Milano, românii prezentați într-un volum monografic


Volumul a dedicat și câteva pagini cu rețete specifice fiecărei comunități străine, pentru bucătăria românească autorii menționând o rețetă descrisă de Simona Cecilia Crociani Baglioni Farcaș de la asociația Italia-Romania Futuro Insieme de la Roma.

milano-multietnicaPentru prima oară prezența românească din Milano și Lombardia este consemnată într-un important volum monografic cu titlul: “Milano Multietnica. Scorci e memorie” recent aparut în această vară la editura Meraviglie 206 p., lucrare îngrijităde doi cunoscuți jurnaliști italieni Donatella Ferrario și Fabrizio Pasoli. Milano este deja cunoscut ca un oraș multietnic în care locuiesc cca. 250 000 de străini, originari din 160 de țări, capitala lombardă fiind o metropolă care se înscrie într-o evoluție firească în rândul marilor orașe europene și occidentale. Zi după zi, în opinia celor doi autori, orașul se îmbogațește cu sunetul unor noi limbi, unor noi culturi, unor noi mentalități. Noua realitate căruia nu îi lipsesc multe aspecte problematice, aduce cu sine un enorm potențial din punct de vedere cultural, fără a mai vorbi de o experiență fascinantă pe care o poate avea oricine care vrea sa descopere mapamondul printr-un simplu tur al cartierelor milaneze, care echivalează cu turul lumii într-un singur oraș. Volumul este un mic pas spre a cunoaște și înțelege pe celalalat, pentru aceasta este însănecesar sa faci cunoscut acest fapt, afirmă cei doi jurnaliștiLucrarea monografică este rodul a mai mult de doi ani de muncă a autorilor, care însumează rezultatul a zeci si zeci de întalniri cu persoane aparținând nationalităților prezentate în volum, fiecare povestind experiența lor legată de Milano, reprezentanți de asociații, exponenți ai religiilor, mediatori culturali, cercetători, limitându-se în prezentarea naționalităților mai numeroase de pe teritoriul orașului Milano, careprovin din: Filipine, Egipt, China, Peru, SRI Lanka, România, Ecuador, Ucraina, Maroc, Bangladesh, Armenia, Senegal, Eritrea, etc.

Cu un număr de cca. 15 000 de rezidenți, românii se situează pe locul șase între comunitățile de străini din Milano, în schimb pe teritoriul Lombardiei sunt prezenți 159 626, comunitatea noastră situându-se între grupurile mari deemigranți din regiune.Autorii consideră că românii se integrează foarte repede în Italia datorită afinităților lingvistice, fiind mult predispuși la forme de asociaționism ca o referință principală înspre a păstra rădăcinile culturaleși lingvistice. Comunitatea românească caracterizându-se în acest sens printr-o existență transnațională în care patria de origine coexistă cu noul context social.

Italia este considerată sora mai mare pentru România, afirmă cei doi autori, o caracterizare care în virtutea factorului latinității, face ca românii să se simtă foarte apropiați de această țară. Emigrația românească în Italia are rădăcini vechi încă după primul război mondial, dar despre o emigrație masivă se poate vorbi abia după căderea zidului Berlinului începând cu anul 1990. Dacă în anii 1980 se înregistrau 363 rezidenți români în orașul Milano, în 1995 erau stabiliți 541 ca apoi în 2015 numărul lor să crească la 5 536, iar în 2015 să fie înregistrați cca. 14 798 de romani. Autorii prezintă si o scurtă incursiune istorică a României, marile momente de la 1848 (rolul și influența lui Guseppe Mazzini în Țările Române, prietenia româno-italiană, schimburile culturale care au avut loc în decursul timpului între principatele Romane și Italia), perioada interbelică caracterizată de marile inițiative culturale atât dinspre partea Italiană: deschiderea Institutului Italian de Cultură la București, prezența lui Ramiro Ortiz, catedra de limba română cât și extraordinara strategie diplomaticăculturală venită dinpre partea Statului român în Italia, rolul personalităților Nicolae Iorga si Vasile Pârvan, fondatori ai douămari instituții de cultură cu un rol fundamental atunci și acum în promovarea culturală și artistică românească în Italia. Sunt prezentate personalități italiene precum Luigi Cazzavillan, Giovanale Vegezzi Ruscalla, Ramiro Ortiz care au contribuit la dezvoltarea raporturilor culturale între România și Italia.

În prezent, realitatea culturală românească la Milano este definită în opinia autorilor de fondarea la Milano a unui Centru Cultural italo-român si a primei edituri românești in Peninsulă – Rediviva, care au reușit să valorizeze cultura românească în teritoriu prin dialogul deschis atât cu comunitatea românească, societatea italiană cât și dialogul intercultural dezvoltat cu reprezentanțiiasociațiilor de străini din teritoriu. Un interviu mai lung intitulat Misionarismul cultural între România și Italia este realizat de jurnalista Donatella Ferrario cu Violeta Popescu, interviu care aduce în atenție eforturile și imaginea din punct de vedere cultural pe care o prezintă România și comunitatea de români din Milano, interesul acesteia de a se integra în contextul cultural al orașului, fiind enumerate inițiativele din cadrul bibliotecilor italiene, universități, școli, diferite instituții, fundații și asociații italiene, prezența în cadrul Bookcity Milano, Festivalul de Literatură, Festivalul de Poezie, Zile Interculturale, s.a.

Prezența românilor în Milano, incluzând toate categoriile profesionale (muncitori, ingineri, medici, asistente, îngrijitoare, angajați ai unor diferite firme și companii, până la o importantă elită culturală si artistică (profesori, cercetători, artiști, pictori, muzicieni, balerini etc.) alături de alte comunități de străini, reprezintă o bogăție si o resursă importantă în istoria orașului.

În realizarea și prezentarea României în cadrul acestui volum, a comunității de români din Milano, jurnaliștii italieni Donatella Ferrario și Fabrizio Pesoli, mulțumesc tuturor celor care din comunitatea românească au oferit sprijin informațional, suport, bibliografie, fiind amintit Consulatul General al României la Milano preecum si numele consulului general George Bologan (actual ambasador al României la Roma) căruia autorii îi mulțumesc în mod special pentru suportul acordat,  Centrului Cultural Italo Român și tuturor celor intervievați în decursul întocmirii cărții.

Autorii fac referință în prezentarea tuturor comunităilor, la o listă bibliografică cuprinzând studii, articole, volume apărute atât în limba română cât și în cea italiană. La finalul volumului sunt dedicate câteva pagini cu rețete specifice fiecărei comunități străine, pentru bucătăria românească autorii menționând o rețetă descrisă de Simona Cecilia Crociani Baglioni Farcas de la asociația Italia-Romania Futuro Insieme de la Roma.

Violeta Popescu

Violeta Popescu

Pentru fotografiile publicate în cadrul volumului, autorii mulțumesc Feliciei Chi, videoreporter. Începând din luna septembrie, în mai multe orașe din Italia vor avea loc lansări ale volumului, considerat în urma recenziilor apărute (Corriere della Sera etc.) ca fiind un instrument de referință pentru cine dorește să cunoască dincolo de obișnuitele prezentări, istoria, locul de unde vin, tradițiile acestor comunități.

Sursa:  Cultura Romena, Milano – www.culturaromena.it

7 septembrie 2016

Incontro letterario Italia-Romania a Milano, Galleria Spaziotemporaneo


Giornata Mondiale della Poesia 2016. Galleria Spaziotemporaneo Via Solferino, 56 Milano. Martedì 22 marzo ore 18.30 speciale incontro con i poeti Menotti Lerro, Florentina Nita, Paola Pennecchi.

invito_mi

Cu ocazia Zilei Mondiale a Poeziei, Galeria Spaziotemporaneo care găzduiește expoziția de artă contemporană a artistei Daniela Neneciulescu, Centrul Cultural Italo-Român din Milano și Consulatul General al României din Milano vă invită marți 22 martie 2016, orele 18:30 la o serată literară organizată la Galleria Spaziotemporaneo din Milano, Via Solferino 58 transmite Romanian Global News citând organizatorii.

