BICOCCA MILANO, BUILDING BRIGDES ITALIA-ROMANIA. PROPOSTE PER UN’EDUCAZIONE INTERCULTURALE


 Centro culturale italo-romeno di Milano (C.C.I.R.)  e Rediviva Edizioni, simboli di interculturalità in Italia. 

MILANO. Grande successo all’evento “Tra le due sponde – Building Bridges – L’educazione interculturale all’epoca dei nuovi fondamentalismi”, la quarta Giornata Interculturale promossa dall’Università Bicocca con la collaborazione di BMW Italia.

Lo scrittore Alessandro Baricco e Lucio Caracciolo (direttore della rivista Limes) hanno aperto i lavori della “Quarta Giornata Interculturale”, che si è svolta giovedi 26 maggio 2016 nell’Aula Magna dell’Università Bicocca di Milano, offrendo interessanti riflessioni sul tema.

Oltre mille i partecipanti, giovani e studenti, hanno seguito con interesse la giornata di lavori sulla interculturalità.

Violeta Popescu

Violeta Popescu

ITALIA-ROMANIA

La “Quarta Giornata Interculturale Bicocca” ha visto la partecipazione della Dott.ssa Violeta Popescu direttrice del Centro culturale italo-romeno di Milano (C.C.I.R.) e rappresentante della casa editrice Rediviva, punti di riferimento per la comunità romena in Italia, non solo a Milano. La Popescu è un pilastro nel dialogo interculturale, e alla Giornata Interculturale Bicocca, è stata una preziosa e concreta testimonianza di operato interculturale.  Rediviva Edizioni promuove, infatti, pubblicando da diversi anni le opere di autori romeni in lingua italiana. La traduzione di autori importanti ma poco conosciuti in Italia, quali  Bujor Nedelcovici, Liviu Rebreanu, Ingrid Coman (direttore editoriale della casa editrice), Doina Rusti, Stelian Turlea e molti altri. Tutto ciò rappresenta un primo importante contributo alla conoscenza della letteratura romena contemporanea in Italia.

La “Quarta Giornata Interculturale Bicocca” si è svolta quest’anno alla vigilia della “Giornata dei Romeni all’Estero”. Per questo, numerosi collaboratori del Centro culturale italo-romeno di Milano, presenti anch’essi al “Building Bridges”, tra cui prof. Valentina Negritescu, Doina Strulea (Università degli Studi Milano), Teodora Nacu (Università degli Studi Milano), Cristina Tomascu (Università ‘Luigi Bocconi), Georgiana Bedelean, Felicia Chi – videoreporter hanno dedicato la “Quarta Giornata Interculturale Bicocca” alla “Giornata dei Romeni all’Estero”.  La Dott.ssa Violeta Popescu ha quindi tenuto un intervento su “Editoria bilingue e trilingue come ponte di intercultura: il progetto  « Rediviva »”feliciafotoreporter5

Anche la Prof.ssa Mariana Paliev, insegnate di Lingua, Cultura e Civiltà romene in Italia,  è intervenuta con una relazione dal titolo “Intercultura, strumenti e curriculum, didattica e ricerca”, che verrà pubblicata sul sito dell’Università.

La partecipazione del C.C.I.R. alla Quarta Giornata Interculturale Bicocca ha avuto il sostegno morale e la vicinanza delle istituzioni romene in Italia. Il Consolato Generale di Romania a Milano ha concesso il patrocinio gratuito alla manifestazione; inoltre, preziosa è stata la collaborazione dell’Istituto Culturale Romeno e di Ricerca Umanistica di Venezia.

Rediviva-PopescuIl C.C.I.R. ha allestito nella giornata un tavolo con le pubblicazioni della Rediviva Edizioni : libri, riviste, dépliant, materiale informativo in lingua italiana, ma anche bilingue, italiano-romeno.

Testo: Simona Cecilia Crociani Baglioni Farcas

Foto: feliciareporter@gmail.com

 

Presentazione del volume «Uno di Me» di Severino Bacchin all’Istituto Romeno di Venezia


Martedì, 31 maggio 2016, ore 18.00,  nell’aula „Marian Papahagi” dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, sarà tenuta la presentazione del volume „Uno di me” di Severino Bacchin, pubblicato nel 2015 presso l’editrice Rediviva di Milano. Nell’ambito della serata, l’attrice Margherita Stevanato terrà un recital di poesie appartenenti a Severino Bacchin, accompagnate dalle musiche del compositore Matteo Segafreddo.

Severino Bacchin è uno dei poeti consacrati della regione del Veneto, occupandosi di poesia lirica, satirica, sociale, visuale e sperimentale. Le sue poesia sono state tradotte in francese (Gérard Luciani), inglese (A. Anderson e Philip Morre), romeno (Ştefan Damian e Irina Turcanu) e turco (Mattia Bordignon e Giampiero Bellingeri). E’ presente in  varie antologie di poesia italiana e straniere

Severino Bacchin (è nato nel 1940, a Mira – Venezia) ha firmato vari volumi di poesia, tra i quali ricordiamo „Parole-Pietre” (1975), „Parole mute” (1977), „La Maison Rose” (1979), „Parole arrugginite” (1982), „Loreley Benz” (2003), La luna dov’è? (2008), „Mille&3 tamburi/A Thousand&3 Marching-drums/O mie&3 tobe (2012), “Ozono generation” (2015). Inoltre, è presente in varie antologie („Antologia dei poeti del Triveneto” – 1975, „Omaggio poetico a Giacomo Casanova” − 1992, „Age Quod Agis” – 1999 ecc.).

