A.A. 2016-2017: Borse di Studio dottorati di ricerca e specializzazione presso il Collegio San Carlo di Modena


La scadenza per la presentazione delle domande è il 30 settembre 2016.

irfionlus1Care amiche, cari amici,

anche per l’anno accademico 2016/2017 la Scuola Internazionale di Alti Studi della Fondazione Collegio San Carlo di Modena bandisce un concorso per il triennio di dottorato (2016-2019) e per la specializzazione annuale (2017). La Scuola si caratterizza per i percorsi di ricerca in Filosofia, Scienze religiose, Antropologia e Sociologia. Il titolo rilasciato a chi frequenterà il triennio di perfezionamento è equipollente al dottorato di ricerca.

Nel caso del dottorato sono banditi cinque posti per laureati di cittadinanza europea. L’offerta formativa è consistente: 250 ore di seminari di alta formazione in ognuno dei primi due anni di frequenza.

I posti di dottorato prevedono una borsa di studio annuale di 6.000 euro per gli allievi italiani e 7.000 per gli studenti stranieri, il soggiorno gratuito nel Collegio della Fondazione e un contributo per soggiorni di ricerca all’estero.

Per il corso di specializzazione annuale sono disponibili quattro posti per cittadini italiani e stranieri. La specializzazione ha la durata di un semestre accademico (febbraio-giugno 2017) e prevede seminari di alta formazione in comune con i dottorandi.

Gli allievi della specializzazione alloggiano gratuitamente in Collegio e usufruiscono di alcuni servizi aggiuntivi.

La scadenza per la presentazione delle domande è il 30 settembre 2016. È possibile inviare domanda di partecipazione a entrambi i concorsi.

Per ulteriori informazioni sulle modalità di partecipazione al concorso si possono consultare i bandi integrali, disponibili sul sito www.fondazionesancarlo.it.

Chi fosse interessato può contattare la Segreteria della Scuola: sas@fondazionesancarlo.it; tel.: 059.421240; fax 059.421260. Scuola Internazionale di Alti Studi Scienze della Cultura – Fondazione Collegio San Carlo di Modena
Via San Carlo 5 – 41121 Modena, Italia.

Bando Scuola Alti Studi_2016_2017_Page_1 Bando Scuola Alti Studi_2016_2017_Page_2

100 de antreprenori din țară și 100 din Diaspora se întâlnesc la Business Summit – Împreună pentru România


Re>patriot organizeaza pe 5 si 6 octombrie, la Bucuresti, un eveniment de elita dedicat fructificarii oportunitatilor de afaceri din Romania: Repatriot Business Summit – Impreuna pentru Romania.
100 de antreprenori de top din Diaspora se vor intalni la mese de discutie cu 100 de antreprenori de top din Romania, creand astfel nucleul relansarii economiei si mediului de afaceri romanesc.

Romania ofera in prezent oportunitati atractive de investitie. Repatriot, un proiect de repatriere prin antreprenoriat sustinut de peste 30 de oameni de afaceri din Romania, isi propune sa impartaseasca aceste oportunitati antreprenorilor din Diaspora. Acesta este motivul pentru care organizeaza Repatriot Business Summit – Impreuna pentru Romania.

Pentru a participa, trimite o scrisoare de intentie la adresa office@repatriot.ro, cu detalii despre afacerea ta si de ce crezi ca ar fi bine sa participi la summit.

Poti afla concret cum poti investi in tara ta la singurul summit dedicat colaborarii dintre mediul de afaceri romanesc din Romania cu cel din Diaspora.

Repatriot crede cu tarie ca Romania are nevoie de expertiza, cultura civica si de experienta Diasporei romane, si ca impreuna cu aceasta se pot pune bazele schimbarii, de care Romania are atat de mare nevoie. Diaspora are potentialul de a deveni una dintre ancorele pentru accelerarea dezvoltarii economice a tarii noastre, putand astfel contribui fundamental la crearea unei Romanii puternice si unite.

Participa la  Business Summit – Impreuna pentru Romania si vino sa:

  • afli oportunitatile din Romania
  • intalnesti oameni de afaceri de top din lumea intreaga
  • afli informatii in mod direct si nealterat de la alti oameni de afaceri din acelasi sector cu tine
  • lansezi parteneriate strategice
  • te reconectezi cu tara
  • petreci timp de calitate impreuna cu alti oameni afaceri
  • gasim impreuna raspunsuri si solutii la intrebarile tale
  • intalnesti inalti oficiali ai statului
  • vizitezi Delta Dunarii

Romania redevine a ta!

