“Dăruieşte o carte pentru copiii din Italia!” Campanie de colectare a cărţilor în limba română.


 Simona Cecilia Farcas, la inaugurarea secțiilor de carte în limba română la Roma, 12 ianuarie 2008

Simona Cecilia Farcas, la inaugurarea secțiilor de carte în limba română la Roma, 12 ianuarie 2008

Avem datoria să redăm copiilor dreptul de a citi în limba maternă! Lectura în limba română, o soluţie ideală pentru întărirea legăturii dintre mamă/tată şi copilul rămas acasă, chiar şi cu ajutorul mijloacelor audio-vizuale. Apel din partea Asociaţiei IRFI Onlus, “Italia-Romania: Futuro Insieme (Viitorul Impreuna)” din Roma: susţineţi-ne în campania “Dăruieşte o carte pentru copiii români din Italia !”     

ptcopiiContinuitate şi inovație

 În conformitate cu prevederile statutului în vigoare,  Asociaţia “IRFI Onlus” a lansat  anul acesta în Italia, împreună cu mai multe familii, educatori, profesori, mediatori interculturali şi asociații româno-italiene, o campanie de colectare a cărților în limba română pentru necesitățile lingvistice-educaţionale-culturale-tradiţionale ale comunităților românești, în special a copiilor, școlarilor și tinerilor. Un proiect ambiţios, care, printre altele, îşi propune să realizeze biblioteci din donaţii de carte românească şi creştină pentru copiii din mai multe zone din centrul Italiei, unde prezenţa stabilă a familiilor de români, a cuplurilor mixte, este foarte concentrată. În scurt timp, vor fi inaugurate primele trei biblioteci, unde spaţiile pentru cărţi sunt deja amenajate:  una în centrul Italiei, la Orte (VT), unde lipsesc total cursurile de limba română, dar mai ales cărţile, a doua la Teramo  în Abruzzo iar a treia într-o localitate din provincia Roma.  

Această iniţiativă îşi continuă practic misiunea pornită cu cele cinci secții de carte în limba română la Roma, inaugurate de către  Asociaţia  “IRFI Onlus” în ianuarie 2008, grație colaborării cu Primăria Romei și conducerea bibliotecilor publice: “Europea“, “Galline Bianche“, “Franco Basaglia“, “Gianni Rodari” și “Borghesiana“.campanie-daruieste-o-carte-1

Asociaţia noastră încearcă astfel să sincronizeze proiectul de predare a limbii şi culturii române în şcolile din Italia, cu oferirea posibilităţii elevilor români şi tuturor doritorilor de a explora bogăţia şi farmecul limbii române la Roma dar şi în alte zone din centrul Italiei.

Cartea scrisă în dulcele grai românesc va fi de acum înainte prezentă nu numai în bibliotecile enumerate mai sus, ci în bibliotecile sută la sută româneşti, în cadrul asociaţiilor româno-italiene. De asemenea, spaţiile dedicate expoziţiei de carte în limba română vor deveni loc de desfăşurare a diverse activitaţi artistice, literare, în care vor fi implicaţi în primul rând copiii, în încercarea de a le cultiva iubirea pentru estetic, lectură şi, în acelasi timp, în speranţa descoperirii de viitoare talente.

biblioteca-copii

Donaţiile de carte în limba română pentru copiii din Italia pot fi trimise prin curier sau prin intermediul firmelor de transport  (Autostrada A1, ieşirea Orte), la BIBLIOTECA PENTRU COPII, adresa: Asociaţia IRFI Onlus, V. San Lorenzo nr. 6 , 01028 ORTE (VT) – Italia . Pentru informaţii suplimentare, scrieţi un e-mail la: irfionlus@yahoo.it .  RECOMANDARE: Este indicat ca toate cărţile donate să fie utilizabile, noi sau într-o stare foarte bună, şi ar fi ideal să fie pentru copii şi/sau tineri.