Cu participarea invitaţilor:
Paola Pennecchi – poetă, director editorial
Daniela Nenciulescu – artistă
Lerro Menotti – scriitor şi publicist
Florentina Niţă – poetă

Daniela Nenciulescu este o artistă de origine română care trăieşte la Milano din 1968. Sculpturile sale în fier şi oţel, de dimensiuni mari sau mai reduse, prind contururi şi forme stilizate de cele mai multe ori din tuburi de metal reciclate, asupra cărora intervine dintr-o singură tăietură, sigură şi profundă. „Aşa de puri, aşa de corodaţi” (Così puri, così corrotti”) se intitulează sugestiv cea mai recentă expoziţiepersonală şi catalogul publicat la Editura Rediviva. Deschiderea cu care abordează provocarea venită din partea materialelor, în care urmează să identifice fascinante entităţi, a purtat-o spre descoperirea a noi forme de exprimare. Tonurile par să se mai fi atenuat în urma întâlnirii cu poezia, tăieturile se practică acum în piele şi carton. La sărbătoarea poeziei ne surprinde şi încântă cu o colecţie de cărţi de artist, fruct al inspiraţiei dintr-o colaborare cu poetele Florentina Niţă şi Paola Pennecchi.
Paola Pennecchi s-a născut la Milano, unde a lucrat mulţi ani ca redactoare, coordonatoare şi consultant editorial. Se numără printre fondatorii Grupului Pubblicità Italia, fiind directorul editorial al secţiei Iniţiative Speciale. În paralel cu activitatea profesională şi pasiunile artistice, scrie dintotdeauna poezie. „Traslochi”(Mutări) se numeşte prima sa colecţie, cu texte în italiană şi engleză, care se îmbină cu artele vizive printr-o colaborare cu artista fotografă Alison Harris. Cartea are o dublă copertă şi două sensuri de lectură, Poezii şi Imagini, care dialoghează în reciprocă autonomie pe o temă comună, fiecare dându-ne propria interpretare artistică.
Florentina Niţă este o poetă şi ziaristă română care trăieşte în Italia de peste cincisprezece ani, unde participă cu entuziasm la manifestările culturale organizate în cadrul comunităţii româneşti şi de care se face ecou prin relatările şi corespondenţele publicate în reviste şi pe bloguri literare. A contribuit cu propriile creaţii literare şi interviuri la realizarea Anuarului Centrului Cultural Italo-Român „Repere culturaleromâneşti în Peninsulă”. Între anii 2011 – 2015 a publicat la edituri din România patru volume de poezie care vor fi prezentate pentru prima oară publicului din Italia cu această ocazie.
Lerro Menotti s-a născut la Omignano în provincia Salerno. Licenţiat în Limbă şiLiterarură Străină, predă Limba şi literatura engleză şi spaniolă în licee. A obţinut un Master of Art în Anglia şi un doctorat de cercetare asupra poeziei contemporane engleze şi spaniole. E reţinut a fi „unul din cei mai interesanţi poeţi ai Europei moderne”. Din 2005 este înscris în registrul ziariştilor publicişti. Conduce colecţia „Poeti Senza Cielo” (Poeţi Fără Cer) a Editurii Genesi din Torino. A publicat mai multe cărţi de poezie, proză, critică literară, eseu, aforisme. Operele sale au fost traduse în engleză, spaniolă, germană şi română. Volumul „Poeme alese”, apărut la Editura Genesi în 2013, este o ediţie bilingvă româno-engleză, în cadrul unui proiect coordonat de Lidia Vianu de la Universitatea din Bucureşti.
Intrarea libera! Sursa: http://www.rgnpress.ro/ 

 

Dialogo poetico italo-romeno al Consolato Generale di Romania a Milano


Sabato, 21 Marzo 2015, ore 16.15,  via Gignese 2. 

Con la partecipazione di: Paola Pennecchi – poetessa, Daniela Nenciulescu – artista, Menotti Lerro – scrittore e pubblicista,  Florentina Nita – poetessa, Marius Chelaru – scrittore, redattore, consulente editoriale e Alessandro Villa – poeta, pubblicista.

Giornata-Poesia-2015

Per il terzo anno di seguito, il Centro Culturale Italo-Romeno di Milano promuove l’iniziativa che si propone di realizzare un incontro con poeti italiani e romeni per una condivisione delle idee ed i valori che li accomunano.

Il tema di dialogo al centro della tavola rotonda offre la possibilità di presentare alcuni dei progetti letterari e dei più recenti libri pubblicati dagli invitati. Con l’occasione l’artista Daniela Nenciulescu vorrà fare dono di una delle sue opere al Consolato Generale di Romania a Milano, che ospita l’evento e  concesso il gratuito patrocinio.

 

Daniela Nenciulescu è un artista di origine romena che vive e lavora a Milano dal 1969. Le sue sculture di ferro e d’acciaio inox, grandi o piccole, prendono forme astratte e suggestive a partire da cilindri metallici sui quali interviene con un unico taglio, preciso e profondo. “Così puri, così corrotti” si intitola la mostra più recente ed il catalogo edito da Rediviva Edizioni nella Collana “Arte e Vita”. Aperta alle sfide nei confronti dei materiali dai quali ricava nuove identità, i toni forti sembrano essersi smorzati all’incontro con la poesia ed avere trovato forme di espressione innovative nei tagli praticati ora nel cuoio e nel cartone. In occasione della Giornata Mondiale della Poesia saranno esposti i suoi libri d’artista, frutto di un lavoro di interpretazione plastica ispirata alle poesie di Florentina Nita e Paola Pennecchi.

Paola Pennecchi nasce a Milano, dove ha lavorato per anni come redattrice, coordinatrice e consulente editoriale per numerosi case editrici tra cui Mondadori, Rizzoli, Condè Nast. Parallelamente alle attività professionali ed ai suoi interessi artistici e letterari, scrive da sempre poesie. Ha partecipato a reading poetici ad Alessandria, in occasione della Giornata Mondiale della Poesia 2012; alla Casa della Poesia di Milano; a Villa Shelley nell’ambito di E-Vento; al Festival letterario Bookcity  di Milano. Finalista al Premio Internazionale “Il mondo delle Idee” – 2013. Sue liriche sono presenti nella raccolta “Nascita della quarta Grazia” a cura di Tomaso Kemeny. Collabora con artisti e poeti del gruppo Mitomodernista. “Traslochi”, sua prima raccolta, con testo in italiano ed inglese, è un libro che si apre alle arti visive grazie alla collaborazione con la fotografa americana Alison Harris ed è diventato anche una mostra alla Galleria Spaziotemporaneo di Milano. Poesia “esposta”, altro tema sul quale l’autrice sta lavorando.

Florentina Nita è una poetessa e giornalista romena che vive in Italia da più di quindici anni, partecipando con entusiasmo alle manifestazioni culturali organizzate dalla comunità romena e di cui si fa spesso ecco in ampie corrispondenze scritte per le riviste e i blog letterari. Ha contribuito con le proprie creazioni letterari ed interviste alla realizzazione del Annuario del Centro Culturale Italo-Romeno “Impronte culturali italo-romene in Italia”. Tra il 2011 e 2015 ha pubblicato in Romania quattro libri di poesia che verranno presentati  per la prima volta in Italia in occasione dell’incontro.

Menotti Lerro è nato a Omignano in provincia di Salerno. Laureato in Lingue e Letterature Straniere, insegna Lingua e letteratura inglese e spagnola in istituti superiori. Ha conseguito un Master of Art in Inghilterra e un dottorato di ricerca sulla poesia contemporanea inglese e spagnola presso l’Università degli Studi di Salerno. È ritenuto “uno dei poeti più interessanti dell’Europa moderna”. Dal 2005 è iscritto all’albo dei giornalisti pubblicisti. Per la casa editrice Genesi di Torino dirige la collana di poesia Poeti Senza Cielo. Ha pubblicato libri di poesia, di prosa, di critica letteraria, di saggistica, aforismi. Le sue opere sono state tradotte in inglese, spagnolo, tedesco e romeno. Il volume Poeme alese, edito da Genesi nel 2013, è un’edizione bilingue romeno e inglese, un progetto coordinato da Lidia Vianu dell’Università di Bucarest.

