Roma, settimane sociali: 3 – 4 aprile, doppio appuntamento con Jennifer Nedelsky


Doppio appuntamento, il 3 e 4 aprile a Roma, con la filosofa Jennifer Nedelsky, nota per la sua proposta di “lavoro part time per tutti, attività di cura per tutti”.  Invitata in Italia dal Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane sociali, la filosofa canadese sarà chiamata a riflettere sul tema della prossima Settimana sociale (“Il lavoro che vogliamo. Libero, creativo, partecipativo e solidale”).

Il primo incontro, lunedì 3 dalle 10.30 alle 17, sarà alla Lumsa (via Pompeo Magno 22): una giornata destinata a dottorandi interessati alla materia, con particolare attenzione a coloro che stanno conducendo la loro ricerca sul tema del lavoro.

La seconda tappa, invece, in collaborazione con la Pontificia Università San Tommaso d’Aquino, si terrà nel pomeriggio di martedì 4, a partire dalle 15.30, nella sede dell’Ateneo pontificio (largo Angelicum 1).

Ad aprire saranno i saluti di padre Alejandro Crosthwaite (decano della Facoltà di scienze sociali, Pontificia Università San Tommaso d’Aquino-Angelicum) e mons. Filippo Santoro (arcivescovo di Taranto, presidente Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane sociali), quindi l’introduzione di Luigino Bruni (Lumsa) e Alessandra Smerilli (Pontificia facoltà di scienze dell’educazione “Auxilium”). Dopo la relazione di Nedelsky, interventi di Gabriele Gabrielli (Fondazione lavoro per la persona), Helen Alford (Facoltà di scienze sociali, Angelicum), Franco Miano (coordinatore di Retinopera) e dibattito tra i presenti, moderati dal direttore di “Avvenire” Marco Tarquinio.

Le innovazioni tecnologiche lasciano presagire che presto non ci sarà abbastanza lavoro per tutti: sempre più la tecnologia è in grado di sostituire il lavoro umano, e in maniera molto efficiente. Di fronte a questa sfida ci si chiede: quale e quali saranno i lavori del futuro? Esistono modi per riconciliare il senso profondo del lavoro come attività umana e l’avere abbastanza posti di lavoro per tutti? Il modello sarà quello di un terzo della popolazione mondiale che lavora per tutti? La proposta della filosofa “è che ogni persona debba donare tempo per la cura di se stessi e degli altri”. “Nessuno dovrebbe lavorare per più di trenta ore alla settimana”, sostiene, e “nessun adulto dovrebbe fare meno di 12 ore di cura la settimana. Tutti devono donare cura, e nessuno deve stare a casa disoccupato, e tutti devono avere un lavoro pagato, che anche se lavoro part time deve significare ‘buon’ lavoro”. L’espressione “part time” – conclude – “non deve essere intesa come la si intende oggi, ma come un nuovo modo di vivere il lavoro, un nuovo ‘lavoro full time’ per tutti, insieme alla cura”.

 

 
Annunci

Concorso giornalismo ILO: ‘Rompere gli stereotipi sul lavoro dei migranti’


L’ Ilo- International Labour Organization, ha lanciato il concorso per media a livello mondiale ‘Rompere gli stereotipi sul lavoro dei migranti‘, per individuare esempi di giornalismo sul tema del lavoro dei migranti, nel paese di origine, di transito e di destinazione. Scadenza per l’invio delle proposte 31 ottobre 2016.

Il concorso è rivolto in particolare ai giornalisti che, nel rispetto delle tematiche richieste, potranno proporre testi scritti, video o prodotti multimediali, pubblicati o trasmessi tra il 1 gennaio 2015 e il 31 ottobre 2016.

Tra i criteri considerati per la selezione vi sono l’uso di una terminologia adeguata ed il ruolo che il lavoro giornalistico ha svolto nel contrasto agli stereotipi, alla xenofobia e alla discriminazione.