Matteo & Sofia

Matei & Sofia

Emigrând cu o carte, ne simţim mai aproape…

Deși suntem departe, cu copiii rămaşi acasă ori am  reuşit să fim din nou împreună, un singur lucru este cert: putem fi mai aproape unii de alţii, în limba română. De aici, ideea proiectului “Biblioteca românească pentru copii“. Pentru ca lectura să trezescă în sufletele fragile şi avide de cunoaştere ale copiilor care încă nu citesc în limba română, dorinţa de a se apropia de carte, dorinţa de a citi în limba maternă, dorinţa de a pătrunde încă de mici în universul liniştit al unei biblioteci româneşti, respectul faţă de carte, faţă de autorul ei. Copiii sunt viitorul de mâine.

Nu toţi copiii au posibilitatea de a răsfoi şi de a citi o carte în limba română. Asfel, cu ajutorul susţinătorilor, îi vom apropia pe copii de carte invitându-i  la lectură; înfiinţarea unor biblioteci în cadrul asociaţiilor care se ocupă de educaţia copiilor este imperios necesară pentru ca aceştia să restabilească contactul cu limba maternă.

„Orfanii” cu părinţi ai României

Părinţii care lucrează în Italia, lăsându-și copiii în grija rudelor în România, de asemenea, se  simt mai aproape unii de ceilalţi, dincolo de distanţele care-i despart, prin lectura  unei cărţi în limba română. Majoritatea părinţilor, care lucrează  în străinătate, poartă  conversaţii  cu cei dragi rămași acasă cu ajutorul calculatoarelor și instrumentelor audio-vizuale.  Părinţii trebuie să găsească timp pentru citit,  alături de copiii lor, chiar dacă o fac prin internet sau alte mijloace tehnologice, ori de câte ori este posibil, evitând astfel transformarea lor în “orfani ai migraţiei” (“orfani bianchi”). Tehnologia,  în acest caz, este probabil cel mai bun mijloc pentru crearea unui mediu favorabil pentru lectură.   Atunci  când părinţii pleacă la muncă, iar copiii rămân acasă, este bine de știut că relaţia  părinte-copil trebuie să continue cu constanţă. Iar asta dincolo de convorbirile zilnice prin telefon și internet, cititul regulat, se poate transforma într-o rutină plăcută, relaxantă și, nu în ultimul rând, educativă.  Povestea de seară, înainte de culcare, ca exemplu, este un ritual prezent în multe familii și se menţine ani de zile până ce copilul învaţă să citească și continuă chiar și dupa aceea.  

lettÎn ultimii ani observăm însă o scădere a interesului pentru lectură, cu precădere în rândul migranţilor. Să fie oare din lipsa de cărţi, biblioteci sau librării? Televizorul, jocurile video şi calculatorul sunt cele care “au furat” interesul copiilor şi chiar al adulţilor pentru a citi o carte.  În acelaş timp, unii părinţi, mai ales în străinătate, din prea multe motive, nu mai reprezintă un model pentru copiii lor din acest punct de vedere, pentru că nici ei nu mai citesc…

  “Orfanii migraţiei”, un fenomen care ia proporţii 

În 2010, am propus în cadrul simpozionului “Left Behind. La famiglia transnazionale e gli orfani bianchi nella Moldavia Romena” (“Familia transnaţională și orfanii migraţiei din zona Moldovei”), care s-a ţinut la sediul Reprezentanţei Comisiei Europene de la Milano (26 mai 2010), un proiect concret pentru cei peste 350.000 de copii ai migrației, ai căror părinți au plecat din țară, ceva mai mult  decât o provocare pentru România, dar şi pentru Uniunea Europeană (accesaţi următorul link pentru intervenţia integrală în limba italiană: Genitori e figli insieme, al di là della distanza – La condizione dei romeni migranti).  copii-in-natura