Marius Chelaru viene dalla città di Iasi, Romania. E’ uno scrittore e pubblicista con un’esperienza pluriennale di lavoro nelle redazioni di riviste letterarie (“Poezia”, “Convorbiri Literare”, “Timpul”, “Cronica”, “Carmina Balcanica”, “Kadō. Calea Poeziei”, “Doina”) e come consulente editoriale per le Case Editrici Junimea, Timpul, Sakura, Parnas. E’ stato il fondatore della rivista “Kadō, Review of Euro-Asiatic Poetry, Poetic Culture and Spirituality” e uno dei co-fondatori della rivista bilingue francese e romeno „Doina” di Parigi e della rivista „Carmina Balcanica”. Ha pubblicato più di 40 libri di poesia, prosa, saggistica, traduzioni, interviste che sono stati anche tradotti in varie lingue europee ed asiatiche. E’ membro dell’Unione degli Scrittori della Romania, della Società Romena di Haiku, della World Haiku Association Japan, della Japan Universal Poets Association, dell’Associazione degli Scrittori di Lingua Romena di Québec.

Alessandro Villa, nato il 27.6.1950, vive e lavora a Triuggio (MB). Giornalista pubblicista e fondatore del “Centro Giovani e Poesia – Triuggio”. Ha promosso iniziative e manifestazioni culturali, quali l’omonimo Premio Internazionale di Poesia, e pubblicato nove raccolte di poesia: Momenti d’Amore, Ed. GR Besana B. ,1983;A cavallo di un Cuore, Ed. ABE FM 88,200, 1984; Attraverso le correnti, Ed. Rebellato, 1986; Cercando Thule, Ed. Bresciane, 1988; Un giorno dopo l’altro, Ed. Il Cittadino della Domenica, 1989; Sussurri e Misteri, Ed. Prometheus, 1991;All’Ombra di Ezechiele, Ed. Prometheus 1993; La Sentinella di Chebàr, Ed. Prometheus, 1995; Sikelaia, Ed. Prometheus, 2004. Alcune sue poesie sono state tradotte e pubblicate in Ucraina, Albania e Romania. E’ presente in: YIP YALE ITALIAN POETRY – volumes V-VI – 2001-2002 (pagg.435-436) – YALE UNIVERSITY; autore de “Giovani e poesia contemporanea in Italia: un viaggio tra sogni, illusioni e tempeste…” (Poeti e Poesia-dicembre 2007) tema di un seminario presso l’Università di Torun (Polonia).

 

RESPONSABILI PROGETTO: Violeta Popescu e Florentina Nita.

L’evenimento sarà registrato dalla video reporter Felicia, con interviste ai presenti. I video verranno pubblicati sul canale youtube Cultura romena in Italia – https://www.youtube.com/channel/UCdB34vS5iSIDrkoXFr-h3ag

infoculturaromena@gmail.com

RESPONSABILI PROGETTO: Violeta POPESCU e Florentina NITA.

INFO. infoculturaromena@gmail.com

Un ricco buffet di dolce e salato verrà offerto dalla pasticceria artigianale italo-romena DIVO’S CAFFÈ di Milano (Via Fabio Filzi 15, Milano)

5-8 DICEMBRE: “3T” E “SHARING LOVE” IN ITALIA, CONCERTO PER I BAMBINI DEL KENYA


ROMA-MILANO-TORINO-VERONA: CONCERTO DI BENEFICENZA

LOCANDINA3T

“3T” E “SHARING LOVE” CANTANO PER I BAMBINI DEL KENYA

Per maggiori informazioni,  telefonare ai seguenti numeri:

+39 340 5326 159
+40 748 952 797
( ROMA-MILANO-TORINO-VERONA)

+39 328 9599 204 (ROMA)
+39 329 5717 184 ( TORINO)
+39 345 7949 141( VERONA)

Gli organizzatori comunicano che è possibile  prenotare i biglietti anche su FB, alla pagina “Sharing Love”  ; lasciando un messaggio indicando il nome e il numero di biglietti desiderati.

I biglietti saranno distribuiti all’ingresso delle rispettive sale nei giorni 5 a ROMA, 6 a MILANO, 7 a TORINO E 8 a VERONA, ore 19:00 – 20:00.

Il costo del biglietto è di 20 euro.

Il ricavato andrà in beneficenza per la costruzione di una scuola materna destinata ai bambini nomadi de deserto Chalbi (Kenya).

Fonte: https://www.facebook.com/pages/Sharing-Love/553315828076636

LOCANDINA3T

 CONCERT CARITABIL ITALIA: “3T SI “SHARING LOVE” CANTA PENTRU COPIII DIN KENYA

 

IN PERIOADA 05- 08 DECEMBRIE 2013, “3T” IN COLABORARE CU ASOCIATIA “SHARING LOVE” ORGANIZEAZA IN ITALIA UN TURNEU MUZICAL CARITABIL IN FAVOAREA COPIILOR SARACI DIN DESERTUL CHALBI- MAIKONA-KENYA.
IN EVENIMENT VOR CONCERTA NEPOTII REGELUI MUZICII POP, MICHAEL JACKSON, TARIANO (TAJ), TARYLL si TITO JOE (TJ), FII AI LUI TITO, AL DOILEA FIU AL FAMILIEI JACKSON SI AI SOTIEI SALE DECEDATE, DELORES.

 

PENTRU CEI CARE DORESC SA REZERVE BILETUL DE INTRARE LA CONCERT POT SUNA LA NUMERELE:

+39 340 5326 159
+40 748 952 797
( ROMA-MILANO-TORINO-VERONA)

+39 328 9599 204 (ROMA)
+39 329 5717 184 ( TORINO)
+39 345 7949 141( VERONA)

DEASEMENEA SE POT FACE REZERVARI PE PAGINA FB “Sharing Love”  LASAND UN MESAJ CU NUMELE DVS.

BILETELE REZERVATE SE VOR DISTRIBUI INAINTE DE INCEPEREA CONCERTULUI IN ZILELE DE 5- ROMA, 6 MILANO, 7-TORINO SI 8-VERONA INTRE ORELE 19:00- 20:00, LA ADRESELE CARE APAR PE AFIS.

PRET: 20€
SCOPUL TURNEULUI: CONSTRUIREA UNEI GRADINITE IN DESERTUL CHALBI (KENYA) PENTRU COPIII NOMAZI.

Trio-ul a mostenit talentul familiei pentru muzica pop reusind sa se ridice la nivelul asteptarilor cu albumul lor de debut “Brotherhood”, care s-a vandut in peste 1 milion de exemplare in intreaga lume.Lansat in octombrie 1995, albumul, care se bucura de contributii din partea lui Corey Rooney si Mark Morales
(producatorii lui Mary J.Blige), Gardner Coole (Madonna), Denniz Pop (Ace of Base), Babyface (Whitney Houston) si Michael Jackson, le-a castigat membrilor formatiei o baza imensa de fani, mai ales in Europa.
Primul single al formatiei, “Anything”, compus, interpretat si produs de 3T, a luat discul de aur in Statele Unite, Danemarca, Belgia, Norvegia si Marea Britanie si a vandut peste 2 milioane de exemplare in intreaga lume. Piesa “Anything”, completata cu single-urile “Why”, “I Need You”, “24/7” si “Gotta Be You”, reprezinta pentru 3T un set de 5 piese de Top 10 numai in Marea Britanie.
Albumul a primul discul de aur in Marea Britanie, Olanda, Danemarca, Belgia, Tailanda si Filipine, iar in Franta a depasit aurul, primind discul de platina. Avand peste 10 turnee internationale la activ, membrii formatiei 3T se intorc pentru a sustine un turneu in Marea Britanie iar in Italia vor sustine un concert caritabil in favoare copiilor saraci din desertul Chalbi.

