Riaperte le iscrizioni alle Scuole d’Arte e dei Mestieri di Roma Capitale – Anno Formativo 2015-2016


E’ possibile iscriversi sia ai corsi di livello base, avanzato che di perfezionamento. Sono riaperte dal 1 settembre e andranno avanti fino ad esaurimento posti le iscrizioni alle Scuole d’Arte e dei Mestieri di Roma Capitale.

Accanto scuoleai classici insegnamenti, come la ceramica, la pittura, il restauro e l’affresco, l’offerta didattica 2015/2016 continua ad arricchirsi e rinnovarsi introducendo alcuni livelli avanzati, in un percorso di continuo aggiornamento e scambio tra tradizione e nuove tecnologie.

Possono iscriversi tutti coloro che abbiano superato l’età della scuola dell’obbligo. Per gli stranieri è richiesto il permesso di soggiorno in corso di validità. I corsi si svolgono dal lunedì al venerdì nella fascia oraria compresa tra le 15 e le 21. Il calendario effettivo di ciascun corso verrà comunicato dalla scuola direttamente agli allievi.

Per informazioni

Scuola “ETTORE ROLLI”, Via Macedonia, 120. Tel. 06.78850000 – fax 06.78394660.
Scuola “SCIENZA E TECNICA”, Viale Glorioso, 5. Tel. 06.5810018 – fax 06.5881233.
Scuola “ARTI ORNAMENTALI”, Via di San Giacomo, 11. Tel. 06.36001843 – fax 06.36088035.
Scuola “NICOLA ZABAGLIA”, Piazza San Paolo alla Regola, 43. Tel. 06.6865976 – fax 06.68199465.
Per ulteriori informazioni: 06.671070112; 06.67108006

Mail: iscrizioni.artemestieri@comune.roma.it

 

Qui tutte informazioni sull’intera offerta formativa e sulle modalità di iscrizione.

Continua a leggere

Roma Capitale istituisce l’Albo dei Docenti UE delle Scuole d’Arte e dei Mestieri


Roma, 15 luglio 2014 –  I candidati potranno inserire la domanda fino alle ore 12.00 del 18 agosto 2014. Le graduatorie provvisorie degli ammessi al colloquio saranno pubblicate entro il 19 agosto 2014. Il calendario delle convocazioni sarà pubblicato entro il 22 agosto 2014. I lavori della Commissione di valutazione avranno luogo a partire dal 2 settembre 2014. E’ stato pubblicato oggi all’Albo Pretorio di Roma Capitale L’Avviso Pubblico per l’istituzione del nuovo Albo degli Insegnanti delle Scuole d’Arte e dei Mestieri.

albo

  L’istituzione dell’Albo degli Insegnanti delle Scuole d’Arte e dei Mestieri ha lo scopo di pervenire all’individuazione di docenti in possesso dei prescritti requisiti e/o delle caratteristiche necessarie a soddisfare le esigenze didattiche dei corsi attivati: gli insegnanti saranno esaminati tramite selezione ad evidenza pubblica, sulla base di procedura di merito comparativo per titoli e colloquio, nel pieno rispetto dei principi di pubblicità, trasparenza ed imparzialità ed in conformità ai principi previsti dal Regolamento capitolino per il conferimento di incarichi esterni di collaborazione autonoma approvato con DGC n. 130 del 29-04-2009 nonché alle successive circolari del Segretariato Generale n. RC/10557 del 28.07.2009 e RC/11800 del 7.09.2009 e del Dipartimento Risorse Umane n. GB/51253 del 15.06.2009.

 La tenuta dell’Albo degli Insegnanti è finalizzata, in particolare, a rendere costantemente possibile, nel rispetto delle predette procedure di evidenza pubblica, il tempestivo reperimento di professionisti in grado di soddisfare le esigenze formative di cui l’Amministrazione Capitolina è portatrice per la realizzazione dei corsi, l’eventuale attivazione di nuovi percorsi didattici e/o la sostituzione di personale dipendente, assente a qualsiasi titolo. Nel conferimento degli incarichi Roma Capitale garantisce parità e pari opportunità tra uomini e donne.

Consulta:  Avviso Pubblico  –  I candidati potranno inserire la domanda fino alle ore 12.00 del 18 agosto 2014.