Tabără pentru copiii migraţiei

  In inima verde a Italiei, la Orte (VT),  Asociaţia  “IRFI Onlus” are în program un proiect pentru muncitorii migranţi ai căror copii sunt rămaşi în ţară şi pe care părinţii nu pot sau nu au unde să-i ţină cu ei la locul de muncă; mai ales că multe mămici lucrează în casele bătrânilor, sau a familiilor de italieni.   Oportunitatea pe care Asociaţia noastră o poate oferi copiilor, este următoarea:  ca ei să-şi petreacă vacanţa de vară, dar şi alte perioade din timpul anului, cât mai aproape de părinţi, spre exemplu, într-o tabără româno-italiană cu grădiniţă în Italia. Astfel părinţii vor putea continua să lucreze, în timp ce odrasele lor vor desfăşura activităţi ludice şi campestre, artistice şi literare graţie profesorilor, mediatorilor interculturali şi voluntarilor din cadrul Asociaţiei. De asemenea, în fiecare weekend sau zile libere de la servici, părinţii vor avea posibilitatea de a-şi petrece timpul împreună cu copiii lor în mijlocul naturii. Grădina cu flori şi pomi fructiferi,  ferma cu animale domestice, printre care iepuraşi,  căpriţe, cai ş.a.,  fac parte din aspectele sănătoase  ale proiectului nostru pentru copiii migraţiei şi familiile lor; de asemenea,  intenţionăm să aducem o căsuţă tradiţională din lemn (care necesită sponsorizare !), pentru dormitoare şi spaţii în comun. Diferitele ateliere tematice, în care, pe lângă faptul că deprind noţiuni de bază din diferite domenii, copiilor le este stimulată imaginaţia, creativitatea, sunt ajutaţi se se exprime liber, să comunice unii cu alţii, să lucreze în echipă şi să dobândească cunoştinţe utile.

„Lectura oferă o educaţie sănătoasă generaţiilor viitoare – donează o carte!”

“Copilul, spunea George Călinescu, se naşte curios de lume şi nerăbdător de a se orienta în ea. Literatura îi satisface această pornire, îl incită.” Vârsta mică este cea mai favorabilă perioadă pentru acumularea unor impresii puternice, este vîrsta imaginaţiei, a fanteziei, a visării şi a jocului. Este unanim acceptat faptul că-i uşor să influeTeacher and pupil reading booknţezi formarea personalităţii copilului prin literatură, făcând apel la sensibilitatea celui educat. 

Sunt copii în Italia care nu numai că nu au o bibliotecă acasă, dar nu au nici cărţi în limba română! În Peninsulă, unde trăiesc peste un milion de conaţionali, foarte mulţi dintre copii citesc doar în limba italiană. “Unii dintre ei, pentru faptul că s-au născut aici, spun că sunt italieni… cu atât mai mult cu cât acasă cu părinţii, la grădiniţă şi la şcoală vorbesc numai în italiană”, ne povesteşte doamna învăţătoare Simona Vasile.
Cine trebuie să trezească interesul şi dragostea pentru citit în limba română a copiilor ?  Învăţătorul, preotul, educatorul, mediatorul, părinţii … au datoria să trezească în cei mici acest gust al lecturii; ei sunt cei care pot azvârli o sămânţă vitală culturii, vitală pentru că înfloreşte mereu, în tot cursul vieţii. Iar noi, cu ajutorul susţinătorilor, vă vom fi totdeauna aproape  cu o carte !

Simona Cecilia Crociani Baglioni Farcaş

Roma, 7 octombrie 2014

descarcă  afisul

descarcă afisul

8 marzo: Donne e Sindrome Italia


Esistono molti modi per parlare dell’8 marzo, uno di questi è raccontare ancora una volta la Sindrome Italia, una malattia che da anni provoca vittime senza che sia possibile trovare una cura. Perché non esiste alcuna cura se non il progresso economico per evitare che si crei il cortocircuito drammatico di donne benestanti, realizzate, in carriera, protagoniste di una vita sostenuta da altre donne – spesso vittime di violenze, abusi, ingiustizie – che finiscono per perdersi.

Carmen

 Carmen Costantinu ha attraversato l’intero tunnel della Sindrome e ne è uscita, soltanto lei sa a quale prezzo. Ha 38 anni, vive in Italia dal settembre del 2005, in questo video ha trovato la forza di raccontare le sue lunghe sere a cullare il figlio dall’Italia per farlo dormire, le lacrime mentre al parco faceva giocare dei bambini che non erano i suoi, la lotta per seguire anche da lontano giorno per giorno la crescita dei suoi due figli.