Loc: Bucuresti, Romania
Data: 5- 6 octombrie 2016
Sejur: 7-9 Delta Dunarii (pentru doritori)

Urmareste repatriot.ro pentru detalii.

Facebook LIVE Session: “The Foreign Investor’s Guide to Romania” launch


Joi, 28 iulie, incepând cu ora 7.30 (GMT+3) InvestRomania lansează Ghidul Investitorului din StrăinătateRomania. Ghidul oferă informații despre profilul macroeconomic al României, facilități fiscale, legislație și oportunități de investiții. https://www.facebook.com/events/331288367203402/

InvestRomania

Thursday, July 28th, starting with 7:30 pm (GMT+3), we are excited to invite you to our Facebook Live Session with Manuel Costescu, Secretary of State, InvestRomania. The session is dedicated to the launch of the Foreign Investor’s Guide – Romania and introducing you to the details of the project.

The guide’s purpose is to offer information about the Romanian macroeconomic outlook, fiscal incentives, legislation etc. and about the country’s investment opportunities.

Until then, we are looking forward to your questions on this page, which will receive an answer on Thursday.

„This project is one of the InvestRomania’s priorities, because it is important to provide foreign investors as much relevant information about our country as is needed. Along with the website (www.investromania.gov.ro), the Foreign Investor’s Guide is another step in promoting Romania as a developing destination with potential to create a lot of added value. Therefore, it will be a pleasure to share with you our views and receive your feedback and your questions about the project we have been working on for the past few months on Thursday, starting with 7:30 pm.” Manuel Costescu, Secretary of State, InvestRomania.

Stay tuned and join our Facebook Live Session.

*InvestRomania is a governmental organization, dedicated to providing professional support and advice to foreign investors in Romania. Its purpose is to attract and facilitate foreign direct investment in Romania and support new or existing Romanian companies leverage their capabilities to expand to new markets.

ROMANIA, TAXE ȘI IMPOZITE: GHID ONLINE INTERACTIV PENTRU ROMÂNII DE PRETUTINDENI


Obligațiile fiscale pe care le au cetățenii români pentru veniturile obținute din diverse surse, atât din țară, cât și din afara ei.

ghid-ministerul-finantelor-218x150 Ministerul Finanțelor Publice  și Departamentul Politici pentru Relaţia cu Românii de Pretutindeni au lansat un  ghid online interactiv care vine în sprijinul cetățenilor români din afara granițelor țării și oferă informații legate de plata și declararea taxelor și impozitelor.

Documentul a avut ca punct de pornire cele mai frecvente întrebări referitoare la obligațiile fiscale pe care le au cetățenii români pentru veniturile obținute din diverse surse, atât din țară, cât și din afara ei. De asemenea, sunt aduse clarificări și pentru cazurile în care aceștia și-au păstrat sau nu reședința fiscală în România.

“Apropierea de contribuabili printr-o informare eficientă și o transparență sporită constituie o prioritate a mandatului meu. Acest ghid face parte dintr-o campanie mai largă de informare a cetățenilor cu privire la modalitățile de plată a taxelor și impozitelor și la depunerea declarațiilor fiscale. Credem că este un pas important pentru îmbunătățirea relației stat-contribuabil și creșterea conformării voluntare”, a declarat Anca Dragu, ministrul Finanțelor Publice.

În afara obligațiilor fiscale, există informații și despre situațiile în care se plătesc contribuțiile de asigurări sociale de sănătate și contribuțiile de asigurări sociale.

Ghidul online interactiv poate fi consultat pe site-urile și pe paginile de facebook ale celor două instituții: Ministerul Finanțelor Publice și Departamentul Românilor de Pretutindeni.