L’evento è organizzato dall’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia.

Fonte: http://icr.ro/venetia/

Roma, 25 de ani de relații diplomatice dintre România și Ordinul Suveran de Malta


25-ani-malta-1

Fra’  Matthew Festing, Principe și Mare Maestru al Ordinului Suveran Militar de Malta.

Relaţiile diplomatice dintre România și Ordinul Suveran Militar de Malta au fost stabilite la 13 decembrie 1932, la nivel de legaţie, primul reprezentant diplomatic al Ordinului, contele Michel de Pierredon, prezentându-și scrisorile de acreditare la 27 ianuarie 1933. Relațiile diplomatice dintre România și Ordinul Suveran de Malta au fost întrerupte începând cu anul 1948, fiind restabilite la 24 mai 1991, când au fost ridicate la nivel de ambasadă.

La 24 mai 2016, la Villa Magistrale din Roma, unul din cele două sedii instituționale ale Ordinului Suveran Militar de Malta, a avut loc evenimentul de diplomație publică consacrat aniversării împlinirii unui sfert de secol de la restabilirea relațiilor diplomatice dintre România și Ordinul Suveran de Malta.

Ceremonia a fost onorată de prezența Principelui și Marelui Maestru al Ordinului, Fra’ Matthew Festing, și a delegației oficiale române fomate din prof. Sergiu Nistor, consilier prezidențial, Victor Micula, secretar de stat, Radu Boroianu, președinte al Institutului Cultural Român, Miheia Blebea, director adjunct DEOEC.25-ani-cartea

Prefațată de o cordială întâlnire cu Principele și Marele Maestru al Ordinului Suveran Militar de Malta, care a apreciat în mod deosebit participarea delegației române, manifestarea a continuat în biserica Sfânta Maria a Prioratului, de pe colina Aventin, singura biserică proiectată de Piranesi, aflată în incinta Vilei Magistrale, cu prezentarea mesajelor de către Marele Maestru Fra’ Matthew Festing, Consilierul prezidențial Sergiu Nistor și ambasadorul României pe lângă Ordinul de Malta, Bogdan Tătaru-Cazaban, intervenții care au evidențiat semnificația momentului aniversar, îndeosebi foarte bunele relații de colaborare consolidate pe parcursul ultimului sfert de secol.

Ambasadorul României pe lângă Ordinul de Malta, E.S. Bogdan Tătaru-Cazaban

Ambasadorul României pe lângă Ordinul de Malta, E.S. Bogdan Tătaru-Cazaban

Cu prilejul evenimentului a fost prezentat volumul aniversar “Romania e il Sovrano Ordine di Malta. 25 anni dal ripristino dei rapporti diplomatici (1991-2016)“, cu prefața Principelui și Marelui Maestru, publicat de Ambasadă la editura italiană Palombi. Evenimentul aniversar a beneficiat de participarea binecunoscutului Cvartet ConTempo, recent distins cu titlul de “Doctor Honoris Causa” al Universității Naționale a Irlandei, care a susținut un deosebit de apreciat concert de muzică clasică, îndelung aplaudat de asistență. Ambele momente culturale ale manifestării au fost realizate cu sprijinul Institutului Cultural Român.25-ani-malta-2

La eveniment au luat parte reprezentanți ai conducerii centrale a Ordinului Suveran de Malta (între care Fra’ John E. Critien, membru al Consiliului Suveran, ambasadorul Alberto Leoncini Bartoli, Consilier Diplomatic al Marelui Cancelar, Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto, Mare Prior de Roma, principele Don Alessandrojacopo Dragone Boncompagni Ludovisi Altemps, prim consilier la Ambasada Ordinului de Malta pe lângă Sfântul Scaun, Isabella Salburg-Falkenstein, Șef de Cabinet al Marelui Cancelar, A. S. principele Mariano Ugo Windisch-Graetz şi A.S. principesa Sophie von Habsburg etc.), ambasadorul Ordinului de Malta în România, ambasadori și alți membri ai corpului diplomatic acreditat pe lângă Ordinul Suveran de Malta, diplomați ai Ambasadei României în Italia (D.na Ambasador Dana Manuela ConstantinescuDan Pineta, ministru plenipotenţiar, Dl. Ovidiu Pufu, responsabil comunicare), reprezentanți ai mediului academic, cultural şi religios de la Roma (între care contele Prof. Fernando Crociani Baglioni Cavaler de Graţie şi Devoţiune al Ordinului Suveran Militar de Malta, P. Prof. Gabriel Buboi, Rector al Colegiului Pontifical “Pio Romeno”, Pr. Dr. Isidor Iacovici, parohul comunităţii românilor catolici de la Roma). Participanții au adresat felicitări conducerii misiunii României pentru înalta calitate a momentelor prezentate.