Di Flavia Amabile

Link: http://www.lastampa.it/2014/03/07/multimedia/italia/sindrome-italia-la-malattia-di-chi-viene-dallestero-kpZDrBcLQfPSfLezdMo3vK/pagina.html

 

OCCHI DI BIMBI


Occhi di bimbo. Foto: ©Simona C. Farcas

Occhi di bimbo. Foto: ©Simona C. Farcas

EUROITALIA – KIEV, 31 agosto 2011 – In Ucraina (la seconda nazione più grande d’Europa) numerose famiglie, in condizioni economiche e sociali precarie, decidono di affidare i loro figli alle cure degli istituti statali (internat): ne esistono ben 368 e i bimbi ospitati sono circa 200.000.

A Kiev, la capitale, metropoli con quasi tre milioni di abitanti, gli istituti sono 400 e 70.000 i minori che vi vivono.

In giugno ho accompagnato un’amica in uno di questi tristi luoghi dove piccoli dallo sguardo da adulti crescono spesso senza un sorriso, un abbraccio, una carezza.

“Camminavamo da un’ora (l’istituto era in periferia), le case si diradavano, eravamo in prossimità della campagna; nonostante fosse quasi estate il vento soffiava forte e grossi nuvoloni si addensavano all’orizzonte.

Finalmente apparve un fabbricato grigio (il colore di quasi tutte le case), era vecchio, trascurato, bisognoso di urgenti restauri; già dall’esterno evocava piccoli volti tristi, stanze con poca luce e poco arredo, giochi senza gioia, pasti di gruppo, senza la presenza del volto caro della mamma.

Nel varcare quella soglia sentivo un nodo alla gola, la mia amica Marta aveva affrontato questo viaggio per incontrare una sua conoscente che da qualche anno lavorava in quella struttura e per rendersi conto di persona di una situazione che l’aveva coinvolta da quando aveva fatto la lettrice d’italiano a Kiev.

Grazia, così si chiamava la ragazza, ci accompagnava nei vari padiglioni: i bimbi più grandi (10-15 anni) ci guardavano con ostilità, alcuni con paura. I bimbi più piccoli invece dimostravano una certa curiosità, un’attesa; ci seguivano con gli occhioni sgranati, io tenevo in mano un pacco di dolci che avevo comprato in mattinata, improvvisamente una bimba biondissima (di 3-4 anni) mi venne incontro con la manina tesa: LALKA,LALKA……MAMA LALKA……

Guardai con sgomento il dono che avevo portato glielo porsi e vigliaccamente fuggii, seguita da un gruppo di pargoletti che gridavano in coro: MAMA,MAMA……Da quel giorno quegli sguardi, quelle voci, quell’immagine di bimba sono presenti nella mia mente e nel mio cuore: quegli occhi luminosi mi attraversano come un raggio di luce che non si deve spegnere e deve penetrare nelle coscienze di tutti noi, affinché non dimentichiamo queste creature innocenti che hanno bisogno del nostro costante, concreto aiuto.

(EUGENIA STANISCI)

 

Vedi anche:

La condizione dei romeni migranti: gli orfani bianchi in Romania. A cura di Simona C. Farcas

Insieme, al di là della distanza


La condizione dei romeni migranti.

Genitori e figli, insieme, al di là della distanza

 

 

Intervento al Convegno

Left Behind.

La famiglia transnazionale e gli orfani bianchi nella Moldavia Romena.

 Anno europeo 2010 per la lotta contro la povertà e l’esclusione sociale[1].

 

 

Simona C. Farcas[2] 

 

 

  1. Premessa. I romeni e l’Anno europeo della lotta alla povertà e all’esclusione sociale

 

            Sono fermamente convinta che questo 2010 – Anno europeo della lotta alla povertà e all’esclusione sociale, rappresenta una importante occasione di riflessione anche sul fenomeno della povertà causata dalla mobilità del lavoro e può contribuire, grazie ad incontri come questo, ad una presa di coscienza pubblica sull’importanza del dialogo interculturale e delle azioni da intraprendere per insieme affrontare la lotta alla povertà, in particolare il fenomeno dei cosiddetti “orfani bianchi”, in Romania, generato – come è stato già detto – dalla emigrazione, o meglio, mobilità internazionale per motivi di lavoro.