Ghidul aici: http://discutii.mfinante.ro/static/10/Mfp/dispora7iulie2016_26_07.pdf

Sursa: mfinante.gov.ro

Italo-românul Simone Tempestini a câștigat Transilvania Rally


Tânărul pilot Simone Tempestini (Napoca Rally Academy), campionul național en titre, a câștigat, sâmbătă, Transilvania Rally, etapa a șasea a Campionatului Național de Raliuri Dunlop, desfășurată în județul Cluj.

rally_tempestini1Echipajul Simone Tempestini/Marc Banca (Ford Fiesta R5) s-a impus în 48 min 29 sec 9/10, potrivit site-ului oficial al cursei. Pe locul al doilea a sosit alt echipaj reprezentând Napoca Rally Academy, Bogdan Marișca/Carmen Găureanu (Ford Fiesta R5), cronometrat în 49 min 38 sec 2/10, iar pe locul al treilea s-au clasat Dan Gîrtofan/Tudor Mârza (Skoda Fabia R5), 50 min 00 sec 2/10. Pe locul patru a terminat echipajul Gergo Szabo/Karoly Borbely (Mitsubishi Lancer Evo IX), în 51 min 40 sec 2/10, în timp ce pe cinci a încheiat cuplul Edwin Keleti/Anton Avram (Mitsubishi Lancer Evo X), în 52 min 19 sec 5/10.

Sâmbătă, Marișca a câștigat o probă specială (Dangău 1), iar Simone Tempestini s-a impus în trei probe speciale (Beliș, Rașca 2, Dangău II — Power Stage), iar Dan Gîrtofan a ieșit învingător în Superspeciala Polus Center.

Echipajul 122, de la Rally 2, Emanuel Resiga/Denisa Drăghici (Toyota Celica) au ieșit în decor în proba specială Dangău 1, iar pilotul s-a ales cu o plagă contuză la nivelul buzei, în timp ce copilotul a fost transportat la UPU (Unitatea Primiri Urgențe) cu un traumatism cranio-cerebral minor, contuzii toracice și contuzii de cot drept, potrivit unui comunicat remis AGERPRES.

În clasamentul general al piloților, Tempestini jr este lider, cu 181 puncte, urmat de Dan Gîrtofan, 148 puncte, Edwin Keleti, 132 puncte, etc.

Etapa viitoare a campionatului, a șaptea (penultima), va fi Raliul Iașului, programat în perioada 9-10 septembrie.

Sursa: AGERPRES 

ITALIA-ROMANIA. RAI1: UNA VOCE PER PADRE PIO


Conduce Alessandro Greco con la partecipazione di Gigi D’Alessio. RomaniaPadre Victor Tudor, in origine di fede ortodossa, che dopo il miracolo di guarigione subìto da sua madre, si è convertito al cattolicesimo.una voce padre pio

23/07/2016 – 20:35 – Sabato 23 luglio andrà in onda l’edizione numero 17 di “Una voce per Padre Pio” su Rai1 alle 20.35, dalla Piazza SS. Annunziata di Pietrelcina, in provincia di Benevento, Terra Natale di Padre Pio e culla della Spiritualità. Condotto da Alessandro Greco con la partecipazione straordinaria di Gigi D’Alessio, “Una Voce per Padre Pio”, nato nel 2000 da un’idea di Enzo Palumbo, racconta storie di vita e di fede, esperienze di devozione ma anche solidarietà, fratellanza e, su tutto, la vita e le opere del grande Santo di Pietrelcina. “Una Voce Per Padre Pio” riunisce, per l’occasione, i grandi nomi della musica e dello spettacolo: Anna Tatangelo, Fausto Leali, Stadio, Attilio Fontana, Clizia Fornasier, Dear Jack, Dolcenera, Sal Da Vinci, Giulia Luzi, Francesco Gabbani, Chiara Grispo, Piero Mazzocchetti, Cesare Bocci, Michele Placido, Lina Sastri. Oltre alla musica, ci sarà spazio per momenti di approfondimento sulla figura di Padre Pio: da Monsignor Orazio Piazza, vescovo di Sessa Aurunca che parlerà delle similitudini tra Padre Pio e Papa Francesco a Padre Enzo, sui luoghi “sacri” di Pietrelcina, culla di spiritualità. Da Padre Marciano Morra, amico di Padre Pio e confratello del Convento dei Cappuccini di San Giovanni Rotondo, a Padre Victor Tudor, in origine di fede ortodossa, che dopo il miracolo di guarigione subìto da sua madre, si è convertito al cattolicesimo. Ad arricchire il programma non mancheranno le testimonianze di Orazio Pennelli, pronipote di Padre Pio e di alcuni miracolati, ma ci saranno anche tanti contributi da parte di artisti del calibro di Lino Banfi. Enzo Palumbo racconterà i progetti realizzati in Costa D’Avorio nell’arco dei questi anni, a partire dagli ultimi: una casa famiglia, due villaggi per bambini diversamente abili, un orfanotrofio. Anche l’edizione 2016 sarà legata ad una Campagna di Raccolta Fondi a sostegno dei progetti che l’Associazione “Una Voce Per Padre Pio Onlus”, da anni, porta avanti con grande determinazione. Quest’anno gli impegni sono su tre fronti: a favore della costruzione di un Ospedale dei Poveri; per il mantenimento di un orfanotrofio e di un villaggio per bambini diversamente abili “Les Anges de Padre Pio”, appena inaugurato, e per l’edificazione di una casa famiglia per l’assistenza ai bimbi HIV positivi, “Maison le paradis de Padre Pio” – nell’ambito del progetto “Padre Pio pour l’Afrique”.

