S-a stins artistul român Camilian Demetrescu


Camilian Demetrescu, pictor, sculptor şi cercetător de artă romanică, a încetat din viaţă, luni, 6 mai, la locuinţa sa din Gallese, nu departe de Viterbo, în centrul Italiei. Născut în 1924 la Buşteni, a fost constrâns să plece din ţară în 1969. S-a impus în Italia prin creaţii aristice de profundă inspiraţie creştină, pe care le considera o terapie spirituală pentru omul european. Apreciat de fericitul Ioan Paul al II-lea, Camilian Demetrescu a donat în 2008 papei Benedict al XVI-lea o colecţie prestigioasă de tapiserii care întâmpină pelerinii în sălile Aulei Paul al VI-lea. Il-Papa-a-colloquio-con-lartista-Demetrescu-

 Constrâns să fugă din ţară cu sufletul răvăşit de degradarea omului, s-a dedicat cu toate puterile pentru reconstrucţia omului. Marcat de rana dezbinării dintre creştini, a transpus în artă visul unităţii dintre Roma şi Constantinopol. Adept al abstractismului, a trecut fără rezerve la simfonia valorilor creştine. Lângă numele său, în ultimii ani ai vieţii, îi plăcea să adauge, ca tot atâtea trepte către împlinire: „pictor, sculptor şi cercetător de artă romanică”. Astfel este prezentat pe situl Radio Vatican Camilian Demetrescu, numele de artă al lui Paul Constantin Demetrescu, născut la Buşteni în 1924, şi decedat la Gallese, nu departe de Viterbo, în centrul Italiei, pe 6 mai 2012.

După primele studii de artă în 1949, la Bucureşti, Demetrescu începe să exploreze universul cromatic al artei religioase, intrând în coliziune frontală cu exigenţele socialismului real din ţară. În 1969 reuşeşte să plece din România, pentru a se stabili în Italia, a doua sa patrie. Primele realizări artistice îl plasează în curentul artei abstracte, dar întâlnirea cu Mircea Eliade, în 1979, la Paris, îi deschide orizontul artei sacre. Începe să cutreiere Europa, cu hârtie şi creion în mână, pentru a se „alfabetiza”, după cum spune el însuşi, cu limbajul simbolic al artei romanice. Începe o perioadă de creaţie deosebit de fecundă, în care s-au alternat critici caustice şi aplauze sincere, lăsând pretutindeni amprenta unei personalităţi de înalt profil uman şi creştin. La 2 ianuarie 2008, artistul român a prezentat Papei Benedict al XVI-lea o prestigioasă colecţie de tapiserii cu subiect religios donată Sfântului Scaun, care şi astăzi întâmpină pelerinii în Aula Paul al VI-lea a audienţelor generale sau în alte săli adiacente pentru audienţele papale private.

Camilian Demetrescu (1924-2012)

Camilian Demetrescu (1924-2012)

Un număr impresionant de expoziţii, mai ales în Italia, au oferit publicului un parcurs artistic menit să contribuie la vindecarea omului contemporan, în care s-au depozitat ruinele „declinului cultural” din ultimele secole şi recentei „nenorociri a utopiilor totalitare”. „Chipul omului de astăzi este degradat”, afirma Demetrescu, „şi pentru a construi o democraţie cu faţă umană trebuie să fie reconstruit omul însuşi, să se pună din nou împreună părţile unui om făcut bucăţi de patru veacuri de diferite umanisme, iluminisme şi utopii mai mult sau mai puţin ştiinţifice. Reconstrucţia omului! Îmi vin fiorii când mă gândesc la toată ingineria antropologică din comunism care trebuia să clădească omul cel nou, destinat să locuiască fericit în cazarmele utopiei totalitare. Nu de această reconstrucţie este vorba. Nu statul şi politica trebuie să schimbe omul. Numai persoana umană se poate reconstrui pe sine pentru a deveni ceea ce Sfântul Paul înţelegea prin adevăratul om nou”.