Un segnale d’allarme è stato lanciato anche dall’Autoritatea Naţională pentru Protecţia Familiei şi a Drepturilor Copilului (ANPDC), l’organismo per la protezione dell’infanzia, che, nel 2009 ha rilevato 1.077 neonati abbandonati nei reparti maternità degli ospedali, mentre i minori sotto protezione statale sono 70.000.

            Se nel 2006 i romeni in età da lavoro localizzati nell’Europa dei 15, erano circa un milione, dopo l’ingresso della Romania nell’Unione Europea, avvenuta il primo gennaio 2007, sono quasi raddoppiati, arrivando nel 2010 a superare i 3 milioni, con i maggiori stanziamenti in Spagna e Italia[3]. A tuttoggi, i genitori romeni che si trovano in difficoltà economiche, preferiscono spostarsi verso Paesi come l’Italia e la Spagna, principalmente, per la grande affinità linguistica e culturale.

 

2. La condizione dei romeni migranti in Italia                            

            Al di là della suddetta premessa e osservazione generale, vengo al compito che mi è stato affidato nello specifico, ossia alcune riflessioni sulla condizione dei romeni migranti in Italia.

Come prima battuta, direi che si tratta di una condizione piuttosto avvantaggiata, se guardiamo il fenomeno dalla prospettiva italiana.

             La diversità, l’incontro tra romeni ed italiani e lo scambio culturale e di esperienze sono validi strumenti di evoluzione e di crescita. Per approffondire questo aspetto, rinvio al prezioso contributo dato dal Rapporto dell’Osservatorio ITRO, sulla percezione reciproca d’immagine tra italiani e romeni di Milano e da unproject work, dal titolo Il valore aggiunto nella cooperazione tra italiani e romeni”[4], realizzato da Unimpresa Romania – Osservatorio ITRO – Fondazione Università IULM di Milano.

I romeni in Italia, da 8.000 residenti nel 1990 sono arrivati a superare il milione nel 2010; nell’arco di 20 anni la comunità romena è diventata la più numerosa e, al contrario di quello che si dice, la meglio integrata nella Penisola italica.

Un notevole contributo all’orientamento nei servizi e all’inserimento lavorativo e alloggiativo, è stato dato ai nuovi arrivati, oltre che da parenti e amici precedentemente stanziati in Italia, soprattutto dalle parrocchie, dalle Caritas Diocesane, ma anche dalle associazioni dei romeni in Italia. Attualmente sul territorio italiano funzionano 136 parrocchie cristiano-ortodosse e 35 parrocchie cattoliche romene, che svolgono un ruolo fondamentale nella conservazione del patrimonio spirituale, linguistico e culturale, fondamentale per la conservazione delle proprie radici. Allo stesso modo, anche se in forme diverse, hanno contribuito le associazioni socio-culturali dei e per i romeni, presenti quasi in ogni comunità. Nel 2008, alcune associazioni hanno fondato la Federazione delle Associazioni dei Romeni in Italia, FARI, di cui ho l’onore di essere Presidente del Consiglio Federale, con l’obiettivo di offrire maggiore rappresentatività delle Associazioni presso le Istituzioni, aiutando e favorendo inoltre la costituzione di nuove strutture associazionistiche, per una migliore visibilità e un autentico progresso sociale.

Residenti in Italia, sono – secondo le stime Caritas – circa un milione e 110.000[5]: è romeno il 24,5 per cento degli immigrati nella Penisola. Il fenomeno della mobilità fra Italia e Romania è il più importante, numericamente, all’interno della Unione europea ed è una realtà divenuta oggetto di studio ormai da alcuni decenni.

Una presenza così consistente porta con sé un bagaglio di conseguenze ed effetti rilevanti. Ma ciò che più preoccupa è la percezione negativa diffusa dai media capillarmente a tutti i livelli della società italiana, che l’immigrazione, in genere, sia un problema per l’ordine pubblico, una sorta di invasione non voluta a cui si è costretti.