I  lavori potranno essere presentati nelle lingue: inglese, francese e spagnolo, nel caso si volessero proporre elaborati in altre lingue, saranno accettati alla condizione che l’autore possa tradurli interamente nelle lingue indicate.

Il vincitore sarà annunciato ufficialmente il 18 dicembre 2016, durante laGiornata Internazionale del migrante e riceverà un premio di $ 1.000.

Per partecipare al concorso occorre compilare il modulo di iscrizione on-lineentro il 31 ottobre 2016 .

Per informazioni:
e-mail: Labour-Migration-Media-Competition@ilo.org

www.ilo.org 

ilo

ELIS, SCADENZA CANDIDATURE CORSI DI FORMAZIONE AL LAVORO PER STUDENTI DAI 13 AI 30 ANNI


ELIS è una realtà organizzata a Roma in diverse scuole e strutture, aperta anche ai giovani di origine romena: una Scuola Professionale per operai specializzati nel campo dell’industria e dell’artigianato; una scuola dell’ospitalità SAFI per ragazze che vogliono lavorare nel settore alberghiero e enogastronomico; un College in cui giovani risiedono e, mentre conseguono gli studi universitari, si specializzano nelle nuove tecnologie; una Corporate School che affianca le imprese nell’acquisizione e nello sviluppo delle competenze professionali e relazionali utili al perseguimento della propria strategia.

 ELIS ha al suo centro la persona e il lavoro, con le sue attività propone la professionalità come servizio al bene comune. I corsi e le attività di ELIS si rivolgono a giovani, professionisti ed imprese per rispondere al divario scuola-lavoro, alla disoccupazione giovanile e contribuire allo sviluppo sostenibile delle organizzazioni.

 

Nome corso Settore Destinatari Scadenza candidature Posti (borse di studio)
Istituto Alberghiero SAFI ELIS Alberghiero ed Enogastronomico Studentesse di terza media 15 Set 2016 25 (3)
Scuola Professionale ELIS elettronico, meccanico, elettrico, termoidraulico 13-18 anni, licenza di scuola media 15 Set 2016 125 (125)
ELIS College: Linguaggi & Tecnologie Multimediali Università e Lavoro in Informatica, Telecomunicazioni, Elettronica diplomati e diplomandi 30 Set 2016 30 (30)
Information Technology Informatica, Reti, Sviluppo App, Cisco, Solaris, Java, Linux, Windows Server diplomandi, diplomati e laureati 30 Set 2016 155 (13 totali e 4 parziali)
Front Office Manager Turismo, Hospitality Management Diplomati e Laureati 9 Ott 2016 25 (3)
Corso di specializzazione in Saldatura Saldatura diplomati e adulti 31 Ott 2016 20 (2)
Corsi di specializzazione in Termoidraulica Termoidraulica studenti, operai e tecnici d’azienda 31 Ott 2016 20 (2)
Master ICT in Sviluppo in ambiente Cloud Informatica Laureati e diplomati 6 Nov 2016 20 (5)
New Communication Lab Comunicazione Digitale e Social Media Management Diplomati e Laureati 1 Mar 2017 18 (7)
HR Academy Risorse Umane Laureati con un’età massima di 30 anni 3 Mar 2017 25 (5)

Tutte le informazioni sul sito http://www.elis.org/

Corsi GRATUITI per ragazzi dai 13 ai 16 anni

Lavoro con NTT Data per le categorie protette

ELIS (Educazione – Lavoro – Istruzione – Sport)

Scuola Professionale ELIS è una scuola dove ragazzi tra i 13 e i 18 anni imparando un mestiere crescono come persone, scoprendo il valore dell’amicizia e dell’integrazione.

SAFI ELIS è un Istituto professionale che forma ragazze tra i 13 e i 18 anni nel settore alberghiero ed enogastronomico, attenta anche alla loro crescita personale.