Alaturi de ei au onoarea deosebita sa cante, Maria Luisa Andrici si Francesca Giurgila, doua tinere talentate din Iasi, cunoscute pentru implicarea lor in diferite activitati umanitare, in mod special in favoarea copiilor saraci din desertul Chalbi, Kenya. Din dorinta lor de a ajuta, in anul 2009 a luat nastere proiectul “Sa daruim iubire” proiect pe care cele doua tinere il sustin prin diferite activitati muzicale astfel venind in sprijinul copiilor saraci. In acelasi an au lansat primul album muzical intitulat “Sa daruim iubire” din el facand parte melodia “Un mondo migliore” dedicata copiilor din Chalbi . Tot in 2009 au fost pentru prima data in Kenya, unde timp de o luna de zile au stat in mijlocul copiilor nomazi pentru a-i cunoaste personal dar mai ales pentru a intelege cum reusesc ei sa traiasca in conditii atat de aspre. Aceasta experienta le-a motivat profund sa dedice talentul lor muzical pentru a ajuta copiii defavorizati ai acestei lumi. La intoarcere au realizat un documentar pe care l-au numit “Povestea copiilor de ciocolata”. Din 2009 pana astazi au lansat 3 volume muzicale si nenumarate concerte caritabile, printre care un turneu in Italia in 2012 in orasele Roma, Torino, Cremona, Verona si Marostica. Anul acesta impreuna cuTARIANO (TAJ), TARYLL si TITO JOE (TJ) vor concerta din nou la Roma pe data de 5 decembrie, la Milano pe 6, la Torino pe 7 urmand ca pe 8 decembrie sa incheie seria de concerte la Verona, oras in care cele doua artiste s-au nascut si au copilarit primii ani din viata.

Maria Luisa
“Cand am ajuns la Maikona prima data, in 2009, ,am ramas atat de fascinata de veselia copiilor de acolo incat au disparut toate temerile. Frica de serpi si scorpioni, de boli, de lipsa de apa….totul a disparut ca prin magie. Ne-am facut multi prieteni, de fapt toti copiii de acolo au devenit prietenii nostri. Ei ne asteptau cu nerabdare pentru ca stiau deja ca dorim sa-i ajutam si ca am inregistrat muzica pentru ei. Ne-au intampinat in cantece si dansuri si am facut o petrecere pe cinste.

Si vreau sa va mai spun ca in 2011, am petrecut o luna de zile intr-un orfelinat din Nairobi, capital Kenyei, unde noi nascutii sunt abandonati la poarta orfelinatului iar surorile ii ingrijesc si ii dau spre adoptie. Am ramas cu dorinta de a ma reintoarce la ei intr-o zi si sper ca in acea zi, cand se va intampla, sa pot face mai mult pentru ei.

Insa dincolo de toate aceste momente minunate vreau sa va mai spun ceva: acolo copiii sunt foarte saraci si din pacate nu au nici apa de baut. Acest lucru ne-a marcat mult…De aceea dorim sa facem ceva pentru ei. Stiti, noi am decis sa cantam pentru ei deoarece dorim sa fie fericiti si sa nu mai duca lipsa de hrana, apa, imbracaminte si toate cele necesare pentru a avea o copilarie fericita. Si as mai vrea sa aiba jucarii, rechizite scolare…si o gradinita adevarata. Insa toti putem face ceva pentru ei. Noua ne place sa cantam, insa altii pot face alte lucruri minunate. Important este sa nu uitam ca ei exista si intr-adevar sa ne pese de ei, nu doar sa-i compatimim. Ei chiar asteapta un gest de iubire, de solidaritate din partea noastra. Sa nu ramanem indiferenti!”

Francesca

Dorinta noastra de a ajunge in mijlocul acestor copii a fost foarte puternica. Inca de la inceputul acestui demers de a-i ajuta am stiut ca trebuie sa o facem cu toata inima. De aceea am numit proiectul nostru ‘Sa daruim iubire”.
Nu putem sa ramanem indiferenti in fata acestor copii care au nevoie de ajutorul nostru, al tuturor.
Cand am ajuns acolo totul parea un vis. Inca nu-mi venea sa cred ca eu sunt acolo, in desertul Chalbi, despre care eu credeam ca stiu multe. Insa, spre marea mea surprindere am descoperit o lume noua. Lumea copiilor saraci care merg la scoala pentru a primi o cana cu apa si un terci de mamaliga, lumea copiilor care in loc de casa au o coliba, in loc de scoala o baraca din tabla ondulata, in loc de gradinita umbra unui copac. Acolo pietrele devin jucarii pentru copiii mai mici si numaratoare pentru cei de la scoala. Intr-o astfel de lume copiii inca stiu sa zambeasca, sa cante, sa danseze si sa spere.
Avem multe de invatat de la ei, in special sa zambim mai mult si sa multumim lui Dumnezeu ca ne-a dat sansa de a trai intr-o tara minunata, unde apa, hrana, vegetatia, educatia si multe altele nu lipsesc. Abia cand ne-am intors acasa ne-am dat seama cat de norocosi suntem…”

Maikona este un orasel situat in desertului Chalbi din nordul Kenyei intr-o zona foare saraca din punct de vedere al resurselor naturale si umane. Datorita temperaturilor ridicate si a sezonului permanent secetos, viata in desert este extreme de dificila, conditiile de trai fiind reduse la limita supravietuirii. In aceasta zona discriminata de soarta si de societate au ajuns primii misionari la inceputul anilor ‘60 stabilind centre de ajutor umanitar cu scopul de a veni in intampinarea locuitorilor in totalitate nomazi la acea vreme. Astfel ia nastere misiunea din Maikona, mai intai sub calauza misionarilor italieni iar in prezent fiind in administrarea preotilor romani. Pe langa activitatile pastorale misionarii au considerat de foarte mare importanta apostolatul social intru cat nu au existat servicii pubice inainte ca ei sa ajunga acolo. In prezent misiunea sustine programe de educatie, de sanatate, de caritate si de progres uman. Problemele actuale cu care se confrunta locuitorii din Chalbi, cum ar fi: lipsa apei si a hranei, a structurilor educationale, sanitare si de comunicatie, a infrastructurii si a mijloacelor de transport fac ca viata in desertul Chalbi sa ramana la un nivel subdezvoltat din toate punctele de vedere. Misionarii fac apel la caritate si dechidere universala in favoarea categoriilor defavorizate ale societatii. Ramane la atitudinea fiecaruia dintre noi daca dorim sa oferim o sansa in plus acestor oameni care asteapta din partea noastra o raza de speranta.

Facem apel la bunavointa dumneavoastra pentru a sustine aceasta initiativa, impreuna sa daruim din putinul nostru copiilor care asteapta de la noi un gest de iubire. Va asteptam:

JOI, 5 decembrie 2013, orele 20:00, AUDITORIUM DEL SERAPHICUM via del Serafico 1, ROMA

VINERI, 6 decembrie 2013,orele 20:00, AUDITORIUM PIME via Mose Bianchi 94, MILANO

SAMBATA, 7 decembrie 2013, ore 20:00, COLLEGGIO SAN GIUSEPPE, via San Francesco da Paola 23, TORINO

DUMINICA, 8 decembrie 2013, orele 20:00, TEATRO DON CALABRIA, via San Zeno in Monte 23, VERONA

Costul biletului este de 20 E. Cu banii care se vor strange din concerte asociatia ‘Sharing Love’ si “3T” doresc sa contribuie la construirea unei gradinite in desertul Chalbi.