Per presentare la propria candidatura cliccare qui.  Oppure, vai sul sito istituzionale di Roma Capitale –  https://www.comune.roma.it/ – seguendo la procedura :  Home / Struttura Organizzativa / Dipartimento Sviluppo Economico e Attività Produttive – Formazione Lavoro / Formazione / Scuole d’Arte e dei Mestieri / Albo dei Docenti. dony_macmanus_san_giuseppe

DESTINATARI (REQUISITI DI PARTECIPAZIONE)

Le domande di iscrizione all’Albo potranno essere presentate esclusivamente da persone fisiche, di cittadinanza italiana, ovvero di uno degli stati membri dell’Unione Europea, fermo restando il disposto di cui al D.P.C.M. del 7 febbraio 1994 n. 174 e successive modifiche ed integrazioni, in possesso dei titoli e requisiti professionali richiesti.
I seguenti requisiti generali costituiscono presupposti vincolanti per l’inserimento nell’Albo e, pertanto, dovranno essere dichiarati nell’apposito modulo di autocertificazione inserito nella domanda di iscrizione:
• età non inferiore ad anni 18 e non superiore ad anni 70 (in considerazione della tipologia degli interventi  formativi programmati l’esperienza professionale nel settore d’insegnamento qualifica la proposta didattica);
• cittadinanza italiana ovvero di uno degli stati membri della UE, fermo restando il disposto di cui al D.P.C.M.  7.02.1994 n. 174 e successive modifiche e integrazioni. I cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea devono altresì possedere, ai fini dell’accesso ad incarichi presso le Pubbliche Amministrazioni, oltre ai requisiti previsti per i cittadini italiani, una conoscenza adeguata della lingua italiana;
• aver assolto l’obbligo scolastico;
• godimento dei diritti civili e politici;
• non aver riportato condanne penali che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto d’impiego con Pubbliche Amministrazioni, salvo sia stata conseguita la riabilitazione alla data di pubblicazione del presente avviso;
• non avere in corso procedimenti penali ovvero procedimenti per l’applicazione di misure di sicurezza o di prevenzione;
• non essere stato destituito o licenziato ovvero dispensato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero di non essere stato dichiarato decaduto da un impiego pubblico a seguito dell’accertamento che l’impiego stesso è stato conseguito mediante la produzione di documenti falsi o
viziati da invalidità non sanabile;
• insussistenza di situazioni, anche potenziali, di conflitto di interessi ai fini dell’attestazione di cui all’art. 53 comma 14 del d.lgs. 165/2001 e ss.mm.ii.

allieve_nel_laboratorio_di_oreficeria_col_maestro_paolo_penkoPer essere ammessi alla procedura di selezione è necessario, altresì, essere in possesso di documentata esperienza professionale e/o di insegnamento svolta per almeno 2 anni, in relazione alla materia per la quale si intende presentare la domanda di ammissione alla procedura selettiva.

L’attività di insegnamento deve essere stata svolta presso scuole statali o regionali, presso istituzioni formative di rilevanza nazionale o presso le Scuole d’Arte e dei Mestieri ed i CFP di Roma Capitale.
L’esperienza professionale e/o di insegnamento può essere comprovata con la presentazione di atti o provvedimenti di conferimento di incarico, contratti, certificati di prestazioni professionali svolte, fatture o documenti equivalenti, iscrizione alla camera di commercio, titolarità di botteghe storiche, di artigianato artistico
e/o di laboratori artigiani.
Non possono, inoltre, presentare domanda i soggetti che, a seguito di valutazione delle prestazioni svolte presso le  Scuole d’Arte e dei Mestieri Capitoline, abbiano ricevuto a partire dell’anno scolastico 2010/2011 un punteggio inferiore a 20 punti o siano stati destinatari di nota di demerito.
L’Amministrazione può disporre, in qualunque momento, con provvedimento motivato, l’esclusione dalla procedura di selezione per difetto dei requisiti di ammissione.
Le eventuali domande presentate verranno escluse d’ufficio dall’Amministrazione.
Il candidato in possesso dei requisiti richiesti, in relazione alle singole aree didattiche e alle singole materie del presente Avviso, non può presentare domanda in più di due aree e nell’ambito della stessa area può presentare al massimo domanda per 2 materie.
Eventuali domande ulteriori non saranno prese in considerazione.
In relazione alla materia per la quale si intende presentare la domanda di ammissione sarà valutato, in particolare,
uno dei titoli di studio specifici previsti dall’Allegato “B”.
Sono ammesse le equipollenze e le equiparazioni tra titoli di studio, così come previste dalle disposizioni vigenti in materia.