În încheiere a fost oferit un moment protocolar în grădinile Vilei Magistrale.

Vezi şi http://vatican.mae.ro/

 

concert de muzică clasică susţinut de Cvartetul ConTempo

Concert de muzică clasică susţinut de Cvartetul ConTempo.

La Romania e il Sovrano Ordine di Malta. 25 anni dal ripristino dei rapporti diplomatici (1991-2016)


25-ani-malta-1

Fra’ Matthew Festing, Principe e Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine di Malta

Nel periodo immediatamente successivo alla caduta del comunismo in Romania il Sovrano Militare Ordine di Malta ha creato un corpo di volontari per dare aiuto alla popolazione romena: il Serviciul de Ajutor Maltez în România (SAMR). Attualmente conta oltre mille volontari e 70 dipendenti ed è presente nel paese in 26 centri diversi. Assistenza medica, sostegno ai disabili, ai bambini e ai giovani in difficoltà, ai senzatetto e agli anziani, sono alcune delle principali attività dell’Ordine, che è impegnato inoltre, in programmi per il soccorso alle popolazioni colpite da catastrofi naturali.

“[…] Il 24 maggio 1991 la Romania ed il Sovrano Ordine di Malta, tenendo conto dell’importanza dei legami storici esistenti, ristabilirono le relazioni diplomatiche, formalmente allacciate nel 1932. […]

Più di quattro decenni di regime totalitario in Romania si erano conclusi nella violenza, con la perdita di numerose vite, nei giorni turbolenti del dicembre 1989. Tali avvenimenti ebbero tuttavia l’effetto di aprire il paese alla democrazia, alla libertà e ai valori Cristiani. Durante quel mese così caotico arrivarono in Romania i primi camion carichi di aiuti dell’Ordine di Malta.

Con umiltà e gratitudine desidero esprimere riconoscenza per il grande cuore dei Romeni, che in quei giorni difficili accolsero membri e volontari dell’Ordine di Malta invitandoli a stare nelle loro modeste abitazioni, a sedersi alle loro tavole, condividendo il poco che avevano e aiutando ad assistere chi era perfino più in difficoltà di loro. Fu una straordinaria lezione in un momento cruciale per i nostri membri e volontari che videro un popolo che conserva in sé profondi e vivi valori Cristiani, malgrado fosse oppresso da così tanti anni.

Da allora, l’organizzazione di soccorso dell’Ordine di Malta in Romania è cresciuta fino a divenire il terzo organismo dell’Ordine più grande dell’Europa centrale ed orientale, contando attualmente su 70 dipendenti e più di 1.000 volontari.

Ambasadorul României pe lângă Ordinul de Malta, E.S. Bogdan Tătaru-Cazaban

S.E. Bogdan Tătaru-Cazaban, Ambasciatore di Romania presso l’Ordine di Malta

A nome dell’Ordine di Malta desidero esprimere i miei più sinceri ringraziamenti a tutti  – membri, dipendenti e volontari romeni – che hanno contribuito con incredibile dedizione all’opera dell’Ordine in Romania. Pur appartenendo alle comunità di etnia romena, ungherese ed altre ancora e pur essendo di fede ortodossa, cattolico-romana, greco-cattolica e protestante, essi collaborano sotto la croce ottagona dell’Ordine di Malta con spirito di amore fraterno.

Desidero anche ringraziare le centinaia di beneficiari delle nostre attività – emarginati, disabili, malati, poveri, senza-famiglia – che assistiamo mettendo in pratica la nostra missione: tuitio fidei ed obsequium pauperum. […]

Dal 1991 le relazioni diplomatiche tra la Romania ed il Sovrano Ordine di Malta costituiscono le solide fondamenta di un’eccellente collaborazione a tutti i livelli e nei diversi campi di attività dell’Ordine in Romania. Nel celebrare questo 25° anniversario, esprimo riconoscenza per il sostegno offerto all’Ordine dalle autorità romene, ad esempio finanziando un ospizio o mettendo a disposizione i locali per una sezione del nostro organismo di soccorso o ancora gestendo in partenariato con noi un rifugio per senzatetto. […]

Possa questa straordinaria collaborazione nel rendere vitali i comuni valori Cristiani, essere in futuro ulteriormente approfondita e ampliata a beneficio dei bisognosi della Romania.”

25-ani-carteaFra’ Matthew Festing, 79° Principe e Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta, nella Prefazione al volume “La Romania e il Sovrano Ordine di Malta. 25 anni dal ripristino dei rapporti diplomatici – 1991-2016, pubblicato a cura dell’Ambasciata di Romania presso il Sovrano Ordine di Malta.