 Questa percezione, a mio avviso, va rovesciata. Guardiamo il bicchiere mezzo pieno, e dunque valutiamo in termini positivi la mobilità (non è corretto usare il termine “migrazione” quando ci riferiamo a cittadini dell’UE), cioè, consideriamo i romeni in Europa non un problema, ma una risorsa a cui attingere. Ed è così, in effetti: i dati sulla comunità romena in Italia ci parlano di una comunità onesta, laboriosa, intraprendente, socialmente integrata nelle famiglie e nelle imprese italiane. Solo nel 2008 – per dare qualche dato – sono stati assunti ben 175.000 lavoratori romeni, questo dato rappresenta il 40 per cento dei nuovi contratti fatti agli immigrati. Ma, i miei connazionali sono anche imprenditori: mettono in piedi 9 mila ditte all’anno, per un totale, a maggio del 2009, di 28 mila. Assicurano inoltre un notevole apporto di contributi previdenziali (1 miliardo e 700 milioni di euro l’anno) e pagano circa 1 miliardo di tasse. Per non dire che fra i matrimoni misti, la nazionalità femminile più frequente per uno sposo italiano è quella romena (2.506 casi nel 2008 su un totale di 18mila). Lo ha appena diffuso l’Ismu, istituto milanese di ricerca sull’immigrazione[6]. Una condizione avvantaggiata, è l’integrazione nella pubblica istruzione: sono 105 mila i ragazzi che frequentano le scuole italiane e 50 mila i bimbi romeni nati in Italia a partire dal 2000.

L’interscambio tra Italia e Romania, e mi avvio verso la conclusione, supera gli 11,5 miliardi di euro con un avanzo per l’Italia di oltre 1 miliardo. Si tratta del doppio di quanto l’Italia ha con il Giappone, una volta e mezzo quanto ha con l’India e la metà rispetto a colossi come la Cina e la Russia[7].

            Ci sentiamo dunque di affermare che la mobilità dalla Romania verso l’Italia rappresenta l’elemento che contraddistingue in generale i cosiddetti “emigranti per intraprendenza” dagli “emigranti per disperazione”. I romeni portano con sé non solo i valori e la voglia di lavorare, di scoprire, di creare nuovo benessere, tanto per riprendere un concetto del famoso sociologo Domenico De Masi, ma anche il desiderio di “concretizzare piani irrealizzabili nella terra di origine, venendo a contatto con persone e luoghi inconsueti, capaci di alimentare la creatività con punti di vista differenti”. Un “romeno intraprendente” in Italia è stato, per fare un solo esempio, il Prof. Dr. Giuseppe Costantino Dragan (1917-2008), fondatore della Fondazione Europea Dragàn, che ha una sede proprio qui a Milano, e imprenditore della ButanGas SpA.

 

3. La condizione dei romeni migranti e gli orfani da migrazione

 

Ma, prima di concludere veramente, lasciatemi dire che, oltre l’intraprendenza e il desiderio consapevole di compiere il proprio destino altrove, c’è un’altro motivo che spinge tanti romeni, in particolare i genitori, ad emigrare, lasciando a casa marito/moglie e figli, ed è il bisogno. È la necessità economica ciò che provoca il disagio per le famiglie e sopratutto per l’infanzia, determinando il fenomeno, oggetto dell’incontro di oggi, dei cosiddetti orfani da migrazione. Questa condizione è, a mio avviso, una decisamente svantaggiata non solo per i romeni migranti, ma anche per l’intera società civile.

Da uno studio pubblicato dalla Fondazione Soros Romania[8], emerge che ci sono all’incirca 350.000 bambini in Romania, i cui genitori (uno o entrambi) sono andati a lavorare all’estero; i dati, confermati da UNICEF, vedono un’intera generazione di bambini affidata alle cure di parenti lontani e vicini di casa. Ma appena il 7% dei genitori che vanno all’estero per motivi di lavoro lo dichiara alle autorità competenti, come vorrebbe la legge rumena. In tal modo i figli restano senza tutela legale, sottoposti a rischi, abusi e quant’altro.

Come condizione svantaggiata, inoltre, consistente è in Italia il tributo dei cittadini romeni quanto a incidenti sul lavoro: nel 2008, secondo lo studio della Caritas, ne hanno subiti 21.400, 48 dei quali mortali.