ELIS College è una scuola residenziale per giovani che prepara esperti di innovazione e di nuove tecnologie, rispettosi della persona umana.

ELIS Corporate School è una scuola che aiuta le imprese nella valorizzazione delle proprie persone attraverso lo sviluppo delle competenze professionali e relazionali.

ELIS Scuole Sportive (Maschile e Femminile) attraverso i valori dello sport aiutano i giovani a crescere nell’amicizia, nel rispetto delle regole e nel gioco di squadra.

ELIS ONG promuove in tutto il mondo programmi di formazione professionale per lo sviluppo integrale della persona e della società.

Il Consorzio ELIS è composto da aziende che collaborano all’impegno di ELIS nella formazione dei giovani e nella promozione di una cultura professionale attenta alla persona.

Roma, Le relazioni violate: violenza domestica e violenza assistita


Il 7 giugno il convegno promosso da Caritas e Rete dei servizi e delle strutture di mamme con bambini

“Le relazioni violate: violenza domestica e violenza assistita” è il tema del convegno organizzato dalla Caritas diocesana di Roma in collaborazione con la Rete dei servizi e delle strutture di mamme con bambini martedì 7 giugno 2016, alle ore 9, presso la “Cittadella della Carità  – Santa Giacinta” (via Casilina Vecchia, 19).

Dopo il saluto del direttore della Caritas, monsignor Enrico Feroci, il programma proseguirà con gli interventi di Ileana D’Ascoli, responsabile del Centro di accoglienza per donne del Telefono Rosa “Casa Internazionale dei Diritti Umani delle donne” con la relazione “Quando i fuochi divampano: L’arrivo del nucleo in emergenza”Marinella Mariotti, responsabile del centro anti-violenza “Maree”, con la relazione “Come accompagnare e sostenere le donne nelle prime fasi di intervento”Alessandra Gatto, consulente presso le strutture di accoglienza mamme e bambini, che parlerà di “Il crollo dell’Olimpo genitoriale: Il minore nella violenza assistita”. Nel corso dell’incontro verranno proiettati dei video con testimonianze di donne assistite nei centri di accoglienza e verrà lasciato ampio spazio al dibattito.

locandina_violenza_domestica_2-212x300

L’ iscrizione al convegno è gratuita e può essere effettuata inviando una email a info@retemblazio.it entro il 31 maggio indicando il proprio nome e cognome.

Scarica la locandina.

FAMILIA ŞI FENOMENUL EMIGRĂRII


Pr. Isidor IACOVICI Institutul Pontifical „Teresianum” din Roma (Italia)

Pornind de la premisa că nici una dintre familiile plecate în străinătate nu a ales această cale spre a-l căuta pe Dumnezeu, pentru a se sfinţi, ci pentru a câştiga bani, autorul articolului care urmează analizează problematica fenomenului imigrării şi a impactului acestui fenomen asupra familiei. Mai întâi, autorul indică faptul că familia este nevoită să emigreze şi evidenţiază cauzele acestei necesităţi, dar şi pericolele pe care le presupune. O altă realitate dureroasă tratată de pr. Isidor Iacovici este cea a necorespunderii promisiunii cu realitatea din ţara în care se emigrează. În acest context, autorul vorbeşte despre implicarea Bisericii în fenomenul imigrării, prin trimiterea de preoţi care să se îngrijească spiritual de conaţionalii lor, prin ajutorarea imigranţilor şi prin diferite manifestări cu caracter cultural şi spiritual. În continuare, autorul analizează situaţia familiei în contextul emigrării, precum şi consecinţele acesteia, printre care este şi cel al convieţuirii nesacramenale, împotriva căreia sunt aduse şi unele argumente şi remedii. În final, se tratează despre emigranţi şi muncile pe care le prestează în ţara-gazdă. (din Sumar). -famiglia-

Citeşte Familia si fenomenul emigrarii Pr. Isidor Iacovici (pdf)