Continua a leggere, cliccando su AVVISO PUBBLICO PER INSERIMENTO NELL’ALBO DEGLI INSEGNANTI DELLE SCUOLE D’ARTE E DEI MESTIERI DI ROMA CAPITALE.

scuole

Informazioni su corsi e costi, formulari di pre-iscrizione

 

Amministrative 2013, Crociani Baglioni per Fratelli d’Italia al I Municipio di Roma


Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni durante la conferenza, Rocca di Papa, 25 settembre 2011

Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni durante una conferenza a Rocca di Papa, 25 settembre 2011

Candidato per Fratelli d’Italia al I Municipio del Comune di Roma (scheda rosa), il Conte Fernando Crociani Baglioni ha sempre avuto fama di uomo determinato, saldo nei propositi e molto franco in quel che dice, evitando inutili ed equivoche “diplomazie” che sono spesso foriere di equivoci, soprattutto da parte di chi non vuol sentire o non capire. Quindi, meglio la trasparenza solida, nuda e cruda. Uomo difensore di grandi tradizioni, adesso tenta la scalata al Consiglio comunale. Il suo motto: Dio, Patria, Famiglia.

Perché votare il Conte Fernando Crociani Baglioni, quali punti fermi, ideali, propositi la rappresentano?

Continua a leggere

Roma/Monica Marinescu, avvocato: il volto delle donne romene che ce l’hanno fatta


A Bucarest aveva un avviato studio legale, a Roma ha reinventato la sua professione. Oggi è una civilista che offre assistenza legale ai suoi connazionali. “E’ stata dura ma lo rifarei”


Premiazione in Campidoglio: Avv. Monica Marinescu riceve il premio “Roma Capitale delle donne”

Premiazione in Campidoglio: Avv. Monica Marinescu riceve il premio “Roma Capitale delle donne”

Ricominciare da zero, mettere in discussione una carriera, partire per costruire una famiglia. C’è tutto questo nella storia di Monica Marinescu, avvocatessa trentasettenne romena,  che sei anni fa ha deciso di lasciarsi alle spalle un avviato studio legale a Bucarest per raggiungere suo marito a Roma e far nascere la sua bambina in Italia. Un cambiamento radicale fatto di sacrifici e ostacoli, ma anche e soprattutto di soddisfazioni: oggi Monica è un’affermata civilista che offre assistenza legale ai suoi connazionali. “Ho dovuto reinventarmi professionalmente – racconta – mi sono rimessa in gioco affrontando mille difficoltà”.

Premiazione in Campidoglio: Avv. Monica Marinescu riceve il premio “Roma Capitale delle donne” Foto: Copyright © Simona C. Farcas

Premiazione in Campidoglio: Avv. Monica Marinescu riceve il premio “Roma Capitale delle donne” Foto: Copyright © Simona C. Farcas

Arrivata in Italia nel 2006 con il ricongiungimento familiare, ha ottenuto il riconoscimento del suo titolo di studio e l’iscrizione all’albo degli avvocati solo nel 2008, dopo che la Romania è entrata nell’Unione Europea. Superati i problemi burocratici, ha aperto uno studio legale nella Capitale cambiando completamente le prospettive di lavoro. A Bucarest l’ufficio “Marinescu” assisteva grandi e medie aziende in cause di diritto commerciale, a Roma Monica ha iniziato a difendere i suoi connazionali in vertenze di lavoro, affidamenti, sfratti e a volte procedimenti penali. “In Romania lavoravo con gli italiani, in Italia lavoro con i romeni”, spiega. Non è l’unico cambiamento che ha dovuto affrontare, la scelta di trasferirsi in Italia ha stravolto la sua vita professionale. “All’inizio è stata dura, ho attraversato diversi momenti di scoramento, in Romania avevo diversi collaboratori e mi occupavo solamente delle relazioni con i clienti, in Italia ho dovuto ricominciare sbrigando tutto il lavoro da sola”.

Premiazione in Campidoglio: Avv. Monica Marinescu riceve il premio “Roma Capitale delle donne” Foto: Copyright © Simona C. Farcas

Premiazione in Campidoglio: Avv. Monica Marinescu riceve il premio “Roma Capitale delle donne” Foto: Copyright © Simona C. Farcas

Mentre ridisegnava la sua professione di avvocato, Monica ha dovuto fare i conti con il pregiudizio nei confronti degli stranieri. Subito dopo il suo arrivo, l’Italia è scossa dal caso Reggiani, la quarantasettenne uccisa da un romeno nei pressi della stazione Tor di Quinto a Roma. “L’accanimento dei media nei confronti dei miei connazionali non mi ha certo aiutata in un periodo in cui mi sembrava tutto in salita. Molte volte – confida – ho avuto la sensazione di non farcela”. Ma alla fine ce l’ha fatta, tanto che nel 2011 ha ricevuto il premio “Roma Capitale delle donne”, un riconoscimento conferito a 60 eccellenze femminili che si sono distinte nella loro professione e nel ruolo sociale. Monica è stata scelta per rappresentare le donne romene migranti, ed è a loro che l’avvocatessa ha dedicato il premio. “Non mi sento di aver fatto nulla di eccezionale, ci sono tantissime straniere che lavorano e vivono in Italia affrontando ogni giorno mille difficoltà”.