 

4. Genitori e figli, insieme, al di là della distanza

 

Per riprendere il nostro discorso, dobbiamo riconoscere che il contatto tra genitori e figli è insostituibile. Abbiamo verificato tra servizi sociali romeni e italiani, che ciò che determina nel bambino sentimenti di frustrazione, è che egli si sente la causa del suo dolore, poiché il genitore è lontano per contribuire alla sua educazione, scolarizzazione e al suo sostentamento. Questo sentimento comporta, nei figli un atteggiamento di “colpevolizzazione”. Ma l’assenza del genitore è devastante per il bambino, e di questo ci diranno di più i nostri ospiti dalla Romania. Tuttavia, non possiamo dire alle mamme e ai papà: “tornate a casa”. L’Europa è la nostra “casa comune”, e in Italia, i romeni sono una popolazione richiesta per via della latinità e per le ragioni sopra espresse. Il problema qui è come cercare di ri-costruire questo rapporto a distanza.

            Oggi, le nuove tecnologie, la società della comunicazione, le reti digitali, consentono di abbattere le distanze e creare ambienti, sia pure virtuali, dove, tuttavia, le affettività possono circolare sulla base dei bisogni. Oltre a questi, vi sono tutti i rapporti di interscambi a livello di famiglie e di mobilità adolescenziali, che possono dare luogo a forme di riavvicinamento alla famiglia, le quali, se ben articolate, sono oltretutto una opportunità di ampliamento dei propri confini di conoscenza ed esperienza.

            Su questo credo che le forze sociali e i rispettivi governi devono fare un intenso lavoro di affiancamento ai romeni migranti e agli “stranieri” entranti, anche per dare sempre maggiori forme di organizzazione alle mobilità dei popoli, che sono il fenomeno imprescindibile che noi conosciamo del nuovo secolo nell’era della globalizzazione. In particolare, ripeto, le nuove tecnologie, e mi riferisco ai new-media e ai social network, come facebook, twitter, che praticano tutti, dal Presidente Obama allo studente, possono essere la piattaforma di studio di altre forme organizzative di incontri in cui creare “ambienti solidali”, “stanze da gioco e da divago familiare”, in pratica, mi riferisco a un contatto genitori-figli, che non rincari la dose dell’assenza, ma quella della presenza, ludica e divertente, che vedrebbe altrimenti il bambino e l’adolescente, spesso, protagonista solitario davanti al suo computer.

            Non penso affatto a una famiglia virtuale a distanza, penso occorra fare lo sforzo di limitare le occasioni di spersonalizzazione che la rete come insidia ci tende. Ma invece, ipotizzo momenti di contatto accrescitivi di conoscenza, di attività, di svago per superare i sentimenti negativi e di mancanza, e stabilire momenti felici di co-partecipazione.

            Tra gli altri, e concludo veramente, come ha notato proprio questi giorni anche Giorgio Bocca[9], uno dei massimi giornalisti e conoscitori della comunicazione italiani: “Il computer è il gioco preferito dei bambini, la loro droga, la loro quotidiana dipendenza. Mi ricordano gli anni della fanciullezza e del mio infantile bisogno di giocare: la famiglia, nonni e genitori, gli anziani, erano a tavola per terminare in santa pace i pasti, e noi ragazzi già con l’orecchio teso a raccogliere le voci e i colpi del pallone dei nostri amici che giocavano nel cortile. Adesso – continua Bocca – vedo figli e nipoti tesi, come noi allora, sempre per un gioco, ma diverso, tecnologico, il gioco del computer”. Insomma, si tratta di unire l’utile al dilettevole.

            Tutto questo, può essere applicato anche alle necessità oggettive dei figli, dalla scuola alla sanità. Dobbiamo far sì che telefonini, computer, che ormai circolano abbastanza abitualmente, siano utilizzati per far diventare una lontananza una occasione diversa, moderna e di sviluppo. Con una battuta, mi piacerebbe che la Romania non fosse solo un popolo di lavoratori nel mondo, ma anche un Paese che sa mettere i propri sentimenti in rete.


[1]               * Testo dell’intervento svolto al Convengo Left Behind. La famiglia transnazionale e gli orfani bianchi nella Moldavia Romena. Anno europeo 2010 per la lotta contro la povertà e l’esclusione sociale. Uffici della Commissione europea, Rappresentanza a Milano, 26 maggio 2010.