…” nici una dintre familiile noastre plecate în străinătate nu a ales această cale spre a-l căuta pe Dumnezeu, pentru a se sfinţi, trebuie să fim realişti, ci pentru a câştiga bani, cât mai mulţi bani, pentru a putea achita datorii făcute în ţară, pentru a construi o casă, pentru a cumpăra o maşină sau, pur şi simplu, pentru a deschide o afacere, fie în ţară, fie chiar acolo, în străinătate, unde se află. Am fi idealişti să considerăm că, asemenea Fericitului Ieremia, mai pleacă astăzi cineva în străinătate pentru a se sfinţi. … Va trebui să acceptăm că aceasta este realitatea, să încercăm să o înţelegem, să-i dăm un sens şi să vedem la ce concluzii se poate ajunge.  Continuă să citeşti… Familia si fenomenul emigrarii Pr. Isidor Iacovici

Pr. Isidor Iacovici

 

Părintele Isidor Iacovici s-a născut la 9 aprilie 1958 la Bacău. A absolvit Şcoala Generală de 8 clase la Mărgineni în anul 1973, Liceul Seminarial din Iaşi în anul 1977 şi Institutul Teologic Romano-Catolic “Sfântul Iosif” din Iaşi în anul 1984. A fost sfinţit preot la 29 iunie 1984 la Iaşi, de către ep. Balint Lajos. A urmat studii postuniversitare la Pontificia Facolta Teologica “Teresianum” din Roma, obţinând licenţa şi doctoratul în teologie spirituală. A activat ca vicar la Rădăuţi, Piatra Neamţ, Prăjeşti şi ca paroh la Vizantea, Paşcani şi Iaşi “Sfânta Tereza a Pruncului Isus”. Începând cu data de 1 iunie 2004, activează în calitatea de capelan la Roma, îngrijindu-se de cele două comunităţi de români: Parohiile “San Vitale” şi “Santa Maria Causa Nostrae Laetitiae”.

Seminar la Roma pentru românii din diaspora: educaţie financiară, gestionarea banilor, antreprenoriat şi leadership


claro_logo_finalROMA. Pe 27 noiembrie 2015 va avea loc la Cardinal Hotel – St. Peter, Via Leone Dehon, 71 – 00165 Roma,  un seminar gratuit de 4 ore, în care trei experţi de la CLARO (Clubul de leadership şi antreprenoriat al românilor de pretutindeni) doresc să iniţieze primii 200 de români din Italia în educaţie financiară, antreprenoriat şi leadership.

Andy Szekely, Cristian Oneţiu şi Eusebiu Burcaș, sunt cei trei experţi care vor interveni pe 27 noiembrie. Grupul Claro este o “organizaţie care îşi propune încurajarea spiritului antrepenorial, mai ales în rândul românilor din diaspora”, scriu iniţiatorii per situl claro-club.ro.

Cei interesaţi de dezvoltarea personală şi antrepenorială, au ocazia să beneficieze de acest curs gratuit, adresat în mod special românilor din Italia care doresc înfiinţarea unei afaceri sau o bună gestionare a propriilor finanţe. 

“Scopul proiectului este să dezvolte comunităţile de români din diaspora în sfera antreprenorială şi investiţională cu obiectivul de a învăţa românii să-şi gestioneze eficient banii munciţi şi câştigaţi cu greu în străinătate. Românii pot deveni antreprenori de succes în România, dar şi în diaspora; nu doar consumatori de cărămizi, ciment şi maşini scumpe.
Vrem să dezvoltăm o comunitate antreprenorială în Europa, în care un om cu idei de business primeşte sprijin şi resursele necesare pentru a demara proiectul, indiferent de locul în care se află sau de locul din care face business.
In final, rugamintea mea la dumneavoastră este să ne ajutaţi ca aceste informaţii sa ajungă la românii din Italia. Înscrierea se face pe website: www.claro-club.ro” , ne comunică organizatorii.