Premiazione in Campidoglio: Avv. Monica Marinescu riceve il premio “Roma Capitale delle donne” Foto: Copyright © Simona C. Farcas

Premiazione in Campidoglio: Avv. Monica Marinescu riceve il premio “Roma Capitale delle donne” . Nella foto, da destra: Dott.ssa Gabriela Floria, Avv. Monica Marinescu e Dott.ssa Simona Cecilia Farcas.  Copyright © Simona C. Farcas

Protagoniste di integrazione e di sviluppo economico, sono oltre due milioni e trecentomila le donne migranti nel nostro paese, quasi la metà del totale secondo il rapporto Caritas/Migrantes dell’ultimo anno. “Per una donna è tutto più complicato – riflette Marinescu – in molti casi sono costrette a lasciare la famiglia nel paese d’origine per andare a lavorare a migliaia di chilometri di distanza. È una violenza, un trauma che ha a volte i figli non riescono a sopportare e molti di loro arrivano anche al suicidio”. Queste eroine del quotidiano scavalcano ogni giorno il doppio muro del pregiudizio in quanto donne e straniere. “In Romania come in Italia ho sempre dovuto  lavorare più degli uomini per dimostrare le mie qualità”, spiega l’avvocatessa che non dimentica la frustrazione dopo che una collega non le ha più rivolto la parola una volta conosciute le sue origini. “Mi sono sentita umiliata e impotente ma per fortuna è stata l’unica reazione di questo genere”.

Di piccoli episodi come questo, Monica potrebbe raccontarne tantissimi. Il suo la lavoro la porta tutti i giorni a confrontarsi con le difficoltà dei suoi connazionali in Italia. Per i romeni non c’è il problema della lingua, molti imparano l’italiano a scuola o guardando la televisione ma restano le difficoltà di inserimento e adattamento. “Per mio marito sarebbe stato più difficile raggiungermi a Bucarest, non conosceva il romeno e aveva già aperto uno studio di consulenza fiscale a Roma”. Così è stata Monica a partire per ricominciare daccapo in un paese straniero “anche perché – dice – forse noi donne siamo più pronte a metterci in gioco”.

Una scelta radicale che oggi senza dubbio rifarebbe, un cambiamento che ha scompigliato il suo senso di appartenenza. “Se qualcuno mi chiede se sono italiana o romena non so come rispondere, direi italo-romena”. Recentemente ha preso anche la cittadinanza italiana “ma – sottolinea – questi sono solo documenti, oggi mi sento adottata dall’Italia, è diventata il mio nuovo genitore”.

Fonte http://www.reporternuovo.it/2012/12/30/punto-e-a-capo-lasciare-tutto-per-raggiungere-litalia-monica-il-volto-delle-donne-romene-che-ce-lhanno-fatta/

Leggi anche Premiazione di “Roma Capitale delle Donne”, insignita l’avvocato Monica Marinescu  

Monica Marinescu: “Ho ricominciato da zero. E ce l’ho fatta”

http://www.stranieriinitalia.it/nuovi_cittadini-monica_marinescu_ho_ricominciato_da_zero_e_ce_l_ho_fatta_13303.html

Roma Capitale delle Donne

Update/Roma, il programma per il calcolo dell’Imu


Saldo IMU fino a lunedì 17 dicembre. Qui la guida e il calcolo online

Scade lunedì 17 dicembre il termine per versare il saldo IMU, ultima tranche dell’acconto versato tra giugno e settembre. L’IMU è dovuta da coloro che posseggono un bene immobile. Da oggi è anche disponibile il programma di calcolo nel quale inserire i dati ed ottenere automaticamente il calcolo dell’IMU dovuta a saldo per il 2012. Al termine della procedura è possibile stampare il modello F24, ordinario o semplificato, con l’indicazione dei codici tributo da utilizzare per il versamento. Sulle pagine del dipartimento Risorse Economiche di Roma Capitale è possibile scaricare anche la guida al saldo IMU.

http://www.comune.roma.it

Continua a leggere

Roma Capitale, nuovo servizio di rottamazione veicoli a domicilio


 Fai ritirare gratuitamente la tua auto dovunque si trovi. ChiamaRoma  06.0606, per  sapere il centro di autodemolizioni più vicino al luogo in cui si trova il veicolo da rottamare.