Sul palco, la grande Orchestra “I Suoni del Sud” diretta dal Maestro Alterisio Paoletti. Le coreografie sono Angelo Parisi. Autori del programma sono Gianluca Guida, Ivano Balduini e Cristina Serra. La regia della trasmissione sarà curata da Fabrizio Guttuso Alaimo.

Fonte: http://www.ufficiostampa.rai.it/

ANCORA UN MIRACOLO DI S. PIO

Padre Victor: “Il tumore è sparito senza operazione”

La commovente storia di un’intera parrocchia ortodossa convertitasi al cattolicesimo dopo la prodigiosa guarigione della madre del prete locale

padre_victor_il_tumore_e_sparito_senza_operazione_Guarita dal tumore senza alcun intervento medico. L’incredibile storia di Lucrezia Tudor inizia nel 2002 a Pesceana, Contea di Vâlcea, nella Romania centro-meridionale. La settantunenne signora rumena, madre di due figli, uno sacerdote ortodosso, l’altro affermato pittore, da tempo avvertiva continui dolori al petto, aveva la febbre alta e violenti colpi di tosse con fiotti di sangue. I molti dottori che aveva l’avevano visitata non erano stati in grado di formulare una diagnosi precisa, sino a che, dopo aver girato un numero imprecisato di ospedali, una TAC svelò l’arcano. La diagnosi fu spaventosa: tumore al polmone sinistro. A quel punto la famiglia al completo si riunì per cercare di capire cosa si potesse fare; decisero di interpellare i migliori specialisti della Romania, ma questi non poterono che confermare la diagnosi. “Anzi, scoprirono che oramai l’80% del polmone era compromesso; ci dissero che qualsiasi intervento chirurgico sarebbe stato inutile”, raccontano i familiari.

Il figlio prete, Victor, disperato, decise allora di interpellare il fratello Mariano, che vive in Italia e che vanta amicizie altolocate, compreso un notissimo oncologo medico personale di Bill Gates. “Faccia arrivare sua madre a Roma e tenterò di tutto per salvarla”, rispose il professore. Ma anche il luminare non poté che con fermare la diagnosi dei colleghi rumeni; non solo, nel frattempo le condizioni dell’anziana signora erano peggiorate: la febbre aveva raggiunto i 40 gradi e la donna non riusciva a reggersi in piedi. In aereo fu costretta a viaggiare su una barella. “Quando il medico la visitò, si spaventò delle sue condizioni critiche”, ricordano i figli; “e, dopo gli opportuni esami, il dottore affermò che qualsiasi operazione era fuori discussione. Qualsiasi intervento sarebbe stato inutile, le metastasi erano troppo numerose”. A quel punto il medico si limitò a prescrivere degli antidolorifici, per sedare i dolori che sarebbero stati lancinanti soprattutto in punto di morte. “Nostra madre però era serena”, ha raccontato padre Victor; “sapeva tutto ed accettò il suo triste destino. Con Mariano decidemmo che sarebbe rimasta a Roma, per essere più vicina all’ospedale”. E fu in quel momento che accadde l’incredibile.

Spiega padre Victor: “Mio fratello si occupa di arte sacra e stava lavorando per una chiesa vicino l’aeroporto di Guidonia; un giorno noi lo accompagnammo e mentre mia madre girava per l’edificio sacro, rimase affascinata davanti ad una statua di Padre Pio; da quel giorno fece amicizia con lui.Conversava per ore con la statua del Santo, come se fosse una persona viva, confidandogli tutto della sua vita, della sua famiglia e della sua malattia”. Quale non fu la meraviglia dei figli e dei medici quindici giorni dopo quando, dopo una nuova TAC, scoprirono che la massa tumorale era miracolosamente scomparsa! La donna, che era di religione ortodossa, aveva chiesto a Padre Pio un aiuto ed il santo l’aveva ascoltata.