Pentru a viziona programul şi alte informaţii în legătură cu seminarul din 27 noiembrie, apăsaţi aici.

manifest .jpg

manifest .jpg

Romania, Ambasciatore d’Italia a Bucarest incontra delegazione MCL


L’Ambasciatore Diego Brasioli ha incontrato giovedì, 29 ottobre 2015, una delegazione del Movimento Cristiano Lavoratori (MCL), composta dal Vicepresidente Antonio di Matteo e dal membro della presidenza Nicolò Papa, in visita a Bucarest, insieme al referente locale Don Francisc Ungureanu.

Durante l’incontro, si è discusso il ventennale impegno del MCL in Romania, con iniziativa rivolte ai giovani sul terreno del dialogo sociale e dell’integrazione.

Nei prossimi mesi, sarà avviata a Bucarest la costruzione di una nuova casa del MCL  che verrà edificata su un terreno donato dall’Arcivescovo Metropolita di Bucarest S.E. Mons. Ioan Robu in una zona periferica della città. Il MCL  è regolarmente registrato in Romania per i servizi di patronato. 

Foto: Ambasciata d'Italia a Bucarest

Foto: Ambasciata d’Italia a Bucarest

Fonte: Ambasciata d’Italia a Bucarest

Camilian Demetrescu, “Abbraccio cosmico”. L’amor che move il sole e l’altre stelle


Il dipinto s’intitola “Abbraccio cosmico” [è dedicato alla strage dell’11 settembre] ed è opera del defunto Camilian Demetrescu, esule rumeno poi italianizzato. Il dipinto ritrae l’abbraccio di due persone asessuate, poste al centro del cosmo rappresentato dallo zodiaco: […].

Abbraccio cosmico L'amor che move il sole e l'altre stelle, risposta alla tragedia dell'11 settembre, arazzo, Vaticano, Sala Paolo VI, 2001/02 cm 400/245.

Camilian Demetrescu, “Abbraccio cosmico” L’amor che move il sole e l’altre stelle, risposta alla tragedia dell’11 settembre, arazzo, Vaticano, Sala Paolo VI, 2001/02 cm 400/245.

L’autore ha dipinto molte delle opere che ornano la Sala Vaticana Paolo VI […].

Demetrescu  frequentò e animò i meeting di Rimini dal lontano ’83, collaborò per anni con l’agnostico Mircea Eliade, fu grande ammiratore del massone, poi convertitosi all’Islam, René Guenon, famelico lettore del filosofo nichilista Oswald Spengler, discepolo del modernista Jacques Maritain ed estimatore dell’ultra modernista Hans Urs von Balthasar.

Camilian Demetrescu (1924-2012)

Camilian Demetrescu (1924-2012)

Demetrescu fu anche fraterno amico e collaboratore di Vintila Horia, scrittore rumeno, il quale fu a sua volta amico del camaleontico Papini, teosofo prima e modernista poi, Davide Albertario docet. Demetrescu dedicò gli ultimi venti anni della sua vita allo studio del simbolismo, cristiano e non, e fu – abbastanza ovviamente – convintissimo ecumenista.

di Davide Consonni – http://www.radiospada.org/

S-a stins artistul român Camilian Demetrescu

ROMANIA, UNA SOCIETÀ SU TRE È GESTITA DA UNA DONNA


(ICE) – ROMA, 09 MAR – Più di 11.000 donne hanno iniziato la loro attività in proprio lo scorso anno portando il numero di sesso femminile in società romene a un totale di circa 420.000. Lo rileva un’analisi di Ziarul Financiar realizzata in base ai dati del Registro delle Imprese.