Vorbim românește! Hablamos español! Nous parlons français! Wir sprechen Deutsch! We speak English!

Vorbim românește! Hablamos español! Nous parlons français! Wir sprechen Deutsch! We speak English!

Roma, 2 ottobre – Un nuovo servizio di rottamazione di auto e motoveicoli, destinato a tutti i cittadini residenti o domiciliati nel territorio di Roma Capitale, promosso dall’Amministrazione nell’ambito delle misure messe in atto per migliorare ordine pubblico, sicurezza stradale e tutela ambientale.

Il contact center di Roma Capitale 060606 si occuperà di indicare ai cittadini il centro di autodemolizioni più vicino al luogo in cui si trova il veicolo da rottamare.

 Gli operatori del contact center saranno muniti della lista completa dei titolari di autodemolizioni aderenti al progetto, con i relativi municipi di appartenenza, indirizzi e contatti telefonici.

 I municipi nei quali sono presenti i centri di autodemolizione aderenti all’iniziativa sono: V – VI – VII – VIII – XI – XII – XIII – XV – XVI – XVII – XVIII – XIX – XX.

 Il servizio, che avrà una durata di 6 mesi, prevede per i proprietari dei veicoli il pagamento dei soli diritti di istruttoria, essendo a carico degli operatori tutte le operazioni necessarie alla rottamazione del mezzo, compreso il ritiro del veicolo, a domicilio o dovunque esso si trovi, e l’invio del documento di avvenuta radiazione.

 I costi previsti per i proprietari dei veicoli sono di € 36,68 se viene utilizzato il certificato di proprietà come nota di richiesta e di € 51,30 se invece si utilizza altro documento sostitutivo.

 Fonte: comune.roma.it 

ROMA, MUSEO DELLA CIVILTÀ ROMANA, LA NAZIONE ROMENO-MOLDAVA IN FESTA ALL’EUR


Arte e cultura dell’Europa dell’Est a Roma: “LA REPUBBLICA DI MOLDOVA AL 20° ANNIVERSARIO DELLA PROCLAMAZIONE DELL’INDIPENDENZA: CULTURA, TRADIZIONI, FOLCLORE ED ARTE CONTEMPORANEA”

Prof.ssa Donatella Di Cesare, Prof. Paolo Martino, Dott.ssa Tatiana Ciobanu, Dott.ssa Simona Cecilia Farcas

Prof.ssa Donatella Di Cesare, Prof. Paolo Martino, Dott.ssa Tatiana Ciobanu, Dott.ssa Simona Cecilia Farcas

Un grande evento, quello di oggi al Museo della Civiltà Romana, che reca il nome della civilizzazione dei popoli latino-europei:  la Moldova celebra così il ventennale della sua liberazione, dalla caduta del comunismo, e dalla proclamazione della sua indipendenza, dopo mezzo secolo di soggezione al dissolto blocco sovietico, nel segno della fratellanza romena e dell’amicizia fraterna con l’Ucraina, la Polonia, la Slovacchia e  le altre nazioni slave e dell’area carpatico-danubiana e balcanica; così come con  l’Italia ed il mondo latino occidentale.

Intervento di Simona C. Farcas, Prof.ssa Donatella di Cesare (a destra), Dott.ssa Tatiana Ciobanu (a sinistra)

Intervento di Simona C. Farcas, Prof.ssa Donatella di Cesare (a destra), Dott.ssa Tatiana Ciobanu (a sinistra)

Le comuni tradizioni di moldavi e romeni sono state oggi evidenziate dalla esposizione di un repertorio poetico nazionale, patriottico ed irredentistico, dalle dotte conferenze letterarie e linguistiche,  nel nome e nel segno del linguista mondiale romeno Eugen COSERIU, il quale cantò e testimoniò la nostalgia dell’esodo dei romeni nell’emigrazione in Occidente,  fuggendo dall’invasione, dall’oppressione e dalla povertà…

Un concerto di musica, canti e danze tradizionali, nei costumi dell’unica nazione allietava prima del pranzo la giornata conclusiva della manifestazione;  laddove  Fede,  Patria, Amore,  Carità e Solidarietà fanno da argomenti dominanti del vivere comunitario dell’unica nazione latina.

Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni. Gruppo folcloristico ,,Arţaraş'' di Roma

Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni. Gruppo folcloristico ,,Arţaraş” di Roma

Gli artisti moldavi del gruppo folcloristico ,,Arţaraş” di Roma nei costumi tradizionali, con solisti e musicisti di grande talento si esibivano in “Doine” e interpretazioni del folclore.

S.E. l’Ambasciatore della Repubblica di Moldova in Italia Aurel BĂIEŞU e On. Tetyana KUZYK

S.E. l’Ambasciatore della Repubblica di Moldova in Italia Aurel BĂIEŞU e On. Tetyana KUZYK

Facevano da padrone di casa le autorità di Roma Capitale, la direzione del Museo della Civiltà Romana; e con loro S.E. l’Ambasciatore della Repubblica di Moldova in Italia Aurel BĂIEŞU, e suo Primo Segretario Dott.ssa Liliana VERLAN, la Dott.ssa Ramona RAUS, addetta alle Politiche culturali e rapporti con la communità romena presso l’Ambasciata di Romania nella Repubblica Italiana, i ministeri, enti ed associazioni romene e moldave, quali “Dacia“, “Propatria” e “Italia-Romania Futuro Insieme“, ed altre aderenti al progetto interculturale ed interconfessionale per l’Europa dell’Est, indetto da Roma Capitale.

Prof.ssa Donatella Di Cesare presenta "Storia della Filosofia del Linguaggio" di Eugenio Coseriu. Dott.ssa Simona Cecilia Farcas

Prof.ssa Donatella Di Cesare ricorda il Maestro Eugenio Coseriu e la sua “Storia della Filosofia del Linguaggio”; accanto, Dott.ssa Simona Cecilia Farcas

Ringraziamenti fervidi al Sindaco di Roma Capitale  On. Gianni ALEMANNO, alla consigliera aggiunta dell’Assemblea Capitolina On. Tetyana KUZYK, alla Dott.ssa Franca D’AMORE dell’Assessorato alla Cultura, al Dott. Antonio INSALACO direttore del Museo della Civiltà Romana, alla Prof.ssa Donatella DI CESARE,  Ordinario di Filosofia teoretica presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università “La Sapienza” di Roma , al Prof. Paolo MARTINO, Ordinario  di Glottologia e Linguistica generale presso Libera Università Maria Ss. Assunta “LUMSA” di Roma, al Conte Prof. Fernando CROCIANI BAGLIONI, dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano e de l’Académie belgo-espagnole d’Histoire di Bruxelles-Madrid.

S.E. l'Ambasciatore Aurel Baiesu, On. Tetyana Kuzyk, Dott.ssa Franca D'Amore

S.E. l’Ambasciatore Aurel Baiesu, On. Tetyana Kuzyk, Dott.ssa Franca D’Amore

Alla Dott.ssa Tatiana CIOBANU dell’Associazione dei Moldavi in Italia “Dacia”, ideatrice e conduttrice dell’evento nelle successive giornate, nonché al Prof. Vitalie Ciobanu, al direttore artististico del Gruppo folcloristico ,,Arţaraş” di Roma Lidia Bolfosu, va il ringraziamento corale delle comunità presenti e partecipanti alla manifestazione nel suo complesso, testimoniato dagli attestati commemorativi conferiti da Roma Capitale.

Tatiana Ciobanu, Annamaria Ferramosca, Claudia Lupascu, Nina Popescu

Tatiana Ciobanu, Annamaria Ferramosca, Claudia Lupascu, Nina Popescu

La poetessa Annamaria Ferramosca legge poesie di Eminescu, Bacovia, Vieru, Celan, Vasile Garnet e Galaicu-Paun, in traduzione italiana; le prof.sse di Lingua Romena, Claudia Lupascu e Nina Popescu, in originale.

La poetessa Annamaria Ferramosca, legge Eminescu, Bacovia, Vieru, Celan, Vasile Garnet e Galaicu-Paun, in italiano; e le prof.sse Claudia Lupascu e Nina Popescu, in romeno.

La poetessa Annamaria Ferramosca legge poesie di Eminescu, Bacovia, Vieru, Celan, Vasile Garnet e Galaicu-Paun, in traduzione italiana; le prof.sse di Lingua Romena, Claudia Lupascu e Nina Popescu, in originale.