“La guarigione prodigiosa di mia madre, compiuta da Padre Pio a favore di una donna ortodossa, mi colpì molto”, racconta padre Victor; “cominciai a leggere la vita del santo italiano. Raccontai ai miei parrocchiani quanto era accaduto. Tutti conoscevano mia madre e tutti sapevano che era andata in Italia per tentare un intervento chirurgico ma che era poi tornata a casa guarita senza che nessun medico l’avesse operata. Fu così che, nella mia parrocchia, si cominciò a conoscere e ad amare Padre Pio. Leggevamo tutto quello che potevamo trovare su di lui. La sua santità ci conquistava. Intanto, anche altri ammalati della mia parrocchia ricevettero grazie straordinarie da padre Pio. Tra la mia gente si diffuse un grande entusiasmo e, a poco a poco, decidemmo di diventare cattolici per essere più vicini al Padre”.

Il passaggio dalla Chiesa ortodossa a quella cattolica ha richiesto una lunga trafila giuridica. Ma padre Victor e i suoi parrocchiani non si sono scoraggiati. Anzi, hanno persino raccolto i soldi per la costruzione di una chiesa dedicata a S. Pio; alla posa della prima pietra erano presenti l’arcivescovo Metropolita di Fagaras, Lucian Muresan, e Alba Julia dei Romeni, cioè la massima autorità della Chiesa greco-cattolica in Romena. “Al termine della cerimonia”, racconta padre Victor, “il metropolita ha voluto conoscere mia madre, miracolata da S.Pio, e ha posato per una foto con lei”.

Fonte: qui.

Il miracolo di Padre Pio su una donna rumena

La protagonista è la madre di don Victor, un sacerdote rumeno, il quale ha raccontato la straordinaria esperienza.

La signora Lucrezia Tudor aveva un tumore maligno, con svariate metastasi su tutto il corpo. I dottori erano ovviamente poco fiduciosi e le avevano dato poche settimane di vita. La forza della preghiera l’ha salvata. Il giornalista Francesco Dora, della nota rivista settimanale Grand Hotel, ci porta a conoscenza di un evento straordinario verificatosi in Romania. Don Victor Tudor è un sacerdote, in origine di fede ortodossa, che dopo il miracolo di guarigione subìto da sua madre, si è convertito al cattolicesimo. Addirittura, il prete in questione ha fatto costruire nella cittadina di Pesceana (contea di Valcea) la primissima chiesa rumena dedicata al Santo Padre Pio da Pietrelcina. Questa storia ha del surreale e dell’incredibile, sembra davvero uscita da un romanzo fantasy.

Una storia straordinaria, con un bellissimo lieto fine

A raccontarcela pazientemente è lo stesso don Victor il quale ha esordito: “Tutto iniziò 13 anni fa, mia madre all’epoca aveva 71 anni e stava molto male. I medici non riuscivano a formulare una diagnosi precisa e quindi dovette passare diversi ospedali prima di comprendere la sua reale malattia. Poco dopo, mia madre iniziò a tossire sangue ed a provare forti dolori, con tanto di febbre alta. Tornammo in ospedale, le fecero un’ulteriore tac ed il risultato fu sconcertante, un tumore al polmone sinistro”. A questo punto la famiglia di don Victor si riunì tutta, per decidere sul da farsi, furono interpellati i migliori specialisti rumeni, i quali non poterono fare altro che confermare la diagnosi. I medici inoltre affermarono che la situazione era più grave di quanto si fosse previsto: l’80 percento del polmone già compromesso e l’esclusione di qualsiasi intervento chirurgico per l’anziana signora. Il povero Victor, disperato, decise di affidarsi all’aiuto di suo fratello Mariano. Mariano è un artista e vive e lavora a Roma, è solito frequentare amicizie famose, tra queste un importante oncologo, medico peraltro di Bill Gates.