A fost foarte critic faţă omiterea menţionării rădăcinilor creştine în Constituţia Europeană, criticând aspru pentru această opţiune autorităţile de la Bruxelles, „alarmate” de retrezirea religioasă a tinerelor generaţii. „Dacă ar fi să reprezint Europa creştină de astăzi într-un desen, aş face un trunchi de copac gigant, cu adânci rădăcini în pământ, dar retezat la sol, împietrit într-o dezolantă rană, plată şi cenuşie, din care ies, miraculos, copăcei în floare. Am muncit de zor vreme de secole ca să tăiem acel pom maiestos. Securea civilizaţiei noastre s-a abătut asupra stejarului Marii Tradiţii, dar limfa vitală continuă să urce, noile generaţii îşi redescoperă rădăcinile. Aceşti tineri sunt o minoritate, este adevărat, dar, cum ne învaţă trecutul, istoria o fac minorităţile. Majorităţile o îndură, luate de evenimente. Şi în timp ce marea Europă este surdă la loviturile de secure care continuă, cealaltă mică Europă, lovită de insomnia conştiinţei, veghează”.

Demetrescu s-a lăsat atins şi de drama lipsei de unitate între creştini, tematica ecumenismului fiind determinantă în creaţiile sale, în special după alegerea Papei Ioan Paul al II-lea pe Scaunul apostolic al Romei. De amintit aici, dintre multe altele, celebrul tablou votiv cerut de Mănăstirea Măicuţelor Trapiste de la Vitorchiano pentru beatificarea Maicii Gabriela Sagheddu (1914-1939), care şi-a dedicat viaţa rugăciunii pentru unitatea creştinilor: Fericita Gabriela, în centru, întruchipând credinţa catolică, având în stânga turnurile Catedralei anglicane din Lincoln şi, în dreapta, cupolele Bazilicii bizantine Sf. Sofia de la Constantinopol. În acelaşi registru spiritual, una dintre ultimele sale creaţii, tapiseria intitulată „Ut unum sint”, inspirată din Enciclica omonimă a Fericitului Ioan Paul al II-lea despre ecumenism, în care Mântuitorul, pe un fond roşu aprins, cu trupul transfigurat de lumina învierii, poartă într-o mână Bazilica Sf. Sofia de la Constantinopol şi în cealaltă Bazilica Sf. Petru de la Roma.

La o expoziţie recentă, intitulată „Hierofanii, între speranţă şi nihilism”, un tânăr l-a întrebat: „Maestre, pe ce cale trebuie să apucăm?”. Camilian Demetrescu a răspuns: „Voi, cei din generaţia voastră, vă aflaţi astăzi, după apusul ideologiilor, la o răscruce cu numai două direcţii: într-o parte, bulevardul larg, autostrada care duce la nihilism, la cultura lui ‘nu’; într-alta, cărarea culturii spirituale, a lui ‘da’, care conduce la Dumnezeu. Trebuie să alegeţi. Înţeleg că e greu. Autostrada este rapidă, captivantă, dar nu duce nicăieri, sfârşeşte în balta dezamăgirii. Cărarea, în schimb, este îngustă dar merge departe. Cei mai mulţi, probabil, vor alege autostrada. Dar voi, voi ce alegeţi?” Slujba de înmormântare a regretatului artist român Camilian Demetrescu a avut loc miercuri, 9 mai – Ziua Europei – la Gallese, lângă Viterbo.

Sursa: Radio Vatican

ORTE, RADUNO DEI CAVALIERI DELL’ITALIA CENTRALE


ORTE, Vocabolo San Lorenzo, Casale Farcas –   (EUROITALIA, 2 luglio 2011)
Il Presidente dell'Associazione "I Cugini di Campagna", Gianni Calderari
Il Presidente dell’Associazione “I Cugini di Campagna”, Gianni Calderari

“I Cugini di Campagna”, riuniscono i butteri e appassionati di turismo equestre ed equitazione di campagna di Orte, Alto Lazio, Maremma ed Umbria.

Il 5′ Raduno Equestre e Sagra del Visciarello fanno festa; cavalieri e cavalli ad Orte, vocabolo Lucignano, dall’8 al 10 luglio 2011.