 Gruppo folcloristico ,,Arţaraş'' di Roma

Gruppo folcloristico ,,Arţaraş” di Roma

Nel ringraziare l’Associazione Italia-Romania Futuro Insieme per la partecipazione, l’ideatrice dell’evento Dott.ssa Tatiana Ciobanu, ha aggiunto: “è particolarmente simbolico il fatto che alcuni canti del repertorio selezionati da Lidia Bolfosu per il nostro programma di oggi, siano di Mihaileni, paese che diede i natali a Eugenio Coseriu:  questo per dire che intorno al grande linguista romeno siamo tutti uniti in un cerchio armonioso (“Hora”). E’ quanto ho sempre desiderato – continua la  Ciobanu – di non soffermarci solo alla promozione del folclore, ma di trasmettere e condividere l’intero nostro patrimonio storico-culturale nazionale, una voce che continui il percorso spirituale del popolo romeno, su entrambe le sponde del fiume Prut”.

Artigianato moldavo

Artigianato moldavo

.

gruppo folcloristico ,,Arţaraş'' di Roma

gruppo folcloristico ,,Arţaraş” di Roma

.

gruppo folcloristico ,,Arţaraş'' di Roma

gruppo folcloristico ,,Arţaraş” di Roma

Testo e foto a cura di Simona Cecilia Farcas

 Vedi anche:

Simona C. Farcas: Eugenio Coseriu, emigrante per intraprendenza

Donatella Di Cesare: vi racconto Eugenio Coseriu

N.B.

I diritti sono riservati, come da legge sul Diritto d’Autore n. 518 del 1992 e successive modifiche.
Nessuna parte di questo sito potrà essere riprodotta e archiviata in sistemi server diversi da quelli voluti dall’autore.

E’ invece, consentita la citazione del sito e/o di alcune sue pagine interne, senza preventiva autorizzazione, purchè sia chiaramente identificabile il nome del dominio ufficiale (futuroinsieme.wordpress.com)
Per le autorizzazioni o qualsiasi comunicazione in merito potete scrivere a: futuroinsieme2012@gmail.com

Roma, guida per il pagamento dell’acconto IMU 2012. Info: 060606


 E’ disponibile sul portale di Roma Capitale il Vademecum contenente le indicazioni per effettuare il pagamento dell’acconto IMU. A breve, nelle pagine del Dipartimento Risorse Economiche, sarà disponibile un programma di calcolo nel quale inserire i dati e ottenere automaticamente il calcolo dell’IMU dovuta in acconto per il 2012, con ripartizione degli importi tra Roma Capitale e Stato.  

Guida IMU 2012 http://comune.roma.it/PCR/resources/cms/documents/OpuscoloIMUmodificato.pdf

IMU 2012
Info: 06.0606

Il vademecum sull’Imu, la nuova Imposta Municipale sugli immobili, è stato realizzato dal Dipartimento Risorse economiche di Roma Capitale. Spiega come procedere per il calcolo e il pagamento dell’acconto dell’imposta in scadenza lunedì 18 giugno. Scarica qui la guidaDa lunedì 21 maggio, inoltre, sulle pagine del Dipartimento, sarà disponibile il programma per il calcolo dell’Imu. Tornando al vademecum, ecco alcuni tra i suoi principali argomenti: modalità relative alla misurazione della base imponibile, utilizzo dei codici tributo, le opzioni che rendono possibile ripartire fino a tre rate il versamento. Per chiarire ogni punto, la guida si avvale di una grafica che schematizza i contenuti e rende agevole la consultazione.

Intanto, sull’Imu il sindaco Alemanno e il presidente dell’Anci, Graziano Delrio, hanno scritto una lettera ai cittadini che illustra la situazione degli Enti locali.

 Fonte: comune.roma.it

Risposte in tempo reale alle domande ed informazioni su tutti gli uffici amministrativi e i servizi di Roma Capitale.

060606 è attivo sempre anche in inglese e rumeno,

e dal lunedì al venerdì dalle 7.00 alle 19.00 e il sabato dalle 8:00 alle 13:00 anche infrancese, tedesco, spagnolo, albanese e polacco.

IMU- Noul impozit pe apartamentele proprietate personală

Decretul “Salva Italia” al guvernului Monti a introdus  Impozitul Municipal Unic (IMU) pe imobile. Pentru locuinţa principală  este de  0,4% ( patru la mie) din aşa-numita “valoare cadastrală”, care este indicată în actul de  vânzare-cumpărare, reevaluată cu 5% şi multiplicată cu 160. Pentru a doua casă proprietate personală, impozitul va fi calculat la 7,6 la mie din “valoarea cadastrală” .
 

