Roma, Angelicum: Presentazione “La percezione anti-romena a Roma”. Sabato, 16 marzo


La Facoltà di Scienze Sociali (FASS) della Pontificia Università San Tommaso d’Aquino – Angelicum presenta i risultati di una ricerca etnografica sul pregiudizio anti-romeno a Roma, condotta da un gruppo di studenti-ricercatori coordinati dall’antropologo prof. Antonio Riccio.

SGUARDI RIFLESSI E PUNTI DI VISTA CONTROVERSI
La percezione anti-romena a Roma

Sabato 16 marzo 2019, ore 10:00-13:00

Largo Angelicum, 1  00184 Roma

 

 

Programma
10:00 – 10:20
Introduzione delle Autorità Accademiche sulla cornice della Ricerca e saluti degli ospiti e rappresentanti istituzionali
10:20 – 11:00
Intervento dei ricercatori che hanno condotto la ricerca sul campo: restituzione dell’esperienza di romeni e studenti
11:00 – 11:25
Relazione del coordinatore scientifico, Prof. Antonio Riccio, su temi e questioni salienti rilevati dalla ricerca
11:25 – 12:00
Reading dal titolo “Orgoglio & Pregiudizio”: momento artistico che porta in aula voci, narrazioni, testimonianze
12:00 – 12:40
Tavola rotonda tra i docenti della Facoltà di Scienze Sociali: Teresa Doni, Antonio Riccio, Girolamo Rossi e interventi del pubblico
12:40 – 13:00
Buffet come momento di socialità e conoscenza tra gli intervenuti.

 

Per ulteriori informazioni:

https://angelicumnewsletterblog.blogspot.com/2019/02/romeni-romani-ricerca-etnografica-la.html

https://angelicum.it/it/event/the-perception-of-the-romeni-people-in-rome/

Scarica la locandina-manifesto: Romeni a Roma

Annunci

Romani e Romeni a Roma: sguardi riflessi e punti di vista controversi. Ricerca etnografica sul pregiudizio


La Facoltà di Scienze Sociali (FASS) della Pontificia Università San Tommaso d’Aquino – Angelicum ha il piacere di presentare i risultati di una ricerca etnografica sul pregiudizio anti-romeno a Roma, condotta da un gruppo di studenti-ricercatori coordinati dall’antropologo prof. Antonio Riccio:

SGUARDI RIFLESSI E PUNTI DI VISTA CONTROVERSI
La percezione anti-romena a Roma

Romani e Romeni a Roma si incontrano e si guardano, quotidianamente, ciascuno riflesso nello sguardo dell’altro. Si comprendono – e più spesso si fraintendono – dando forma ad opinioni e punti di vista diversi, immaginari contrastanti che attraversano vita interpersonale, questione sociale e diversità culturale. Entrare in questo territorio incognito, renderlo domestico e conosciuto, sebbene non pacificato, è il lavoro dell’antropologo;
un lavoro che “richiede un cuore” per citare la bella definizione di William Goldschimdt della ricerca etnografica; che nasce per aprire campi di confronto e di scambio, promuovere conoscenza, riflessione e condivisione.L’evento è organizzato dalla Facoltà di Scienze Sociali dell’Angelicum, con il patrocinio della Ambasciata di Romania presso la Santa Sede e dell’Accademia di Romania in Italia; ed il supporto di Adjuvantes onlus, Associazione / Fondo di Solidarietà Educativa allo scopo di supportare la FASS e formazione sul Terzo Settore e sulla Responsabilità Sociale d’Impresa e sull’Innovazione Sociale e Sostenibilità.

 Sabato 16 marzo 2019, ore 10:00-13:00

Largo Angelicum, 1  00184 Roma

Programma
10:00 – 10:20
Introduzione delle Autorità Accademiche sulla cornice della Ricerca e saluti degli ospiti e rappresentanti istituzionali
10:20 – 11:00
Intervento dei ricercatori che hanno condotto la ricerca sul campo: restituzione dell’esperienza di romeni e studenti
11:00 – 11:25
Relazione del coordinatore scientifico, Prof. Antonio Riccio, su temi e questioni salienti rilevati dalla ricerca
11:25 – 12:00
Reading dal titolo “Orgoglio & Pregiudizio”: momento artistico che porta in aula voci, narrazioni, testimonianze
12:00 – 12:40
Tavola rotonda tra i docenti della Facoltà di Scienze Sociali: Teresa Doni, Antonio Riccio, Girolamo Rossi
12:40 – 13:00
Buffet come momento di socialità e conoscenza tra gli intervenuti.

