon 021-4311765. Dosarele de înscriere la concurs vor fi depuse la sediul Ministerului Afacerilor Externe din Aleea Alexandru nr. 31, sector 1, Bucureşti (Registratura MAE), în perioada 4-17 martie 2016, în fiecare zi lucrătoare, între orele 10:00-14:00.

​  Regulament privind organizarea şi desfăşurarea concursului

 Bibliografie

​  Model Curriculum Vitae

​  Cerere-tip pentru înscriere
​Candidații vor completa olograf cererea-tip.

 

Sursa: http://www.mae.ro/