Numere si adrese de contact:

+39 340 5326 159( Pr Isidor Iacovici – Roma)
+30 329 5717 184( Dana Ciot- Torino)
+40 748 954 797( Asociatia Sharing Love- Iasi)
+25 472 7098 638( pr misionar Eugen Blaj- Kenya)

FB “Sharing Love

Milano, “E se torna la voce…” il nuovo singolo dei JALISSE per la Fondazione Mike Bongiorno


Grande successo lo scorso  27 marzo 2013 per i Jalisse e la Fondazione Mike Bongiorno che hanno inaugurato la sala prove Scuole dell’Allegria al carcere San Vittore a Milano.

 

 

 

 

Lola Ponce, Scuola e Jalisse

 

 

Realizzato uno showcase dove i Jalisse insieme ad alcuni detenuti hanno suonato brani di Vasco, Ligabue ed inediti, di fronte a circa 100 reclusi, alla famiglia del grande Mike Bongiorno e agli agenti della Polizia Penitenziaria con gli educatori. Presentato in anteprima alla stampa il prossimo singolo del duo dal titolo “E se torna la voce” scritto da Maurizio Fabrizio, Jalisse e Silvano Tognetti che farà da raccolta fondi per la Fondazione stessa.

 

Il brano colonna sonora dello spot “Casa Allegria”

 

racconta l’esperienza del duo al carcere San Vittore a Milano

 

 

Mentre arrivano consensi per il nuovo singolo e videoclip “Tra Rose e Cielo”, scritto dal poeta italo-iracheno Younis Tawfik, in promozione in Iraq, Serbia, radio straniere e locali italiane, Alessandra e Fabio (duo Jalisse) stanno lavorando a una importante collaborazione con la Fondazione Mike Bongiorno e la Scuola Allegria.

 

 

 

Entro i primi di Aprile il duo Jalisse presenterà alle radio il nuovo singolo dal titolo “E se torna la voce…”, che racconta la storia di una detenuta alla vigilia del suo rilascio, ora più che mai consapevole dei propri sbagli, fermamente convinta di voler “girare pagina”  per iniziare una vita migliore.

 

Il brano è stato scritto da Maurizio Fabrizio, Alessandra Drusian, Fabio Ricci e Silvano Tognetti; il testo è ispirato all’esperienza del duo che da Ottobre 2012 ha incontrato e lavorato con i detenuti della Casa Circondariale San Vittore di Milano, con la finalità di progettare e realizzare iniziative musicali ideate proprio dalla Fondazione stessa.

 

 

 

In occasione dell’evento di mercoledì 27 marzo alle ore 14 si celebrerà l’inaugurazione ufficiale della Scuola Allegria del carcere di San Vittore.

 

I detenuti, protagonisti ufficiali dell’evento,  si esibiranno in un concerto canoro/musicale,  proponendo brani sia autobiografici e inediti, sia editi, tratti dal repertorio musicale nazionale e internazionale. Unitamente all’esibizione dei detenuti, i Jalisse porteranno il loro contributo artistico cantando la celebre canzone “Fiumi di parole”, canzone vincitrice del Festival di Sanremo 1997 (edizione condotta da Mike Bongiorno).

 

 

 

Le royalties di vendita del brano “E se torna la voce” saranno devolute per la raccolta fondi della Fondazione Mike Bongiorno; il brano è acquistabile online e sarà inserito nell’album in lavorazione, registrato e mixato a Praga, la cui uscita è prevista per la primavera del 2013.  Nell’album sono presenti importanti collaborazioni internazionali: Michal David, Davide Mattioli, Andrea Andrei, Jarek Simek ed Helena Vondrackova, stars della Repubblica Ceca e dell’Europa dell’Est.

 

 

 

 

 

Fiumi di parole

Fiumi di parole (Photo credit: Wikipedia)

 

Biografia consultabile su:

 

http://issuu.com/jalisseduo/docs/scheda_jalisse_genn2013_compl

 

Official web

 

http://www.jalisse.it

 

 

 

Produzione Tregatti Music Record e Siebenpunkt Verlags Gmbh

 

Artisti www.jalisse.itFacebook ufficiale: Jalisse duo e Jalisse Official

 

Produzione http://jalisseduo.wordpress.com

 

Area Scuole  http://artistinellescuole.wordpress.com

 

Promo Radio/Tv UnTopoPress: tregattiproduzioni@gmail.com

 

Contatto Skype: tregattipm – Contatto cell. 3338608783

 

Booking Italia UnTopoPress tregattiproduzioni@gmail.com

 

Internazionale Siebenpunkt Verlags Gmbhmanuel.schimansky@siebenpunkt.com

 

tel 0049892023194

 

 

Vedi Comunica stampa della Fondazione Mike Bongiorno: 15.03.2013 cs S.Vittore

 

PIO XII DIFENSORE DEGLI EBREI, SMASCHERATI CALUNNIATORI


Nel suo articolo “Lo storico ebreo Krupp: : la leggenda nera contro Pio XII è alla fine”, Mattia Ferrari  scrive: “Verrà il momento in cui le leggende nere su Pio XII finiranno?

Secondo Gary Krupp, ebreo, storico e fondatore dell’organizzazione Pave The Way Foundation, i tempi sono ormai vicini. Il sito dell’associazione (www.ptwf.org) ha raccolto ormai circa 76000 pagine di materiali originali, oltre alle testimonianze oculari e ai contribuiti di studiosi internazionali di rilievo, che smontano una ad una tutte le leggende nere sul conto di Pacelli.

«Non c’è alcun fondamento documentato nelle loro accuse», ha affermato il ricercatore ebreo. Al contrario, sono parecchie le prove che giocano a favore di Pio XII: dal suo aiuto all’espatrio agli ebrei in fuga dalla Germania, al loro nascondiglio durante la razzia del 16 ottobre del ’43 a Roma, dalle sue trame contro Hitler fino al rischio di essere lui stesso deportato.

 Continua….”

In calce all’articolo di Ferrari, il Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni così commenta e porge ricordi storici familiari e personali:  “Rendo omaggio allo storico GARY KRUPP Presidente di Pave the Way Foundation, Commendatore dell’Ordine Pontificio di S. Gregorio Magno, per la sua straordinaria fatica, raccogliendo 76 mila pagine di documenti, a comprova dei grandi meriti di PIO XII, e smentita delle vergognose calunnie mosse contro Sua Santità, ordite dal KGB in odio all’azione antibolscevica della Chiesa Cattolica Romana.

Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni

Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni

Gary Krupp, storico ebreo, in uniforme di Comm. con placca di S. Gregorio Magno

Gary Krupp, storico ebreo, in uniforme di Comm. con placca di S. Gregorio Magno

Ne invieremo copia in dono all’On. Gianfranco Fini, il quale si abbandonò ad un inaudito attacco alla memoria del Servo di Dio Pio XII; accodandosi così ad una canèa di comunisti, massoni, sionisti estremisti, i quali alimentarono per mezzo secolo le calunnie propagate contro Sua Santità, regnante e da morto, dal KGB.

Ciò nonostante i ringraziamenti solenni, la grata testimonianza e l’omaggio reso dallo Stato d’Israele, fin dalla sua costituzione, al Romano Pontefice Eugenio Pacelli, per la Sua strenua difesa degli israeliti dalla persecuzione nazista. Ricordiamo in particolare il rifugio, l’asilo che la Chiesa Romana, per ordine del Papa, (nelle basiliche, parrocchie e canoniche, monasteri, ospedali e case religiose, zone extraterritoriali) offrì agli israeliti romani dopo la razzìa del 16 ottobre 1943. Ricordiamo l’incursione delle SS del ten.col. Kappler, in spregio del diritto internazionale, nella Basilica e monastero di S. Paolo, dove i Benedettini nascondevano centinaia di ebrei. Pio XII espose così la Sua persona e la Santa Sede al rischio di gravissime ritorsioni, continuando impavido la Sua opera di soccorso e difesa dei perseguitati, coloro che il Beato Giovanni Paolo II chiamò poi “fratelli maggiori”. Onore alla memoria di Pio XII, lo ieratico, Pastor Angelicus, Defensor Civitatis, atteso alla gloria degli Altari.”

