EUROITALIA News – 04.1.2011/04


I titoli:

DECRETO FLUSSI 2010 E PIANO PER L’INTEGRAZIONE “IDENTITÀ E INCONTRO” NELL’INTERVISTA DI IMMIGRAZIONE OGGI A NATALE FORLANI

ARMENI IN ITALIA: PRANZO NATALIZIO ARMENO APOSTOLICO E I PROGRAMMI DELLA CASA ARMENA A MILANO

SHENORAAVOR NOR DARI YEV PARI GAGHAND! (Auguri in armeno)

INTERCULTURA: RIPARTE LA STAGIONE TEATRALE DEDICATA AL TEATRO INTERCULTURALE “I TEATRI DI BABELE”

DOPO SCONTRO CON LA POLIZIA EGIZIANA, I TRAFFICANTI DI RAFAH INTRODUCONO UN ALTRO GRUPPO DI MIGRANTI IN ISRAELE

UN ANNO FA LA RIVOLTA, ROSARNO TORNA A NORMALITÀ

N. B. Per ricevere quotidianamente le news di EUROITALIA, inviaci una email di richiesta a euroitalia2010@hotmail.com


€UROITALIA – Agenzia giornalistica europea
Direzione ed Amministrazione
Via Dei Lincei, 52
00147 Roma
tel.cell. +39 329 4959144
email: euroitalia2010@hotmail.com
Partita IVA 01670641008 –
Autorizzazione trib. Roma n.13798

C’è o non c’è un pauroso deficit di democrazia in Italia?


dirittiumani1
Se la “Open Society Institute di George Soros è sempre più preoccupata per la situazione dei diritti umani in Italia”, come leggiamo in un comunicato, figurarsi noi di futuro insieme, che, accanto a giornalisti romeni, da qualche tempo, incessantemente, stiamo tirando segnali d’allarme in ogni direzione! Magari questa volta qualcuno ci ascolterà…

Sono stata invitata ad esprimere il mio punto di vista durante un incontro organizzato a Roma con una delegazione della Fondazione Soros su atteggiamenti del governo italiano che possono definirsi razzisti e xenofobi nei confronti di cittadini romeni, su atteggiamenti del governo che possono definirsi razzisti e xenofobi nei confronti delle minoranze (compresi i Rom e altri), su criminalizzazione delle violazioni di legge in materia di immigrazione e, in generale, il ricorso alla penalizzazione di violazioni amministrative per i romeni.
L’aumento della percentuale di popolazione carceraria romena in attesa di processo, e la lunghezza dei procedimenti in materia penale e civile e dei suoi effetti sul diritto ad un processo equo, sono temi che verranno trattati da un avvocato romeno.
Tutto questo in un contesto in cui l’opinione pubblica in modo efficace è formata attraverso la televisione, che è o di Stato o sotto il controllo della società di proprietà dal primo ministro in qualità di privato.
Il problema della sistematica non applicazione da parte dell’Italia delle sentenze della corte europea dei diritti dellì’uomo (e in parte anche della Corte di Giustizia europea), le cui centinaia di sentenze contro l’Italia rimangono completamente disattese.

L’Open Society, in consultazione con i propri contatti in Europa e di Washington, hanno individuato il prossimo vertice del G8 come un importante momento di visibilità per questi potenziali problemi, e hanno organizzato una missione in Italia, per incontrare gli esperti ed alcuni altri, tra cui rappresentanti di associazioni dei romeni in Italia, che possono fornire informazioni ed idee su questi temi, e di aiutare le imbarcazioni di una strategia per portare questi problemi in primo piano l’attenzione del pubblico internazionale.

Tra i romeni in Italia, mi sento in dovere di ricordare qui il grosso contributo di Andi Radiu , giornalista di Gazeta Romaneasca e corrispondente di Evenimentul Zilei, che sul suo blog e su Realitatea din Italia sta pubblicando dati importanti e utili per questo prezioso incontro.

Se siete a conoscenza di cittadini europei che hanno subìto ingiustizie di ogni genere in Italia o avete qualcosa da dire a proposito dei temi sopra elencati, siete pregati di scrivere a simona.farcas@ymail.com

Grazie.

Serve più informazione per una integrazione europea


Mi chiamo Danuta Wojtaszczyk e sono caporedattrice del quindicinale per i Polacchi in Italia „Nasz Świat” pubblicato da Stranieri in Italia e vicepresidente dell’Associazione Culturale Comunità Polacca di Roma.

Vorrei ringraziare l’onorevole Rita Bernardini e tutti coloro che hanno reso possibile il nostro incontro di oggi. Ringrazio gli esponenti del parlamento italiano ed europeo e tutti i presenti per aver accettato l’invito del dialogo – con noi, rappresentati di diverse comunità dei cittadini comunitari residenti in Italia.

Perché siamo qui oggi?

Siamo qui perché vogliamo fare il un punto della situazione. E’ qual’é il punto? Il punto è che viviamo in un momento particolare nella storia della civiltà. Le società sono destinate a cambiare e ormai ci sono tanti modi per sentirsi europei. Ci si può sentire italo-polacchi o polacco-italiani o polacchi ed italiani , ci si può sentire italo-romeni, italo-francesi, italo-tedeschi e in tanti altri modi ancora. E’ importantissimo capire che le nostre comunità si riconoscano nei propri valori. E’ noi quali valori vogliamo tramandare ai nostri figli?

Il governo italiano cosa vuole trasmettere ai cittadini italiani?