donne_lavoroIn effetti, la più recente ricerca della BCR (Banca Commerciale della Romania) mostra che una società su tre è gestita da una donna e il 35% delle PMI romene è di proprietà di donne.
L’ambiente imprenditoriale femminile in Romania ha visto ultimamente una crescita importante anno su anno. Le aziende scelgono sempre di più di assumere donne in posizioni dirigenziali ed è in crescita anche il numero di imprenditori-donne.
Secondo le statistiche della BCR, nel corso degli ultimi tre anni, le attività imprenditoriali gestite da donne hanno registrato un aumento annuale del 2% rispetto alla media nazionale.
Quando si tratta di avviare un’attività, le donne scelgono settori quali servizi di consulenza aziendale, saloni di bellezza e commercio (farmacie, negozi di alimentari e negozi di abbigliamento). Nelle città più grandi (Bucarest, Cluj e Timisoara), nel corso degli ultimi due anni, il 30% delle imprese sono state aperte da donne, mentre la quota di imprese di proprietà di donne è del 4 % superiore rispetto alla media nazionale.
Inoltre, secondo la BCR, il 41% del totale dei prestiti è stato concesso a donne d’affari.
Aldilà dei concetti di pari opportunità e apertura del mercato, come ha affermato il vice-direttore Retail & Private Banking BCR, Dana Demetriano, “la presenza di donne nell’ambiente d’affari è positiva in quanto ispira principi e valori come la gentilezza, la trasparenza, la fiducia, la comprensione e l’obiettività”.
(ICE BUCAREST)

Roma, LUMSA Università: Career Day 2014.


Giovedì 15 maggio 2014

  prof. Giuseppe Dalla Torre ,  Magnifico Rettore della LUMSA

prof. Giuseppe Dalla Torre , Magnifico Rettore della LUMSA

Dalle ore 8.30 – Sala Giubileo
LUMSA – Sede di via di Porta Castello 44, Roma

Una giornata dedicata a studenti e laureati per introdurli al mondo del lavoro e alle possibilità che può offrire. Quest’anno il programma prevede una tavola rotonda dal titolo “Educare all’incertezza ed al rischio per vivere pienamente le opportunità del futuro”. Il tema sarà introdotto dal prof. Mario Pollo, referente di Ateneo per l’orientamento. Gli interventi saranno moderati da Giordano Fatali, presidente di HRCommunity Academy.

Intervengono: Carmelo Ezpeleta – Amministratore Delegato DORNA Sports, Loris Capirossi – commentatore televisivo della MotoGP, Mons. Melchor Sànchez de Toca Alameda  – Sottosegretario Pontificio Consiglio della Cultura, Lucia Valente  – Assessore al lavoro della Regione Lazio, Giuseppe Dalla Torre – Magnifico Rettore della LUMSA.

Seguiranno la consegna dei premi per le migliori tesi di laurea e, al termine della sessione in aula, l’apertura degli stand delle aziende accreditate con la possibilità di colloqui con i recruiters: Abercrombie & Fitch, BNL Gruppo BNP Paribas, Decathlon, EF, Havas Media Group, Hilton, IKEA, Inter Partner Assistance S.A., JOB Advisor, Johnson & Johnson Medical, Randstad, Robert BOSCH S.p.A, SDA Express Courier, Stanhome, TOPLEGAL, UBI Banca.

Nell’edizione 2014 del Career Day, la presenza di importanti esponenti del mondo del management sportivo, e del motociclismo in particolare, intende presentare le tante opportunità che si aprono in questo settore. DORNA Sports, società internazionale che detiene i diritti commerciali e televisivi dei campionati Moto GP e Superbike sarà presente con il suo vertice aziendale, Carmelo Ezpeleta, mentre il motociclismo sportivo sarà rappresentato da Loris Capirossi, un pilota già campione del mondo e ora apprezzato commentatore della MotoGP su Sky Sport. A loro e agli altri relatori presenti, il compito di animare l’entusiasmo dei tanti giovani che saranno presenti in sala per ascoltare i consigli su come presentarsi con credibilità e realismo al mondo del lavoro.

La locandina