Conte Fernando Crociani Baglioni

Conte Fernando Crociani Baglioni

Inoltre, continua Crociani Baglioni, “ricordo quando a Roma, alla Messa di Funerale del nostro Parroco emerito di San Benedetto, Rev. Don GIOVANNI GREGORINI, il paterno direttore spirituale della mia infanzia, adolescenza e giovinezza, un anziano negoziante israelita di via Ostiense, presente con la sua famiglia, volle prender la parola alla fine del rito. ANGELO PAVONCELLO, amico dei miei genitori, rese testimonianza ed eterna gratitudine al Canonico Don GIOVANNI GREGORINI, per esser stato salvato con la sua famiglia, dal caro Parroco, durante l’occupazione tedesca di Roma e l’infuriare delle razzìe delle SS, nascosto nella Canonica di San Benedetto a via del Gazometro. Questo asilo, come in innumerevoli altri casi, nelle basiliche, parrocchie, conventi, case religiose, ma anche nelle private abitazioni di molti laici romani (tra i quali mio nonno di cui ho l’onore di portare il nome, v. mio libro “Labaro e Medagliere”, Ed. Laurum, 2008), fu offerto per volontà di Papa Pio XII, da tutte le strutture del Clero romano. Ciò con grave rischio, sfidando le minacce naziste.”

Milano, settimana interculturale dal 27 novembre al 4 dicembre 2011


Maria Stefanache

Maria Stefanache

 (EUROITALIA – MILANO, 17 NOVEMBRE 2011 di Maria Stefanache) – Un evento culturale d’eccezione, nato con l’idea di far conoscere e valorizzare la ricchezza derivante dall’intreccio di culture sul territorio del nord Italia.                          

Abbiamo scelto la cultura: miglior mezzo per raccontare e comunicare tra i popoli.            

I nuovi cittadini milanesi sono: ricchezza culturale, economica e lavorativa.                            

C’e diritto e dovere di partecipare alla vita politica, sociale e culturale della nostra città di adozione. Ce la faremo con ottimismo, fiducia e amicizia tra milanesi e nuovi milanesi. Vi aspettiamo dal 27 novembre al 4 dicembre alla settimana interculturale per tutti.

INCONTRI CON LA CULTURA DELL’EST IV EDIZIONE 2011

 domenica 27 novembre ore 17

teatro, fotografia e letteratura

al Teatro Auditorium San Fedele in Via Hoepli, 3/b Milano (zona Duomo‐San Babila)

Programma

ore 17.00  “Noi, Romeni nel Mondo” film doc. 29’

 ore 17.30 Teatro‐presentazione del libro: “memoria passata del personaggio” un metodo innovativo per il Teatro, Aziende e Università, di Maria Stefanache – edizioni Uroboros 2011; segue il video “memoria passata del personaggio” 17’; regia: Veronica Tronconi e Marica Lizzadro.

Pausa: aperitivo offerto da Milcov Market

 Nella sala ristoro sarà esposta la mostra fotografica: “L’Artista nella vita quotidiana” di Miroslava Ledo – pittrice, vive e lavora a Parigi e Nina Yoh – fotografa, vive e lavora a New York

 Ore 21.00 Incontro con gli autori: Ingrid Beatrice Coman, Mihai Mircea Butcovan e Ioan Ciprian Farcas

Con la partecipazione di Debora Zuin  (attrice del Piccolo Teatro di Milano)

 Ai tempi della nostra infanzia, le famiglie che volevano conoscersi meglio, cementare rapporti di amicizia e crearne di nuovi, si radunavano davanti a un caminetto di terra cotta, dove un fuoco allegro ardeva proiettando ombre danzanti sui muri e si lasciavano andare ai racconti, dipanando storie e fantasticando su possibili futuri. Se vale per le famiglie, forse può valere anche per i popoli. Ed è ciò che vi proponiamo nella settimana dal 27 novembre al 4 dicembre, qui, a Milano, a casa vostra, che nel frattempo è diventata anche casa nostra. Saranno giorni di tardo autunno, forse piovosi e freddi, ma che ci troveranno raccolti attorno al fuoco sacro dei nostri ricordi, della nostra storia, del nostro vissuto da dividere con voi, in perfetto equilibrio tra parlare e stare a sentire, tra chi racconta sè stesso e chi si mette in riverente ascolto degli altri.

 

Giovedi 1 dicembre: Cinema

 Sala “Alda Merini” Spazio OberdanV.le Vittorio Veneto, 2(M1 P.ta Venezia)

 dalle ore 12.00 alle  ore 24.00  Proiezioni film dell’est

  Opere di Alexandru Solomon: “Cold waves” e “Kapitalism our improved formula”

L’edizione ospita alcune opere di filmmaker milanesi: Anna Gorio, Tonino Curagi, Maria Mauti, Giuseppe Baresi e Claudio Bonafede

                                                  Domenica 4 dicembre ore 17.30

La Casa delle culture del mondo, Via G. Natta,11 (M1 Lampugnano)

                                                 Incontro di “Cultura in Lingue

Letture ed interpretazioni bilingue : milanese, romeno, arabo, cinese, albanese, berbero, filippino, lingue del sud America e nord Africa, russo, spagnolo, turco, francese, polacco, tedesco, inglese, indiano, ecc…

ospiti autori: Enrica Parmigiani, Karim Metref, Viorel Boldis, Milton Fernandez e Irina Turcanu

cittadini : Kader, Sara Giacomelli, Valbona Xibri, Abdul Razak, Hu Tianle, Letizia Lazar Del Campo, Mery Berkovic Chiarini , Ludmila Chivriga, Marzena Hrabia ecc…

Si chiude la 4° edizione con un dibattito tra milanesi e nuovi milanesi: “LA NOSTRA MILANO” ospiti esponenti del Movimento Milano Civica (MMC) e il prof. Giorgio Galli.

Info:  Provincia di Milano 02 33496854/30,  Teatro San Fedele 02 86352231

Organizzatori: Centro Produzioni Teatrali e Documentari di Milano diretto da Maria Stefanache. Creato nel 2003 da un’associazione culturale già presente nel panorama culturale dal 1995, il Centro è nato con lo scopo di dare vita a  spettacoli, documentari video ed eventi interculturali di qualità. www.centroproduzioniteatrali.it 02 54019796, cell 3389689935

Si ringrazia: Elisabetta Saura, Violeta Popescu, Ioan Ciprian Farcas, Violeta Vasian ed Elena Axinte

1 DICEMBRE: FESTA NAZIONALE DELLA ROMANIA


(EUROITALIA – ROMA, 8 NOVEMBRE 2011, a cura di Simona C. Farcas) – Il romeno sa che ogni primo di dicembre la Madrepatria celebra la sua Festa nazionale. Questa data, che ricorda la formazione, il 1 dicembre 1918, dello stato nazionale romeno moderno, con l’unione della Bessarabia (27 marzo-9 aprile 1018), la Bucovina (15-28 novembre 1918) e la Transilvania (1° dicembre 1918) alla Romania, viene ricordata ogni anno non solo in patria, ma anche in Italia e nel mondo, grazie alle comunità romene emigranti.

