Filosoful Adrian Bojenoiu va reprezenta România la Bienala de la Veneția


Foto: Adina Moraru - www.clon.ro/Cluj-Napoca. Proiectul Romanian Cultural Resolution va reprezenta România la Bienala de la Veneția. Printre inițiatorii proiectului se numără filosoful Adrian Bojenoiu, de la Universitatea Babeș-Bolyai din Cluj-Napoca.

(€UROITALIA – CLUJ-NAPOCA, 11.01.2011). Ca urmare a Concursului Naţional pentru selectarea proiectelor care vor reprezenta România la cea de-a 54-a ediţie a Bienalei de Artă de la Veneţia, organizat de Ministerul Culturii, Ministerul Afacerilor Externe şi Institutul Cultural Român, România va prezenta proiectul Performing History, care va fi expus la Veneţia în Pavilionul României din Giardini della Biennale, precum şi proiectul Romanian Cultural Resolution documentar, care va fi expus în Noua Galerie a Institutului de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia. Proiectul Romanian Cultural Resolution, iniţiat de Adrian Bojenoiu şi Alexandru Niculescu, constă în transferarea activităţii Centrului pentru Cultură Contemporană Club Electro Putere în cadrul Bienalei de la Veneţia, cu accent pe etapa editorială şi documentară a evenimentului Romanian Cultural Resolution, ce are ca scop cercetarea contextului artistic contemporan din România. Romanian Cultural Resolution documentar conţine mai multe etape de desfăşurare pe perioada Bienalei: realizarea uni film documentar pe bază de interviuri, prezentarea unei arhive de fotografie cu expoziţiile RCR din Werkschau Spinnerei Leipzig şi Club Electro Putere Craiova cât şi o selecţie de cataloage de expoziţie şi artist, publicaţii de specialitate, reviste de artă din România. Lansarea catalogului Romanian Cultural Resolution editat de către prestigioasa editură Germana Hatje Cantz.

Adrian Bojenoiu, născut in 1976, trăieşte şi lucrează în Craiova. A studiat filosofia la Universitatea Babes-Bolyai din Cluj. Este doctorand în filosofie al Universităţii Charles de Gaulle Lille3 (2004-2009) si al Universităţii de Vest din Timişoara în prezent. Domenii sale de cercetare sunt estetica, critica de artă şi filosofia franceză contemporană. A participat la numeroase conferinţe şi dezbateri, 2007 Actualites du concept d’espace: Geographie, Philosophie, Art, Ecole Normale Superieure, Lyon, 2006 L’Europe a venir: Secularisation, Justice, Democratie, UBB Cluj. 2005 Langues et langage, Ecole Normale Superieure, Paris. (R.I.)

VENEZIA: progetti romeni alla Biennale 2011


Progetti romeni alla Biennale 2011; In memoriam Marcel Chirnoaga a Venezia
Biennale_grandePerforming History” e ”Romanian Cultural Resolution” sono i progetti che rappresenteranno la Romania alla 54esima edizione della Biennale d’Arte di Venezia, che si terrà dal 4 giugno al 27 novembre 2011. La direttrice dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia (IRCCU), Monica Joita, ha presentato i progetti per RRI e ha fatto anche un bilancio del 2010, segnato da numerosi eventi culturali in Italia.

Sempre nel 2010, l’IRCCU Venezia ha celebrato anche l’80esimo anniversario. In riferimento alla presenza della Romania alla Biennale, un comunicato dell’IRCCU ricorda che, negli anni 1938-1940, il grande storico romeno Nicolae Iorga, fondatore dell’Istituto, si impegnò personalmente perchè la Romania si unisse agli altri Paesi che avevano già un Padiglione nazionale nei Giardini di Castello dove, dal 1895, si svolge la Biennale d’Arte di Venezia.

Sempre l’IRCCU rende omaggio alla memoria di Marcel Chirnoaga (1930-2008), uno dei più apprezzati e amati artisti romeni in Italia e specialmente nel Veneto. Ne 2005, il Comune di Padova e l’Associazione “Amici della Romania”, presieduta da Rosy e Liviu Zanolini, hanno organizzato alla Galleria “La Rinascente” una retrospettiva delle incisioni di Marcel Chirnoaga, uno dei più grandi artisti degli ultimi decenni. Per l’occasione, è stata esposta anche il suo ultimo lavoro, “L’Apocalisse di San Giovanni”.

Varie città d’Italia ospitano oggi importanti e numerose opere del compianto maestro. Nel 1999, in occasione della manifestazione dal tema ”Dante in Romania”, Marcel Chirnoaga ha ricevuto a Ravenna la Medaglia d’oro per le 21 incisioni che illustravano “L’Inferno” della “Divina Commedia”.
MC
L’amore e l’apprezzamento di Marcel Chirnoaga per l’Italia si concretizzò anche nella preziosa donazione che fecce al Museo d’Arte Medioevale e Moderna di Padova. Infatti, la sua speciale relazione con la città fu ripagata dalla concessione a Palazzo Moroni della Medaglia d’Oro del Comune di Padova.

Da parte sua, l’IRCCU di Venezia ha organizzato diverse mostre personali del compianto maestro, che fu uno dei collaboratori di marchio.
Alla sua memoria, l’Istituto propone al pubblico, dal 23 dicembre 2010 al 9 gennaio 2011, il progetto multiculturale “Nella natura e nel segno ricordando Marcel Chirnoagă”) dell’artista visiva Marilena Berti.

Nata nel 1958, Marilena Berti, laureata presso la prestigiosa Università IUAV di Venezia, ha debuttato negli anni ’90. Ha partecipato a numerose mostre collettive e ha avuto varie personali in Italia e all’estero. Ha collaborato con l’Associazione “Amici della Romania” per organizzare in Italia alcune delle mostre di Marcel Chirnoaga.

Di recente, ha partecipato al restauro della Basilica di San Marco. Il progetto di Marilena Berti include una mostra fotografica documentaria con immagini e documenti inediti dell’artista omaggiato e una mostra personale dell’autrice, ispirata alle affinità creative comuni. Il progetto include anche un momento poetico ideato dall’attore Alberto Barina, con letture da traduzioni in italiano di Mihai Eminescu, Grigore Vieru e Mircea Dinescu.

Per l’occasione, le Poste italiane hanno emesso un annullo filatelico dedicato all’evento, che riporta il design di Marilena Berti nello spirito del carattere multiculturale del progetto. L’annullo sarà usato esclusivamente durante la giornata della vernice e messo in circolazione per tre mesi alla sede di Venezia dello Spazio Filatelico (Dorsoduro, 3510 – Fondamenta Gaffaro).
L’evento è realizzato con il sostegno dell’Istituto Culturale Romeno e gode del patrocinio della Città di Venezia, Assessorato per le Attività Culturali. (Fonte: Radio Romania International – http://www.rri.ro/)