La manifestazione prende il via venerdì 8 luglio ore 19; alle 20 si apre lo stand gastronomico con piatti tipici e locali. “Visciarelli” son detti nel Viterbese i maccheroni acqua e farina, detti in Umbria (Terni) “ciriole’, a Spoleto, Norcia e Cascia “strangozzi” e in Maremma “pici” o “picini”. Seguono le danze con la scuola “Onda Salsera”. Uguale il programma di sabato 9. Domenica 10 il raduno dei cavalieri continua con escursione nella valle del Tevere. Alle 12 il pranzo dei cavalieri ed amici secondo il menu della cucina rustica locale, curata dalle “amazzoni”. Nel pomeriggio la gimkana equestre amatoriale, secondo i giochi a cavallo tradizionali dei butteri. Segue il carosello equestre con l’esibizione dei “Cavalieri di Ferento” nei costumi tradizionali. La Sagra continua con la cena caratterizzata dalle specialità. Raduno e sagra si concludono con musica dal vivo e ballo liscio a premi. Vino a volontà, porchetta, acquacotta, chitarre, fisarmoniche, saltarello e cantamaggio! ….. La manifestazione vede radunati una cinquantina di cavalieri e rispettivi cavalli, perlopiù di razza maremmana. Provenienti dall’area circostante Orte, Grotte Santo Stefano, Giove nell’Umbria, Vasanello, Terni, Amelia, Narni, Soriano nel Cimino, Penna in Teverina e Bassano in Teverina, nonché da altre località della Val Tiberina, Maremma grossetana, viterbese e senese. La manifestazione si conclude con premiazioni ai più abili “butteri”, tra i quali si distinguono giovani e giovanissime cavallerizze, sportivi e conduttori di circoli equestri, maneggi e scuole di equitazione di campagna.

Fiore all’occhiello dei Cugini di Campagna sono le finalità benefiche dell’iniziativa, assieme alle finalità nel complesso del sodalizio. Infatti il ricavato della manifestazione, comprendente i generosi contributi di oltre un centinaio di sponsor’s (rigorosamente esclusi contributi pubblici, né richiesti né graditi), viene puntualmente devoluto alle finalità benefiche statutarie dell’associazione no profit: supporti didattici alle scuole materne ed elementari comunali; borse di studio ai migliori laureati della Facoltà di Agraria dell’Università la Tuscia di Viterbo, adozioni a distanza, assistenza domiciliare ad inabili non autosufficienti etc.

“I Cugini di Campagna” nel nome rimandano alla sottile ironia, forse un po’ snobistica con la quale i “cittadini” da sempre indicano i parenti rimasti a vivere sulla terra e della terra. Ma in epoca di tramonto della società neocapitalistica, forte sorge un nuovo richiamo al fascino della terra e del ritorno alla campagna. Col gusto della cucina campagnola, dei cavalli, della natura e degli spazi liberi del profumo di fieno, dei campi di girasoli, tornano nelle coscienze, nei cuori, i valori della società contadina, che conobbe e intende continuare a rappresentare in primis i valori di civiltà, sussidiarietà e solidarietà umana. Questo il messaggio che sorge ancora all’alba lungo la Valle del  Tevere, da Orte.

Orte, Valle del Tevere - Casale Farcas (Foto: Giorgio Clementi, italiainfoto.com)

Orte, Valle del Tevere - Casale Farcas (Foto: Giorgio Clementi, italiainfoto.com)

Il Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni, storico dell’Italia Centrale, aderendo all’iniziativa e al raduno quale appassionato di equitazione, rendeva visita al Casale Calderari in Vocabolo Lucignano, compiacendosi col Presidente dei Cugini di Campagna, Gianni Calderari e i protagonisti della manifestazione nelle successive generazioni, dalla bisnonna alla giovanissima cavallerizza campionessa.

Dott.ssa Simona Cecilia Farcas, email: euroitalia.news@hotmail.com

Orte, 2 luglio 2011

Locandina 5' Raduno Equestre e 4' Sagra del Visciarello

Locandina 5' Raduno Equestre e 4' Sagra del Visciarello

PROGRAMMA
VENERDI’ 8 LUGLIO
ore 19.00 Apertura ufficiale della manifestazione
ore 20.00 Apertura Stand Gastronomico “Sagra del Visciarello”con prodotti tipici e locali
ore 22.00 Danze Caraibiche con la Scuola “Onda Salsera” di Alessandro e Michela

Menu con sapori di una volta ( trippa, coratella, faraona alla leccarda, guanciale aceto e salvia, fagioli con cipolla), visciarelli fatti in casa

SABATO 9 LUGLIO
ore 20.00 Apertura Stand Gastronomico ” Sagra del Visciarello” con prodotti tipici e locali
ore 21.00 Musica dal vivo con ” Luana e Daniele”