Nella foto: Eduard Dascalu, Alina Varzaru, Mioara Moraru, Simona Cecilia Farcas, Mandica Neagu, Adriana Jugaru

ROMANI E ROMENI, RICERCA ETNOGRAFICA ALL’ANGELICUM


Una ricerca etnografica condotta da sei ricercatori rumeni dell’Angelicum.  Il cuore pulsante della ricerca empirica e teorica della Facoltà di Scienze Sociali (FASS) – Pontificia Università S. Tommaso D’Aquino “Angelicum” di Roma, è la CATTEDRA CARDINALE PAVAN PER L’ETICA SOCIALE*.

Nella foto: Prof. Sr. Helen Alford, Prof. Antonio Riccio e il gruppo di studenti-ricercatori romeni della Facoltà di Scienze Sociali – Pontificia Università San Tommaso d’Aquino “Angelicum” Credit: Simona C. Farcas

ROMANI E ROMENI

Sguardi, le storie, gli atteggiamenti ed i punti di vista sulla comunità rumena a Roma e, reciprocamente, sul punto di vista rumeno sui romani.

A partire dall’A.A. 2017/2018, la Facoltà di Scienze Sociali (FASS), nell’ambito della Cattedra Pavan, procederà con una ricerca etnografica condotta da sei ricercatori rumeni dell’Angelicum. I quali saranno coordinati e diretti dall’antropologo prof. Antonio Riccio, sugli sguardi, le storie, gli atteggiamenti ed i punti di vista sulla comunità rumena a Roma e, reciprocamente, sul punto di vista rumeno sui romani. Il progetto è finalizzato ad una pubblicazione scientifica ed una “restituzione” artistica ed espressiva della ricerca (Reading, presentazioni multimediali) come promozione e riflessione sui problemi dell’incontro interculturale.

 

* La Cattedra Pavan, che fu avviata nel 2003, favorisce la ricerca etica sui problemi urgenti posti in rilievo nel mondo contemporaneo. Nella consapevolezza che le questioni che meritano procedure di indagine sono, spesso, di indirizzo globale e richiedono approcci multipli e integrati, la Cattedra Pavan ha fra i propri scopi anche quello di aggregare le iniziative di ricerca interfacoltà e tra le strutture universitarie italiane e internazionali.

Tra i progetti di ricerca completati, ricordiamo: Bioetica, diritti umani e multietnicità (gli esiti del progetto sono raccolti in tre volumi, pubblicati da Edizioni San Paolo nel 2003); La teoria delle elites (ricerca pubblicata nel volume di A. Lo Presti, ed. Nova Millennium Romae, 2003); La condizione civile dei detenuti immigrati nelle carceri italiane (che si è concluso nel 2005 con un convegno e la pubblicazione del volume: Alford, Helen e Lo Presti, Alberto. 2006. Il carcere degli esclusi. Ed. San Paolo); The Dominican Contribution to Social Ethics in the 20th Century (che ha coinvolto oltre 20 ricercatori in 14 paesi, finanziato da tre fondazioni. Il risultato è pubblicato nel volume Preaching Justice, edito nel 2007, a cura di Helen Alford e Francesco Compagnoni); Etica e Responsabilità Sociale d’Impresa (volume pubblicato da Città Nuova nel 2008 con il titolo Fondare la Responsabilità Sociale d’Impresa, a cura di Helen Alford e Francesco Compagnoni); Preaching Justice II (concluso nel 2016 e ha riguardato le suore domenicane, coinvolgendo 22 ricercatori e 26 paesi. Sono state raccolte esperienze dalla Colombia al Vietnam, dalla Svezia al Sud Africa, su temi che vanno dall’assistenza sociale e sanitaria, all’insegnamento, alla promozione dei diritti umani e della dignità delle fasce di popolazione più marginalizzate, all’adozione e diffusione di stili di vita sostenibili. I risultati sono pubblicati nel volume Preaching Justice II: contribution of Dominican Sisters to Social Ethics in the XX Century, a cura di H. Alford OP e F. Compagnoni OP).

Oltre a quelli già conclusi, la Cattedra ha in corso due progetti: The Catholic University between Secularisation and Identity (CUSI), with a special focus on the four Catholic universities in Central and Eastern Europe (CEE), e  Foundational Reflections on Theology and Technology in a Digital Age (FORE).