FAMILIA ŞI FENOMENUL EMIGRĂRII


Pr. Isidor IACOVICI Institutul Pontifical „Teresianum” din Roma (Italia)

Pornind de la premisa că nici una dintre familiile plecate în străinătate nu a ales această cale spre a-l căuta pe Dumnezeu, pentru a se sfinţi, ci pentru a câştiga bani, autorul articolului care urmează analizează problematica fenomenului imigrării şi a impactului acestui fenomen asupra familiei. Mai întâi, autorul indică faptul că familia este nevoită să emigreze şi evidenţiază cauzele acestei necesităţi, dar şi pericolele pe care le presupune. O altă realitate dureroasă tratată de pr. Isidor Iacovici este cea a necorespunderii promisiunii cu realitatea din ţara în care se emigrează. În acest context, autorul vorbeşte despre implicarea Bisericii în fenomenul imigrării, prin trimiterea de preoţi care să se îngrijească spiritual de conaţionalii lor, prin ajutorarea imigranţilor şi prin diferite manifestări cu caracter cultural şi spiritual. În continuare, autorul analizează situaţia familiei în contextul emigrării, precum şi consecinţele acesteia, printre care este şi cel al convieţuirii nesacramenale, împotriva căreia sunt aduse şi unele argumente şi remedii. În final, se tratează despre emigranţi şi muncile pe care le prestează în ţara-gazdă. (din Sumar). -famiglia-

Citeşte Familia si fenomenul emigrarii Pr. Isidor Iacovici (pdf)

…” nici una dintre familiile noastre plecate în străinătate nu a ales această cale spre a-l căuta pe Dumnezeu, pentru a se sfinţi, trebuie să fim realişti, ci pentru a câştiga bani, cât mai mulţi bani, pentru a putea achita datorii făcute în ţară, pentru a construi o casă, pentru a cumpăra o maşină sau, pur şi simplu, pentru a deschide o afacere, fie în ţară, fie chiar acolo, în străinătate, unde se află. Am fi idealişti să considerăm că, asemenea Fericitului Ieremia, mai pleacă astăzi cineva în străinătate pentru a se sfinţi. … Va trebui să acceptăm că aceasta este realitatea, să încercăm să o înţelegem, să-i dăm un sens şi să vedem la ce concluzii se poate ajunge.  Continuă să citeşti… Familia si fenomenul emigrarii Pr. Isidor Iacovici

Pr. Isidor Iacovici

 

Părintele Isidor Iacovici s-a născut la 9 aprilie 1958 la Bacău. A absolvit Şcoala Generală de 8 clase la Mărgineni în anul 1973, Liceul Seminarial din Iaşi în anul 1977 şi Institutul Teologic Romano-Catolic “Sfântul Iosif” din Iaşi în anul 1984. A fost sfinţit preot la 29 iunie 1984 la Iaşi, de către ep. Balint Lajos. A urmat studii postuniversitare la Pontificia Facolta Teologica “Teresianum” din Roma, obţinând licenţa şi doctoratul în teologie spirituală. A activat ca vicar la Rădăuţi, Piatra Neamţ, Prăjeşti şi ca paroh la Vizantea, Paşcani şi Iaşi “Sfânta Tereza a Pruncului Isus”. Începând cu data de 1 iunie 2004, activează în calitatea de capelan la Roma, îngrijindu-se de cele două comunităţi de români: Parohiile “San Vitale” şi “Santa Maria Causa Nostrae Laetitiae”.

La comunità romena congratula Don Isidor Iacovici, Dottore in Teologia


Nel secondo anniversario della beatificazione del Vescovo martire Anton Durcovici (1888-1951). Tesi del Dottorato.

1Don-Isidor-IacoviciRoma, venerdì, 20 maggio 2016, presso la Pontificia Facoltà Teologica Teresianum – Pontificio Istituto di Spiritualità, il Rev. Don Isidor IACOVICI, cappellano della Comunità Romena di Rito Latino in Roma (Românii romano-catolici din Roma ), Basilica di San Vitale , ha difeso il Dottorato in Teologia, con specializzazione in Teologia Spirituale, dal titolo: Il vescovo Anton Durcovici (1888-1951) testimone di Cristo. (La testimonianza fino al martirio durante il comunismo in Romania). Moderatore: Prof. François-Marie LÉTHEL.  Correlatori: Prof. Arkadiusz SMAGACZ e Prof. Innocent HAKIZIMANA NDIMUBANZI.Teresianum

Il nostro giubilo al Rev. Don Isidor IACOVICI per il meritato Dottorato, che va a premiare oltre gli alti studi teologici, l’impegno profuso negli anni di postulazione della causa di Beatificazione e Canonizzazione del vescovo martire di Iasi venerato in tutto il mondo. 

Roma, causa di Beatificazione del Servo di Dio Anton Durcovici Vescovo di Iasi e martire

1Dottorato-don-Isidor

Don Isidor Iacovici

Classe 1958, originario di Bacău, Romania. Ordinato sacerdote nel 1984 a Iasi. Fu viceparroco a Rădăuţi, Piatra Neamţ e Prăjeşti. Nel periodo 1989-2004 fu parroco di Vizantea, Paşcani e Iasi, presso la parrocchia di Santa Teresa del Bambino Gesù. Il 1 giugno 2004 è stato nominato cappellano dei migranti romeni di rito latino a Roma.

Indirizzo: via Nazionale 194/B, 00184 – Roma.