Menu a base di carne alla brace, visciarelli fatti in casa

DOMENICA 10 LUGLIO
ore 9.00 Raduno dei cavalieri con passeggiata nella Valle del Tevere
ore 12.00 Pranzo con cavalieri ed amici
ore 15.00 Gimkana Equestre Amatoriale
ore 18.00 Carosello Equestre con l’esibizione dei ” Cavalieri di Ferento”
ore 20.00 Apertura Stand Gastronomico ” Sagra del Visciarello” con prodotti tipici e locali
ore 21.00 Musica dal vivo con ” Luca e Monica”

Menu a base di carne alla brace, visciarelli fatti in casa

INFO E PRENOTAZIONI: 339/8813402 347/1466372 328/1020617

COME RAGGIUNGERE LA MANIFESTAZIONE

Da Roma: uscire A1 Orte e proseguire sulla SS.204 in direzione centro abitato di Orte; superato il centro urbano in direzione Viterbo e giunto all’altezza del distributore TOTAL (ubicato sulla sinistra rispetto al senso di marcia), imboccare a destra per via Salvatelli e proseguire per Km. 4; giunti di fronte all’ingresso dell’11° Deposito Aeronautica Militare di Orte, proseguire sulla destra lungo il suo perimetro e seguire le indicazioni in loco.

Da Viterbo: dalla superstrada Civitavecchia-Viterbo-Orte uscire Orte e proseguire sulla SS.204 in direzione centro abitato Orte, superato il cimitero e l’incrocio per Vasanello-Vignanello e giunto in prossimità del distributore TOTAL (ubicato sulla destra rispetto al senso di marcia), imboccare a sinistra per via Salvatelli e proseguire per Km. 4; giunti di fronte all’ingresso dell’11° Deposito Aeronautica Militare di Orte, proseguire sulla destra lungo il suo perimetro e seguire le indicazioni in loco.

Da Perugia: dalla superstrada Terni-Orte-Viterbo uscire Orte e proseguire sulla SS.204 in direzione centro abitato di Orte; superato il centro urbano in direzione Viterbo e giunto all’altezza del distributore TOTAL (ubicato sulla sinistra rispetto al senso di marcia), imboccare a destra per via Salvatelli e proseguire per Km. 4; giunti di fronte all’ingresso dell’11° Deposito Aeronautica Militare di Orte, proseguire sulla destra lungo il suo perimetro e seguire le indicazioni in loco.

Da Firenze: uscire A1 Orte e proseguire sulla SS.204 in direzione centro abitato di Orte; superato il centro urbano in direzione Viterbo e giunto all’altezza del distributore TOTAL (ubicato sulla sinistra rispetto al senso di marcia), imboccare a destra per via Salvatelli e proseguire per Km. 4; giunti di fronte all’ingresso dell’11° Deposito Aeronautica Militare di Orte, proseguire sulla destra lungo il suo perimetro e seguire le indicazioni in loco.

Informazioni e prenotazioni

Associazione I Cugini di Campagna – ORTE (VT)

Cell. 339.8813402 – 347.1466372 – 328.1020617

email: icuginidicampagna@alice.it

L'amazzone campionessa, Gioia Calderari

L'amazzone campionessa, Gioia Calderari

La XI edizione della BTSA ha eletto Viterbo “Capitale” Italiana del Turismo Sociale


Coat of arms of Viterbo

Image via Wikipedia

Si è  svolta a Viterbo ad inizio marzo, con un affollato workshop cui hanno preso parte 100 buyer e 300 seller in rappresentanza di oltre 400 aziende, la XI edizione della Borsa del Turismo Sociale e Associato, svoltasi a Viterbo.

 

Ad aprire la manifestazione è stato  il Convegno nazionale “Le opportunità del Turismo Sociale in Italia”  nel corso del quale è stato presentato anche il 3° Rapporto sul Turismo Sociale in Italia, curato dall’Isnart in collaborazione con l’Osservatorio permanente costituito in ambito BTSA, dal quale è emerso che questo particolare segmento del turismo nazionale ha generato nel corso del 2010 un fatturato globale di 1,2  miliardi  di euro.

Il turismo sociale ha contribuito anche a supplire al calo dei turisti stranieri che si è verificato negli anni scorsi ed ha posto seri problemi.

La manifestazione, organizzata dal CAT/Confesercenti di Viterbo e da Cralnetwork by InRETE in collaborazione con l’Assessorato al Turismo della Regione Lazio, la Provincia, il Comune e la Camera di Commercio di Viterbo, godendo del patrocinio del Ministero del Turismo, dell’Enit/Agenzia Nazionale per il Turismo  e delle Associazioni di categoria, ha conseguito un successo che gli stessi operatori hanno definito straordinario.