Negli ultimi tempi sembrano affermarsi in Italia posizioni sempre più ispirate al principio della indesiderabilità dei cittadini stranieri. Non posso purtroppo evitare di constatare che alcuni esponenti del Governo e della Maggioranza abbiano messo in risalto solo gli aspetti negativi del fenomeno dell’immigrazione e che diverse misure messe in atto abbiano decisamente alimentato pregiudizi e malumori verso le comunità degli immigrati in Italia.

Non lo so, forze è anche giusto pensare che ognuno debba tornare a casa sua. E’ magari chissà saremmo tutti più tranquilli se ci chiudiamo ognuno a casa propria a guardare i nostri stretti orizzonti.

Ma se invece noi Europei vogliamo veramente salvaguardare il patrimonio culturale del nostro continente, delle nostre culture, delle nostre lingue e dei valori universali tramandati con tanto sacrificio dai nostri avi dobbiamo imparare a convivere rispettandoci reciprocamente.

Faccio un esempio banale: se vedo qualcuno che sta devastando le aiuole nel quartiere dove abito, come mi comporto? La risposta dovrebbe essere una sola: reagisco e denuncio subito il vandalo. Invece per chi non si sente a casa sua non è così, potrebbe infatti decidere di non fare niente.

Non importa di che nazionalità sia il vandalo nè chi lo ha scoperto a rovinare gli angoli delle città. E’ importante capire che ci vuole l’interesse di chi governa a fare in modo che chi risiede sul territorio nazionale si senta partecipe nella vita sociale di tutti i giorni.

Il modo migliore per insegnare il rispetto è quello di dare il buon esempio. E’ questo il punto. Lo stato per primo dovrebbe dimostrare che il rispetto è un valore fondamentale di un paese civile e democratico.

L’immigrazione in Italia come negli altri paesi dell’UE è ormai un fenomeno strutturale. La partecipazione dei cittadini stranieri alla vita civile, politica, economica e culturale della comunità nazionale è una risorsa positiva, la base reale su cui costruire l’integrazione. In Italia oggi vivono quasi 4 milioni di stranieri di cui un milione sono i cittadini comunitari. E’ ovvio che il diritto al voto è uno strumento fondamentale per sentirsi partecipi alla vita sociale.

Perché si è voluto che tutti i cittadini comunitari abbiano diritto di voto amministrativo non solo nel Paese di provenienza ma anche in quello di residenza all’ interno dell’ Unione Europea? Perchè abbiamo lo stesso obiettivo: quello di salvaguardare la ricchezza del nostro continente e conservare un universo dei valori. In Italia purtroppo questo diritto di voto rimane il più delle volte sulla carta, come denuncia l’interpellanza urgente al presidente del consiglio e al ministro dell’Interno presentata dal Pd e a prima firma dall’onorevole Rita Bernardini.

Perchè accade questo? A mio avviso per il fatto che fino ad oggi c’è stato poco interesse da parte dei governanti per favorire una reale integrazione. Forse non è un caso che alla richiesta di informazione dei cittadini stranieri che vivono in Italia i media non solo non riescono a rispondere, ma tendono ad “inquadrare” l’immigrazione solo come cronaca nera, disagio, o nella migliore delle ipotesi, nelle sue implicazioni economiche e legate al mercato del lavoro. E’ arrivato il momento che lo stato ed i media, come la Rai, non parlino più solo ‘di’ immigrati, ma anche ‘per’ gli immigrati.

Visto il tema del nostro incontro: “Tutti possiamo votare purchè si sappia” chiediamo di:

– lanciare le campagne di comunicazione in diverse lingue per i cittadini comunitari residenti in Italia, in primis sulla Rai.

– più formazione per i funzionari delle amministrazioni locali, che potrebbero anche inviare materiale informativo a casa dei potenziali elettori.

– agevolare la partecipazione alle elezioni.

Qui vorrei spiegare per quale motivo chiediamo di fornirci delle informazioni non solo in italiano ma anche nelle nostre lingue madri. Qualcuno potrebbe dire che è una richiesta mal educata visto che chi è ospite in un Paese prima di pretendere un cosa dovrebbe dimostrare rispetto nei confronti dei padroni di casa. Questo è vero ma come ho detto al inizio viviamo in un momento particolare della storia, sappiamo che le società sono destinate a cambiare è saranno sempre più multietniche. E’ nel nostro interesse contrastare il fenomeno di imperialismo di una cultura sulle altre perché ogni popolo e ogni lingua possiede dei valori che fanno parte del patrimonio di tutta l’umanità.

Nessuna cultura ne lingua è superiore al altra. Ognuna di loro costituisce un nostro tesoro comune che dobbiamo salvaguardare. Noi cittadini europei abbiamo un obiettivo comune: che è quello di salvaguardarle tutte.

Non è un digressione questa che sto facendo ora e vi spiego che c’entra questo discorso con il diritto di voto amministrativo.

Dunque visto che in direzione ci stanno portando i cambiamenti demografici ed economici che stanno avvenendo il tutto il mondo dobbiamo capire che nel interesse di ogni Stato è fare in mondo che tutti i cittadini si sentono partecipi alla vita sociale. In poche parole conviene mettersi in testa non c’è tempo da perdere. Dobbiamo aiutarci a vicenda perché il meglio che possediamo non venga distrutto o perduto.

Tra pochissimi mesi quasi un milione di cittadini comunitari che vivono e lavorano in Italia potrebbero cominciare a sentirsi realmente partecipe nella vita del Paese è responsabile di quello che viene considerato il nostro bene comune. Potrebbe.

Non abbiamo molto tempo per iscriversi alle liste elettorali e molti di noi non sanno anche che possono esercitare questo diritto. Però tutti conosciamo il proverbio: volere è potere. E’ lo Stato italiano cosa vuole?

Grazie per l’attenzione