[2]              L’Autrice è ideatrice e fondatrice dell’Associazione IRFI onlus, Italia Romania Futuro Insieme (2006) www.irfionlus.org, e co-fondatrice della FARI, Federazione delle Associazioni dei Romeni in Italia (2008) www.faritalia.it. Si è formata a Roma, presso il Collegio Teutonico di S. M. dell’Anima e alla LUMSA Università di Roma dove si è laureata con una tesi sul Pensiero linguistico di Eugenio Coseriu, ha inoltre compiuto studi tecnici e commerciali. Si è occupata di formazione manageriale applicata ai servizi. Svolge attività di consulenza e progettazione a Enti pubblici e associazioni. È attiva nel mondo del volontariato da diversi anni. Si è occupata dell’organizzazione e gestione di programmi culturali, sociali, educativi e informativi per la comunità romena in Italia, tra cui: varie sezioni di Libri in Lingua Romena nelle Biblioteche di Roma (2008); organizzazioni di Tavole Rotonde sul tema Le comunità romene in Italia (vol. Romania. Immigrazione e lavoro in Italia. Statistiche, problemi e prospettive) realizzata dal Consiglio Italiano per le Scienze Sociali (CSS) – Ethnobarometer; ha promosso l’Indagine sull’inserimento lavorativo delle immigrazioni qualificate provenienti dalla Romania realizzata dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR); ha organizzato gli incontri tra Italia Lavoro – L’Agenzia Tecnica del Ministero del Lavoro e l’associazionismo dei romeni in Italia, nell’ambito del Programma Mobilità Internazionale del Lavoro (2009).

[3]                 “Dossier Caritas/Migrantes” 2008

[4]               In evidenza le imprese romene in Italia, su http://www.osservatorioitro.net/

[5]               953.000, secondo l’ISTAT, al 1 gennaio 2010

[6]               Vedi anche “L´Italia e il boom dei matrimoni misti” di Corrado Giustiniani , su http://www.adiantum.it/

[7]               Fonte: Unimpresa Romania

[8]               Il mercato del lavoro di Romania ,Monica Şerban Alexandru Toth –Soros 2007)

[9]               “Il computer? Una droga per figli e nipoti, Il Venerdì di Repubblica, nr. 1156, del 14 maggio 2010, p. 13

“LEFT BEHIND”, convegno sul tema degli orfani bianchi nella Moldavia rumena


 

locandina: 2010-05-26_Convegnoorfanibianchi_AlberodellaVita

L’Albero della Vita organizza per mercoledì 26 maggio l’incontro “LEFT BEHIND”, un convegno sul tema degli orfani bianchi nella Moldavia rumena.

La Moldavia (o Moldova) è una delle regioni più povere della Romania, dalla quale provengono molti degli emigrati rumeni. Molte famiglie, costrette dalla povertà, partono verso condizioni di lavoro più favorevoli, lasciando a casa i bambini. Questa massiccia emigrazione ha generato nel paese il fenomeno degli “orfani bianchi”.

Il convegno permetterà nella mattinata di approfondire il profilo della famiglia transnazionale, di entrare nel contesto rumeno, e di conoscere la condizione delle famiglie rumene migrate in Italia. Nel pomeriggio verrà presentato l’intervento progettuale avviato da L’Albero della Vita insieme ai suoi partner rumeni a sostegno degli orfani bianchi in Moldavia; inoltre vi saranno alcune testimonianze dirette di famiglie rumene in Italia. Un dibattito conclusivo offrirà l’opportunità di portare alla luce buone pratiche e nuove prospettive di intervento.

Per maggiori dettagli sul programma, vedere il documento allegato.

Il convegno è a numero chiuso. Per partecipare, è necessario iscriversi compilando il modulo allegato e inviandolo a convegno.orfanibianchi@alberodellavita.org
A iscrizione avvenuta sarà inviato un voucher di ingresso personale con il quale presentarsi il giorno dell’evento.

Data: mercoledì 26 maggio 2010
Registrazione partecipanti: 9.15
Orari convegno: 9.45 – 17.30
Luogo: Palazzo delle Stelline – Corso Magenta, 59 Milano – Uffici della Commissione Europea
Per informazioni: 02-92276218 –  convegno.orfanibianchi@alberodellavita.org