 

Tra i  Buyer (Cral aziendali, Associazioni sportive, culturali, religiose ecc.),  erano presenti anche 16 tour operator provenienti dall’estero, in particolare da Albania, Danimarca, Germania (4), Inghilterra (3), Irlanda, Olanda, Polonia (2), Russia e Spagna., a dimostrazione di una sempre più accentuata internazionalizzazione della manifestazione.  Per Irina Fedeiouchkina, russa, della Carinka Tour, “Il workshop è stato molto efficace. “Mi ha dato la possibilità – ha dichiarato – di conoscere la Tuscia con la quale vogliamo lavorare dopo averne conosciuto le grandi potenzialità. I contatti sono stati tantissimi, forse un centinaio e di questi, almeno una ventina mi sono sembrati meritevoli di sviluppi.

Leggi tutto qui

Lavoratori stagionali, al via alle domande


Viterbo – Disponibili sul sito della Prefettura
Lavoratori stagionali, al via alle domande
Viterbo – 24 marzo 2011 – ore 11,00

Riceviamo e pubblichiamo – Si rende noto che, dalle 8 del giorno 22 marzo sino alle 24 del 31 dicembre, i datori di lavoro possono presentare le domande di nulla osta per lavoro stagionale previste dal decreto flussi 2011, utilizzando l’apposito programma disponibile per il download all’indirizzo: http://nullaostalavoro.interno.it/Ministero/download.
Le quote destinate alla provincia di Viterbo sono numero 160.

Si ricorda che sarà possibile, da parte dei datori di lavoro, rivolgersi alle  associazioni firmatarie dei Protocolli d’Intesa con il ministero dell’Interno e con il ministero della Solidarietà Sociale per essere assistiti nel disbrigo delle pratiche.

Infatti, con decreto del presidente del Consiglio dei Ministri riguardante la programmazione transitoria dei flussi d’ingresso dei lavoratori extracomunitari  stagionali nel Territorio dello Stato per l’anno 2011, è prevista l’entrata in Italia di lavoratori extracomunitari stagionali entro la quota massima di 60mila unità, da ripartire tra le regioni e le province autonome con provvedimento del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

La quota riguarda:
a)I lavoratori subordinati stagionali non comunitari di Serbia, Montenegro, Bosnia- Herzegovina, Repubblica ex Yugoslava di Macedonia, Repubblica delle Filipppine, Kosovo, Croazia, India, Ghana, Pakistan, Bangladesh, Sri Lanka, Ucraina, Gambia, Niger e Nigeria.

b)I lavoratori subordinati stagionali non comunitari dei seguenti Paesi che hanno sottoscritto o stanno per sottoscrivere accordi di cooperazione in materia migratoria: Tunisia, Albania, Marocco, Moldavia ed Egitto.

Il decreto in argomento dispone (articolo 2) che, sempre nell’ambito della quota prevista di numero 60mila ingressi, siano ricompresi anche i lavoratori non comunitari, cittadini dei paesi indicati nelle lettere a) e b) che abbiano fatto ingresso in Italia per prestare lavoro subordinato stagionale per almeno due anni consecutivi e per i quali il datore di lavoro presenti richiesta di nulla osta pluriennale per lavoro stagionale.

Prefettura di Viterbo

European Union Sustainable Energy Week 2010


Orte è la mia città e sono orgogliosa di esserne cittadina. Oltre a pubblicare qui sul blog le notizie di interesse sia per italiani che per romeni, è mia intenzione diventarne “cittadina attiva”, contribuendo anche qui, per quanto in mio potere, al miglioramento dell’ambiente alla promozione del dialogo tra gli ortani e la comunità romena quivi residente, attraverso iniziative concrete volte all’educazione e alla conoscenza reciproca.

“E’ iniziata questa settimana l’attività del CIRDER – Centro interdipartimentale di ricerca e diffusione delle energie rinnovabili dell’Università della Tuscia a Orte.

Il centro nasce da una sinergia tra Unitus e Comune di Orte, volta ad analizzare e studiare nuove fonti di energia rinnovabili, come le biomasse, di cui la Tuscia è ricca. Lo scorso mercoledì, 17 marzo, c’è stata il primo di una serie di incontri fra esperti …continua a leggere”.