A cura di Simona Cecilia Crociani Baglioni Farcas

Foto: ercis.ro

Roma: Un nou doctor în teologie

 

Dottorato-don-Isidor

“Anton Durcovici a mers cu ochii deschişi spre moarte, din dragoste pentru Dumnezeu şi pentru aproapele”

 

1Teresianum

Una comunità cattolica romena di rito latino a Roma

Scuola, aumentano gli stranieri. Sono romeni i più numerosi


Sono 814.187 gli studenti stranieri che frequentano le scuole italiane. Il dato si riferisce all’anno scolastico 2014-2015 con un incremento significativo rispetto al 2001/02 quando gli iscritti erano appena 196.414. Gli iscritti stranieri fra il 2009/10 e il 2014/15 sono cresciuti del 20,9%, a fronte di una diminuzione pari al -2,7% fra gli italiani (da 8.283.493 a 8.058.397 unità) e di un decremento del -0,9% della popolazione scolastica complessiva (da 8.957.085 a 8.872.584 alunni). Nell’ultimo anno scolastico considerato (2014/15) si segnala una crescita modesta rispetto all’anno precedente, pari all’1,4% di studenti stranieri (+11.343). I dati sono contenuti nel rapporto annuale del ministero dell’Istruzione e della Fondazione Ismu, “Alunni con cittadinanza non italiana. La scuola multiculturale nei contesti locali. Rapporto nazionale. A.s. 2014/2015”. Il rapporto rappresenta il consueto approfondimento sulla popolazione scolastica con cittadinanza non italiana nell’a.s. 2014/2015. In questa edizione particolare attenzione è stata data alle differenze territoriali, con l’obiettivo di identificare le caratteristiche degli alunni e istituzioni scolastiche nelle diverse regioni, province e nei principali comuni italiani, ricostruendo traiettorie formative, nonché difficoltà e successi nel processo di apprendimento.Romania_1

ROMENI I PIÙ NUMEROSI – Nell’a.s. 2014/15 gli alunni con cittadinanza romena sono i più numerosi (157.153), seguiti da albanesi (108.331) e marocchini (101.584). A distanza troviamo il gruppo degli alunni di origine cinese (41.707) e filippina (26.132). I dati sulle cittadinanze confermano la forte eterogeneità che ha storicamente caratterizzato il nostro paese. Nelle prime quindici cittadinanze sono presenti tutti i continenti tranne l’Oceania. I romeni sono al primo posto in tutti gli ordini e gradi. Gli allievi di origine albanese sono al secondo posto nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, mentre sono al terzo posto nella scuola dell’infanzia e nella primaria. Nella scuola dell’infanzia i paesi che mostrano percentuali significative superiori alla media sono il Bangladesh (27,1%), il Marocco (25,8%) e l’Egitto (23,8%); nelle scuole primarie oltre al Bangladesh (43,2%) e all’Egitto (39,6) si aggiungono il Pakistan (40,1%) e l’India (39,5%). Nelle secondarie di primo grado gli studenti più numerosi sono originari della Cina (24,7%), della Macedonia (24,4%) e delle Filippine (24,1%). Infine nella secondaria di secondo grado sono particolarmente numerosi gli studenti dell’Europa orientale (ucraini 39,4% e moldavi 38%) e i latinoamericani (peruviani 34% e ecuadoriani 33,9%).

SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE – Aumento significativo delle presenze nelle scuole secondarie di secondo grado nell’ultimo decennio. Nell’a.s. 2014/15, rispetto all’a.s. precedente, si segnala una variazione di presenze di alunni, minima nella scuola dell’infanzia (+0,2%), nella scuola primaria (+3%) e nella secondaria di secondo grado (+2,8%). Diminuiscono gli alunni stranieri nelle scuole secondarie di primo grado (-1.6%), dato già riscontrato nell’a.s. 2013/14. Nell’ultimo decennio, si conferma l’ovvio primato della scuola primaria (scuola dell’obbligo e di durata quinquennale) per il maggior numero di alunni stranieri con cittadinanza non italiana, anche se la distribuzione percentuale nei diversi ordini e gradi mostra una consistente diminuzione in questo livello scolastico (passato da accogliere il 42,8% di alunni cni nel 2001/02 al 35,8% dell’a.s. 2014/15), a fronte di un aumento significativo delle presenze nelle scuole secondarie di secondo grado (dal 14% al 23%). Nell’a.s. 2014/15 sono 291.782 gli alunni stranieri iscritti alle scuole primarie (10,4% del totale), 187.357 gli studenti nella scuola secondaria di secondo grado (7% del totale), 167.068 gli allievi nelle secondarie di primo grado (9,6%) e infine 167.980 i bambini nelle scuole dell’infanzia (10,2%). Si nota che gli alunni italiani sono diminuiti in tutti gli ordini di scuola (tranne che nelle secondarie di secondo grado). L’unico ordine con una crescita nelle iscrizioni è la scuola secondaria di secondo grado, sia per quanto riguarda la presenza di italiani (+0,6%) sia di stranieri (+2,8%).