Lui accettò di visitare la donna e fu fissato un appuntamento. Purtroppo le condizioni erano intanto peggiorate, la madre di Victor e di Mariano aveva la febbre a 40 gradi e non riusciva a reggersi in piedi. In aereo fu costretta a viaggiare su una barella. Quando il medico in questione iniziò a visitarla, si spaventò delle condizioni critiche di Lucrezia. Dopo gli opportuni esami, il dottore affermò che qualsiasi operazione era fuori discussione. “Qualsiasi intervento sarebbe stato inutile-ha raccontato Victor-le metastasi erano troppo numerose”. L’unica soluzione era un palliativo, degli antidolorifici, giusto per alleviare i dolori prima della morte. Nonostante tutto, la signora Lucrezia era serena, sapeva tutto ed accettò stoicamente il suo triste destino. Alla fine Victor e Mariano decisero, che la loro amata mamma sarebbe rimasta a Roma, per essere più vicina all’ospedale per le terapie. Fu proprio in Italia che Lucrezia conobbe il Frate di Pietrelcina. A spiegarcelo è sempre lo stesso don Victor: “Mio fratello si occupa di arte sacra e stava lavorando per una chiesa vicino l’aeroporto di Guidonia, un giorno noi lo accompagnammo e mentre mia madre girava per l’edificio sacro, rimase affascinata davanti ad una statua di Padre Pio, da quel giorno fece amicizia con lui”. La signora Lucrezia conversava per ore con la stua del Santo, confidandogli tutto, della sua vita, della sua famiglia e della sua malattia. Dopo la nuova tac, l’evento miracoloso: la massa tumorale era scomparsa!
Fonte: qui.

Alegeri parlamentare 2016, înscrierea în Registrul electoral și opțiunea votului prin corespondență


Vă informăm că, pentru alegerile parlamentare din acest an, cetățenii români cu domiciliul sau reședința în străinătate au la dispoziție posibilitatea de a se înscrie în Registrul electoral, votul-prin-corespondentainclusiv cu opțiunea votului prin corespondență, începând din 1 aprilie 2016 și până la data expirării a 48 de ore de la data începerii perioadei electorale.

Procedura de vot prin corespondență pentru cetățenii români cu domiciliul sau reședința legal stabilite în străinătate:

<iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/hDjB2uQz-wU&#8221; frameborder=”0″ allowfullscreen><!–iframe>

Procedura de vot la secție pentru cetățenii români cu domiciliul sau reședința legal stabilite în străinătate:

Dacă doriţi să hotărâţi în ce direcţie va merge România şi veţi vota la alegerile parlamentare de anul acesta, acum vă puteţi exercita votul mai simplu.

Înscrieţi-vă în Registrul electoral până în luna septembrie şi veţi putea vota:

Prin corespondență

Transilvania, il Principe torna a casa


“Nelle mie vene scorre il sangue di Transilvania, la genealogia dice che io discendo da Vlad III” (ndr il leggendario conte Dracula), confessava un po’ di tempo fa nientemeno che il principe Carlo d’Inghilterra. charles_romaniaQuesto spiega il fatto che da più di dieci anni è un turista abituale della Romania, appassionato della natura selvaggia della Transilvania, un vero ambasciatore del turismo rurale ed ecosostenibile di queste zone. Il principe compare come testimone anche nel documentario “Wild Carpathia” trasmesso dal canale inglese Travel Channel in più di 100 paesi e  realizzato in Romania sui Monti Carpazi.
La Transilvania (il cui nome latino significa la “terra oltre le foreste“) viene presentata da un lato come luogo di miti e leggende, e dall’altre come grande riserva naturale, ancora selvaggia e incontaminata, che deve essere protetta.

Turismo sostenibile, esempio eccellente in Romania

Le foreste e i paesaggi dei Monti Carpazi  (estesi quasi quanto la Gran Bretagna) aiutano alla definizione stessa della Romania e perderle sarebbe una tragedia”, dice il principe, aggiungendo che “il sintagma della Transilvania come terra oltre la foresta perderebbe il suo significato“. Nell’intervista inserita nel documentario,  il principe Carlo parla proprio della sua passione per questi luoghi, dove l’uomo può ancora vivere in armonia con la natura, parla della gente semplice, delle foreste, degli orsi bruni che vi trovano rifugio, dei prodotti ecologici, ma anche dei suoi antenati che, lontano nel tempo, vivevano in Transilvania.  Una sorta di ritorno a casa insomma.

ViscriMpNegli ultimi anni, ha comprato proprietà in piccoli centri della Transilvania, in villaggi, modeste case rurali, alcune di loro costruite oltre 200 anni fa.

