LEKA II, PRINCIPE E CONSIGLIERE DEL GOVERNO ALBANESE


TRADIZIONE E MODERNITÀ, NUOVO RUOLO DELLE FAMIGLIE REALI NELL’EUROPA ORIENTALE
 S.A.R. il Principe Leka II, Capo della Real Casa d’Albania,  racconta la vita della Famiglia Reale nell’Albania di oggi, in una recente intervista al settimanale francese “Point de Vue”, assieme alla sua futura sposa Elia Zaharia. Il futuro Sovrano spiega come si sia preparato al proprio ruolo col sostegno del Padre Re Leka I, recentemente scomparso, ma anche grazie al contributo della madre, la Regina Susan. A loro egli deve l’apertura verso il mondo, la cultura internazionale, la conoscenza approfondita dell’Albania e l’amore per il paese e per il suo popolo. Per quanto riguarda il suo attuale ruolo nel Paese, il Principe sottolinea che la Famiglia Reale si è integrata perfettamente e lavora  per rinforzare la stabilità del Paese e l’unificazione del popolo albanese in tutta la regione balcanica. Le priorità della Famiglia Reale  sono le attività sociali e culturali, cercando di contribuire anche al processo di integrazione europea dell’Albania. L’attuale  Capo della Casa Reale albanese ricorda gli ultimi momenti della vita di suo padre, il quale il 28 novembre scorso, giorno della festa nazionale, poche ore prima di morire,  volle che la bandiera nazionale venisse messa a sventolare alla finestra della sua camera d’ospedale. Quando vide il proprio desiderio realizzato, Leka I, prese le mani del figlio, esortandolo a proseguire per la propria strada e a consacrarsi al ruolo che gli spetta. Il Re esortò il figlio a non esitare mai ad affrontare sacrifici nell’interesse della Patria albanese. Per il giovane Principe Leka fu una scena impossibile da dimenticare. Dopo i difficili momenti della morte del padre, l’attuale Capo della Real Casa ricorda con emozione il grande sostegno e l’incredibile simpatia testimoniata dagli albanesi. Nell’arco di tre giorni la Famiglia Reale ricevette più di tremila visitatori tra cui le più alte cariche dello Stato, inclusi il Premier, il Presidente del Parlamento, tutti i ministri, il Corpo Diplomatico accreditato in Albania, e i più importanti dignitari delle tre confessioni religiose del paese concelebranti il funerale nei tre riti: musulmana e cristiana ortodossa e cattolica. Quella grande folla a Tirana, piena di commozione, donò tanto coraggio e speranza al giovane Principe.
Dal 2005 Leka II è anche consigliere ministeriale, parallelamente con le sue funzioni reali, permettendo in questo modo alla Famiglia Reale di portare il proprio contributo al cambiamento, intrattenendo peraltro relazioni con le Teste Coronate d’Europa e le massime istituzioni umanitarie internazionali. Per quattro anni il Principe ha lavorato presso il Gabinetto del Ministro degli Affari Esteri, proprio negli anni in cui l’Albania è diventata membro della Nato; ed ora in attesa dell’ingresso nell’Unione Europea. Ora egli lavora presso il Gabinetto del Minsitro degli Interni ed ha contemporaneamente la missione di Capo della Real Casa, avendo così delle giornate lavorative particolarmente lunghe. Il Principe ha annunciato che presto diffonderà un comunicato ufficiale in merito le sue nozze con Elia Zaharia.

il Principe Leka II e il Presidente Sali Berisha

il Principe Leka II e il Presidente Sali Berisha

La futura Principessa Elia ammette che la sua vita è profondamente cambiata da quando è diventata la fidanzata ufficiale del Principe Leka. Ha lasciato la Francia per vivere nel suo paese d’origine. La giovane futura Principessa ha potuto sempre contare sull’aiuto del suo fidanzato. Elia è stata accanto al futuro sposo anche nei tristi giorni che seguirono la scomparsa di Re Leka, da lei ricordato come un uomo meraviglioso con un amore straordinario per il suo popolo, avendo consacrato tutta la sua vita alla causa nazionale della libertà albanese. Ha imparato a conoscere il futuro suocero e a rispettarlo. Per il momento la giovane Elia sta accanto al Principe Leka, aiutandolo nelle funzioni pubbliche. La futura Principessa afferma che la Famiglia Reale trova in maniera naturale la propria collocazione nella realtà politica, culturale e sociale del paese. Nello stesso tempo Elia crede che la politica in Albania sia ancora instabile, e che il popolo necessiti di concordia e di essere ascoltato. Ella spera che tutta l’energia impiegata dalla coppia reale per la causa donerà all’Albania maggiore equilibrio e sviluppo. Alla futura Principessa piacerebbe che il proprio matrimonio si ispirasse a quello di Re Zogu con la Regina Geraldina, evento che per gli albanesi fu uno dei più felici. La futura Regina d’Albania desidera soprattutto che il suo matrimonio sia una grande e felice festa per tutti gli albanesi, nel segno della speranza di migliori condizioni di vita, benessere e progresso.
(Fonte: U.M.I.)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...