DIFFERENZE TERRITORIALI – Il Rapporto dedica una speciale attenzione alle differenze territoriali nelle presenze degli alunni cni e nella collocazione delle scuole multiculturali nelle comunità locali, in cui si possono generare rischi di eccessiva concentrazione di stranieri ma anche occasioni e spazi significativi di inclusione educativa e sociale. La regione con più alunni stranieri è sempre la Lombardia. La Lombardia è ancora la regione con il maggior numero di alunni stranieri (in totale, ma anche la maggioranza dei nati in Italia, dei neoentrati), superando le 200mila presenze (201.633), seguita da Emilia Romagna e Veneto (oltre 90mila alunni stranieri), Lazio e Piemonte (oltre 70mila). Solo in due regioni gli alunni stranieri decrescono fra il 2013/14 e il 2014/15 (-3,6% in Valle d’Aosta, -0,1% in Veneto). Nel complesso, nell’ultimo decennio, la crescita maggiore nella presenza di alunni cni, in termini di variazione percentuale, si registra in molte regioni del Sud che hanno visto crescere questa componente del più del 200% (Calabria, Basilicata, Sicilia, Campania). Per quanto riguarda l’incidenza percentuale, l’Emilia Romagna è la prima regione con 15,5 studenti cni ogni 100 studenti; il Veneto è la prima regione per incidenza di nati in Italia sul totale degli alunni stranieri (62,8%); la Sicilia la prima per incidenza di neoentrati nel sistema scolastico regionale (11,9%).

LE PROVINCE – Le province con più alunni stranieri sono Milano, Roma e Torino. A livello provinciale, nell’a.s. 2014/15 la graduatoria per numero di alunni con cni pone la provincia di Milano al primo posto (80.333), seguita da quelle di Roma (61.172), Torino (37.920) e Brescia (32.678), Bergamo, Firenze e Bologna (con oltre 20mila alunni), Treviso, Verona e Vicenza (con 18-19 mila presenze). Tra le prime 10 province si riscontra una prevalenza dei territori del Nord (tre province lombarde e tre venete), 5 capoluoghi regionali (Milano, Roma Torino, Firenze Bologna). La graduatoria delle province per maggior numero di nati in Italia coincide con la precedente (Milano, Roma, Torino e Brescia), così come quella per maggior numero di neoentrati (Milano, Roma, Torino, Firenze). Il calcolo dell’indice di associazione tra province e principali nazionalità evidenzia che: i tunisini si concentrano soprattutto a Trapani (con ben 13 volte la percentuale di presenza rilevata in Italia) e a Ragusa (10 volte), i cinesi a Prato (9 volte); gli ucraini nelle province campane (oltre 7 volte a Caserta e quasi 7 a Napoli, 5 volte ad Avellino e Salerno, 4 volte a Benevento); gli indiani nelle province di Mantova e Cremona (6 volte), di Latina (5 volte), di Reggio Emilia e Brescia (3 volte); i filippini nelle province di Messina, Cagliari (4 volte) e Milano (3 volte); i moldavi nelle province di Parma (4 volte), Padova e Venezia (3 volte), gli albanesi nella provincia di Pistoia (3 volte), i peruviani nelle province di Milano e Firenze (3 volte), i marocchini nella provincia di Biella (3 volte), i rumeni nella provincia di Agrigento (quasi 3 volte). (Red – 11 mag)

(Fonte:  9Colonne )

Tre blogger romeni visitano la Marsica grazie a un’iniziativa del Gal Gran Sasso Velino


Patricia

Patricia Coscai

Avezzano. Due giornaliste di nazionalità romena e un collega fotografo incontrano la Marsica più verace e genuina. Da una meravigliosa idea del Gal Gran Sasso Velino, nasce una sinergia di fondo con l’Estero i condivisione dei tesori territoriali marsicani più belli. Grazie al Gal Terre Aquilane, per tre giorni, i tre blogger hanno viaggiato per la Marsica, raccontando nel loro blog lo spirito eterno del territorio. Le bellezze marsicane vengono narrate, in giro per il mondo, nel modo giusto? Un punto di domanda, questo, che sottintende un punto esclamativo di tutto rispetto, riscontrato sul luogo marsicano per eccellenza dell’incontro perfetto. Si chiamano Patricia Coscai e Orouer Proriter le due blogger che, assieme ad un fotografo della stessa nazionalità romena, per tre giorni e tre notti consecutive, da domenica 1 maggio a martedì 3 maggio, hanno assaggiato, pezzo dopo pezzo, la Marsica, come fosse una torta a più strati variegati e palpabili, da apprezzare e degustare lentamente ad ogni boccone affamato di notizie. Grazie alla lungimiranza dimostrata in più campi dal Gal Terre Aquilane e dal Gal Gran Sasso Velino, pionieri entrambi di progetti connessi al vettore turismo, i tre blogger di fama, sulle orme dei più grandi disegnatori paesaggisti dell’800, hanno valicato monti, raccontato montagne e sorseggiato spicchi di sole sulle lande marsicane, narrando il loro viaggio nel blog più quotato di Romania, quale quello di ‘Călătoria Perfectă’ (Il Viaggio Perfetto). Emozionato a seguito dell’esperienza vissuta, il vicepresidente del Gal Terre Aquilane Nino Garofali, il quale, a seguito dell’integrazione turistica, ha raccontato che «i tre sono stati ospiti nel suggestivo Hotel-Residence dei Pierleoni, ‘Il Feudo’, nel Comune di Celano, che ha offerto ai tre reporter romeni, per tre giorni e tre notti, un’ospitalità ed una cortesia preziose. Ringrazio – ha affermato il vicepresidente – il titolare Luca Pierleoni. Abbiamo scelto una location peculiare del genere, perché ripropone la composizione originaria di un vero feudo medioevale. I tre giornalisti sono rimasti estasiati anche da Alba Fucens: hanno affermato, durante la visita, che sembrava quasi di respirare l’aria di Pompei, ma senza pagarne il biglietto».