Le ha ristrutturate conservando intatta la struttura originale, utilizzando solo materiali compatibili con l’epoca e niente cemento. Una di queste proprietà si trova in un villaggio sassone  chiamato Viscri,  a meno di un’ora Sighisoara (la città natale del principe Vlad III). Il posto, insieme ad altri insediamenti sassoni, è stato inserito, nel 1999  nel patrimonio Unesco. Il principe ritorna ogni anno, gli abitanti sono abituati a vederlo passeggiare per le viuzze del villaggio impegnato in lunghe camminate nella secolare foresta di querce che si trova lì vicino. Di lui di narra che sia una persona semplice, umile e socievole, innamorata da tutto quello che riguarda la cultura e le tradizioni ancora genuine. Adora i gruppi folcloristici della zona e non perde occasione per lasciarsi coinvolgere in dei balli popolari, insieme ai contadini.Viscri+Romania

Anche grazie alla costante presenza del principe Carlo, il prestigioso quotidiano britannico The Guardian, ha incluso Viscri tra le più belle destinazioni turistiche della Romania. Non è solo per la sua posizione geografica, nel cuore della Transilvania, immersa nella natura vergine, ma anche per i suoi monumenti, come la chiesa fortificata risalente al 1225. Il villaggio stesso è un salto nella storia, un baluardo originale della tradizione sassone. All’interno della chiesa si trova anche un’originale “camera del lardo“, dove, in base a una vecchia tradizione, si conservava il lardo durante i mesi estivi.

I turisti che arrivano qui vanno alla ricerca di un salto nel passato, della natura selvaggia e della semplicità, amatori di quello che si chiama turismo ecosostenicharlesbile. Si può passeggiare in carri trainati dai cavalli, camminare nella foresta di querce, partecipare a tutte le attività tradizionali del paese come la ferratura dei cavalli, la preparazione delle marmellate, la raccolta di piante medicinali per le tisane.  Il numero dei turisti che scelgono come destinazione i villaggi sassoni della Transilvania è in continuo aumento, solo a Viscri, l’anno scorso sono arrivati 12.000 di turisti stranieri, non solo dall’Inghilterra, ma anche dalla Francia, Austria, Germania, Italia, Giappone, Stati Uniti e Australia.

Da alcuni anni, da maggio a settembre, anche le proprietà del principe Carlo in Transilvania hanno aperto le porte ai turisti stranieri. Si può alloggiare, pagando tra i 40 e 50 euro, nelle stanze principesche che hanno conservato intatto l’arredamento antico, molto pittoresco ed “esotico” nella sua semplicità.

Viscri rappresenta un’alternativa più sobria ai percorsi vempireschi del turismo rumeno, un luogo antico, fuori dagli schemi, per ricaricarsi e ritemprare memoria e anima.

Fonte: qui.

Viscri_romania

Turismo sostenibile, esempio eccellente in Romania


Viscri, il villaggio in Transilvania dove il tempo si è fermato

charles_romaniaRoma, (askanews) – Una stradina di ghiaia bianca e casette basse colorate, un villaggio tradizionale nel cuore della Transilvania. A Viscri, il tempo sembra essersi fermato e i circa 400 abitanti si autosostengono, vivono dei loro prodotti e li vendono ai turisti tanto da essere diventati un esempio eccellente di turismo sostenibile dove ritrovare abitudini e stili di vita antichissimi.

Il villaggio con la sua chiesa fortificata oggi è patrimonio mondiale dell’Unesco, un tempo era uno dei tanti paesini costruito dai coloni sassoni nel XII secolo, costruito come una fortezza per difendersi dalle invasioni. Ma Viscri a differenza di molti altri, è riuscito a sopravvivere all’esodo dei tedeschi poco dopo il crollo del comunismo, rischiava di restare isolato ed è stato rivitalizzato, anche grazie alla fondazione “Mihai Emineascu Trust” fondata per salvaguardare la cultura e le specificità rurali, di cui oggi è direttrice Caroline Fernolend, che si autodefinisce la “padrona del villaggio”. Il merito è suo, ha saputo valorizzare i prodotti locali e ha organizzato una ventina di guest house per rilanciare Viscri anche come meta di un turismo alternativo, per chi cerca un’esperienza vera e rurale.Viscri+Romania

“E’ stata una necessità – spiega – perché qui nel villaggio non abbiamo lavoro, ma io ho capito che abbiamo alcuni valori che altri paesi hanno perso con lo sviluppo, noi invece con il comunismo non abbiamo avuto uno sviluppo così rapido e mi sono resa conto che era la sola opportunità per migliorare la qualità della nostra vita, di tutta la comunità. Quindi abbiamo iniziato a essere orgogliosi di quello che abbiamo, le case, il cibo, gli animali, il vino, abbiamo una forte produzione artigianale, una associazione di agricoltori, mungiamo le mucche, abbiamo una vita normale, tutto quello che ci serve, una vita autentica”.