La solennità del 1° dicembre, festa nazionale dell’Indipendenza, unità e libertà della nazione
romena, nell’anno centocinquantenario dell’Unità d’Italia, nella memoria storica delle concomitanti rivoluzioni di libertà delle Patrie consorelle latine, Italia e Romania, non lascia insensibili i due popoli rispetto anche all’ansia di unità dei Cristiani in Europa e nel mondo, cui ci chiama lo spirito ecumenico sempre e ineluttabilmente più forte delle Chiese d’Occidente e d’Oriente. In Italia, dove risiedono oltre un milione di romeni lavoratori, per la Festa nazionale della Romania sono previsti per l’occasione vari eventi artistici e manifestazioni storico-culturali, in particolare nelle principali città, come Roma, Torino, Milano…

MILANO

(culturaromena.it) – In occasione della Festa Nazionale della Romania e delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia, il Centro Culturale Italo-Romeno di Milano, l’Assessorato Marketing Territoriale e Cultura Comune di Pavia e Start Studios Milano con la collaborazione della Banca Intesa San Paolo, organizzano giovedì 1 dicembre 2011, ore 18.30 presso 68 metriquadri, spazio espositivo di Start Studios Milano (via G. Malipiero) la mostra “I SIMBOLI DEL SACRO”. La mostra proseguirà fino al 24 dicembre 2011. L’evento è curato da Anna Comino e prevede l’esposizione delle opere degli artisti: Paolo BONALDI, Claudio BORGHI, Alina MARGULESCU STROIE, Albano MORANDI, Daniela NENCIULESCU, Daniele NITTI SOTRES, Simona Teodora ROSCA, Daniele SALVALAI.

Il Catalogo “I simboli del sacro” Nomos Edizioni disponibile gratuitamente in galleria.

Il programma prevede:

  • inaugurazione della mostra
  • il cortometraggio “Doina”, diretto da Nikolas GRASSO, premiato in cinque film festival internazionali
  • Recital di musica folcloristica e classica eseguito a flauto di Pan da Mariana PREDA, Bucarest/Romania
  • Usi e costumi vecchi di Maramures storico – una serata campestre (Scuola Superiore Mihai Eminescu, Baia Mare, Romania)

RINFRESCO a base di prodotti tipici e vini romeni.

Ingresso libero.   Presenza da confermare via email: infoculturaromena@gmail.com

INFORMAZIONI: Centro Culturale Italo-Romeno Milano – Violeta Popescu, email: infoculturaromena@gmail.com; cell.: 3407638880

TORINO

(comune.torino.it) – Il 1 e 2 dicembre 2011, in occasione della Festa Nazionale della Romania, l’Istituto Culturale Romeno di Bucureşti, in collaborazione con il Comune di Torino, organizza due eccezionali eventi d’eccezione.  Al Teatro Gobetti di Torino (Via Gioachino Rossini n. 8):

 "Măscăriciul" de A.P. Cehov

  • giovedì, 1 dicembre alle ore 20.30, “Il Pagliaccio” da un’opera di A.P. Cechov, con Horaţiu Mălăele e Niculae Urs; con la regia di Horaţiu Mălăele.

  • venerdì, 2 dicembre, alle ore 20.00 l’Opera Nazionale di Bucureşti vi invita al gala di balletto.

ROMA

(EUROITALIA, 8 NOVEMBRE 2011) –

Corul bărbătesc din Finteusul Mare Nel periodo 3-6 dicembre, in particolare domenica 4 dicembre 2011, Roma vedrà l’esibizione del famoso coro “BĂRBĂTESC” di Finteuşu Mare, Maramureş, fondato alla fine della prima guerra mondiale, e il cui atto di nascita risale al 1 dicembre 1918, data dell’unione della Romania.

“Corul bărbătesc din Finteuşu Mare” è conosciuto in tutto il mondo per il suo repertorio ricco e vario, dai canti patriottici, al folclore tradizionale, alla musica sacra inclusi i canti natalizi romeni…


Il coro, diretto dal 2003 dal maestro Andrei Dragoş, vanta concerti in tutta la Romania, ma anche in Italia, Polonia, Ucraina, Moldavia, Ungheria, Austria, Francia e Svizzera.

Leggi, in romeno:

Povestea Corului barbatesc din Finteusu Mare, din 1918 si pana astazi!

Per informazioni e adesioni: irfionlus@yahoo.it oppure cell. 3891864064.

Inoltre, l’8 dicembre, alle ore 15:30 presso l’Auditorium Seraficum, in via del Serafico 1, sempre a Roma, avrà luogo un evento culturale organizzato in collaborazione con l’Ambasciata di Romania in Italia, intitolato „Acasă la Români” .

CHIUDUNO (BG)

Evento calcistico Italia-Romania:

COPPA “1 DECEMBRIE 1918”

Domenica 4 dicembre, ore 13.00 – 19.00

Palazzetto dello sport Chiuduno

Parteciperanno squadre provenienti dalla Lombardia e dal Piemonte.
Le premiazioni si concluderanno con un momento musicale del folklore romeno animato dal complesso musicale ,,RAPSODIA “ band.

Per informazioni: 338.1114993

 Scarica la locandina/invito in romeno:

In aggiornamento…

SILVIO FAGIOLO: UNA LEZIONE DI VITA E UN INSEGNAMENTO PER IL FUTURO DELL’EUROPA*.


(EUROITALIA – Milano, 30 giugno 2011)

Il Segretario Generale della Fondazione Europea Dragan, Dr. Guido Ravasi, ricorda  l’ambasciatore e professore Silvio Fagiolo: “convinto europeista e uno dei più alti rappresentanti della diplomazia italiana”, scomparso a Milano il 28 giugno 2011. Era nato a Roma il 15 luglio 1938.

*Dalla Prefazione di Guido Ravasi al volume, in corso di stampa, di Daniela Preda, Guido Ravasi, Ersiliagrazia Spatafora (eds), L’Europa di fronte a drammi umani ed emergenze socialiMilano,  Nagard, 2011


Il presente volume è articolato in quattro sessioni: I) L’Europa di fronte a drammi umani ed emergenze sociali (che, a guisa di pars pro toto, dà il titolo in copertina all’intero volume); II) La prospettiva politica europea; III) Quale futuro per l’Europa?; IV) Una vita per l’Europa: Gian Piero Orsello. Ogni sessione ha una sua introduzione ad hoc redatta dai curatori. Chiudono le Appendici che costituiscono una selezione di convenzioni e strumenti giuridici e normativi tra i più importanti strettamente inerenti alle questioni della prima sessione.

L’opera, sebbene così suddivisa, ha in realtà una sua ben precisa struttura unitaria. Anzitutto l’Europa, come è usanza consolidata per le programmazioni culturali della Fondazione Europea Dragan, ne costituisce il minimo comune denominatore. Ma al di là di questo, vi è ben altro legame tra le singole sessioni, anche se a volte non immediatamente percepibile. In effetti, l’Europa non può adeguatamente fronteggiare i drammi umani e le emergenze sociali, come quelli oggetto della trattazione nella prima sessione, senza una politica efficace al riguardo. Ebbene una delle condizioni imprescindibili e più importanti per poter mettere in atto una qualsiasi azione efficace nei confronti di questioni e problemi così globalizzati è che essa non costituisca l’iniziativa isolata di un singolo Stato, o anche di un singolo attore internazionale, ma rientri in una politica europea – specifica e generale – comune degna di questo nome. Per questo occorre lavorare per definire sempre meglio e sviluppare in concreto, senza altri ritardi, un comune approccio europeo a drammi umani e problemi sociali come quelli qui trattati oltre che, al di là delle questioni specifiche qui oggetto di considerazione, una politica comune europea in senso globale.

Immigrazione clandestina, rifugiati, tratta di esseri umani, pedopornografia, sfruttamento sessuale e sfruttamento lavorativo delle bambine e dei bambini, utilizzo dei minori nei conflitti armati sono drammi che frequentemente hanno le loro radici anche in situazioni presenti all’esterno (oltre che all’interno) dei confini dell’area europea, ma non per questo collocate al di fuori di un’eventuale influenza e azione politica comune europea.

La stessa domanda sul futuro dell’Europa (che riflette il titolo della terza sessione) non può prescindere dalla capacità dell’Unione europea di far fronte a questi e simili problemi e di approntare una ben precisa e definita politica comune, sia nei riguardi di tali questioni, sia più in generale per rispondere alle sfide cruciali che ci riguardano tutti: sfide che, come Fondazione Europea Dragan, abbiamo a più riprese cercato di dibattere con i cittadini e di chiarire e sviscerare con l’ausilio di esperti tra i più qualificati[1].