Sul blog romeno ‘Călătoria Perfectă’ è già possibile visionare tutto il lungo excursus di parole e di foto firmate, che ha messo in evidenza, oltreconfine, i tesori naturali della zona marsicana. La visita è stata organizzata grazie al contatto intessuto fra le due realtà, avvenuto tra il Gal Terre Aquilane e le menti romene presso l’ultima Fiera Internazionale del Turismo di Bucarest, nella quale, il Gal è stato ospite attivo attraverso le finalità e le propaggini concrete del progetto ‘Expass’, conclusosi il giorno 30 aprile scorso. I tre blogger sono stati accompagnati nei loro viaggi marsicani, da due guide turistiche di simpatica eccezione, quali i vicepresidenti del Gal, Nino Garofali e Rocco Di Micco. I tre reporter hanno visitato luoghi simbolo della terra marsa, come le Gole di Celano (fugace e immemorabile set cinematografico di film come ‘Conan il barbaro’), il Castello Piccolomini, i Cunicoli di Claudio (fil rouge sotterraneo di tutto l’entroterra marsicano), le preziosità di Alba Fucens e la famosa Galleria del Gusto battezzata dal Gal Gran Sasso Velino. Il turismo si mette in moto grazie ad idee condivise. «I tre – ha continuato Garofali – hanno apprezzato i due Castelli, curati ad hoc e rivolti, secondo il loro parere, ad un pubblico turistico eterogeneo. Affascinati dalla storia del lago Fucino e dai prodotti tipici del nostro panorama culinario sempiterno, come il tartufo e lo zafferano, i tre sono venuti a conoscenza di tutte le pieghe storiche che innervano anche ora la vita della Marsica del progresso, Terremoto del 1915 compreso».romeni-Marsica

Fautore di questo felice momento di simbiosi fra occhi romeni e cuore marsicano, è stato il Gal Gran Sasso Velino, ideatore primo dell’iniziativa turistica a scopo espositivo e conoscitivo. Vetrine originali di una terra che è difficile da paragonare ad altre per bellezza e solarità, sono state l’orto botanico, la Galleria del Gusto e lo Showroom dei prodotti tipici, impalcature turistiche, queste, realizzate grazie ai fondi Leader. Il presidente del Gal Gran Sasso Velino, Bruno Petrei, ha elogiato il nodo rafforzato con la Romania. «Un progetto che prospetta un risultato del genere, è foriero di una soddisfazione enorme per chi, quello stesso progetto, lo ha ideato e messo in atto. La Galleria del Gusto e l’orto botanico, nella loro fattispecie, sono frutto della programmazione Leader 2007-2013, che si è conclusa il giorno 31 dicembre del 2015. Ora sta per spalancare le porte la nuova programmazione 2014-2020. Creeremo prossimamente un anello di aggancio fra la vecchia programmazione e la nuova, cosicché le idee già messe in moto ed in marcia continuino la loro esistenza, ampliandosi, però, verso orizzonti nuovi e verso inesplorate prospettive». Fiore all’occhiello di una tradizione naturalistica che si tenta di non far scomparire nel mare magnum della modernità di oggi, è il colore primaverile dell’orto botanico del Gal. È possibile, al suo interno, ammirare già il culmine della pianta della genziana, etichetta territoriale della Marsica verace, le fragole di bosco, la salvia – pianta simbolo del Monte Salviano – ed, infine, la Santoreggia, pianta aromatica e madre del prelibato miele omonimo. Questo è solo un assaggio delle oltre cento e più varietà di piante che stanno or ora crescendo con attenzione all’interno del recinto locale, curato dal Gal Terre Aquilane, voce tecnica del progetto insediato dal Gal Gran Sasso Velino. Il prossimo anno, la natura in fiore della Marsica sarà meta prescelta di numerosissime visite scolastiche, all’ombra degli indimenticati Cunicoli di Claudio. Gli alunni parteciperanno con verve alla rinascenza floreale di una terra che vuole farsi conoscere all’Estero per ciò che è realmente: un territorio dalle grandi doti turistiche, archeologiche e paesaggistiche.