Dal 2002 Viscri è stata inserita anche nelle guide Routard in Francia e si è fatta conoscere sempre di più. Lo stesso principe Carlo d’Inghilterra, grande sostenitore dell’architettura sostenibile, ne è rimasto affascinato e ha sostenuto fortemente la sua rinascita. Lo scorso anno, racconta Caroline sono arrivati 32mila visitatori: possono acquistare le loro calze o altri abiti fatti con la lana, marmellate, formaggi, vino, la Palinka, bevanda alcolica tradizionale ungherese che fa suo marito, e dormire spendendo dai 25 ai 60 euro con colazione e pasto compreso. E la pittoresca chiesa al suo interno ospita un vero museo di oggetti e prodotti tradizionali per capire meglio le usanze del villaggio, c’è persino l’abito da sposa di Caroline.viscri1

L’idea è esportare questo modello ad altri villaggi, lei si sta dando da fare in altri 96.

“Ora lavoro in questi altri villaggi e voglio invitare i turisti dal resto del mondo a esplorare la vera Romania rurale che è quella vera. Io credo che i valori reali siano proprio qui”.Viscri_romania

Fonte: qui.

ITALIA-ROMÂNIA: MACFRUT, Târg Internaţional producători de fructe și legume


Firmele românești sunt invitate în Italia, în  perioada 14-16 septembrie 2016, să participe la MACFRUT – Târgul Internaţional dedicat producătorilor de fructe și legume, care va avea loc la Rimini Expo Center.

macfrutCamera de Comerţ Italiană pentru România în colaborare cu Cesena Fiera S.P.A au plăcerea de a vă invita să participaţi la târgul MACFRUT – Târg Internaţional dedicat producătorilor de fructe și legume, ce se va desfăşura la Rimini Expo Center, în Italia, perioada 14-16 septembrie 2016. MACFRUT este unul dintre cele mai importante târguri din Europa dedicat sectorului fructelor și legumelor, ce reuneşte anual peste 1000 de expozanţi şi peste 40000 de vizitatori din toate colţurile lumii.

Pentru ediţia din 2016 organizatorii au solicitat colaborarea instituţiei noastre în vederea identificării a 5 firme din sectorul producției, importului şi distribuţiei de fructe și legume, precum și firme care operează în sectorul logisticii și al ambalajului. Cele 5 firme vor fi acceptate în urma verificării de interes din partea firmelor expozante (este prevăzută participarea unui singur reprezentant) şi vor beneficia din partea organizatorilor de următoarele gratuităţi:

-3 nopţi de cazare în cameră single la hotel cu mic dejun inclus;

-pick-up aeroport – hotel şi hotel – aeroport (Rimini și Bologna);

-transfer zilnic hotel – târg – hotel;

-intrare şi catalog târg;

-participarea la programul de întâlniri B2B cu companiile italiene prezente la târg;

-participarea la evenimente informale de network.

Vă informăm, de asemenea, că firmele care vor fi selectate să viziteze târgul de la Rimini vor trebui să participe la întâlnirile cu expozanţii din cadrul târgului conform agendei pe care o vor stabili prin intermediul unei platforme online (minimum 5 întâlniri / zi).

Dacă sunteţi interesaţi de participarea în calitate de vizitator la târgul MACFRUT, vă rugăm să completaţi chestionarul şi să ni-l restituiţi semnat şi ştampilat. Chestionarele vor fi transmise ulterior organizatorilor în Italia care vor efectua procesul de matching între profilul şi caracteristicile firmei dumneavoastră şi cel al firmelor participante, urmând a fi selectate 5 firme care să beneficieze de pachetul de gratuităţi pus la dispoziţie. Firmele care nu vor trece de faza de matching, vor fi înregistrare pe o listă de aşteptare, existând posibilitatea de a fi cooptate în cazul suplimentării locurilor disponibile.

În speranţa că veţi fi interesaţi de participarea la târgul MACFRUT, rămânem la dispoziţia dumneavoastră pentru orice informaţie necesară şi vă transmitem cele mai alese gânduri.

PROGRAM

Telefon: 0213102315 / Fax: 0213102318 / E-mail:  info@ccipr.ro

http://www.macfrut.com/

macfrut-page-001 macfrut-page-002 macfrut-page-003 macfrut-page-004 macfrut-page-005