Inoltre, le domande sul futuro non possono essere adeguatamente affrontate senza l’insegnamento che ci proviene dal passato e senza il lascito dei maestri. In quest’ottica, abbiamo pubblicato in precedenza un saggio su L’attualità di Altiero Spinelli nell’Europa di oggi[2]. Nel precedente volume di questa stessa collana, dal titolo Giuseppe Vedovato costruttore d’Europa[3], abbiamo invece avuto l’onore di curare un’opera relativa ad un altro maestro dell’Europa: Giuseppe Vedovato, tuttora un modello vivente d’umanesimo e di impegno intellettuale ed esempio credibile di politica nazionale ed europea. Anch’esso, tra l’altro, come Altiero Spinelli e Gian Piero Orsello frequentatore e relatore alla Fondazione Europa Dragan.

E in questo volume, nella quarta sessione, titolata Una vita per l’Europa: Gian Piero Orsello raccogliamo le testimonianze su un’altra grande personalità di statura internazionale che, fino all’ultimo, ha profuso un impegno indefesso e una dedizione senza riserve nella costruzione europea. La sessione presenta infatti gli Atti della Giornata di studio in onore del professor Gian Piero Orsello – La costruzione dell’Europa oggi, svoltasi presso la sede romana della Fondazione Europa Dragan il 18 novembre 2008, in collaborazione con l’Associazione universitaria di studi europei (Ause).

Le testimonianze su Gian Piero Orsello mostrano, una volta di più, che l’Europa non può lucidamente pensare al suo futuro se trascura l’insegnamento che ha radici nel passato. La lezione di questi maestri e costruttori della casa comune europea è, in pari tempo, una lezione di vita e un insegnamento per il futuro dell’Europa. Da qui il titolo di questa prefazione.

Infine, per la loro squisita collaborazione oltre che per il loro prezioso contributo, ringrazio le mie due autorevoli co-curatrici, le professoresse Daniela Preda e Ersiliagrazia Spatafora, che insieme a tutti i relatori e a tutti i collaboratori – contraddistinti dalla passione e dall’amore per l’Europa, ma per un’Europa che sia veramente presente ed attiva nei confronti dei drammi delle persone – hanno permesso a quest’opera di venire alla luce.

***

Nel momento in cui ci accingiamo a licenziare alle stampe il presente volume, ci coglie e ci sorprende con sgomento la notizia che un altro importante protagonista della costruzione europea, già rappresentante permanente presso l’Unione europea a Bruxelles e negoziatore per l’Italia dei trattati di Maastricht, di Amsterdam e di Nizza è venuto improvvisamente a mancare. L’ambasciatore e professore Silvio Fagiolo, di cui un pregevole contributo arricchisce questo libro, era un convinto europeista e uno dei più alti rappresentanti della diplomazia italiana.

Negli ultimi anni, diverse volte era venuto alla Fondazione Europea Dragan per illustrare il suo pensiero sull’Europa o per dibattere su questioni del contesto internazionale. Lo ricordiamo, oltre che con quell’affetto che ci ha sempre ricambiato, con la stima che con spontaneità si nutre per coloro che operano alacremente, sfuggendo ai riflettori, per il proprio Paese con puro spirito di servizio: una lezione di signorilità e dignità, purtroppo sempre più rara.

ROMA, 10-11 giugno:„Dire le cose come sono”, Convegno di studi in onore del linguista Eugen Coşeriu


(€UROITALIA – ROMA, 06 giugno 2011)
Dire le cose come sono
Convegno di studi
in onore del linguista Eugen Coşeriu
Roma, 10 – 11 giugno 2011

www.coseriu.de/

Il linguista di origini romene Eugen Coşeriu (1921 – 2002) ha definito in maniera unitaria e coerente la disciplina linguistica in quanto scienza della cultura. Si considera che il linguista romeno abbia posto le basi delle scienze della cultura sottolineando, in accordo con E. Cassirer, che la dimensione creativa e spirituale della nostra attività culturale inizia con il linguaggio e si costruisce in base a questo, toccando tutte le forme di attività culturale: poesia, filosofia, scienza. La linguistica integrale proposta da Coşeriu costituisce una delle correnti più importanti della linguistica contemporanea a livello mondiale accanto al generativismo e alla semantica cognitiva.
L’opera di Eugen Coşeriu ha carattere enciclopedico: i suoi studi ricoprono ambiti che spaziano dalla filosofia del linguaggio alla storia della linguistica, dalla semantica alla teoria grammaticale e alla fonologia, dalla tipologia alla stilistica e alla linguistica del testo (disciplina di cui Coşeriu ha posto le basi a metà degli anni ’50), dalla grammatica storica alla storia delle lingue, dalla dialettologia alla filologia romanza. È stato fondatore della scuola linguistica di Tubinga in Germania. Durante la sua vita è stato insignito di più di
quaranta titoli Doctor Honoris Causa ed è stato membro di un numero impressionante di accademie e società di linguistica del mondo intero.
Il suo destino di ricercatore e di specialista è legato in maniera speciale all’Italia perché tra gli anni 1940-1944 ha studiato presso l’Università di Roma (laurea in lettere). Ha proseguito con studi di filosofia a Padova e a Milano e nel 1949 ha sostenuto la tesi di laurea in filosofia presso l’Università di Milano.
Tra il 1947 e il 1950 è stato lettore di lingua romena a Milano, durante il suo soggiorno milanese è stato collaboratore dell’Enciclopedia Hoepli. Tra il 1945 e il 1949 ha collaborato con diverse testate italiane, tra le quali il Corriere Lombardo.Tra il 1950 e il 1963 ha insegnato presso l’Università di Montevideo in Uruguay. Dal 1963 in poi ha insegnato presso l’Università di Tubinga in Germania.
Programma convegno
Dire le cose come sono
Venerdì 10 giugno
Aula Levi della Vida, Vetrerie Sciarra
Sapienza Università di Roma, Via dei Volsci 122
Ore 10.00 Inaugurazione e saluti
Ore 11.00 – 13.00
Moderatore: Donatella DI CESARE
Marius SALA, Accademia Romena, Bucarest
“J’avais connu le professeur Eugeniu Coşeriu …” (titolo provvisorio)
Donatella DI CESARE, Sapienza Università di Roma
L’orizzonte filosofico di Eugenio Coşeriu
Eugen MUNTEANU, Accademia Romena, Bucarest/ Istituto di Filologia
Romena «A. Philippide», Iaşi
Quelques réfléxions sur la postérité immédiate de Coşeriu
Discussioni
 
13.00– 16.00 pausa pranzo
 
Venerdì 10 giugno
Accademia di Romania
P.zza José de San Martin no. 1
Ore 16.00 – 18.30
Moderatore: Eugen MUNTEANU
Manuel CASADO VELARDE, Università di Navarra
Confianza y sospecha como principios del análisis del discurso según E. Coşeriu
Marco MANCINI, Università della Tuscia-Viterbo
Finalismo e libertà nella storia linguistica secondo Coşeriu
Eugenia BOJOGA, Università ”Babeş-Bolyai”, Cluj-Napoca
Le “lezioni” italiane di Eugenio Coşeriu
José POLO, Università di Madrid
”Mis” orígenes hispanos de “Lecciones de lingüística general” de Eugenio Coşeriu: viaje de ida y vuelta (1966-1981-1999)
Discussioni
 
Sabato 11 giugno
Accademia di Romania
Ore 10.00 – 13.00
Moderatore: Manuel CASADO VELARDE
Cristian BOTA, Università di Ginevra
De Coşeriu à Saussure et retour
Fernando MARTÍNEZ DE CARNERO CALZADA, Sapienza Università
di Roma
La linguistica integrale e le crepe delle strutture
Oana BOC, Università ”Babeş-Bolyai”, Cluj-Napoca
Les contributions de la linguistique d’Eugenio Coşeriu à la compréhension de la textualité littéraire
Discussioni

Scarica il programma convegno _ E. Coseriu