Fonte: http://www.marsicalive.it/

ROMA. La XXV Festa dei Popoli domenica 15 maggio a San Giovanni in Laterano


La Festa dei Popoli, quest’anno intitolata “Misericordia senza confini”, è organizzata dall’Ufficio per la Pastorale delle Migrazioni del Vicariato di Roma, dalla Caritas diocesana di Roma e dai Missionari Scalabriniani, in collaborazione con le comunità etniche di Roma e provincia, le Acli provinciali, Roma Capitale e la Regione Lazio. Dalle ore 9 l’apertura degli stand in piazza San Giovanni in Laterano, alle 12.30 la Messa nella basilica lateranense presieduta dal vescovo Guerino Di Tora, ausiliare per il settore Nord della diocesi di Roma e presidente della Commissione Cei per le Migrazioni e della Fondazione Migrantes. La Festa proseguirà con la degustazione di prodotti gastronomici tipici delle comunità etniche partecipanti e, dalle 15, con lo spettacolo folkloristico multietnicoFesta-dei-Popoli_Roma-2013

 Domenica 15 maggio, a San Giovanni in Laterano, si svolgerà la XXV edizione della Festa dei Popoli. Intitolata “Misericordia senza confini”, è organizzata dall’Ufficio per la pastorale delle Migrazioni di Roma, dalla Caritas diocesana, dai Missionari Scalabriniani in collaborazione con le comunità etniche di Roma e provincia, tra cui le comunità romene cattoliche ed ortodosse, le Acli provinciali, Roma Capitale e la Regione Lazio. Suddivisa in due parti, una liturgica nella basilica di San Giovanni in Laterano e l’altra folkloristica e culturale sul palco e nella piazza antistante la cattedrale di Roma, «la Festa dei Popoli – spiega monsignor Pierpaolo Felicolo, direttore dell’Ufficio diocesano per la pastorale delle Migrazioni – è fin dalle sue origini un evento di grande amicizia e rispetto profondo. Nata da un’intuizione pastorale dei Missionari Scalabriniani nel contesto parrocchiale del Santissimo Redentore a Val Melaina, ormai da 11 anni ha assunto i caratteri dell’evento diocesano e cittadino affermandosi sempre più come un’occasione propizia per le oltre 50 comunità etniche di Roma, con i 150 centri pastorali coordinati dalla Migrantes diocesana, di farsi conoscere dalla città in un clima di convivenza armoniosa, di collaborazione, di testimonianza di fede e di accoglienza reciproca».

Il tradizionale appuntamento prenderà il via alle 9 nel piazzale antistante la basilica di San Giovanni in Laterano con l’accoglienza, la visita agli stand e la possibilità per i più piccoli di partecipare ai giochi e all’animazione che faranno da cornice all’intera giornata. Alle 12.30 è prevista la celebrazione eucaristica nella basilica lateranense: sarà concelebrata da circa 80 sacerdoti di diverse nazionalità, vi prenderanno parte attiva 29 diverse comunità e sarà animata musicalmente da 13 cori che si alterneranno durante la liturgia, coordinati da padre Farid Saab, della comunità libanese maronita. A presiederla, il vescovo Guerino Di Tora, ausiliare per il settore Nord della diocesi di Roma e presidente della Commissione Cei per le Migrazioni e della Fondazione Migrantes. Quest’ultima è da sempre tra i più convinti e fattivi sostenitori della Festa dei Popoli che, come afferma il direttore della Caritas diocesana di Roma monsignor Enrico Feroci, «è giunta alla 25ª edizione affermandosi in questi anni come momento peculiare per scoprire l’importanza che le comunità etniche rivestono per la nostra Chiesa, così come ha più volte sottolineato papa Francesco. Un evento che ci invita anche a riflettere su come valorizzare maggiormente questa grande testimonianza di fede all’interno delle comunità e pensare nuovi percorsi di integrazione all’interno dei gruppi che operano nelle nostre parrocchie». Gli fa eco padre Giovanni Borin, superiore dei Missionari Scalabriniani di Europa e Africa, che aggiunge: «L’appuntamento di quest’anno è tra gli eventi del Giubileo che pongono al centro l’importanza dell’incontro e del dialogo ecclesiale e civile tra tutti i fedeli e i cittadini della diocesi e della città di Roma, sottolineando la ricchezza che viene dal confronto con culture differenti».

La giornata di festa proseguirà con un momento conviviale che prevede la degustazione di prodotti gastronomici, tipici delle comunità etniche partecipanti; al pomeriggio, verso le 15, prenderà il via lo spettacolo folkloristico multietnico con esibizioni di artisti provenienti dal mondo intero che vedrà alternarsi sul palco quattro presentatori: Ireneo Spencer, della comunità capoverdiana, Sara Vitali, della parrocchia del Santissimo Redentore a Val Melaina, Ryan Asinas e Jeneca Mangayo, della comunità filippina. Saranno oltre 50 le etnie che daranno il loro contributo durante la Festa per l’accoglienza, l’animazione dei più piccoli, la liturgia, la gastronomia, l’intrattenimento: tra queste, 14 comunità etniche si occuperanno del pranzo, 25 gruppi artistici dello spettacolo – a loro l’omaggio degli aquiloni creati dai ragazzi rifugiati ospitati a Casa Scalabrini -, 29 comunità saranno impegnate nella liturgia eucaristica. Saranno 24 gli stand allestiti dalle comunità etniche presenti sul territorio e 14 quelli delle associazioni socio culturali e partner.

Video: Lautarii din Italia ” Hora Moldovei” a Roma – San Giovanni, Festa dei Popoli, 2015.