Link: http://www.gazetaromaneasca.com/societate/legislaie/3198-imu-noua-tax-pe-apartamentele-proprietate-personal.html

Pentru a afla suma exactă care trebuie plătită, se va aplica următorul calcul: 4 la mie din aşa-numitul “valoare cadastrală”, care este indicată în actul de vânzare-cumpărare, mărită cu 5% şi înmulţită cu 160. Există o reducere a impozitului valabilă pentru toţi contribuabilii, de 200 de euro. În plus, fiecare familie cu copii va beneficia de o reducere ulterioară, mai precis 50 de euro pentru fiecare copil aflat în întreţinere, care are sub 26 de ani. Aceste beneficii pot fi aplicate doar o singură dată pentru fiecare familie, chiar dacă membrii trăiesc în case diferite.

Pentru cei care au o a doua casă proprietate personală, impozitul va fi mai mare: IMU va fi calculat la 7,6 la mie din “valoarea cadastrală” , sumă majorată cu 5 procente şi înmulţită cu 160. NU sunt prevăzute reduceri, iar plata se va face în două tranşe: jumătate în iunie, restul în decembrie. Ultima rată poate fi ridicată ulterior, în baza unor decizii ale municipalităţilor, cu până la 10,6 la mie.

Sursa: Gazeta Românească

Pentru informaţii  în limba română, sunaţi la numărul de telefon al Primăriei Roma: (+39) 06.0606 

Roma festeggia il suo MMDCCLXV compleanno: non mancare dal XX al XXII aprile MMXII!


2765° Natale di Roma:  apertura gratuita dei Musei civici, iniziative culturali, spettacoli, celebrazioni ufficiali  già da venerdì 20 e fino a domenica 22 aprile

2.765° Natale di Roma

2.765° Natale di Roma

ROMA CAPITALE E AZERBAIGIAN INSIEME PER LA CULTURA: SIGLATO UN ACCORDO


dalla  Fondazione Heydar Aliyev dell’Azerbaigian, 110mila euro per restauro busti Musei Capitolini

Roma-Azerbaijan, firma della dichiarazione d'intenti

Roma, 20 marzo – Firmata in Campidoglio una dichiarazione d’intenti tra Roma Capitale e la Repubblica Azera per la valorizzazione del patrimonio storico-artistico di Roma Capitale. La collaborazione con l’Azerbaigian nel settore culturale ha già dato origine ad alcune iniziative come la mostra “Azerbaigian, la terra dei fuochi sulla via della seta” al Museo della Civiltà Romana e la collocazione, a Villa Borghese, di un monumento al poeta azero Nizami Ganjavi, donato dalla Repubblica dell’Azerbaigian alla città di Roma.

MEHRİBAN ALİYEVA

FİRST LADY MEHRİBAN ALİYEVA

La prossima iniziativa del programma di cooperazione è sostenuta dalla Fondazione Heydar Aliyev – organizzazione non governativa finalizzata alla protezione del patrimonio culturale nazionale ed estero e presieduta dalla first lady dell’Azerbaigian, Mehriban Aliyeva – che ha deciso di contribuire con una donazione di 110mila euro al restauro di alcuni elementi architettonici e opere esposte nella Sala dei Filosofi del Palazzo Nuovo dei Musei Capitolini.

La sala raccoglie busti di poeti, filosofi ed oratori dell’antichità greca che in seguito, in età romana e poi nel Rinascimento, hanno decorato biblioteche pubbliche e private, abitazioni, ville e parchi dei facoltosi cultori delle arti e della filosofia. Il restauro riporterà alla piena leggibilità 5 busti a tutto tondo, 1 erma e 23 rilievi su lapidi e interverrà anche sulle cornici marmoree dei due portali di ingresso alla Sala.
L’intervento – che sarà realizzato secondo il progetto e sotto la direzione scientifica della Sovraintendenza Capitolina e della direzione dei Musei Capitolini, con la consulenza dell’Istituto Centrale per il Restauro – inizierà 4 mesi dopo la firma dell’accordo e durerà circa 6 mesi.

Insieme al sindaco, Gianni Alemanno, hanno presieduto alla firma l’Assessore alle Politiche Culturali e Centro Storico Dino Gasperini , il Sovrintendente ai Beni culturali di Roma Umberto Broccoli e il direttore dei Musei Capitolini, Claudio Parisi Presicce. Per l’Azerbaijan, l’Ambasciatore Vaqif Sadiqov – accompagnato dal Primo Segretario d’Ambasciata Nigar Huseynova e dal Funzionario Zaur Farhadov – ha rappresentato la Fondazione Heydar Aliyev, finanziatrice dei lavori.

Fonte: Roma Capitale